martedì 18 novembre 2014

Apriamo gli occhi sulla schiavitù infantile

Corsera  ventisettesima ora 



Mentre leggete questo articolo, 5,5 milioni di bambini in tutto il mondo perdono la loro infanzia nella schiavitù. Vengono picchiati, sottoposti ad abusi, spesso a violenze sessuali. Costretti a lavorare in bordelli, miniere, fabbriche di mattoni, pescherecci, alberghi. O in abitazioni private come domestici. In molti casi diventano soldati, spose-bambine o spacciatori di droga
La schiavitù infantile è all’apice della sua diffusione. Ogni giorno si vendono sul mercato nero bambini di appena cinque anni a prezzi più bassi dei capi di bestiame. Una volta caduti nelle mani dei nuovi padroni, sono costretti a lavorare anche 20 ore al giorno. Le bambine sono particolarmente a rischio, perché più vulnerabili allo sfruttamento sessuale, una delle forme di schiavitù più redditizie.
Se da un lato la globalizzazione ha contribuito ad abbattere le barriere tra le nazioni, dall’altro ha favorito la domanda di lavoro minorile come mai prima d’ora. Avete mai pensato che i componenti dei telefonini che usiamo ogni giorno, le scarpe che portiamo ai piedi, il tè che sorseggiamo potrebbero essere stati prodotti da schiavi bambini?
Il punto di partenza è l’istruzione. Tutti i bambini – a prescindere dall’etnia, dal genere, dalla religione e dalle capacità individuali – hanno diritto all’istruzione, e i governi devono compiere uno sforzo congiunto affinché questo obiettivo diventi una priorità a livello globale. È necessario elaborare strategie innovative per colmare il gap dei finanziamenti alla scuola e garantire l’istruzione primaria universale.
La macchina della giustizia ha bisogno di una profonda revisione. Oltre all’esigenza di un’azione più efficace per contrastare il traffico di minori, occorre tener presente che spesso sono i funzionari corrotti – a tutti i livelli gerarchici – i principali alleati di trafficanti e sfruttatori.
Gli imprenditori devono assicurarsi le loro catene di fornitura escludano l’impiego di lavoro minorile e di qualsiasi forma di schiavitù. Troppo spesso non sanno, o scelgono deliberatamente di ignorare, cosa avviene a monte della filiera. E noi, come consumatori, dobbiamo chiedere serie garanzie che tutto ciò che mettiamo nella busta della spesa non derivi dallo sfruttamento di minori.

44 commenti:

  1. Stiamo perdendo di vista una generazione di bambini. Li stiamo derubando della loro vita. Se vogliamo offrire loro una nuova opportunità, dobbiamo far fronte comune e impegnarci per porre fine alla schiavitù infantile, la piaga del nostro tempo. Insieme possiamo farcela. Apriamo gli occhi.

    RispondiElimina
  2. Se useremo i mercati come leva virtuosa, dunque, otterremo un cambiamento in tempi assai più rapidi. I governi possono impiegare anni per approvare le leggi, e addirittura di più per farle rispettare, mentre le multinazionali sono in grado di garantire con molta più celerità che i fornitori non commettano violazioni dei diritti umani, con effetti tangibili a livello globale e risvolti positivi sulla vita di milioni di persone.

    RispondiElimina
  3. Carissimo FRATELLO, se tu comprendessi VERA-MENTE quanto riportato nella Sacre Scritture e quello che il CRISTO stesso CI DISSE per COSA era VENUTO "A ARE" in un CORPO cOME il nostro, all'ORA saresti pronto a TUTTO.
    Anche a dare la VITA per uno solo di questi PICCOLI che se sapessero VERA-MENTE la VERITA' delle cOSE del CiE-LO ... non farebbero a camDIO con uno DEI nostri bAMBIni che sono STUPRATI nello SPIRITO a vantaggio della carne.

    EpPURE Gesù ha sPIEGATO tutto su queste proVOCAZIONI scandalose.

    Ma chi le riVELERA' a VOI sVELAnDOLE ad ALTRI?

    SIETE PRONTI per PORTARE il PESO?
    Di a.C.cogliere coLUI che ha preso su di se TUTTO il PECCATO?

    Dareste un EURO ad uno storpio che viene costretto a essere MEZZO di ricchezza per CHI gli lascia solo un pezzo di pane duro e un po' di acqua, in cambio ti tutto quanto perCEPITO dalla nostra FALSA MISERI-COR-DIA?

    Lo prendereste con VOI un SEPOLTO VIVO da chi non ammetteva che si FOSSE ribellato dall'ESSERE MEZZO di ricchezza materiale?
    Sareste in grado di RENDERLO trasMETTItore del CRISTO?

    PADRE e MADRE di TUTTE le CHIESE "Lateranensi?
    A chi è dedicata questa chiesa di PIETRA?
    Perchè il Papa la prende in POsSESSO?

    Ma sanno quello che FANNO o anche questo è diventato OGGETTO di TRAdizione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Praticamente non facciamo niente.

      Elimina
    2. Il mio comMENto al tuo NON facciamo "NIENTE" è andato PERSO.
      Il MIO AMO gettato nello STAGNO è stato come una pietra senza ritorno.

      Elimina
    3. Perso? Sarà nascosto tra le pieghe dei blog.

      Elimina
    4. Spero che la tua ironia venga da un VERO FIGLIO del MONDO che VUOLE NASCOndere la VERA LUCE.
      Volevo anche cancellare il MIO inTErVENTO, ma ho preFERITO non afFONDARE il DITO nella PIAGA.
      Se vuoi SONO disponibile a discuterne a QUATTROCCHI, virtualmente parlan... scriVENDO.
      Vorrei tanto MORIRE per eVITAre di spifferare la VERITA' su CHI VERAmente controlla TUTTO quello che avVIENE con il BENEplacido conSENSO del PADRE.
      Io non CiELaFACCIO a sopportare queste PROVE di sofFERENZA SPI...RITUALE, anzichè carnale.

      I commenti si perdono quando non sei connesso con il proFILO e nel momento che lo confermi ... non trovi nemmeno la pausa per la TUA A-PRO-VAZIONE.

      Mi preoccupano solo CHI pensa di stare nel GiUSto, non ApPRO-fondendo e scoprire COSE nascoste.

      E capire la VERA CAUSA di questo massacro di CARNE da MACELLO.

      Il CREDENTE non può uscirsene cOME un A-TEO politicizzato.
      Il VERO credente VA olTRE.

      Elimina
    5. Il Padre sa quello che fa e non sta a noi giudicarlo.
      Il Figlio ci ha insegnato ad amare il prossimo e su questo principio va il nostro impegno.
      Un blog è fatto per parlare e ascoltare.

      Elimina
    6. Lo DICI aMEn o al FIGLIO adESSO e da TEMPO PADRE in TERRA?
      SErPEr questo anche l'ELIELOI che ci ABBA'...DONA fa quello che DEVE FARE!
      A-MARE con quale CALICE?
      PUNIRE chi non sa quello che FA per VOLERE dididididi ...OOOOO!
      SVEGLIA!
      Con SOLA! SEMPRE cOME ti HO semPRE VISTO FARE!
      E ricordati che un A.T.to di MISERIcorDIA cancella TUTTI i P.E.C.cATI!

      Un cane può mangiare da un cassonetto, ma un BIMBO tra le BRACCIA di una VITTIMA di un'ALTRA VITTIMA cOME potrà MANGIARE e da GRANDE riBELL'ARSI ... se non contribuisci a quel GIOCO sPORCO?

      Io NON SONO CONTRO di TE.
      IO SONO CON TE!
      E con tutti!

