sabato 22 novembre 2014

L'amicizia Spirituale" di Aelredo di Rievaulx




Amare se stessi significa essere nella grazia di Cristo. Essere degni di Cristo. Solo così puoi capire l'amore e donarlo agli altri.




26 commenti:

  1. Non condivido. Nulla è instabile nei miei sentimenti...non mi sarei ammalata se avessi saputo volare alto..,,Sono poco furba..quello si!
    E io non mi amo. Anzi, riesco a fare bene per gli altri e non per me, altrimenti non sarei qui a ...raccontarmela...Potevo fare di più? E' il mio tormento quotidiano tra gli altri. Siamo nati per soffrire. :-)
    Ora vado. Mi riservo di rileggere attentamente il post stanotte !
    Ciao.
    Ps sarebbe questo il post che piace a me??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti piace il post. Ormai è scritto.
      Ciao.

      Elimina
  2. Credo che l'amicizia sia una comunione di cuori
    PS vedo che leggiamo gli stessi siti... ne sono compiaciuta. Buon wend Gus

    RispondiElimina
  3. POSTo inTE-RESSAnte.
    In questo CO-MANDAMENTO è CELATA la VERITA' della CREAZIONE e della VENUTA del FIGLIO tra NOI.
    E' una questione di TEMPO!
    Si deve amare prima l'altro per amarsi o il contrario?
    Il VERO PROSSIMO è coLUI che ti rivaluta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amare se stessi significa essere nella grazia di Cristo. Essere degni di Cristo. Solo così puoi capire l'amore e donarlo agli altri.

      Elimina
    2. Vedi, cOME rispondi?
      Per sentito dire!
      Ma siccOME conosco la tua scaltrezza, prendo questa TUA risPOSTa come una DIFESA.
      Tu ti reputi DEGNO di AMARE il TUO CORPO - TEMPIO di DIO?

      Elimina
    3. Vero che è un furbetto? Lo sei anche tu , Angioletto. Domani ti sistemo per le feste. Ho già preparato il discorsino per la riunione....

      Elimina
  4. "Amo l'amicizia, questo amore che non si esaurisce mai" Hervè Hamon
    E' nell'amicizia che i cuori si espandono l'uno nell'altro. Si penetrano, non sembrano più divisi essendo riuniti al centro della carità.Con un'amico vero puoi aprire completamente il tuo cuore certa di essere compresa, accettata, e sono sicura che le parole espresse si trasformano, attraverso le varie riflessioni, in luce che aiuterà ad innalzarsi, per purificarsi, per donare dolcezza ma anche forza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gus. Buonanotte e buona Domenica in Cristo Re.

      Elimina
    2. Grazie Lucia. L'amicizia è un rapporto umano che vola alto.

      Elimina
  5. Vola alto intesa come indifferenza. Siamo ancora ben ancorati in questo mondo, Gus....più o meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. «Odio gli indifferenti? L'indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti. L'indifferenza è il peso morto della storia».


      Gramsci.

      Elimina
  6. Gramsci? Non mi interessa. Mai conosciuto... nemmeno virtualmente ;-)
    .... "Ma dal momento che questo amore abbraccia molte persone, dobbiamo scegliere tra queste chi possiamo
    ammettere con un vincolo più familiare nell’intimità dell’amicizia riversando
    abbondantemente il nostro affetto, aprendo il nostro cuore fino a mettere a nudo, i suoi pensieri e i suoi desideri più profondi"......e pure i tuoi! :-)
    Raccontaci i tuoi sogni...oltre la tua fede e Dio!
    Notte! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Giulia, ventiseienne, è bella, alta, ha un aspetto romantico; Gramsci ne è conquistato: ricorderà «il primo giorno che non osavo entrare nella tua stanza perché mi avevi intimidito al giorno che sei partita a piedi e io ti ho accompagnato fino alla grande strada attraverso la foresta e sono rimasto tanto tempo fermo per vederti allontanare tutta sola, col tuo carico da viandante, per la grande strada, verso il mondo grande e terribile ho molto pensato a te, che sei entrata nella mia vita e mi hai dato l'amore e mi hai dato ciò che mi era sempre mancato e mi faceva spesso cattivo e torbido». E quell'immagine di lei, viandante in un mondo grande e terribile, con il suo senso doloroso di distacco, ritornerà ancora dal carcere: «Ricordi quando sei ripartita dal bosco d'argento ti ho accompagnata fino all'orlo della strada maestra e sono rimasto a lungo a vederti allontanare così ti vedo sempre mentre ti allontani a passi brevi, col violino in una mano e nell'altra la tua borsa da viaggio, così pittoresca".


