giovedì 5 dicembre 2019

Il fruscio dei campi








Ma c’è la luna a quest’ora del mattino? Abiti in un paese della fantasia? A meno che  tante sono le emozioni di ieri sera da risentirle stamani?
Anche a me succede così! Non mi soffermo nella notte per raccontare gli istanti magici, per non disturbare il sonno di chi dovrebbe dormire accanto a me, eppure si sarà alzata e non c'è.
Nella via dove abito, luogo di periferia, ma dove si transita per arrivare a svincoli strategici per raggiungere la superstrada, e poi autostrade, non c’è silenzio, per lo meno non prima delle tre di notte.
Io mi corico per meditare, pregare, ricordare. Le finestre in questa stagione non sono naturalmente aperte, ma le serrande non sono abbassate. Un lampione che mi infastidisce non poco, esattamente all’altezza dei miei occhi, l’udito inquinato dal via vai delle auto con i finestrini spalancati e con la musica a palla, i gridolini di quelli che passeggiano in bici, l’abbaiare dei cani, ovviamente disturbati dal traffico incessante.
Quando tutto intorno il silenzio, finalmente, è riuscito a scacciare il frastuono sciolgo le briglie dei miei pensieri, vago nel cielo notturno. E i ricordi danzano.
Ascolto il fruscio dei campi dove il grano non riesce a dormire. Il giorno fu pieno di lampi, ma ora il tuono è già lontano.
La luna nasconde i suoi occhi, come donna innamorata, il fiume l'aspetta nell'acqua e una notte l'ha baciata.
I rumori infastidiscono mentre nel silenzio viene favorita anche la meditazione. La notte io risolvo situazioni difficili e accetto la realtà che a volte diventa un pensiero ricorrente fastidioso. Mi piace immaginare un rapporto d'amore nel creato.


42 commenti:

  1. Immagine:

    Possibile ricerca correlata: fur

    RispondiElimina

  2. Fur - Un ritratto immaginario di Diane Arbus è un film del 2006 diretto da Steven Shainberg, con Nicole Kidman. Ispirato al romanzo di Patricia Bosworth Diane Arbus: Una biografia, il film è un ritratto immaginario di Diane Arbus, un'artista del XX secolo, che sfidò le convenzioni sovvertendo il concetto di bello e brutto e innovando la fotografia.

    RispondiElimina
  3. A me piace il rumore di fondo del mondo. Lo puoi ascoltare solo di notte in aperta campagna.
    Difficile udire il brusio del Big Bang.

    RispondiElimina
  4. Quando i ricordi danzano, sono ricordi belli, gioiosi. La luna cara a tutti noi, è un poco vanitosa perché tutti per ammirarla alziamo gli occhi al cielo. Ma è tanto bella luminosa, in tutte le sue forme!
    Sussurra agli innamorati, ispira i poeti, fa sognare chi è solo, e rincuora chi è triste.

    RispondiElimina
  5. La notte mi è sempre piaciuta e mi piace ancor oggi, è stata una vera ossessione in un periodo della mia vita in cui il silenzio e i buio mi erano diventati pesantissimi da sopportare, da lì ho scoperto che ogni realtà non è solo bella o solo brutta è l'una e l'altra e il bello è che tutto dipende dalla nostra mente, dal nostro sguardo.

    RispondiElimina
  6. La notte é magica. Si riesce a capire meglio se stessi, oltre a percepire il mondo che ci circonda
    Bisogna solo porsi la domanda: "Ma io chi sono?".

    RispondiElimina
  7. Un racconto che denota un animo sensibile e la notte viene in aiuto per rendere tutto più sensibile e chiaro. Complimenti Gus, buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
  8. Parole toccanti e commoventi dove mi ritrovo particolarmente , anche se lo sfondo del tuo post caro Gus è diverso. Silenzio della campagna il mio, che capto finchè non sento il verso degli uccelli notturni, o qualche scricchiolio della notte e penso, ricordo, raramente spero ma aspetto non so cosa e non so come e non so dove o lo rifiuto...
    Ti stringo forte amico mio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cuore del mio post e la persona accanto nel letto che non c'è più.
      Abbraccio Nella.

