giovedì 9 luglio 2015

L'utopia non è una menzogna

 
 


 
 
 
Per aderire basta essere sinceri, affermare la corrispondenza e, perciò, essere ragionevoli: la ragionevolezza è affermare la corrispondenza tra quello in cui ci si è imbattuti e se stessi e il proprio cuore. Per negare occorre un preconcetto: occorre essere attaccati a qualcosa che si vuoi difendere; se si ha da difendere qualcosa di fronte all'evidenza e alla verità, non si vede più l'evidenza, non si vede più la verità, si è accanitamente tesi a salvare quello che si vuoi salvare. Per questo la Fede è ragionevole, se non lo fosse sarebbe disumana.
 


13 commenti:

  1. Tommaso Moro: „Il fondamento essenziale di una società sana è nell'equa spartizione dei beni (da "Utopia", I libro, p. 51).“
    Utopia si potrebbe benissimo declinare in "Speranza"
    La Speranza non è una bugia, ma qualcosa che potrebbe avverarsi.
    Ciao August, buongiorno!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma la Speranza deve basarsi su solide basi.
      Ciao Dani.

      Elimina
    2. La parola "utopia" vicina a "Cristianesimo" mi rimanda subito ai nostri missionari. Ai primi uomini di Dio che varcando le Alpi fecero conoscere non solo Cristo ma la storia, la cultura del nostro vivere! Penso a Cirillo e Methodio.
      La loro idea di inventare un metodo di scrittura per i popoli dell'Europa orientale era utopia?
      La conoscenza del mio io di cinquant'anni fa, che alla parola "fede" avrebbe detto "bho?" all'amore di oggi per una Presenza che ogni giorno si rivela più "Presenza" come la chiameresti? Maturare, crescere nell'amore al prossimo, alla comunità! Com'è difficile questo post!!!!! Abbraccione

      Elimina
    3. L'utopia diventa una menzogna quando promette quello che è irrealizzabile. Il marxismo, per esempio, è un'utopia.
      Ciao Lucia.

      Elimina
  2. Utopia mi ricorda i budget mostruosi che ci appioppano in banca: devi vendere 1000 quando in realtà si punta a 500.. ma se ti proponessero 300.. forse arriveremmo a malapena a 100... stesso discorso quel dialogo tra Woody Allen e l'amico che gli chiede:"Ma chi ti credi di essere, Dio?" e Woody serenamente: "Be', a qualcuno dovrò pur ispirarmi.."
    Puntiamo in alto ragazzi. L'utopia, già solo concepita, come sottolinea Onfray, può essere raggiunta.
    A meno che non si voglia pensare cose realmente fuori della Grazia di Dio.. tipo alla Juve che vince la Champions.. ihih..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto è realizzabile ma bisogna aspettare il momento giusto.
      La Juve è stata vicinissima all'impresa.

      Elimina
  3. Certo, sulla volontà di uomini giusti. Perché tu pensi che non esistono uomini giusti?
    Io sì. Devono solo dimostrare coraggio in questa società di "facciata", ma anche noi dobbiamo avere il coraggio di andare controcorrente,
    Tua frase;
    "In qualche modo è impossibile estraniarsi, perché siamo comunque figli del nostro tempo e volenti o nolenti immersi in questo modus vivendi."

    Noo, lo si può fare, certo che sarai preso come bersaglio, nel piccolo, nelle scelte quotidiane, anche nelle amicizie"fasulle" superficiali. Nascoste dietro a, non sventolare ciò che fai di bene, oppure,le opere si fanno nel silenzio, oppure io seguo Cristo alla mia maniera, oppure, la chiesa è falsa.
    Tutte parole, parole, parole. Turati orecchi e naso e prosegui. Sarai una goccia nell'oceano, ma sarai te stesso, e quello in ciò in cui credi.
    ciao
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sappiamo bene che seguire Cristo non è un'utopia.
      Ciao Dani.

      Elimina
  4. L'utopia che l'uomo ha perseguito nella storia e nella religione ha creato anche parecchi disastri... o sbaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì. L'utopia su persegue ideologie è destinata al fallimento.

      Elimina
  5. L'utopia è un'altra faccia della fede.e vive solo se ci credi ciecamente.
    Cri

    RispondiElimina
  6. Utopia...viviamo in un mondo di utopie.
    P.s. Ho cancellato un commento da me che ti riguardava, da una persona che conosciamo bene, non avendo la moderazione faccio cosi, per preservare gli amici e me stessa da certe persone. Che pensi che possano cambiare. Ma e' un'otopia.
    Ciao Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per cambiare bisogna volerlo e mi sembra che la "persona" non ne abbia nessuna voglia.
      Grazie.
      Ciao Fiorella.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità