venerdì 5 gennaio 2018

Triumph spitfire verde inglese







Compro una Spitfire. Bellissima. Verde inglese, con i raggi alle ruote. Un capolavoro. Veramente la Spitfire era un’automobile terribile: non teneva la strada, sospensioni che, in curva, mica aiutavano, complicavano. Freni stocastici e frenatura sempre disallineata. Ma era troppo bella.
Imbocco il viale e arrivo davanti all’ingresso di casa e fiuuuu una derapata da brivido (tanto la spit derapava anche se non volevi).
Mentre sto lì a bearmi della bravata, richiamati dal chiasso che avevo fatto, appare mio padre con altre persone. Mi guarda, guarda l’automobile, alza gli occhi al cielo e borbotta:
"Ma cosa è ‘st’automobile da attore di cinematografo?". (“attore di cinematografo”)   era un dispregiativo, in opposto al termine positivo “attore” con il quale s’intendeva l'attore di teatro). Un'altra novità!
- Papà vieni a fare un giretto, dai,  che la proviamo, guarda quant’è bella.
- Tu sei squilibrato se credi che io entri in quel tubo. Ma non hai niente da fare, eh?
-"Ma non vedi quant’è bella?"-
Nel frattempo sopraggiunge mia madre che, godendosi la scenetta, dice, rivolgendosi a mio padre:
"Per piacere va a farti sto giretto, per piacere accontentalo, se no questo qua non la smette più, e non ce lo togliamo di torno".
-No No No, non ci vado in quel tubo-
 -Dai, così ce lo togliamo di torno; non per lui, ma per la quiete di casa-
Mio padre si rassegna per il bene di tutti e commenta:
"Tuo figlio sono due mesi che sta qua, lo capisci? Come mai? Non ti chiedi come mai? Quest’estate sta qua, fisso come un monumento… non è che si prepara quel sacco da zingaro e se ne va in vacanza? No, sta qua .E non se ne va, niente: non se ne va.
 Vacanza io, papà? Io ho da fare.
 Pure noi, perciò tu devi andare in vacanza.
In ogni caso, rassegnato come un martire, mio padre prende cappello e bastone e si avvicina al tubo.
La spit era bassa, quindi per entrare ci sono le prime difficoltà, una delle quali è il cappello che urta il montante e cade per terra. “Ma per entrare in quest’automobile si deve essere acrobati di un circo equestre, e pure bravi eh?”
Insomma, alla fine siamo entrambi seduti.
"Vai piano, che qui si sta seduti per terra, ma che razza di automobile è?".
Metto in moto e partiamo.
- Vai piano-
- Ma se non sono ancora partito-
- Vai piano, ti ho detto!-
- Sta andando a 40 all’ora-
- Ti ho detto di andare piano …vai piano c’è traffico-
- Ma se siamo ancora sul viale di casa!-
- Finiscila di contraddirmi, scostumato; vai piano. Vai piano ‘ché ti do una bastonata.
Il fatto è che “andare piano” è una valutazione personale e, quindi, assai relativa, andavo a 50 all’ora anche meno, ma tale velocità non rientrava tra i valori paterni compatibili con il "vai piano".
Mi diede una bastonata in testa davvero!
- Ahia! Papàààà, ma così moriamo tutti e due -
- No, muori tu. Prima. E adesso riportami immediatamente a casa. Anzi no. -Torno a piedi -
E s’incamminò verso casa, che distava meno di trecento metri ‘ché tanto lunga era stata la gita.



59 commenti:

  1. Storia vera? 😂 Divertente e riflessiva!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna, somigliano alle tue storie. Un miscuglio di vero, follia e immaginazione.
      Bacio Anna.

      Elimina
    2. Eggia. Bel post 😀

      Elimina
    3. Se mi lasci un messaggio nel mio blog dove c'è invia un messaggio poi ti rispondo e hai la mia email.

      Così ci scriviamo.

      Elimina
  2. No dai. Io mi impegno quando voglio. Aspettami. Devo fare due cose prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Smettila con quel post Larissa.

      Elimina
  3. Fortissima la bastonata, bel post, divertente e ci mostra anche quanto i genitori, i figli, il mondo sia cambiato. Buon pomeriggio Gus.
    sinforosa

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  5. Che figata. Mi piacciono gli uomini anziani col bastone e la voglia di dartelo in testa.
    Non mi piacciono, invece, le automobili basse. Non fanno per me.
    Ciao Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inoltre gli ammortizzatori non esistono. Il collo si indolenzisce quasi subito.
      Ciao Sara.

      Elimina
  6. Non ti ci facevo su una Spit.. ma in effetti, è roba da iuventini...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franco, ho comprato anche una Ferrari usatissima. Rivenduta dopo tre mesi. Consumava un litro di benzina a chilometro.

      Elimina
  7. http://eldalie.blogspot.it/2018/01/la-catastrofe-per-i-processori-intel.html

    RispondiElimina
  8. Le vecchie Ferrari sono un investimento. Ma... Quanti punti hai sulla patente!? Ciao micio. Sono al Cinema. Nel caso non lo sapessi. 🍄
    Bacini

    RispondiElimina
  9. Ciao August , ci risentiremo....Buon fine settimana!
    Dani

    RispondiElimina
  10. Ma è davvero successo o è un tuo racconto? Mi hai fatto schiattare dalle risate. E mi hai fatto ricordare mia madre quando salì per la prima volta sulla mia Renault 4 rossa... dalla paura vedeva semafori rossi anche se non c'erano. ihihih uahauhuha Abbraccio Gus e buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' successo, ma io ho amplificato.
      Abbraccio Farfalla.

      Elimina
  11. Ciao Gus, mi piacciono i tuoi racconti, perché si avvicinano a quello che scrivo io, la mia vita, qualche volta un po' "romanzata" altre volte dura e crudele ma sempre sempre vera.
    Grazie Gus, sempre.
    P.s. Quella cosa dei computer e' una notizia su tutti i giornali, tutti i telegiornali ecc
    Io me ne impippo, avevano fatto tanto allarmismo del millennium bugs, e alla fine e' stata una stupidata.
    Ed io me ne impippo, ho altro a cui pensare.
    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I rischi veri sono i virus e attacchi per scoprire c/c bancari e postali.
      Bacio Fiorella.

      Elimina
    2. Io son piu' che tranquilla

      Elimina
    3. Basta essere accorti di non dare informazioni in piu,
      Bacio

      Elimina
    4. Ah, se i miei commenti possono dare fastidio cancellali pure non mi offendo tranquillo,
      So che sei una persona onesta e sincera, e non voglio intaccare il tuo post con, magari, un mio commento inopportuno.
      Buona Epifania, aribacio Gus

      Elimina
    5. Fiorella, sono contento per i tuoi commenti.
      Aribacio.

      Elimina
    6. Cosa dici Larissa?
      Lo sai che io accolgo tutti.
      Per me il Prossimo non è una parola astratta.

      Elimina
  12. Buona epifania del Signore. Bacio

    RispondiElimina
  13. Il reato di diffamazione, previsto e punito dall’art. 595 del codice penale, si configura quando una persona offende la dignità e la reputazione altrui in presenza di più persone. Tale reato si può commettere con maggiore facilità in rete, comunicando con migliaia di persone contemporaneamente tramite chat, forum, siti o blog, anche in considerazione del fatto che l’errata convinzione, psicologicamente parlando, di essere protetti da una sorta di anonimato, partecipando alle discussioni con un nomignolo (nickname) che non è direttamente correlato con il nostro vero nome, può avallare comportamenti criminali.
    Nell’articolo del codice penale sopra richiamato è previsto che tale reato possa ritenersi compiuto anche mediante mezzi di pubblicità, e nella prassi internet è considerato proprio un mezzo di pubblicità, in quanto idoneo alla diffusione di una notizia e a raggiungere una pluralità indeterminata di soggetti.

    RispondiElimina
  14. Ottimo. Io. Non ho paura di nulla.
    Diffamazione? Certo ma ho detto la verità tu no
    Gus O.15/06/17, 10:35
    Ora metto la moderazione. Lascio il tuo post per far capire agli utenti che sei fuori di testa.
    Nessuna certificazione medica sostiene questo.. Offesa con l'aggravante che pesa sulla mia salute. Tutto documentato a veranda, peraltro.
    Questo è una delle tante. Posso cercare altre tue diffamazione poi te le sbatto qui.
    Poi dici che larissa non è una troll ma ha subito molte angherie nel web... Qi quali angherie parli? . È finita gus e se davvero l:hai aiutata e' finita anche per te. la diffamazione nemmeno la guardano altrimenti ci sarebbero un'infinità di processi. I reati gravi sono altri e lo sai benissimo. Io non ho nulla Da perdere, nulla. Tu si
    Poi ho offeso Omar orsini? O Augusto? O chi altro? Lo troveranno vostri i giudici Siii? Bene ci vedremo con lei tribunale? Avrò il piacere di conoscerti.