      Elimina
  9. Preferisco il sole. Nulla è più vanitosa della luna.
    SOLE E LUNA

    Nikas

    Sole e Luna. Osiride e Iside. Oro e Argento. Leone e Aquila. Alkali e Salgemma
    come abbiamo avuto modo di discuterne,la sostanza primordiale è paragonata ad un cerchio vuoto o la sostanza passiva,e da un punto centrale nero sostanza attiva. E abbiamo chiamato Sole quando questa sostanza si desta e produce Luce creatrice e diventa Primo Agente. E chiamata Luna quando essa riflette passivamente nel suo ambiente o sostanza la Luce diretta del Sole. Abbiamo conosciuto la grande potenza della forza di attrazione e repulsione, adesso proprio in base a questo principio,nella grande Luce estesa attorno al punto centrale del sole,la sostanza passiva assorbe e riflette i suoi raggi verso tutti gli esseri che sono nella sua chiarezza. Spieghiamoci meglio: il sole rappresenta la Luce fissa e originale,la Coscienza o IO Reale,l’unica fonte di irraggiamento. L’irraggiamento a sua volta non è fissa e sorgente come la fonte o la coscienza,quindi è solo chiarore che distribuisce a tutti gli elementi che si trovano nella sua sostanza chiara. L’irraggiamento è il prodotto della coscienza ma non coscienza. Esso irraggiamento è espressione con cui la coscienza si rivela,per cui diventa contenuto esperienziale del contenitore. Il contenitore è ciò che comprende Coscienza e incoscienza dal momento che l’irraggiamento è soggetto a modifiche al di fuori della coscienza restando in una sostanza detta contenitore. Questo contenuto,luce nella sostanza o mente e cangiante,volubile e passivo rispetto alla luce fissa della coscienza solare. Ma qual è la sua utilità? Lo vediamo nel prosieguo.




    Rispetto al Sole , che è il maschile, la Luna diventa femminile: al principio attivo fecondante si contrappone il principio passivo fecondato. Se la coscienza solare è fissa nella sua originalità,quella lunare è soggetta a modifiche trovandosi nella sua stessa natura atta a variare conforme alla natura di luce emessa dalla coscienza solare,per cui il solare diventa positivo e il lunare negativo

    La dice tutta

    Dal web.
    Vai a... lunare gus, magari farai un incontro... interessante che solo di notte lo puoi fare perché proprio di notte la luna sa nasconderti bene .

    RispondiElimina
  10. Sul tardi vengo al pc, giro, guardo cosa scrivete, ho voglia di condividere mille pensieri, emozioni, fatti avvenuti... rimando a dopo i miei scritti e i commenti che scaturiscono dai post, che toccano corde lontane come questo tuo. Evito i pensieri , a quando sarò più forte per accettarli, e vado a leggere, al calduccio, e sempre più spesso sommersa in mille letture, spengo la luce artificiale quando comincia ad albeggiare. Notte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando vieni tu s'illumina il blog.
      Bacio.

      Elimina
    2. Grazie Gus, sei caro, ma io ultimamente esterno poco i miei pensieri. Bacio

      Elimina
    3. Si riconosce il profumo della donna sensibile e dotata di grande affettività. Il tutto si dilata grazie alle esperienze vissute attraverso la ragione.
      Bacio.

      Elimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

  12. Che bello incontrare,leggere frasi pensate suggerite da uno sguardo al reale al tuo cielo e consegnare i pensieri alla luna che sia messaggera a chi come me le fa compagnia.

    RispondiElimina
  13. La luna nasconde i suoi occhi, come donna innamorata, il fiume l'aspetta nell'acqua e una notte l'ha baciata.
    Bellissima da mettere nei baci perugina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Baci Perugina?
      Ecco:
      La vita è un sogno fuggente, vero e immortale è l'amore😀

      Elimina
  14. "La notte he ho visto le stelle" di Claudio Chieffo
    La luna nasconde i suoi occhi, come donna innamorata, il fiume l'aspetta nell'acqua e una notte l'ha baciata....
    L'hai presa dal testo credo

    RispondiElimina
  15. "La luna nasconde i suoi occhi, come donna innamorata, il fiume l'aspetta nell'acqua e una notte l'ha baciata."
    La notte che ho visto le stelle di Claudio Chieffo.
    Non conoscevo questo autore...grazie

    RispondiElimina
  16. La notte che ho visto le stelle
    Parole e musica di Claudio Chieffo
    11 febbraio 2002
    ad Angelina Gelosi e alla famiglia Crepaldi

    Aspetto che passi la notte,
    notte lunga da passare
    e sento il mio cuore che batte
    e non smette di sognare...

    Vorrei ritornare bambino
    nella casa di mio padre,
    le storie davanti al camino
    e la voce di mia madre...

    La notte che ho visto le stelle
    non volevo più dormire,
    volevo salire là in alto per vedere...
    e per capire.

    Ascolto il silenzio dei campi
    dove sta dormendo il grano,
    il giorno fu pieno di lampi,
    ma ora il tuono è già lontano...

    Vorrei ritornare bambino
    nella casa di mio padre,
    le storie davanti al camino
    e la voce di mia madre...

    La notte che ho visto le stelle
    non volevo più dormire,
    volevo salire là in alto per vedere...
    e per capire.

    La luna nasconde i suoi occhi
    come donna innamorata,
    il fiume l'aspetta nell'acqua
    e una notte l'ha baciata...

    Vorrei ritornare bambino
    e guardare ancora il fuoco,
    la Storia più grande è il Destino
    che si svela a poco a poco:

    la notte che ho visto le stelle
    non volevo più dormire,
    volevo salire là in alto per vedere...
    e per capire...


    Claudio Chieffo.

    RispondiElimina
  17. Di giorno devi, che ti piaccia o no, indossare delle maschere che ti rendono affabile, cortese, gentile, professionale... insomma, che fanno di te una bella persona.
    La notte, finalmente, puoi dismettere tutto ed essere solo te stesso coi tuoi difetti e i tuoi pregi.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca, le cose accadono e il mio punto di vista è non perdere tempo per indagarle.
      Abbraccio.

      Elimina
  18. Troppo rumore no, ma un po' di rumore può anche conciliare un'ottima meditazione.
    Almeno per quel che mi riguarda.
    Ma questo è il lato magico della notte. Di notte - lo so per esperienza personale - i sentimenti diventano più vivi, più intensi.
    Il sole trasmette ai nostri muscoli più energia, la luna invece riesce a collegarsi con il nostro cuore, evidentemente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riky, non lo so, ma la tua riflessione sembra convincente.

      Elimina
  19. Cantico dei cantici - " come donna innamorata" l'hai scritta é una poesia. Belle parole, veramente belle! Buonanotte Gus.

    RispondiElimina
  20. Anche per me la notte è preziosa, perchè tutti dormono e il silenzio è assordante.
    Abito in un luogo privilegiato, luogo di transito,che io chiamo luogo di "PARTENZE" la stazione, l'Ospedale, le poste, il cimitero.
    Li vedo affacciandomi alla finestra e di volta in volta mi portano a viaggiare a occhi chiusi.
    Intorno a me molto spazio, casa basse e alberi da dove gli uccelli accompagnano il mattino.
    Non mi svegliano perchè di notte per grazia o per condanna la notte il dolore mi tiene compagnia.
    La notte è lo spazio degli incontri, con il Signore e con la storia mia e delle persone che hanno incrociato il mio cammino.
    Tempo benedetto, quello della notte, anche se sempre più spesso mi ritrovo a chiedere a Dio pietà, perchè sono stanca e il peso dei ricordi insostenibile.
    Mi consola che dall'altra parte c'è Lui ad aspettarmi, che mi tende la mano che sento sempre più vicina.
    Buon risveglio Gus, se sei ancora immerso nella poesia del creato.

    RispondiElimina
  21. Abbiamo notti che si somigliano. Sei una donna con una fede matura e il Signore gioisce ascoltandoti.
    Ciao Antonietta.

    RispondiElimina
  22. Veramente bello questo tuo scritto.

    V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Miss Nobody.
      Il post è bello? Una casualità.

      Elimina
    2. Sì. Sembra proprio tratto da uno di quei libri dell'infanzia che leggevo da piccola. Magico, non c'è che dire.

      P.S. Il mio nick è Nessuna. Non sono proprio una 'signorina nessuno', o non più di te, in ogni caso.

      Elimina
  23. Io non ho letto libri d'infanzia. Conoscevo ragazzini che campavano con il loro lavoro umile l'intera famiglia.
    Nessuna è il femminile di Nessuno. Mi ricorda la storia tra Polifemo e Ulisse. In effetti dovresti chiamarti Tutta.

    RispondiElimina
  24. Bellissimo post che ci fa riflettere e nel contempo ci coccola

    RispondiElimina
  25. Grazie Simona.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  26. Tornare alla natura, alle origini, è un modo per riconnettersi a Dio e a ciò che siamo.
    Buona serata Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, infatti l'attacco violento alla natura sta portando l'uomo a distaccarsi da Dio.
      Grazie Joanna.

      Elimina