lunedì 3 agosto 2015

Gesù nella nostra vita






Lentamente Gesù colloca la sua persona al centro dell'affettività e della libertà dell'uomo.
E' commovente la questione, è l'aspetto più commovente di tutto quanto il fatto cristiano, cioè la storia cristiana.
La vocazione in cui Cristo ci ha bloccati, in questo essere bloccati ha già dentro tutto.
Dove sei, dove uno vive queste cose, entrano flotti di umanità diversa. Altrimenti le cose restano immutabili, in tutti i sensi, e sembrano dar vigore e ragione alla superbia, alla pretesa, alla presunzione, al fariseismo.
La vocazione è un grido di battaglia, non come un posteggio, un posteggio in cantina.
Se si va a insegnare, se si va a lavorare in banca e si stabiliscono rapporti con gli altri compagni di lavoro, qualsiasi cosa si faccia, per quanti rapporti si tessano, questa battaglia è lo scopo. E' la battaglia del nuovo contro il vecchio. Per questo è la vera rivoluzione.
Anche ai tempi di Stalin tutti gridavano: "Rivoluzione!", e tutto sembrava rivoluzionario, animato da imperiosa volontà di rivoluzione. Son finiti negli accusati schemi dei propri avversari, identificandosi con essi.


29 commenti:

  1. Risposte
    1. "Ma il Figlio dell'uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?"
      Mi sembra che questa frase esprima meglio di qualsiasi altra
      la vera questione davanti alla quale si trova ciascuno di noi,
      in questi tempi in modo particolare.
      E siccome l'abbiamo sentita tante volte, il rischio è che
      soprassediamo subito, considerandola un po' esagerata, una frase
      di Gesù che non ci riguarda, come dire: "Ma cosa c'entra
      propriamente con noi?”. Potrà valere per gli altri, atei e agnostici.
      E in questo modo archiviamo la questione prima di cominciare.
      Un richiamo ci indica che non ci conviene compiere
      questo tipo di ragionamento. Ha detto Benedetto XVI: "Capita ormai
      non di rado che i cristiani si diano maggiori preoccupazioni per
      le conseguenze sociali, culturali e politiche del loro impegno,
      continuando a pensare alla fede come un presupposto ovvio
      del vivere comune. In effetti, questo presupposto non solo non
      è più tale, ma spesso è perfino negato.
      Nel passato era possibile riconoscere un tessuto culturale unitario,
      oggi non sembra più essere così in grandi settori della società,
      a causa di una grande crisi di fede che ha toccato molte persone.
      Questa crisi sta provocando effetti sempre più palesi che
      rischiano così di trasformare il mondo in un deserto inospitale.

      Elimina
    2. Sta avvenendo la scristianizzazione, una crisi del cristianesimo che attraversa il mondo occidentale e non solo.
      Per molti uomini, l’essere cristiano ha perduto di senso e quindi d’ interesse: molti lo ignorano del tutto e non si curano nemmeno di conoscerlo; molti altri lo ritengono una cosa del passato, di cui non vale la pena occuparsi; altri si sentono assolutamente estranei a esso, in quanto realtà religiosa che pretende di incidere sulla vita umana, in particolare sulla vita morale, e perciò non soltanto rifiutano tale pretesa, ma la combattono aspramente.
      L’uomo confonde la libertà di agire, con il fare i comodi propri, e l’egoismo impera
      Le Messe sono piene di anziani, mentre i giovani non sanno più dialogare e guardarsi negli occhi, sono tutti connessi alla tecnologia, che è lo strumento di massificazione dell’intelligenza di una potenza devastante e spaventosa, se usata in modo improprio. Purtroppo il cristianesimo non è più la fonte della civiltà. Ed è perseguitato con i metodi più subdoli. Per questo la missione della Chiesa italiana ed europea non è più in giro per il mondo, ma la missione è qui, nel cuore della “scristianizzazione.
      Dobbiamo prenderne atto purtroppo con molta tristezza!
      "Ma il Figlio dell'uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?"
      Buongiorno August
      Dani

