sabato, dicembre 18, 2021

Dare un senso al nichilismo



 

Il nichilismo non è una terapia astratta. E' la mancanza di senso del vivere che coinvolge tutti. Prende una persona, la intorbidisce, la ovatta. Occorre qualcosa che riesca a cacciarla dal nostro cuore, facendo tornare il desiderio di rimettersi in moto. Credo che tutto questo sia davvero giusto e importante. Che occorra un impegno culturale a tutti i livelli. Riscoprire studio e lettura e, con essi, i grandi principi dell'antichità. Mi riferisco soprattutto all' "alterum non laedere" e a l"unicuique suum tribuere". Ma anche i valori di solidarietà e correttezza umana dettate dalle morali cattoliche, laiche e socialiste. Oggi più che mai risollevare la "questione morale" è fondamentale. Giusto sottolineare che la nostra società attuale da una parte incoraggio l'uniformità, dall'altra faccia da motore per l'individualismo più sfrenato. Adesso tocca a noi: esaltare il concetto sano di individualismo, cioè ciò che noi individui possiamo portare di buono agli altri e alla società. Nel contempo contrasteremo anche l'uniformità a cui ci vogliono relegare. Lasciamo la nostra firma, in sostanza, sul mondo, la nostra impronta anzi. Non è facile, certo, tuttavia bisogna avere "quel" coraggio non per giudicare o condannare il soggetto dell'azione, ma l'azione. L'omologazione non può essere giustificata. Dobbiamo ragionare con la nostra testa, capire cosa e chi sbaglia. Anche da pulpiti eccezionali. E farci carico. Noi nel nostro piccolo, altri nel loro grande. Le nuove tecnologie sicuramente hanno portato enormi progressi ma anche tanti nuovi problemi che non possiamo sottovalutare. Alla base di ogni essere umano ci deve essere buon senso ma sempre più spesso i fatti e le circostanze dimostrano il contrario...speriamo in un divenire di speranza. Si vive commettendo errori: è impossibile non sbagliare, ma l'errore dovrebbe essere un'occasione di apprendimento che arricchisce il nostro bagaglio di esperienze. La verità è un concetto astratto che naturalmente quando viene declinata nella realtà, assume un valore relativo. Non esiste una verità, esistono molte verità. Solo convogliando le diversità in un'etica unica si potrebbe evitare la confusione  e dare un senso al nichilismo.  


29 commenti:

  1. Buon senso.. questo sconosciuto.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La verità è dentro di noi, ma siamo restii a tirarla fuori. Per questo il buon senso resta sconosciuto.

      Elimina
    2. Ho sempre pensato che di fondo siamo buoni, disponibili e pieni di ideali entusiasmanti. Poi ci guastiamo strada facendo, condizionati e manipolati dalle convenienze e dall'egoismo. Una tragedia insomma..

      Elimina
    3. Bisogna difendere la propria identità, valore più importante per un uomo. Non farsi manipolare è difficile perché un po' alla volta ti fanno girare la testa verso il lato sbagliato senza che tu riesca ad accorgertene.

      Elimina
  2. A volte si è assalita da questa maledetto senso di non voler reagire ma poi occorre ritrovare la forza di reagire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna accostarsi alla realtà con onestà e coraggio.
      Ciao Simona.

      Elimina
  3. Grazie Irina.
    L'augurio sincero è sempre piacevole.

    RispondiElimina
  4. Le tre regole d'oro del diritto romano erano "honeste vivere", "alterum non ledere" e la formuletta in esame, "Unicuique suum tribuere". Quest'ultima è attribuita ad Ulpiano, ma è più probabile che le sue origini siano più remote (a livello concettuale, l'idea era già presente nelle opere di Platone e Aristotele).

    RispondiElimina
  5. Le regole del diritto sono queste: vivere onestamente, non recare danno ad altri, attribuire a ciascuno il suo.