      Tutto quello che avVIENE EVOLUTO dal PADRE, nel male e nel BENE, a vantaggio TUTTO nostro.
      Non per una VITA, AMORE e PACE cOME la dà questo MONDO!
      Ma per il SEmPRE E TERNO, non più imMORTALE!

      Tu mi hai sempre difeso, ma non ancora CERchiaATO!

      DISturbavo TROPPO le COsiDOTTE CO...MARE!

      Elimina
    7. Comari? Ognuno vive la propria fede secondo conoscenza e amore.

      Elimina
    8. PECCATO che in questa conoscenza e amore rientra l'ALTRO, cioè il prossimo. Che sia il carnefice o lavittima poco importa se è vero che in LORO c'è coLUI che OPERA per il nostro BENE!

      Dovresti leggere la VITA di alcuni SANTI che riconoscevano l'OPERA del PADRE anche in CHI infliggeva le GIUSTE PENE.

      Elimina
    9. Anche il prossimo fa parte della conoscenza e dell'amore.

      Elimina
    10. PERDONAnDOLO perché FA quello che LUI non sa ma NOI SI.

      Elimina
    11. Bisogna anche pregare per il prossimo.

      Elimina
    12. Ma smettila Gus, nemmeno un prete direbbe di pregare troppo... se poi non si conclude nulla. Gli indiani non avevano altro da fare che pregare ogni momento...eppure, ancora oggi, molti di loro muoiono di fame.

      Elimina
    13. Luca 18 Conferenza Episcopale Italiana (CEI)

      Il giudice iniquo e la vedova importuna

      18 Disse loro una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi: 2 «C'era in una città un giudice, che non temeva Dio e non aveva riguardo per nessuno. 3 In quella città c'era anche una vedova, che andava da lui e gli diceva: Fammi giustizia contro il mio avversario. 4 Per un certo tempo egli non volle; ma poi disse tra sé: Anche se non temo Dio e non ho rispetto di nessuno, 5 poiché questa vedova è così molesta le farò giustizia, perché non venga continuamente a importunarmi». 6 E il Signore soggiunse: «Avete udito ciò che dice il giudice disonesto. 7 E Dio non farà giustizia ai suoi eletti che gridano giorno e notte verso di lui, e li farà a lungo aspettare? 8 Vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell'uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?».

      Elimina
    14. Un Giudice che fa il suo dovere solo per evitare che una vedova continui a rimproverarlo? Lo farà senza onorario? E se l'avversario ha ragione sulla vedova?
      Tu mi dirai che il senso della storia è per non farci smettere di pregare, ma CHI E' il GIUDICE INIQUO?
      Tu ti faresti aiutare da UNO che ti fa giustizia a prescindere?
      Ahi ihA ihaI, ma perché non interrogate il MAESTRO su queste contraddizioni che vi provoca continuamente con queste PARA-bole?

      Elimina
    15. Noi non cerchiamo la giustizia ma la Misericordia.

      Elimina
    16. ApPUNTO! Bisognerebbe controllare la TRAduzione.
      Esiste una apparente iniquità nella MISERICORDIA.

      Elimina
    17. La parabola è una storia il cui significato ti porta a Dio.

      Elimina
    18. TUTTO PORTA a DIO. Anzi E' in TUTTI gli ANGOLI della nostra esistenza.

      Elimina
  4. Singolarmente posso fare molto poco, se non essere vigilanti, sensibilizzare, e fare da cassa risonante.

    Lavoro minorile: la posizione dell'UNICEF.

    Il lavoro minorile è una delle forme più note e discusse, anche in seno all'opinione pubblica, che assume il macrofenomeno della povertà.

    Nessun bambino al mondo lavora continuativamente senza che vi sia, alle spalle, una storia di bisogno economico e di negazione dei diritti. Questa realtà colpisce le coscienze e induce molti a proporre soluzioni drastiche, che però nei fatti finiscono per rivelarsi inutili, se non controproducenti.

    L'UNICEF considera con attenzione l'evolversi del lavoro minorile, adottando in ogni paese soluzioni compatibili con il grado di maturità normativo, con la cultura dominante del lavoro e con le concrete condizioni di vita delle famiglie.

    In particolare, considera prioritario combattere le peggiori forme di sfruttamento del lavoro minorile: quelle che ledono la dignità del minore, pongono a serio rischio la sua salute psico-fisica o che lo privano anche delle minime opportunità educative.
    Grazie August, sereno pomeriggio.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno prendiamo coscienza del problema.
      Buona serata.
      Ciao Dani.

      Elimina
  5. Nel nostro piccolo potremmo iniziare a non comprare più Nike cucite dai bimbi. Ma sarebbe una goccia indignata nel mare di vergogna. Un mare che, comunque, sommergerà lui, noi. Perché le nefandezze cui andiamo incontro destabilizzano il pianeta a ritmo incalzante. Irreversibile ormai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto attento a non comprare prodotti di Paesi che praticano il lavoro minorile.
      Lo sai Franco che è molto difficile scovarli.

      Elimina
  6. Il mercato Eco-solidale- Guido, uno dei miei nipoti, ha aperto a Novara, da anni, un negozio per il commercio eco-solidale. Lui e la moglie si sono recati personalmente in Brasile per contattare i fornitori di caffè, cioccolato ecc.
    Questi prodotti sono un po' più costosi di quelli che troviamo nei nostri supermercati, ma almeno siamo sicuri che nessuno è stato sfruttato, anzi ricompensato per il lavoro faticoso della raccolta nei campi. Le donne ricamano benissimo.
    Impariamo a conoscere questi negozi.
    Certamente saprai che nel mercato sessuale delle bambine gli italiani sono i più presenti. Vergogna! Grazie Gus è giusto conoscere dove il male prolifera senza che le coscienze s'indignino! Buonaserata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui ci sono solo supermercati tradizionali e tanti centri commerciali. Molte ragazze slave si mettono nell'ingresso di una parrocchia per l'elemosina e prendono in affitto bambini piccolissimi.
      Ciao Lucia.

      Elimina
    2. Se ci sono bambini o cani io non faccio elemosina. Enrico mi dice sempre di chiamare un vigile.....
      Questi pensieri tolgono la serenità e il sonno, ma non la preghiera. Buonanotte Gus! Bravo!!

      Elimina
    3. Buona notte, cara amica.

      Elimina
  7. Ben detto, Gus! Devono smetterla di usare le persone come se fossero dei burattini per il loro piacimento, specialmente i bambini. Difficile è sapere se stiamo comprando un prodotto dove c'è lo sfruttamento dei bambini, ma non impossibile se facciamo un pò di indagini. Buonanotte :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La barbarie perpetrata ai danni dei bambini deve essere contrastata con tutte le nostre forze.
      Ciao Michelina.

      Elimina
  8. Al Cairo, quindi non in un bazar sconosciuto, ho visto bimbi lavorare nei telai per fare costosissimi tappeti persiani. Si, quelli che molti comprano, li lavorano loro proprio perché hanno le mani piccole. I signori dall'alto (governo compreso) che li sfruttano si lavano le coscienze pagandoli pochissimo e impiegandoli al lavoro non più di 4 ore al giorno. Quindi tutto è lecito,,,normale per loro!
    I cercatori di perle sono ragazzini del sud africa, già da bimbi imparano prestissimo a nuotare, hanno polmoni d'acciaio e riescono ad immergersi ( in apnea) profondamente, e a lungo, molto più degli adulti ...tanti di loro muoiono annegati. Anche a lavorare nelle miniere preferiscono i ragazzini....
    Non commento immensa tristezza che ho provato per la prostituzione minorile, vista con i miei occhi, a Bangkok: stradine sporche e bimbi abbandonati che dormivano in terra senza nulla. Nel quartiere cinese si lavano nelle pozzanghere e molti nei fiumi, gli egiziani nel nilo alcuni divorati dai coccodrilli...Nello slam di Bombay abbiamo denunciato una associazione religiosa (don bosco di torino) che non ha costruito prefabbricati promessi a chi aveva mandato soldi. Quindici anni fa bimbi, donne e uomini vivevano allo stato brado come scimmie. In messico nello Chiapas, , i chamula vivono nelle capanne, quando arriva la stagione delle piogge vengono trascinati nel fiume in piena, sanno nuotare benissimo ma vengono morsicati dai serpenti velenosissimi ...spaventati pure loro...
    E io ero li sconvolta,...ho provato sentimenti contrastanti di odio, amore, frustrazione e enorme impotenza... ancora oggi mi chiedo cosa potevo fare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le informazioni.
      Non bisogna odiare ma pregare perché chi sbaglia comprenda e possa così ricevere il perdono del Signore.
      Buona giornata.
      Ciao.

