domenica 13 marzo 2016

C'est l'amour

 
 
 
 






L'amore, secondo Jean-Luc Marion,  ha un ruolo molto speciale dal punto
di vista della filosofia e, insieme, della vita.
La stessa filosofia significa innanzitutto "amore" della sapienza.
La filosofia moderna però non considera l'amore seriamente.
Da Cartesio a Hegel, l'amore è stato relegato a un ruolo secondario,
minimo rispetto alla razionalità, alla coscienza. E' considerato
passione, malattia. L'amore invece è una parte centrale della razionalità.
Il desiderio e la promessa, l'abbandono e la fedeltà, la gelosia
e la menzogna sono tutti eventi che sfuggono a una certa definizione di
razionalità, e che rivelano figure di un'altra ragione, di una ragione
più grande, la vita umana.
L'amore è qualcosa di misterioso. E' il più profondo dei desideri umani.
Si può fare a meno dell'amore?
Rinunciare a porsi la domanda "qualcuno mi ama?"
Rinunciare soprattutto alla possibilità di una risposta positiva,
vuol dire rinunciare all'umano in sé.
 
 
 
 
 


14 commenti:

  1. "qualcuno mi ama?"
    Immagino che tu non ti sia mai posta questa domanda; penso che molti ti amino, e a ragione, per la tua profondità di pensiero sentimento.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cri. Noi tutti abbiamo bisogno d'amore, darlo e riceverlo.

      Elimina
  2. l'amore nella sua totalità è la vita.
    (Spero di aver commentato sul blog ,ma andrò su G*
    Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo.
      I commenti si fanno su Blogger. Poiché ho tolto la condivisione il commento su Google+ si può fare ma non si inserisce in Blogger.

      Elimina
  3. Non si può fare a meno dell’amore. Si nasce per amore,si ride per amore, si gioisce per amore, si soffre per amore, L’amore non va imprigionato, ma donato. Chi è incapace di amare, inaridisce, non ama neanche se stesso. È solo ripiegato su se stesso, non amare è egoistico.
    Mi viene alla mente l'inno alla Carità:1Corinzi 13.
    Ciao August, un caro abbraccio.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il non amare è inconcepibile.
      Abbraccio Dani.

      Elimina
  4. Beh certamente la filosofia non ha preso in molta considerazione l'amore. Schopenhauer lo vede come un'illusione e che serve solo per la procreazione, è un pò deprimente.
    Cettina a mio avviso dice bene: una vita senza amore non è concepibile.
    Dolce notte Gus

    RispondiElimina
  5. "Amor che a nullo amato amar perdona..."
    C'è qualcuno che non ama? Viviamo in un momento in cui tutto è possibile, ma senza amore si muore. "Amor che move il sole e l'altre stelle" Ecco il grande amore, il più puro, ed è l'avvento di Cristo in mezzo a noi
    Non c’è, nella realtà, legge più forte dell'amore.
    Buonanotte e buonasettimana Gus. Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. INFERNO
      Canto V

      «O animal grazïoso e benigno
      che visitando vai per l'aere perso
      noi che tignemmo il mondo di sanguigno,

      se fosse amico il re de l'universo,
      noi pregheremmo lui de la tua pace,
      poi c'hai pietà del nostro mal perverso.

      Di quel che udire e che parlar vi piace,
      noi udiremo e parleremo a voi,
      mentre che 'l vento, come fa, ci tace.

      Siede la terra dove nata fui
      su la marina dove 'l Po discende
      per aver pace co' seguaci sui.

      Amor, ch'al cor gentil ratto s'apprende,
      prese costui de la bella persona
      che mi fu tolta; e 'l modo ancor m'offende.

      Amor, ch'a nullo amato amar perdona,
      mi prese del costui piacer sì forte,
      che, come vedi, ancor non m'abbandona.

      Amor condusse noi ad una morte.
      Caina attende chi a vita ci spense».
      Queste parole da lor ci fuor porte.

      Quand'io intesi quell'anime offense,
      china' il viso, e tanto il tenni basso,
      fin che 'l poeta mi disse: «Che pense?».

      Quando rispuosi, cominciai: «Oh lasso,
      quanti dolci pensier, quanto disio
      menò costoro al doloroso passo!».

      Bacio inizio settimana Lucia.

      Elimina
    2. Bellissimo canto di Dante che sto riscoprendo nella mia terza età: http://lamialibreria2015.blogspot.it/2016/01/canto-v.html
      Buongiorno Gus

      Elimina
    3. L'amore per Dante permeato da contraddizioni naturali ed esiti anche tragici, tanto che pochi versi dopo lo indica come causa della morte di entrambi. Francesca non potrebbe, essendo sposata, amare altri se non suo marito; è però l'amore stesso a costringerla a farlo, e a ricambiare il sentimento sincero di Paolo.

      Elimina
  6. E se l'amore abbia molto a che fare con la razionalità invece? Se non sia solo un'enorme mistificazione questa indipendenza dell'amore dalla parte più convenzionale della ragione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è niente di più ragionevole dell'amore.
      Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi.

      Elimina