lunedì 24 aprile 2017

Il volto autentico della Chiesa





Questa è la Chiesa che serve a Cristo.
Le prime comunità cristiane delle origini si dedicavano all'ascolto della parola degli apostoli, alle celebrazioni eucaristica e preghiere comuni, tutto nel segno dell'amore vicendevole.
I primi cristiani erano perseveranti nell'insegnamento degli apostoli e nella comunione, nello spezzare il pane e nelle preghiere. Un senso di timore era in tutti, e prodigi e segni avvenivano per opera degli apostoli. Tutti i credenti stavano insieme e avevano ogni cosa in comune; vendevano le loro proprietà e sostanze e le dividevano con tutti, secondo il bisogno di ciascuno. Ogni giorno erano perseveranti insieme nel tempio e, spezzando il pane nelle case, prendevano cibo con letizia e semplicità di cuore, lodando Dio e godendo il favore di tutto il popolo. Intanto il Signore ogni giorno aggiungeva alla comunità quelli che erano salvati.
Un giorno Pietro e Giovanni salivano al tempio per la preghiera verso le tre del pomeriggio. Qui di solito veniva portato un uomo, storpio fin dalla nascita e lo ponevano ogni giorno presso la porta del tempio detta «Bella» a chiedere l'elemosina a coloro che entravano nel tempio. Questi, vedendo Pietro e Giovanni che stavano per entrare nel tempio, domandò loro l'elemosina. Allora Pietro fissò lo sguardo su di lui insieme a Giovanni e disse: «Guarda verso di noi». Ed egli si volse verso di loro, aspettandosi di ricevere qualche cosa. Ma Pietro gli disse: «Non possiedo né argento né oro, ma quello che ho te lo do: nel nome di Gesù Cristo, il Nazareno, cammina!». E, presolo per la mano destra, lo sollevò. Di colpo i suoi piedi e le caviglie si rinvigorirono e balzato in piedi camminava; ed entrò con loro nel tempio camminando, saltando e lodando Dio. Tutto il popolo lo vide camminare e lodare Dio e riconoscevano che era quello che sedeva a chiedere l'elemosina alla porta Bella del tempio ed erano meravigliati e stupiti per quello che gli era accaduto.

13 commenti:

  1. Immagine:

    Santa Maria del carmine, Brancacci chapel.
    Pietro parla e tutti ascoltano.

    RispondiElimina
  2. Pietro e Giovanni SALIVANO al tempio per pregare.
    La preghiera eleva lo spirito è incontrare la presenza di Dio.
    Il nostro tempio è il cuore, possiamo pregare ovunque, per raccontarGli le nostre resistenze, le nostre paure nell’affidarci, la nostra pigrizia, ma se non ci eleviamo da terra vedremo solo nebbia e fango.
    Pietro e Giovanni vivono la carità e la tenerezza che il Signore ha insegnato loro, e con tenerezza sollevano lo storpio, ridonando il vigore,paralizzato dal peccato.Quel vigore che ognuno di noi necessita.
    Grazie August, buona giornata.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che fa riflettere è che la grande fede fa compiere miracoli. Bisogna vivere imitando Cristo.
      Ciao Dani.

      Elimina
  3. Il volto della Chiesa è il mio volto, il tuo, di tutti coloro che creano la comunità dei credenti. Ieri giornata della Misericordia vissuta nell'abbraccio del Padre che ci dona il perdono di tutti i peccati di cui siamo decisamente pentiti. Saranno non perdonati solo i peccati contro lo Spirito Santo. I peccati di cui non sappiamo chiedere perdono a Dio e perdonare se stessi.
    Parole, canti: risanare l'anima è il miracolo che attendiamo. E' cantare che i nostri piedi riprendono a camminare, che la guarigione è arrivata! Grazie Gus, bacio per una giornata serena. Spero di essere stata compresa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ho compresa Lucia.
      Tutti noi siamo chiamati da Dio alla santità.
      Bacio.

      Elimina
  4. Sono di esempio, a tutti noi. Buona giornata e grazie. sinforosa

    RispondiElimina
  5. Ciao Gus, scusa se non commento propriamente in questo tuo post, ma...
    ...non ci indurre in tentazione...
    Ecco, il Qualcuno, mio, di ieri, ci aiuti e ci metta una "pezza" sulle nostre debolezze.
    Io ci provo, malamente, perché se non ci fosse stato Lui...sarei caduta in tentazione...ma mi ha fatto capire...liberaci dal male...
    O come in questa nostra società tecnologica, non cadere nella trappola dei cosiddetti troll, fake ecc...loro vivono di questo, succhiano la tua volontà, e loro lo sanno...
    E gente malvagia o disturbata, ce ne sarà sempre...
    Vai per la tua retta via, non concedere loro, come ho fatto io, a concedere loro, di farti del male, tanto sono quello che scrivono, e la gente con un minimo di intelligenza lo capisce.
    Ciao Gus, scusa se mi sono dilungata e uscita dal seminato.
    Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima bisogna fare lo sforzo massimo per aiutare l'altro a superare il male.
      Praticamente dovresti farlo per tutta la vita. Ma se uno si lascia coinvolgere è meglio che smetta subito.
      Bacio Fiorella.

      Elimina
  6. Ritorno per uno zic e poi sparisco. Volevo aggiungere che: tutti i santi sono stati in precedenza peccatori. Poi hanno scelto e capito.
    Non siamo noi a guidare la nostra barca affidiamoci al "Capitano" che conosce il mare.....Bacioso a Gus. (finito!!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. San Paolo è l'esempio più grosso, ma altri non hanno vissuto l'esperienza del peccato.
      Bacio.

      Elimina
  7. Buonaserata amico mio caro. Bacio Gus.

    RispondiElimina

sito Blogger:
https://guspensiero.blogspot.it