      Elimina
    2. C.I.ArRESTA solo chiedere inFORMAZIONI ai VIGILANTI.
      Loro ti sPIEGANO TUTTO.

      Si, preGARE, ma sapendo BENE a che GARA si va inCONTRO.
      A quale AVErSAURO!

      Ma SONO STANCO e il TRAguado non so nemmeno dov'E'.

      Elimina
    3. Non bisogna mai stancarsi di pregare. Ricordati del passo del Vangelo sul giudice iniquo e la vedova.
      Luca 18, 1-8

      Elimina
    4. InSEGNAMI all'ORA a PRE-GARE!

      SONO da TEMPO fuori del vostro tempo.

      I VAN-GELI sembrano CONTRAdDITTORI, tra LORO e dentro di LORO, ma CHI ha aperto a coLUI che BUSSA perchè SCAPPA da CHI noi pensiamo BENE, lo ascolta e VALUTA quello che ci dice e non smette di NUTRIRLO ... riconoscendolo cOME un PICCOLO del CIELO.

      Tutto SARA chiaRITO, ma con il conTRIBUTO di TUTTI quelli che ne FARANNO PARTE.

      RiCORDAti di questo!
      NON DI ME nTI ... CARLO mai!

      Elimina
    5. L'insegnamento l'ha già dato Cristo.
      Ricordati anche che: "Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me".

      Elimina
    6. DiCi aMEN?
      Carissimo MEZZO (TE-me) e tutto il RESTO?
      La TRINITA comPRESA la TERza PERSOna?

      L'inSEGN'ANTE è stato anche il BATTEZZAtore!
      Il SEME della VITA nell'A.C.QUA' VIENE conSEG'NATA a TUTTI, ma quello del FUOCO?
      Non tutti riESCONO A.D.AcCOGLIERE l'inSEGNA-MENto.
      QualcUNO deve andare a riPETIZIONE!

      Elimina
    7. Qualsiasi cosa dica è diretta principalmente verso di me.

      Elimina
    8. Anche quello che DICI AMO a PAROLE, sopratutto SCRITTE, è una potenziale AUTO-RETE.
      Il CRISTO PARLA SOPRAtTUTTO A.T.TRA-VERSO il PROSSIMO, cioè l'altro, inTERnaMENTE e sTERnaMENTE.

      Elimina
    9. Autorete? Non mi chiamo Luigi Buffon.

      Elimina
    10. Per me un portiere non fa mai un autogoal, se non volontariamente. La RETE la si dovrebbe attribuire sempre a chi ha tirato.
      Intendevo un AUTO-TRAPPOLA!
      E il GOAL, anche in questo CASO, lo si A.T.triBUIsce a CHI ha dato l'imput... TANA/MENTE.
      Ci sono stupidi che si ammazzano per i colori di una squadra che è composta da individui mercenari che si vendono per poco.
      Il calcio per me è un ricordo.
      Ora disputo partite di altro GE...NERE.

      Elimina
    11. Quando uno non capisce il significato ultimo di una cosa significa che non ne conosce la realtà.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità