venerdì 12 dicembre 2014

Vigilare con attenzione





A me un mondo che spegne la coscienza, appare chiaro, poi tutto è relativo e soprattutto siamo liberi di chiamare 'bene' anche un mondo che genera questi effetti negativi. Invece nella dinamica di Dio tutto concorre a un bene superiore, chiamiamoli 'lavori in corso' di un lavoro molto più complesso e che sicuramente sfugge alla nostra limitata visione di qualsiasi cosa ci circondi e ci comprenda, contenga.
La nostra coscienza non deve addormentarsi e spegnersi, dobbiamo vigilare su ciò che accade e non abituarsi alle brutture, non deporre le ‘armi’ per stanchezza, demoralizzazioni, superficialità, perché abbiamo delle armi (fortezza, intelletto, sapienza, scienza ,ecc.), che lo Spirito del Signore ci ha donato, facciamone uso.
Forse accade perché sono le 'scelte' a fare la differenza. La maggior parte del mondo abituale sta con il nero e il bianco insieme, insomma un coperchio per ogni pentola pur di aver una vita tranquilla, ma l'adrenalina che distingue i giorni (spesso anche nella sofferenza) è la fedeltà a una 'scelta' che ti costringe a schierarti e a rimanere 'vivo', come diceva Oriana Fallaci, sempre con il fucile in mano alla finestra, a difesa dei tuoi valori.





42 commenti:

  1. Tuttavia la società capitalistica sta assistendo e determinando un declino della capacità di attenzione che porta al suo culmine la perdita dell'effetto ipnotico dei messaggi.
    Le nuove forme di cinema e musica frammentano i contenuti in parti sempre più piccole così che entro poco messaggi più lunghi di cinque secondi non saranno più comprensibili.
    Il cinema abbandonerà allora ogni forma e grammatica, non avrà più senso la trama e tutto ciò che da organicità alla rappresentazione.

    RispondiElimina
  2. Forse mi sta sfuggendo il nesso tra la necessità di vigilare e gli istericismi del montaggio cinematografico (che pure esistono, ma non credo vogliano eludere la percezione di un messaggio, ma anzi, esaltarla..)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si chiama neurofisiologia.
      Studia il cinema non per il contenuto, gli attori, gli autori o qualsiasi altro aspetto, ma per una cosa chiamata dialettica neurale, opposizione di luce e oscurità.
      Così non conta l'immagine ma il mezzo meccanico che la riproduce
      se il cinema è ipnosi (per via della persistenza retinica credo)
      la politica usa lo stesso sistema: è con l'ipnosi che si controllano i popoli
      Tuttavia la società capitalistica sta assistendo e determinando un declino della capacità di attenzione che porta al suo culmine la perdita dell'effetto ipnotico dei messaggi.
      Le nuove forme di cinema e musica frammentano i contenuti in parti sempre più piccole così che entro poco messaggi più lunghi di cinque secondi non saranno più comprensibili.
      Il cinema abbandonerà allora ogni forma e grammatica, non avrà più senso la trama e tutto ciò che da organicità alla rappresentazione.
      Le canzoni si limiteranno a ripetere frasi cortissime e sconnesse, si arriverà a comunicare con una sola immagine, singoli input fino ad un massimo di tre secondi.
      L'ipnosi ovviamente non sarebbe più possibile
      niente più mistificazione.
      Il potere perderà il controllo delle masse perché non potrà impartire ordini.
      Adolescenti idioti faranno una specie di rivoluzione fra grugniti, annusate e altre espressioni istintive primordiali fino a che uno sparuto gruppo di sopravvissuti intellettuali, studiosi di cinema, con una capacità di attenzione appena superiore si prenderà cura di loro e li aiuterà a recuperare la facoltà perduta costituendo ovviamente uno stato socialista.