    RispondiElimina
  15. Succede che un utente ha un proprio account e invece di scrivere nel suo spazio si presenta con il solo profilo e va a disturbare un altro blog con problematiche che non riguardano il proprietario. Offende tranquillamente l'Admin e fa riferimenti chiari al altri utenti. Il sistema non permette di bloccare l'utente intruso e l'Admin è costretto a passare il suo tempo nel blog a cancellare argomenti che non lo riguardano. Questa è la libertà di Google e il suo rispetto per la privacy di un utente. L'alternativa è scegliere la moderazione e quando l'utente con il profilo rincara la dose diffamatoria passa la sua giornata a eliminare i commenti non graditi. E' una specialità di Google.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti ho letto non consiste reato perché tu voi la rissa. Modera u Commenti.toglimi dal tuo blog. Quante volte l'ho detto? Guarda prima gli ascolti che hai ottenuto. Non è questo che vuoi? Nessun giudice vi darà ragioni. E non ho mai detto nomi e cognomi mai. Dimostralo. Perché lei è sempre qui da te. Con altri innumerevoli link Non spenderò ottocento euro per nulla. Tranquillo. La conoscono tutti e forse conoscono anche te. domanda Vi salta la condizionale? A me no.

      ORA NON CONTENTA ANCHE SU FB ROMPE I COGLIONI ANCHE A ME E ANCHE ALLE PERSONE AMICHE MIE E CHE Sono Nere. MI HANNO RIFERITO COSA FA.
      TU L'hai sempre difesa, dandomi della Pazza a me, metto tutti i Copi qui. quando la pazza è lei. È solo per soldi? Gus? Sai quante volte mi hai fatto stare male? Documentato, tutto

      Elimina
    2. Google sa chi siete. Non vi vuole

      Elimina
  16. Sai benissimo chi sono riconoscibilissima. E tu? Farfalla diceva che ti pagano a commento.. Vuoi il copia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Farfalla, io non capisco chi dovrebbe pagarmi.
      Il mio blog non è AdSENSE e nemmeno ADWORDS.
      Non ci sono pubblicità.
      Ti rendi conto di aver scritto una cazzata.
      Io il blog lo tendo moderato perché ho inoltrato reclamo scritto a Google e aspetto che vengano presi provvedimenti.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    5. L'eliminazione va a tuo danno perché resta l'affermazione-accusa che hai scritto che venivo pagato a commenti.

      Elimina
    6. Gus - Ti lascio questo link, leggilo e capisci cosa ho voluto dirti: http://www.itakadigital.it/articoli/difendersi-dai-troll/
      Abbraccio e una buona serata

      Elimina
    7. Il troll, rappresenta, nella diarosfera, l'intrusione molesta, aggressiva, violenta di un estraneo nei tuoi spazi contro la tua volontà.
      In un certo senso è interessante vedere come si reagisce.
      E considerare come, una cosa molto più grave, come quella reale, fisica, lo tsunami migratorio, invece, venga catechizzato, da mane a sera, come fantastica opportunità, ricchezza, meraviglia economica, blablablablabla blablablablabla blablablablabla (non elenco la serie di falsi e idiozie che vengono propinate alle masse per plagiarle).
      Uno dei tabù di questa società corrotta è la repressione e con la repressione manca l'ecologia della repressione.
      I risultati si vedono.
      Se interessa, Gus, posso indicare una via per gestire gli invasori dei tuoi spazi.

      Elimina
    8. Ti ringrazio, Uomoincammino, per la tua disponibilità ad indicarmi una via per gestire gli invasori del mio spazio,
      Io non sono iscritto a AdSense o Ad Word e non guadagno niente dal blog. C'è chi usa i cosmetici, e chi come la Fashion Blogger Chiara Ferragni nel 2015 ha fatturato 10milioni di euro. E Beppe Grillo?

      Elimina
  17. Adesso vediamo cosa succede in questo account

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa storia del pagare è ridicola.
      Se qualcuno lo ha detto è un falso e tu non puoi spacciare per verità una chiacchiera idiota.
      Questa è diffamazione.
      Tranquilla, non succede niente. Google non viene a leggere il mio blog per tua fortuna.

      Elimina
    2. Tranquilla. Deve succedere. Tra 10 giorni vedrai i primi cambiamenti. Tu non hai mai ascoltato i miei messaggi per nullao perché sei buono. Tranquillo.

      Elimina
    3. Cliccando sul tuo profilo il sistema consiglia:

      Profilo non disponibile
      Impossibile visualizzare il profilo Blogger richiesto. Molti utenti di Blogger non hanno ancora deciso di condividere pubblicamente il loro profilo.
      Se sei un utente Blogger, ti consigliamo di abilitare l'accesso al tuo Profilo.

