venerdì 28 agosto 2015

La Fede dà un senso alla vita





Il nostro essere borghesi si vede a occhio nudo. Il borghesismo è infatti la non

 radicalità con cui percepiamo il rapporto con Cristo. Se lo percepissimo con

 radicalità il nostro rapporto con Cristo giudicherebbe tutto. Quello che siamo,

 quello che facciamo, la vita comunitaria, la notizia del giornale, l'ambiente del

 lavoro. E lo giudicherebbe come l'aratro che ferisce la terra perché il seme vi

 penetri e dia frutto: il giudizio di Dio è il rinnovamento generato dallo Spirito.

E' necessario che cominciamo a prendere sul serio la fede come reagente sulla

 vita concreta, in modo tale che siamo condotti a vedere l'identità tra la fede e

 l'umano più vero.

Così, ad esempio, il rapporto uomo-donna vissuto nella radicalità del rapporto

 con Cristo viene a galla con la sua esigenza di verità e unità, di fedeltà e di

 permanenza nel tempo.

Così l'atteggiamento di fronte alla vita secondo la radicalità della fede diventa

 rispettoso della persona e della dignità del suo destino.





17 commenti:

  1. C'è solo una strada per il nostro vivere: la fede in Cristo. Una fede che non coinvolga solo la nostra intelligenza, ma che sia totalizzante cioè che ci coinvolga cuore e anima e...intelligenza (quindi ragione)Non sono brava ad esprimermi in parole e vi ricordo ciò che scriveva Leopardi: «Di questa età superba,! che di vote speranze si nutrica,! vaga di ciance, e di virtù nemica;/ stolta, che l'util chiede,/ e inutile la vita/ quindi più sempre divenir non vede;! maggior mi sento». Lui che si disprezzava per la sua situazione d'anima e di corpo, per la sua incapacità di farsi notare nella società, di tutta «questa età superba» si sentiva più grande! Si sentiva più grande, perché? Perché sapeva che cosa è l'uomo nel suo cuore, originalmente.
    Allora mi fermo a riflettere su chi sono io: un'anima con un grande desiderio d'amore, Per Cristo, per la vita, per il prossimo. Ma ogni giorno ripeto le parole di San Paolo: Amo il bene che non faccio....
    Buona serata a tutti! Grazie Gus.

    RispondiElimina
  2. Matteo 7,7-14

    7 Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete; bussate e vi sarà aperto. 8 Perché chiunque chiede riceve, chi cerca trova e sarà aperto a chi bussa. 9 Vi è tra voi qualche uomo che, se suo figlio gli chiede del pane, gli darà una pietra? 10 O se gli chiede un pesce, gli darà una serpe? 11 Se dunque voi, che siete malvagi, sapete dare buoni doni ai vostri figli, quanto più il Padre vostro, che è nei cieli, darà cose buone a coloro che gliele chiedono. 12 Tutte le cose dunque che voi volete che gli uomini vi facciano, fatele anche voi a loro, perché questa è la legge ed i profeti. 13 Entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono coloro che entrano per essa. 14 Quanto stretta è invece la porta e angusta la via che conduce alla vita! E pochi sono coloro che la trovano!


    La fede vissuta con radicalità è la via stretta, appunto metaforicamente l'immagine che ho postato.

    Grazie Lucia.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Migliore ipotesi per questa immagine: porta stretta vangelo.
    ricerca immagine con Google.

    RispondiElimina
  4. Immagine bellissima! Difficoltà a salire i gradini della vita....ma ci attende una luce radiosa! Grazie Gus. Buonanotte.

    RispondiElimina
  5. La fede non è un’ideologia ma una scelta di fatti concreti che il cuore e la ragione ti portano a fare come conseguenza di un incontro con la persona di Gesù Cristo.
    La fede non è statica, ma un cammino con lo sguardo al cielo, ma le mani tese per accogliere ciò che il Signore ci prepara .
    Buona e serena notte!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Dani.
      Grazie per il commento.

      Elimina
  6. Mi fai pensare alla SPIRITUALITA' , quel sentimento che va oltre la materia, quel sentimento che può esprimersi anche attraverso l'amore e l'affetto. La spiritualità è il livello più alto nella vita umana, quel livello che fa appello all'itelligenza, che può sfociare i nella FEDE in un essere superiore, che appartiene a tutte le religioni .A mio parere la spiritualità equivale alla religione perchè la spiritualità vive all'anima e vi attinge continuamente.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Fede è la spiritualità che sfocia verso il trascendente.
      Ciao Cri.

      Elimina
  7. La fede è il rischio di essere felici. È la prima parola che apre la buona novella cristiana, all’annunciazione chaîre: Rallegrati,
    Maria, sii felice (Lc 1,28). Ma non è Maria ad essere felice, è la sua fede.
    Lo confermano Elisabetta: «Beata te perché hai creduto» (cfr. Lc 1,45) e
    Gesù, che dice a Tommaso: «Beati quanti crederanno» (cfr. Gv 20,29).
    Nella fede affiora una beatitudine pronta a fiorire, come le mie future rose. È tempo di parlare della gioia di credere, di una fede felice. Perché credere fa bene.
    Avere fede, porre fiducia in qualcuno, uomo o Dio,, raddoppia la vita, porta l’esultanza nell'incontro, per una piccola barca è un approdo e è la promessa di felicità per il cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La certezza della fede è una Grazia del Signore.
      Ciao Lucia.

      Elimina
  8. Alla mia vita di sicuro, specie quando ho avuto un grave lutto in famiglia, guai se non avessi avuto la Fede a darmi un senso a continuare a vivere... sicuramente non sarei qui, fisicamente, a scriverti questo commento.
    Buona serata Gus

    RispondiElimina
  9. Ciao Gus.
    Bella riflessione...la mentalità borghese e' ovunque, purtroppo, in noi e ovunque.
    Il famoso divertissement di Pascal? Non so che filosofo era...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Singerfrapp.
      Grazie.
      Sì, concordo con la tua riflessione.

      Elimina