      Elimina
    3. Voglio Spoon River

      Colline da pianura, da passeggio
      La bruma fatta a mano, vita a credito
      Vaneggìo a filastrocca, la cultura a pacchetti
      Dopata, fai l'appello
      Militi ignoti sciapi da dozzina, a buon prezzo
      Mezz'interi, spuppati, senza mamma

      Lapidari monologhi

      La noia come la noia
      Tapùn, la vendetta s'acceca a mano nuda, scoppia
      Crepa, fugge la Croce Rossa

      Elimina
    4. Lo sai che non si può sparare sulla Croce Rossa.

      Elimina
  2. Ora è tardi, ma ho tanto da dirti, oltre alla Buonanotte s'intende!. Grazie per questo post

    RispondiElimina
  3. Nessuno di noi credo faccia rivoluzione come dovrebbe. Io men che meno pur credendo di farla. Ce l'ho posteggiata in cantina.. ogni tanto alzo il telone e la sfoggio con gli amici.
    Dovrei tirarla fuori e farla rombare. Davanti al mondo. La vocazione.
    E' diversità. Invece noi cerchiamo (in)consciamente la conformità, l'allineamento, l'ossequio.

    RispondiElimina
  4. Dani, alla domanda di Cristo tu hai già risposto sì.

    RispondiElimina
  5. Franco, il tesoro nella cantina è già una grande Grazia.

    RispondiElimina
  6. Lucia, sono contento che ti piaccia il mio post.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  7. Paolo, quello che scrivo non è lapidario, ma è solo una conseguenza della certezza della Fede.

    RispondiElimina
  8. La domanda di Cristo è inserita nella parabola della vedova e del giudice malvagio, che alla fine dopo le tante richieste accontenta la donna. Allora, Dio è meno del giudice malvagio? Sicuramente no. La domanda ci indica la strada della Salvezza. Chiedere continuamente con la preghiera e con le buone azioni.

    RispondiElimina
  9. In Luca 18 leggiamo:

    Luca 18:1-8
    “Poi propose loro ancora una parabola, per mostrare che bisogna continuamente pregare senza stancarsi, dicendo: «C’era in una città un giudice che non temeva Dio e non aveva rispetto per alcun uomo. Or in quella stessa città c’era una vedova che andava da lui, dicendo: “Fammi giustizia del mio avversario”. Per un certo tempo egli si rifiutò di farlo, ma poi disse fra sé: “Anche se non temo Dio e non ho rispetto per alcun uomo, tuttavia, poiché questa vedova continua a infastidirmi, le farò giustizia perché a forza di venire, alla fine non mi esaurisca”». E il Signore disse: «Ascoltate ciò che dice il giudice iniquo. Non vendicherà Dio i suoi eletti che gridano a lui giorno e notte. Tarderà egli forse a intervenire a loro favore? Sì, io vi dico che li vendicherà prontamente.”

    Il Signore raccontò questa parabola “PER MOSTRARE CHE BISOGNA CONTINUAMENTE PREGARE SENZA STANCARSI”. Alcuni di noi probabilmente hanno una richiesta che non è stata ancora soddisfatta, e per questo possiamo sentirci stanchi e abbattuti. La richiesta della vedova non era malvagia. Al contrario, era buona e giusta. Come lei, anche noi possiamo avere richieste buone e giuste per cui non abbiamo ricevuto una risposta. Che cosa ci dice di fare la Parola di Dio? Di continuare ad andare da Dio con queste richieste. Di non stancarci, di non abbatterci, ma di continuare a pregare. Non dico che tutte le richieste per cui stiamo pregando saranno soddisfatte – devono essere anche conformi alla Sua volontà – né dico che qualcuno deve andare da Dio con richieste per cui Lui ha già dato una risposta negativa. Tuttavia, per le richieste che, secondo la Parola di Dio, sono conformi alla Sua volontà, non dovete stancarvi ma dovete continuare a pregare. Come ha detto il Signore in Matteo 7:7-11:

    RispondiElimina
  10. (Mt 7,7-11) "Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete; bussarte e vi sarà aperto; perché chiunque chiede riceve, e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto. Chi tra di voi al figlio che gli chiede un pane darà una pietra? O se gli chiede un pesce, darà una serpe? Se voi dunque che siete cattivi sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro che è nei cieli darà cose buone a quelli che gliele domandano.

