martedì, gennaio 25, 2022

La società ostacola l'amore





«La consapevolezza e l'amore, forse, sono la stessa cosa, perché non conoscerete niente senza l'amore, mentre con l'amore conoscerete molto"
(Fëdor Michajlovič Dostoevskij).
L'amore non è complicato. E' il piacere di stare insieme.
L'organizzazione della società capitalista non crea le condizioni per favorire l'amore.  Basta vedere un film e subito, forse il giorno dopo, il maschio e la femmina fanno sesso. Senza conoscersi, senza amarsi, spinti solo da un'attrazione frutto della chimica ormonale. Il sesso è un componente importante dell'amore ma senza l'amore lascia spazio alla "vampata" che inevitabilmente è destinata a spegnersi. Per conoscere una realtà bisogna viverla. Il Potere lo impedisce e l'uomo non sa cos'è l'amore. Quando i coniugi lavorano entrambi il marito passa il tempo con altre donne e la moglie con altri uomini. Tutto di corsa e la sera subentra la stanchezza e si vede un film. La casa è come una stazione, si parte e si arriva. Quando la donna resta a casa deve badare alla cucina, a lavare e stirare. Se c'è il marmocchio ha le sue giuste pretese. Se il sentimento non è forte, va tutto a scatafascio. E' quello che vuole il potere. Altro giro, altra coppia. Aumentano i consumi. Due case, due frigoriferi, avvocati, automobili.
L'amore al giorno d'oggi...l'orgoglio è un elemento di rottura da non trascurare. Litigare nei rapporti di coppia accade, spesso per una sciocca coerenza non si fa il passo indietro. E dal litigio si passa a creare una barriera che separa. E' vero che oggi l'amore risente della società usa e getta. Una volta un orologio rotto, prima di buttarlo via, veniva riparato. Oggi invece l'orologio si butta e si compra un orologio nuovo. Bisognerebbe cercare di ricostruire il rapporto anche dopo alcuni momenti di conflittualità. Poi è chiaro che l'orologio rotto può anche non ripararsi. Ma bisogna provarci. E poi oggi l'amore soffre perché si è perso l'ascolto. Si sono perse le piccole, grandi premure. Non c'è tempo. I ritmi scanditi dalla società sono troppo serrati. Abbiamo bisogno subito di capire che l'amore è fatto dal ripetersi di tanti riconoscimenti, cui occorre dare uno spazio e un tempo perché avvengano.
L'uomo di oggi ha fretta o inganna se stesso. Per questo l'amore diventa solo un gioco che prima o poi finisce per annoiarci.
Penso che dall'innamoramento all'amore non esista un passaggio automatico, un automatismo. L'amore è la gioia di stare con una persona. Ci sarà una componente misteriosa, ma la felicità che ti dà una presenza non può essere casuale. Concordo sul fatto che al giorno d'oggi lo sviluppo dell'amore sia impossibile a causa di un convulso modo di vivere.
Mi diceva un mio caro amico prete-teologo:
" Per caso ci si incontra e può nascere l'amore, ma poi l'amore non vive o si sviluppa per caso". Se due persone vogliono stare insieme devono capire che è un impegno e non un gioco, che non c'è solo il bello e il buono ma che i momenti di difficoltà sono tanti e che bisogna trovare i compromessi, bisogna rispettarsi, crescere insieme e assecondare il sentimento che si trasforma.

Le persone non sono giocattoli.


27 commenti:

  1. Certo hai ragione, ma posso dirti che il sesso non è la base del amore, ma è il dialogo. Si può vivere senza sesso, ma ci sono equilibri che sono importanti che fanno superare ogni difficoltà: Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La base dell'amore è il piacere di stare insieme. Il sesso è un componente dell'amore, ma non ha la forza di sostenere l'equilibrio dell'amore.
      Ciao Valeria.

      Elimina
  2. Io sono tra i deboli che hanno dovuto sbagliare, soffrire e far soffrire, prima di comprendere quanto di splendido c'era nel mio matrimonio. Ma ammetto che con un po' di sale in zucca in più, non c'è bisogno di precorrere per forza le montagne russe, si può amare serenamente, comprendere i valori di gioia e rispetto e goderne appieno. Grazie Gus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' l'errore che l'uomo analizza, lo riconosce e lo rende maturo, tanto da capire la splendida realtà di un matrimonio.

      Elimina
  3. L'altro giorno, parlando con mio figlio, quello che ha la ragazza, che ne ha avute diverse, dicevo che quando si incontra l'amore, non si può più pensare in singolo, ma in coppia, cioè si diventa parte di una unità. Nella coppia non si può essere individuo indistinto, a sè stante, ma parte complementare di un amore. L'egocentrismo va bandito, l'altruismo va coltivato. Ciao Gus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ninin, il tuo Principe non ancora pensa all'amore per sempre e per questo resta il singolo e sfiorisce la coppia.
      E' guarito?

      Elimina
    2. Sì, sabato tampone negativo. :)

      Elimina
    3. Bene. Vedrai che il ragazzo finirà per annoiarsi delle piccole avventure e ha certamente una buona visione della famiglia dove è cresciuto. Anche io passavo il tempo con fidanzatine ricambiabili.
      Poi ti accorgi che qualcuna ha sofferto molto per la rottura di un rapporto, qualcuna che era veramente innamorata. La tua sensibilità viene scossa e il fatto di aver fatto del male a una persona comincia a pesarti sulla coscienza. Crescendo, anche in umanità, si cambia.
      Ciao Ninin.

      Elimina
  4. Ha ragione quel tuo amico teologo e concordo con queste parole "Se due persone vogliono stare insieme devono capire che è un impegno e non un gioco, che non c'è solo il bello e il buono ma che i momenti di difficoltà sono tanti e che bisogna trovare i compromessi, bisogna rispettarsi, crescere insieme e assecondare il sentimento che si trasforma".
    È inevitabile che l'amore si trasformi, l'amore è qualcosa di vivo e come tale fa passi avanti, fa passi indietro, fa errori, cambia, muta impercettibilmente o apporta enormi cambiamenti; l'amore è bello e impegnativo, l'amore, quando c'è, non può che esprimere sé stesso.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Don Maurizio, di Bergamo, mi ha insegnato a diventare padre, aggiungendo che io gli facevo capire l'essenza dell'amore coniugale
      frequentando Bruna e gus.

      Elimina
  5. Credo che esistano anche storie come quelle che descrivi in fondo al tuo post. Solo fanno meno audience, sono meno appetibili economicamente parlando, (come hai detto bene tu se una coppia si sfascia poi se ne formano altre due distinte e la ruota consumistica diventa un'elica inarrestabile) e non sono cool per la società di oggi che tutto brucia , nello spazio di un respiro lo cancella e poi lo dimentica. Confesso che l'aspetto economico-consumistico di una coppia incentivata a scoppiare non l'avevo mai preso in considerazione ed invece è molto interessante e profondamente vero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci sono più i presupposti per innamorarsi, per creare una famiglia e per fare figli. E' un dato di fatto perché la durata media dei matrimoni non supera i 12/13 anni. Non esiste più il valore della fedeltà coniugale. Ci si lascia così: amo un altra.

      Elimina
  6. Il capitalismo ha divorato tutto, anche l’amore. L’amore è un grande impegno, presuppone sacrifici e compromessi, ed è per questo che oggi è ostacolato. È ostacolata dall’idea dell’uomo contemporaneo che non contempla il sacrificio, il duro lavoro. Oggi contano i soldi, le vacanze, il divertimento. Un sentimento complesso come l’amore fa fatica ad emergere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto vero quello che hai scritto. L'amore coniugale è come una piantina delicata e devi annaffiarla, trovare la posizione giusta per farla crescere. Non c'è tempo e nemmeno voglia di sacrificarsi.

      Elimina
  7. L'amore non è quando le persone si guardano l'un l'altra, ma guardano insieme nella stessa direzione.

    RispondiElimina
  8. Non so...so solo che non mi sono mai risparmiata e ho sempre dato a piene mani...senza mai sperare ne volere nulla in cambio.
    E' sempre stata la libertà che mi sono concessa per non fare mai del male a nessuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le qualità morali sono un patrimonio personale.

      Elimina
    2. E, a modo mio, ho amato tanto

      Elimina
  9. Gus mi si è cancellata la rubrica come devo fare?

    RispondiElimina
  10. Non è recuperabile nel cestino?
    Che dati conteneva?

    RispondiElimina
  11. sai io mio marito lo amo anche se ho scritto è finito tutto ma è solo uno sfogo stiamo provando di tutto per ricucire questo rapporto deteriorato , in questi questi giorni parliamo di più prima era solo guerra .L'amore fa tanti giri è come una trottola alla fine torna tutto alla normalità , quella che speravi e che non credevi più! La società infondo siamo noi se non crediamo per primi all'amore lasciamo stare tutto .ciao GUS.

    RispondiElimina
  12. Con questa notizia mi hai regalato felicità.
    Ciao Marianna.

    RispondiElimina
  13. L'amore è il piacere di stare insieme.. così dovrebbe..a volte è guerra e lotta di sopravvivenza.. perché le storie non sono tutte uguali e non sempre basta un lui ed una lei legati da un sentimento..io lo curo, l'ho curato, questo amore eppure lo sto perdendo..non mi posso più aggrappare a nulla..
    Ciao gus

    RispondiElimina
  14. Certo, ma il piacere di stare insieme è cosa rara, una mosca bianca.
    Ciao Ges.

    RispondiElimina
  15. Spesso questa società smarrisce tanti sentimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che non si può sperare nemmeno in un cambiamento.

      Elimina
  16. Quando amore via con loro...
    Dove sono ❤❤ ..dove sono io.

    RispondiElimina