venerdì 1 luglio 2016

A voi sembra normale?

 
 
 
 

 
 
 

L’eutanasia deve essere estesa anche ai minori di 12 anni. È questa la proposta avanzata dall’Associazione dei pediatri olandesi, che durante una riunione dell’interna commissione Etica e diritto ha chiesto al Parlamento di seguire la strada già intrapresa dal Belgio.
L’eutanasia in Olanda è legale dal 2002 per chi abbia compiuto i 16 anni. Il protocollo di Groningen l’ha di fatto estesa anche ai bambini o ragazzi mentalmente in grado di fare questa scelta, cioè quelli tra 12 e i 16 anni con il consenso dei genitori. È anche possibile uccidere un bambino fino al compimento del primo anno di età se presenta gravi malattie o malformazioni.
I pediatri hanno ora chiesto che «l’eutanasia attiva» sia anche possibile per i bambini di età compresa tra 1 e 12 anni che presentino gravi patologie o handicap. Il professore Eduard Verhagen, annunciando dibattiti a settembre per arrivare a una proposta collegiale da presentare al Parlamento, ha dichiarato: «Si tratta di casi eccezionali, estremi, di bambini che sono vicini alla morte e si vorrebbe offrire ai genitori la possibilità di lasciarli morire nella dignità. Essendo un pediatra, non so mai come spiegare ai genitori che un diritto che appartiene a tutti non riguarda invece il gruppo di bambini tra gli 1 e i 12 anni».
Secondo i pediatri, l’eutanasia non necessita del consenso dei bambini ma solamente di quello dei genitori e del medico curante. Così l’Olanda raggiungerà il Belgio, anzi lo sorpasserà: perché secondo la legge controfirmata dal re Filippo il 2 marzo scorso, “solo” i minori che danno prova di essere coscienti (ma che coscienza può avere un bambino di tre anni?) di quello che stanno richiedendo possono ottenere l’iniezione letale. In Olanda, invece, basterà la volontà dei genitori: il diretto interessato non avrà voce in capitolo. Così, inoltre, si apre inevitabilmente alla legalizzazione dell’eutanasia, anche in via teorica (in concreto lo si fa già), per i dementi, che non sono in grado di fare personalmente la richiesta.
Davanti all’ennesima dimostrazione di come l’eutanasia sia inarrestabile, una volta approvata anche solo per pochi casi, non stupiscono le parole pronunciate a gennaio da uno dei padri della “buona morte”, il dottor Boudewijn Chabot: «La legge sta deragliando, ha troppi difetti, sono sorpreso dai recenti sviluppi». Come dichiarava a tempi.it monsignor Elio Sgreccia: «Quando si apre una porta, anche poco, si accetta l’idea che si spalanchi sempre di più. È un’illusione pensare di poter limitare l’eutanasia o il suicidio assistito entro confini rigidi, controllando la pratica».

 




15 commenti:

  1. Mi sembra disumano.
    Nel medioevo il neonato o il bambino, non erano al centro fella famiglia o del mondo, poichè il tasso di malattia e morte era molto elevato, ma non penso che arrivassero a sopprimerli.
    Cristiana

    RispondiElimina
  2. Le democrazie evolute scivolano facilmente nel disumano.
    Ciao Cri.

    RispondiElimina
  3. Se qualche volta l'uomo tenesse conto di quello che è il pensiero e la guida di Dio non ci sarebbero scelte del genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Seguire Dio è rinunciare al proprio egoismo, cioè la cosa più difficile per l'uomo.

      Elimina
  4. Poiché vi sarà allora una tribolazione grande, quale mai avvenne dall'inizio del mondo fino a ora, né mai più ci sarà.
    E se quei giorni non fossero abbreviati, nessun vivente si salverebbe; ma a causa degli eletti quei giorni saranno abbreviati.

    SOLO QUESTO VI SARA' conCESSO!

    La strage degli innocenti a opera di Erode ... avVENNE o no?
    Giuseppe scappo con la VERGINE e il SUO BAMBINO in Egitto o andò a Gerusalemme a CIRCOnciDERLO?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dio non tornerà più sulla Terra come agnello sacrificale ma per giudicare i vivi e i morti.

      Elimina
    2. alMENO questo lo sai.
      Non lo VEDI GIA' in ATTO?

      Elimina
  5. Che differenza c'è tra questa pratica e quella usata dai nazisti nei campi di concentramento? Quando l'uomo si crede dio va alla deriva.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'uomo si veste spesso da nazista e nemmeno se ne accorge.

      Elimina
  6. E’ il colmo! Ciò che faceva Hitler nella sua farneticante logica”sulla purezza della razza”, ora lo fanno degli uomini con il benestare dello stato. Sono inorridita.
    Queste sono le cose che mi fanno arrabbiare tantissimo. Possibile che degli uomini non si fermino davanti a nulla?
    Ciao August.☹
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando si apre una porta, anche poco, si accetta l’idea che si spalanchi sempre di più.
      Ciao Dani.

      Elimina
  7. in questo caso non mi sembra eutanasia .. ma un omicidio...l'eutanasia è qualcosa che una persona nelle proprie facoltà decide per se stesso... non è così? discutile fin che vuoi ma è una decisione che riguarda la sua persona la sua sopportazione ad una condizione grave ... decidere per un altro no questo è un omicidio ...la penso così su un bambino poi io lotterei fino all'ultimo istante per mio figlio non riuscirei ... un abbraccio Gus ... ho letto che ti fa piacere quindi ... approfitto per lasciartene un altro ... ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giusi.
      L'accanimento terapeutico è deprecabile ma oltre questo non si può andare.
      Ciao.

      Elimina
  8. No, questo, no!
    No, a chi non e' in grado d'intendere o volere, chi non e' arrivato all'età "della ragione"!
    Si, se una persona non vuole un accanimento terapeutico, si, se per una malattia, fisica o mentale non la vita gli e' diventata insopportabile.
    Ma, no, no, a bimbi, a chi per malattia mentale non puo' dare il suo consenso, lucido e consapevole.
    Ciao Gus, bacio.

    RispondiElimina