    RispondiElimina
  6. L'azione non si può condannare senza il soggetto. Non esisterebbe. È giusto essere giudicati e giudicare. Lo fanno tutti, anche involontariamente. È importante conoscere, documentarsi bene su fatti e soggetti per comprendere il perché di certe situazioni.
    Con persone che hanno avuto una vita difficilissima sono portata a giustificare tutto o quasi. Si chiama pietà.
    Con altri sono molto diretta e quasi offensiva
    La verità NON dovrebbe offendere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un uomo può dire cose sbagliate, ma anche verità incontrovertibili.
      Per questo si deve condannare l'errore e rispettare la persona.
      La verità diventa offensiva quando dirla è inutile.

      Elimina
    2. Hai ragione, in questo mondo non si può, sei preso di mira. Lo vedo e lo sento. Ieri sera ho ribaltato un medico di primo livello perche ha scritto una frase non inquadrata bene. Che poteva avere diverse interpretazioni. Avevo la documentazione dello specialista.

      Elimina
    3. Capisci cosa intendo dire? So che sai già tutto. Ma io "martello" comunque.
      In medicina sono molto documentata a ancora di più ho un intuito infallibile.

      Elimina
    4. Nel caso tuo la persona non può essere risparmiato dal giudizio.

      Elimina
    5. Se non sei medico non puoi parlare...IL PAZIENTE HA SEMPRE RAGIONE.

      Elimina
    6. Nella mia esperienza maturata in 10 anni accanto a mia moglie nel reparto dell'emodialisi ho visto incompetenza e cinismo. Non posso separare l'uomo dall'errore. Il giudizio di valore è un'accoglienza che i medici non meritano.

      Elimina
  7. Non sapevo che cos'è il nichilismo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il nichilismo ha diverse ramificazioni. In effetti rappresenta la distruzione degli ideali tradizionali, per rendere possibile l'affermazione di nuovi valori.
      L'errore è che bisognerebbe esaminare i valori tradizionali, prendere quelli buoni e buttare nel cestino le certezze che sono in effetti un luogo comune falso.

      Elimina
  8. Il nichilismo si è esteso come una piovra. Sarà difficile sradicarlo in una società come la nostra che annulla l'individualismo a favore dell'egoismo. Avremmo bisogno di un nuovo umanesimo, come cantava Gaber, l'uomo non è più il protagonista della vita umana, la vita ruota intorno al denaro e agli interessi economici. L'uomo, in generale, si sente realizzato solo se ottiene il successo economico, non è in cerca di fama o visibilità fine a se stessa, è sempre collegata al denaro. Ma io a volte credo che il fenomeno sia irreversibile, a volte credo non torneremo più come un tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nulla è irreversibile. Non è vero che la storia ripete sempre se stessa. Il nichilismo passerà, ci saranno nuovi filosofi. L'uomo bucherà lo spazio.

      Elimina
  9. Se la situazione democratica sarà sempre dipendente a qualche altra cosa, vuol dire in realtà che ad essa si è già rinunciato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La democrazia è un obiettivo. Le soluzioni di ripiego evitano rotture traumatiche.

      Elimina
    2. Esempio:

      L’appoggio decisivo del M5s
      La ministra tedesca Ursula von der Leyen, designata dai Ventotto a succedere a Jean-Claude Juncker, è stata eletta dal Parlamento europeo presidente della Commissione europea, ma con soli 383 voti a favore a fronte della maggioranza necessaria prevista di 374 voti. Quindi per soli 9 voti. Determinante il voto M5s. La maggioranza a Strasburgo, composta da Ppe-S&D-Liberali, conta infatti 444 eurodeputati ma, escludendo i 14 sì dei pentastellati, l'ex ministro della Difesa avrebbe potuto contare solo su 369 voti delle forze pro-europeiste, cinque in meno della maggioranza richiesta di 374 siì. Tra franchi tiratori e schede bianche, infatti, a von der Leyen sono invece mancati, sulla carta, 75 voti dei partiti chesostengono la maggioranza.

      Elimina
  10. incanalare diversità e percezione in un'unica etica non è certamente facile. Ci vuole saggezza e generosità per essere obbediti

    RispondiElimina
  11. Mille persone, mille idee non va bene. Cercare gruppi amalgamabili.
    Ciao Vicky.

    RispondiElimina