      Gramsci

      Elimina
  7. Ti ha colpito molto questo scritto, vero? L'hai pubblicato più volte....anche nel forum...
    Vedo qualcosa che mi somiglia...una verità più che sofferta direi dolorosa....ma, oggi, non più...
    Su questa sensazione che ho provato scriverò un post.
    Grazie dell' ispirazione, Gus. :-)

    Ecco, Gramsci non mi piace, davvero un... romantico egoista, come molti uomini del resto..." che sei entrata nella mia vita e mi hai dato l'amore e mi hai dato ciò che mi era sempre mancato" E lui è rimasto a guardarla eh? Ma perché non l'ha accompagnata? Poverina. Io l'avrei chiesto di accompagnarmi, ma solo per curiosità.
    E' stato pure in carcere: ottimo!
    Buona domenica! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'intellettuale è colui che, in un corpo a corpo tra esistenza e idealità, rischia un giudizio storico calato nella vita del proprio Paese.
      Un giudizio che quando è autentico confina l'intellettuale in una scomoda solitudine.
      Intellettuali sono stati Gobetti, Gramsci, Testori e Pasolini.
      Scrive:

      ....dal '20 in poi ho in gran parte vissuto sotto l'incubo di ciò che sarebbe successo in Italia e della enorme quantità di forza che avrei dovuto avere per fare fino in fondo ciò che mi pareva giusto e necessario. Ero un combattente che non ha avuto fortuna nella lotta immediata, e i combattenti non possono e non debbono essere compianti, quando essi hanno lottato non perché costretti ma perché così essi stessi hanno voluto consapevolmente. Ogni nostra azione si trasmette negli altri secondo il suo valore di bene e di male. Passa di padre in figlio, da una generazione all'altra, in un movimento perpetuo.

      Elimina
  8. Cosa ci sia dietro ad un segreto cosa davanti lo vedo e il viso triste sopra ogni dubbio
    non lo nascondo e se lo faccio sbaglio.
    Io sbaglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dietro un segreto c'è l'amore di chi te lo ha rivelato e davanti il tuo silenzio per il rispetto del dono ricevuto.
      E' una considerazione che riguarda un qualcosa che so e non devo dire.
      E' vita reale e non virtuale.

      Elimina
    2. Non lo dico a nessuno...fidati..

      Elimina
  9. Quando la vera coscienza confina con la follia necessità di coraggio e leatà...si procede quasi sempre controcorrente e con determinazione, E' una scelta che esplode e non necessariamente chiede approvazioni...
    Ma non solo gli intellettuali sono più forti dei giudizi popolari e del “buon senso” ipocrita...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non siamo leali con noi stessi, come esserlo con gli altri?
      'notte Silvi.

      Elimina
    2. Tho?
      Una contraddizione sul essere DEGNI di AMARE se stessi.

      Elimina
  10. Non siamo? Parla per te!
    Chi ama se stesso non può amare gli altri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe una contraddizione in termini. Se io mi detesto e amo il prossimo come me stesso non posso che detestarlo.
      Non hai capito il significato che Aelredo di Rievaulx dà all'amore verso se stessi.

      Elimina
  11. Altruismo e generosità sono difficili da accordare e valutare anche. Ma dobbiamo tendere ad essi. Con altri occhi decisamente. p.s. a Silvi: infatti il trucco è amare gli altri "come" se stessi; ovvio che sia arduo, ma non impossibile ;)

    RispondiElimina

la paranoia è un disturbo della personalità