      Elimina
    2. Veramente sapevo che erano i frame subliminali, coscientemente impercettibili, a rincitrullirci del tutto. Ipnosi 2.0.
      Comunque meglio uno studioso di cinema che Salvini, al potere ;)

      Elimina
  3. Non sapevo che per difendere i propri valori fosse necessario stare con il fucile in mano alla finestra...Sinceramente preferivo la prima oriana fallaci, l'ultima è meglio dimenticarla e apprezzare di più Terzani.
    I valori o li hai o non li hai, non c'è bisogno di difenderli e poi da chi? Dai mussulmani come diceva la signora Fallaci?
    Mi auguro che il tuo sia un copia ed incolla e non un pensiero della tua mente, visto che siamo a Natale...
    Buon pomeriggio Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se la Fallaci avrebbe puntato anche il fucile contro di questo:
      http://farfalla-leggera.blogspot.it/2014/12/fa-paura.html...
      Ahimè!

      Elimina
    2. Anna Maria, Oriana era malata di cancro. Gli ultimi tempi si è lasciata andare. La sua presa di posizione contro i musulmani è orribile.
      Io ho usato la sua frase in senso metaforico, cioè armarsi d'amore.

      Ciao.

      Elimina
    3. Per l'arrivo del Dalai Lama a Roma è prevista una manifestazione di protesta di cinesi. Tu sai che la Chiesa sta tentando di stringere rapporti d'amicizia con la Cina. Non approvo ma capisco le motivazioni.

      http://archiviostorico.corriere.it/2014/novembre/23/dialogo_tra_Cina_Vaticano_sulle_co_0_20141123_6554b2ee-72dd-11e4-b6c4-3518471d589e.shtml

      Elimina
    4. A me ha dato molto fastidio il mancato invito del Dalai Lama in Vaticano per motivi di "opportunità". Spero che Papa Francesco inizi ad agire invece di augurare Pace e "Buon pranzo!"

      Elimina
    5. Anche a me ha dato fastidio considerando il fatto di come i cinesi hanno "trattato" finora il Tibet e considerando il fatto che è proprio il nostra Papa a parlare di pace. Ma evidentemente la "politica" vaticana ha più importanza ed allora come dice Gus: Non approvo ma capisco le motivazioni.
      Oppure possiamo metterci anche noi alla finestra con il fucile in mano come scriveva la Fallaci e sparare contro il nemico chiunque esso sia...ma io personalmente NON sono d'accordo, io preferisco il dialogo.
      Buona giornata Gus

      Elimina
  4. ComPRENDO la disGUS-SIONe, ma SEGUO chi mi libera da questo MONDO ... comPRENDEnDOLO COME una SUcCES-SIONe di TEMPI per arrivare al GIORNO del FIGLIO dell'UOMO.
    Sembrerà strano ma sono le ultime parole che ci salvano.
    VIO LENTI ma in A-MORE e rendendo GRAZIE a TUTTI. SOPRAtTUTO chi ci ha ... PROVATI.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un cristiano è tenuto a rendere viva la parola di Cristo. Non basta che venga Lui a liberarlo da questo mondo.

      Elimina
    2. Ma sapete almeno quello che FATE oltre a quello che dite?
      Vi sentite VERA-MENTE liberi di esSERE CRISTIANI?
      Non sapete che il BUO DIO potrebbe rendere TUTTO questo MONDO come una FARSA, una comMEDIA, una TRAgeDIA per TENTARVI, PROVARVI e GIUDICARVI se siete "DEGNI" dle CIELO Superiore?
      Vi ricordo che siete in quello più INFERO.

      Elimina
    3. HAI BESTEMMIATO LO SPIRITO SANTO?
      in "Non basta che venga Lui a liberarlo da questo mondo".
      Ma che CAZZO studi?
      STUDI cinematografici?
      ATTORE= IPOCRITA.
      CIAK, ripetere la SCIENA e meriti di venire FRUSTATO veramente per RENDERE la "SCEMA" più VERA.
      Tu non sei un CRETIE'N.
      Tu pensi di fare lo SCEMO per non andare alla VERA GUERRA.

      Pubblicherai?
      Sai quanto mi FREGA!

      Elimina
    4. Angelo, tu hai scritto che venga a liberare te. Io voglio che venga a liberare tutti.
      Certo che pubblico. Ognuno di noi si assume le proprie responsabilità.

      Elimina
    5. Sei geloso che io chieda di liberare me, lasciando a gli altri la LIBERTA' di SCELTA?
      Vuoi che IO PREGA anche per te?
      Qualunque sia POI il MODO di liberare te?
      Tu CREDI che chiedendo di liberare TUTTI ... ti salveresti anche tu?
      Gesù, invece, chiede di SALVARE SOLO chi il PADRE gli ha DATO.
      Non si salvano TUTTI. Poi TUTTI in quale modo?
      TUTTI CHI?

      Elimina
    6. Noi non sappiamo chi si salva ma dobbiamo sperare che si salvi tutta l'umanità.

      Elimina
    7. inVECE dovRESTI saperlo se TU sei stato preDESTINATO.
      Gli apoSTOLI lo FURONO, volendo o dolendo. Ma perché non MASTICHI le SCRITTURE come se le avessi tu stesso VISSUTE?
      Per questo non sopporto chi si LIMITA a studiarle.
      C'E' chi pur non conoscendole potrebbe sPIEGArTELE, AVEnDOLE un po'VISSUTE.

      Elimina
    8. Tu non sai niente della mia vita e delle mie esperienze.

      Elimina
    9. Mi BASTA questa TUA in questo POSTo e negli altri ancora.
      Ma tu non apprezzi il mio farti notare di certe contraddizioni. Ti piace venir osannato e il tuo anonimato non è PURO come vorresti, avendo inserito il tuo volto da giovane o di quell'ATTORE che ... NON PIACE a ME.

      Elimina
  5. TI SEI CONTRAdDETTO!
    Non posso nemmeno METTERE una BUONA PAROLA!
    Ti sei CON d'ANNAto da SOLO ... a MENO che TU mi dici il NOME di quel .. LUI.
    la vedo difficile nominarlo anche come ALFA o la MADRE di ALFA.

    Gb 40,8

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo Dio condanna e la volontà di Dio si chiama Mistero. Anche l'adultera doveva essere lapidata e poi sai come è andata finire la faccenda.

      Elimina
    2. Se parli di Dio io inTEndo il DIO di questo MONDO: SATANA!
      Tu conosci il MO'mento come anche quello di Lazzaro liberato dal sepolcro, perché puoi solo cercare di leggere e studiare. Ma io so come è andata a FINIRE.
      Che fine ha fatto Maria di Magdala?
      E Lazzaro?
      Chi TELO dirà?

      Elimina
    3. « Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Cleofa e Maria di Màgdala. » (Giovanni 19,25)

      Elimina
    4. E' l'ultima comPARSA?
      Come e dove ha terminato il SUO VIAGGIO terreno?

      Elimina
  6. Cerchiamo di essere molto attenti in merito a questi valori. Esistono vere coscienze che sono fondamentali a insegnare chi si rifiuta di accettare certe nostre scelte e la loro importanza.
    Anche solo una cattiveria potrebbe rappresentare una minaccia per i diritti e le libertà di tutti.
    Per questo e altro dovremmo dedicare tempo e attenzione alla legge che verrà applicata qualora ne riconosciamo l' identità e non solo.
    “Conoscere le zone d’ombra serve comunque” diceva Don Zega… è solo il “mistero” ,dunque, una fonte di luce troppo forte per essere riconosciuto.
    La persona di valore dovrebbe, o meglio, vorrebbe essere così mite da non chiedere nulla in cambio: solo lealtà, anche tolleranza nel rispetto assoluto per gli altri.
    La speranza più probabile avrebbe dovuto evidenziare le aspettative e ,soprattutto, i doveri e limiti. Purtroppo, si confermo il purtroppo, siamo una società fondata su troppa facile tolleranza, apatia, anche delle sostanziali differenze e, sinceramente, tale tolleranza, oggi, può resistere solo con un minimo impegno e condivisione che garantirebbe diritti e libertà di ognuno.
    Credo comunque (ne sono promotrice) che certe discussioni, anche se molto offensive, abbiano il diritto e il dovere di essere manifestate, senza alcun timore. Persone vili, ipocrite e delinquenti faticano a riconoscersi... anche quando le chiami per nome, in un sistema dovrebbe proteggere i diritti e le libertà di ognuno…si Gus, condivido: sempre con il fucile in mano e non solo alla finestra!!
    Si tratta di difendere i nostri ideali con forza e coraggio, dobbiamo essere molto chiari su questo punto: non sono quasi mai negoziabili perché gli imbecilli esisteranno sempre. Lealtà, democrazia e coraggio sono soprattutto scelte ammirevoli che è giusto promuovere…. che è giusto difendere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna seguire l'insegnamento di Cristo. Lui si imponeva con la Parola e con l'Esempio. Altrettanto dobbiamo fare noi. Non è più il tempo delle Crociate, grande errore della Chiesa.

      Elimina
    2. No! Mi spiace Gus! Io dico, ripeto... e ancora, poi meno! Tutto ha un limite! la mia vita è stata molto diversa dalla tua!

      Elimina
  7. ma capperi il diavolo ci mette sempre la coda...però
    pure le corna gli stanno bene...

    RispondiElimina
  8. Ora vado a cuocermi un nodino di vitello alla piastra antiaderente, lattuga romana, un bicchiere di rosso e una mela.
    A dopo.

    RispondiElimina
  9. ma...fai il copia anche nel cibo? Ho già letto. :-(

    RispondiElimina
  10. Eh si, caro Gus...leggi attorno a te...solo per dirti ancora una volta che non mi sbagliavo!
    Dal maestro all'alunna....Ma dimmi con chi vai e dirò chi sei....nemmeno qui mi sbaglio....

    Ps vai a leggere il mio post. Ho cercato di sdrammatizzare.
    Malattie a parte, malgrado tutto nemmeno l'arte la salverà! :-(
    Notte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono andato a sparlare su " Cenntopassi".
      Ora leggo il tuo IP, scusa il tuo post.

      Elimina
  11. Che gioia!!! sono diminuite le visite! Mi piace: poche ma buone!
    fai finta di non capire eh?... vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso che bisogna pregare il Padre e coerenti con se stessi fare quello che si promette.
      Lo penso per me, per te e per gli altri.
      Solo questo c'è da capire.

      Elimina
  12. Sii? Non commenti più da me? Ti metterei la faccina verde con il sorriso cattivo ...se l'avessi!
    Gus, arriverà la resa dei conti. se TU sei, anche in parte o di parte responsabile sarò SPIETATA CON TE, soprattutto con TE!
    Non mi piace nel niente quello che hai appena scritto!
    E' qui che c'è...epicentro... da qui entrano da me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La resa dei conti vera non è quella dei blog ma quella della nostra vita quando saremo al cospetto di Dio.

      Elimina
  13. Eccerto, siamo anticamera... ma con un calcio in culo ti ci mando direttamente io!!!
    Non provi un minimo di vergogna...e io ti ho lasciato fare...
    Cosa volete da me?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho dato un buon consiglio.
      Rispondi con un'accusa assurda e lo fai per ben due volte, quando minacci di essere spietata verso di me. Rifletti, medita, fai qualcosa. Esci da questa situazione disperata.

      Elimina
  14. Mio padre li chiamava "i banderuola" Sono le tipiche persone che cambiano facilmente comportamenti, apparentemente "amici" di tutti... che istintivamente non riescono a meritare la tua fiducia.
    ....vanno dove tira il vento...e in colonna si nota.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  15. Le situazioni disperate sono ben altre.

    RispondiElimina

la paranoia è un disturbo della personalità