    RispondiElimina
  11. Ti invidio, amichevolmente, per questa tua incrollabile fede.
    Io non ci riesco e penso che molte volte le religioni prendano in giro la gente in buona fede.
    Ciao.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si chiama fede, conoscenza per fede, il riconoscimento della realtà attraverso la testimonianza che porta uno, che si chiama appunto testimone o teste. E' una conoscenza della realtà che avviene attraverso la mediazione di una persona fidata, adeguatamente affidabile. Io non vedo la cosa; vedo soltanto l'amico che mi dice quella cosa, e quell'amico è una persona affidabile, perciò quello che lui ha visto è come se l'avessi visto io. Quindi la fede, prima di tutto, non è soltanto applicabile a soggetti religiosi, ma è una forma naturale di conoscenza, una forma naturale di conoscenza indiretta: di conoscenza però! La ragione è una cosa viva che, perciò, per ogni oggetto ha un suo metodo, ha un suo modo, sviluppa una caratteristica dinamica, ha anche una dinamica per conoscere cose che non vede direttamente e che non può vedere direttamente, le può conoscere attraverso la testimonianza di altri: conoscenza indiretta per mediazione."
      Mia figlia torna a casa tutta emozionata e mi dice: "Papà, mentre andavo dal parrucchiere ho visto un autovettura che ha investito un passante. E' arrivata l'autoambulanza, ma ormai era morto".
      Io non ho visto l'incidente, ma credo a mia figlia perché la reputo una testimone attendibile.
      Questo fenomeno è una testimonianza per fede.
      Cristo, nel suo lungo peregrinare parlava e la gente ascoltava.
      Chi lo aveva sentito lo raccontava a un conoscente e questi a un'altra persona. Qualcuno che conosceva Cristo ha cominciato a scrivere le sue parole. Anche chi non lo conosceva, basandosi su una testimonianza credibile, ha fatto altrettanto. Così sono nati i Vangeli, le prime comunità di credenti e infine la Chiesa.
      La cultura, la storia e la convivenza umana, si fondano su questo tipo di conoscenza che si chiama fede, conoscenza per fede, conoscenza indiretta, conoscenza di una realtà attraverso la mediazione di un testimone.
      Tu sei certa che Napoleone sia esistito? Lo hai conosciuto? No, di certo, ma ci credi perché è scritto nei libri di storia.

      Ciao Cri.

      Elimina



  12. La Chiesa è il prolungamento di Cristo nella storia, nel tempo e nello spazio. Ed essendo tale prolungamento, è in essa la modalità con cui Cristo continua ad essere particolarmente presente nella storia, e dunque essa è metodo con cui lo Spirito di Cristo mobilita il mondo verso la verità, la giustizia, la felicità.
    La parola Chiesa indica un fenomeno storico il cui unico significato consiste nell'essere per l'uomo la possibilità di raggiungere la certezza su Cristo, nell'essere insomma la risposta a questa domanda: «Io, che vengo il giorno dopo quello in cui Cristo se ne è andato, come faccio a sapere se veramente si tratta di Qualcosa che sommamente mi interessa, e come faccio a saperlo con ragionevole sicurezza?... Questo problema è il cuore di ciò che si chiama storicamente Chiesa».
    Di che cosa è fatta la Chiesa di Dio? Di uomini convocati.

