martedì 29 novembre 2016

Ieri oggi domani











Condivido il pensiero di Seneca: “Preso dal vortice del lavoro e degli impegni, ciascuno consuma la propria vita sempre in ansia per quello che accadrà e annoiato di ciò che ha. Chi invece dedica ogni attimo del suo tempo alla propria crescita, chi dispone ogni giornata come se fosse la vita intera, non aspetta con speranza il domani, né lo teme”.
Il tempo si pone come qualcosa che è distinguibile in parti e quindi divisibile: presente, passato e futuro. Ma queste parti del tempo, che costituiscono l’orizzonte della nostra vita, quando sono analizzate, diventano prima inafferrabili per poi quasi dissolversi. Passato e futuro, infatti, sembrano appartenere piuttosto al nulla che all’essere, sono varianti per così dire del nulla: giacché l’uno non è più, l’altro non è ancora. Tuttavia l’uno costituisce il distendersi e l’accumularsi nella nostra memoria dell’esperienza del nostro trascorrere, cioè vivere, l’altro si pone come l’apertura dell’orizzonte del nostro agire, cioè del nostro rapportarci al mondo secondo bisogni, paure e speranze. Il presente, nella sua riduzione a puro punto senza estensione, mostra di non poter avere nessun carattere di permanenza e di stabilità.
Il tempo, filosoficamente?
Tutto è passato, presente e futuro.
Se io guardo una persona che sta a cento metri da me il tempo impiegato per vederla annulla il concetto di presente. E' già un tempo passato proiettato verso il futuro.
Nel cielo stellato vedi la luce di un astro. E' probabile che la stella non esista più. Hai l'impressione del presente ma ti trovi nel passato.




19 commenti:

  1. Finalmente! Adesso me lo godo parola per parola. Abbraccio con un buongiorno per tutto il giorno. A dopo.

    RispondiElimina
  2. Chiara Fersini. photographer presso Airbnb, Digital artist, photo retoucher. Località Lecce, Italia Settore Fotografia

    RispondiElimina
  3. Sant'Agostino non diceva che il tempo può essere misurato solo nel presente.. presente del passato, presente del presente, presente del futuro e quindi la percezione umana viene dall'esperienza del presente?
    Se sbaglio correggimi. Ciao Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sant'Agostino. Il tempo non esiste, è solo una dimensione dell'anima ('distensio animi'). Il passato non esiste in quanto non è più, il futuro non esiste in quanto deve ancora essere, e il presente è solo un'istante inesistente di separazione tra passato e futuro!
      Ciao0 Anna.

      Elimina
  4. Se ci sediamo sulla riva degli istanti per contemplarne il passaggio, finiamo col non distinguervi altro che una successione senza contenuto, tempo che ha perduto la sua sostanza, tempo astratto, varietà del nostro vuoto. Un altro passo e, di astrazione inastrazione, esso si assottiglia per colpa nostra e si dissolve in temporalità, in ombra di se stesso.
    E. M. Cioran

    RispondiElimina
  5. Secondo la sua celebre definizione il tempo, per Platone, è "l'immagine mobile dell'eternità". Per Aristotele, invece, è la misura del movimento secondo il "prima" e il "poi", per cui lo spazio è strettamente necessario per definire il tempo. Solo Dio è motore immobile, eterno e immateriale.

    RispondiElimina
  6. Caro August, non godo di questo post, perché non sono una studiosa di filosofia, non si può essere tuttologi, il tempo per me è "ora" ma anche il passato, e il futuro se ne avrò la fortuna di viverlo. Non è per me importante incasellarlo, non ci sono riusciti grandi pensatori cattolici e non, figurati se mi ci metto io.
    Un abbraccio, grande.
    Dani

    Ho rimesso le mie antiche impostazioni in blogger. Preferisco così.
    Ciaoooooo

    RispondiElimina
  7. Non fare la modesta. Il mio post è semplice e tu capisci anche il difficile.
    Hai fatto bene a tornare a http, la connessione crittografata è complessa e richiede molto impegno. Per linkwhitin ti conviene rifare la procedura e scegliere altro invece che blogger.
    Abbraccio.

    RispondiElimina
  8. E' vero, il tempo in sostanza è un concetto relativo, ed è relativo a cosa viviamo.

    Moz-

    RispondiElimina

  9. Carlo Rovelli , che di mestiere fa il fisico teorico e insegna all 'Università di Aix-Marsiglia (Francia), sostiene che quello che noi consideriamo tempo si basa sulla nostra esperienza quotidiana: insomma, cercando di semplificare, sembrerebbe che il tempo non abbia standard e dunque non abbia un valore assoluto in tutto l'Universo.

    RispondiElimina
  10. Ciao Gus, arrivo sempre piu' tardi...vabbe'
    Prima di tutto grazie...di cuore...
    Siccome di filosofia, sono molto scardina, ti posso commentare cosi.
    Del grande Pierangelo Bertoli...
    ...cantero le mie canzoni per la strada ed affronterò la vita a muso duro
    Un guerriero senza patria e senza spada
    Con un piede nel passato e lo sguardo dritto e aperto nel futuro
    Ho speso quattro secoli di vita e fatto mille viaggi nei deserti
    Perché volevo dire ciò che penso volevo andare avanti ad occhi aperti
    .....riempirò i bicchieri del mio vino non so com'e pero vi invito a berlo...
    Beh, io non ne capisco niente o poco di filosofia...ma penso che qui ce ne, e anche tanta.
    Sono uscita di sicuro dal seminato, ma scrivo, tu sai, quel che sento.
    Ti abbraccio caro Gus, e grazie ancora...

    RispondiElimina
  11. Bertoli dice di aver speso quattro secoli di vita, io sono certo di avere almeno mille anni. Il tempo è soggettivo e non universale. Una persona di 60 anni che ha perso la memoria è più giovane di un bambino di sei mesi perché per lui il tempo non è esistito.
    Abbraccio/bacio Fiorella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco perché, io, mi circondo di "vecchie" cose o piccoli, grandi, ricordi...forse inconsciamente, ho "paura" di dimenticare...ho dimenticato tante cose delle mie radici, perché fin quando sono vivi.
      Ensiforme sempre di avere tempo, che non volino mai...invece quando non ci son piu', sono li che penso...ma quella filastrocca, quel detto, quella persona, chi, cosa erano? E loro non ci sono piu' a spiegartelo, a dirtelo.

      Elimina
    2. E' tardi Fiorella.
      Bacio.

      Elimina
  12. Il tempo è un continuo divenire.
    Bacio Gus! ; )))

    RispondiElimina
  13. Visto dall'esterno, penso di sì.
    Bacio Pia.

    RispondiElimina
  14. Come la conoscenza si radica nel cuore così è il tempo che come sabbia sfugge dalle mani.
    Ecclesiaste 3:
    Per ogni cosa c'è il suo momento, il suo tempo per ogni faccenda sotto il cielo.
    C'è un tempo per nascere e un tempo per morire,
    un tempo per piantare e un tempo per sradicare le piante.
    Un tempo per uccidere e un tempo per guarire,
    un tempo per demolire e un tempo per costruire.
    Un tempo per piangere e un tempo per ridere,
    un tempo per gemere e un tempo per ballare.
    Un tempo per gettare sassi e un tempo per raccoglierli,
    un tempo per abbracciare e un tempo per astenersi dagli abbracci.
    Un tempo per cercare e un tempo per perdere,
    un tempo per serbare e un tempo per buttar via.
    Un tempo per stracciare e un tempo per cucire,
    un tempo per tacere e un tempo per parlare.
    Un tempo per amare e un tempo per odiare,
    un tempo per la guerra e un tempo per la pace.
    Che vantaggio ha chi si dà da fare con fatica?

    Non so rispondere filosoficamente, lo faccio con parole della Bibbia.

    Buona giornata con Bacio

    RispondiElimina
  15. C'è il tempo per un Bacio.

    RispondiElimina