      Elimina
    4. Per poi fare lo spione? Non è reato. In tanti lo fanno. L'ha fatto lui. Sono tranquilla. Per fortuna è andato alla ricerca degli account. Io nemmeno li ricordavo. Ora attende.
      Scemo. Piacciono anche a te le mie foto? O se lei non le vede impazzisce? ENTRARE NELLE MAIL È REATO PUNIBILE CON TRE ANNI DI GALERA. E LEI ENTRA ANCORA. Entri anche tu? Altro che diffamazione.
      Tu sei qui con un volto, se ti appartiene, di 40 fa giusto per non renderti riconoscibile , con un nome e cognome falso, dimostrami il contrario è copi spudoratamente i diritti d'autore.. Altro che diffamazione.
      E ora ho da fare. tutto procede.
      Vaffaculo

      Elimina
    5. A quel paese mi ci mandi tu. In galera non credo.
      Nessuno ha protestato di aver copiato, il mio profilo è in ordine.

      Elimina
  18. Ci sono anche altre anomalie. Tu vai a scrivere in un blog che segui e sei seguito. L'Admin non gradisce e cancella. E' giusto, ma poi stranamente su qualcosa che non esiste costruisce una tesi accusatoria pesante e chi legge, privato dello scritto di base, non può valutare. Dopo un giorno o due cancella tutto sprofonda nell'oblio, salvo sputacchiare in altri blog idiozie.

    RispondiElimina
  19. Sei tu che cancelli. L:amministratore del tuo blog sei tu. Chissà l'ingegnere perito che mi segue le risate che si fa. Hai detto tante di quelle strampalate... Il non esiste che sostieni 'e da verificare. Questo che dici ti rende complice.


    Ho dato anche i miei computer. Che qualcuno entra dal mio account è certo Forse anche da questo. L:ha riattivato ieri.
    CHISSÀ PERCHÉ È CONOSCIUTA DA TANTE Insegnanti. Addirittura ha coinvolto UN MIO PARENTE IN GROSSE DIFFICOLTÀ. lei fa così. E tu sei un bastardo. Dillo al giudice.

    Mi DEVE LASCIARE IN PACEEEE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi limito a informarmi di chi scrive e come risposta non trovo un blog ma un profilo.
      Io non so come si possa entrare nel tuo account. E' un reato e certamente non sono io a farlo.
      Valuti al contrario. Io subisco le tue storie e mi chiami bastardo. Non venire nel mio blog e per quello che riguarda me starai in pace. Non partecipo a nessuna azione illegale e quindi non posso essere complice. Non conosco l'ingegnere perito che ti segue. Ride? Fa bene alla salute.

      Elimina
  20. Ora ho messo la moderazione per evitare che qualcuno possa cancellare e Google quando viene non trovi nulla.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  21. Appena uscita da te. Virus. Copia incolla e mandato su fb. Vediamo un po'. Loro si interessano è già successo una volta. Delinquente
    Ps questo nuovo account non segnala alcun virus e nemmeno altre città come Milano. Chi mi ha fatto danno l'ha pagata cara. Dio mi ama.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho inviato tutto a Google.
      Ogni giorno farò un sollecito.
      Poi vediamo chi paga.


      P.S.

      In background windows 10 scansiona e non ci sono tracce di virus.
      Dieci scansioni.

      Elimina
    2. Sai che gli frega a Google? Ma vai dai carabinieri. Dai. Hai paura dei carabinieri? mi sembra più semplice. Ti pare. Io l'ho già fatto. Dopo la Perizia in tribunale. Sai tutti nome e cognome di me. Poi ci vedremo in tribunale noo? Dove dovrebbero attaccarmi i virus se non qui? Va bene vuoi ancora i picchi di ascolto con più retribuzione... a commento o al mese? Se metti la moderazione nessuno ti caca. Google ha letto tante mie VERITÀ. Ma perché ti nascondi dietro Google? È solo un motore di ricerca, scemo. Ha fatto qualcosa per te? Tu, da vigliacco che sei, prima avevi moderato tutti miei insulti, poi hai pubblicato tutto. Quanto hai preso in soldini? Così per curiosità. Ora basta, il c. T. U mi ha rimproverato. É finita. Qui non verrò mai più. Ha ragione lui:non posso aumentare il cortisone per personaggi come voi.
      Avrai quello che ti meriti. Come gli altri due. Punto.
      Nel tu non ci sono tracce di virus. Voi il copia di questo account? Prova a manovrare anche questo. Per quanto riguarda i diritti d'autore avviserò io personalmente gli autori, quelli in vita, ovviamente.

      Elimina
  22. Solo milano. Controlla il tuo blog se non sei stato tu. Quando mi risponderà fb metto qui il copia Incolla. E segnalo i privati il tuo blog. O sei già scappato.

    RispondiElimina
  23. In attesa che Google venga a punire i colpevoli scrivo sul mio blog di supporto.
    https://precipizio.blogspot.it/
    C'è un post nuovo.
    Baci.

    RispondiElimina