    RispondiElimina
  13. La dipendenza da Dio è la libertà dell’uomo dagli altri uomini.È credere che Cristo è presente, ma per essere presente ha bisogno di te e di me, di noi. "Signore che cos'è l'uomo perchè te ne curi?" A volte, specialmente quando siamo stanchi, la preghiera non arriva alle nostre labbra, si ferma al cuore e allora facciamo silenzio. Il Signore sa,
    Egli legge i cuori.
    Per anni,in cucina, avevo incollato con lo scotch una specie di volantino stampato in grande di Peguy che diceva: "Tutto era preparato perchè il mondo moderno partisse allora invece di partire oggi.C'era lo stesso disordine e la stessa specie di disintelligenza. Ma venne Gesù. Egli non perse affatto i suoi tre anni, Egli non li impiegò a gemere ed a interpellare il malore e la disgrazia dei tempi. Egli tagliò corto. Oh in un modo molto semplice. Facendo il cristianesimo. Egli non incriminò, Egli non accusò nessuno. Egli salvo.
    Egli non incriminò il mondo. Egli salvò il mondo."
    Chi veniva da me leggeva e mi diceva: dammi un pezzo di carta e scrivimi tutto.
    Perchè è un messaggio che arriva al cuore.
    «Quando ho incontrato Cristo mi sono scoperto uomo» Cioè essere persona. Se in
    qualche modo io non posso dire questo, allora non ho ancora conosciuto che cos’è la fede. Ma se invece ho, appena un po,’ conosciuto questo, allora comprendo che non posso vivere se non per la fede.
    Io mi sento cristiana, non solo perchè ho ricevuto il Battesimo, ma perchè il cristianesimo è l’annuncio che Dio è entrato nel mondo in modo umano. Perciò il modo concreto con cui Egli entra nel mondo, è importante per tutti e per sempre. Per questo Maria, quella ragazza di quindici-sedici anni è la madre dei viventi. E la felicità dell’uomo passerà, attraverso la sua carne e prima ancora il suo cuore, il suo sì, il suo fiat. La testa mi fuma.....ma dovevo gridare la gioia di parlare di Lui e con Lui a te Gus
    e agli amici/che. Allora Buonanotte e sogni sereni nella pace che il Cristo ci dona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuno di noi può sapere se è meglio di Zaccheo, il gabelliere al servizio della mafia dell'Impero romano. La nostra è solo una Speranza. E tu donna sei sicura che Cristo ti tratterà meglio dell'adultera. Sei sicura che riuscirai ad aprirti e confessare i tuoi peccati come ha fatto la samaritana al pozzo di Giacobbe?

      Elimina
  14. Gus caro: io non parlerò, come non ha parlato l'adultera e come non ha parlato la Samaritana. Griderò a tutti: "Egli sapeva tutto di me!". Io sono Matteo, sono l'Amoroissa che vuole toccargli il mantello, sono Zaccheo, l'adultera e la Samaritana. Sono la Maddalena che Gli lava i piedi con le lacrime e glieli profuma perchè sa che Lui la perdonerà. "Và e non peccare più". Sto camminando leggera, con il bastone che Lui mi ha donato per fare meno fatica nell'arrivare in cima. Buonagiornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia risposta è impersonale e non pensavo a Lucia.
      Bacio.

      Elimina
  15. Ciao Gus. Credo che la fede per il mio Cristo stia in questa tua bellissima frase: lentamente Gesù colloca la sua persona al centro dell'affettività e della libertà dell'uomo.

    Amore e libertà cosa si può volere di più? Libertà d'amare....
    Dolce notte a te Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un punto di arrivo nel percorso della Fede.
      Buona giornata Anna.

      Elimina
    2. Forse ma mi rendo conto che non è ancora abbastanza. Il mio Cristo merita di più dalla mia persona e confesso candidamente che il leggerti mi aiuta. Credo che sia per questo che, nonostante tutto, sono ancora qui a leggere i tuoi post.
      Grazie e buona serata

      Elimina
    3. Io qualsiasi cosa faccia cerco sempre di domandarmi se piacerà a Cristo. Tutti diamo poco a causa degli egoismi.
      Grazie a te.
      Ciao.

      Elimina
  16. Anna, inavvertitamente ho cancellato il tuo commento.
    Mi scuso e ti saluto affettuosamente.

    RispondiElimina