mercoledì 15 ottobre 2014

Lutero e il rifiuto del libero arbitrio

 
 
 
 
 
 
 
Secondo Lutero la salvezza passa attraverso le fede e le opere sono ininfluenti.
Secondo la Chiesa sono le opere ad assicurare la salvezza dell’uomo.
Intanto è indispensabile appurare il significato che Lutero e i cattolici danno ai termini “fede” e “opere”.

Leggiamo qualcosa dei Vangeli:
(a)La parabola del samaritano.
(b)Gesù crocifisso accanto a due ladroni.

La parabola del samaritano sembrerebbe favorevole a alla Chiesa. Il samaritano non ha la fede, ma aiuta un uomo perché vede in lui il suo prossimo. E’ l’opera e non la fede a salvare il samaritano.
Gesù nella croce assicura il regno dei cieli ad un ladrone che ha sbagliato tutto nella vita, ma nel momento cruciale riconosce in Cristo il figlio di dio. Guadagna la salvezza attraverso la fede
Secondo Lutero si arriva a dio attraverso la Bibbia. Non ammette la mediazione di un papa. In pratica diventa un papa senza accorgersene, ma va oltre i diversi dogmi della Chiesa, e mi sembra cosa intelligente.
L’atro postulato forte di Lutero è il rifiuto del libero arbitrio. Diciamo che è una sciocchezza. Solo l’intervento diretto di Dio potrebbe evitare all’uomo l’errore, che teologicamente si chiama peccato.
Con un uomo perfetto non staremmo qui a parlare di religione.


18 commenti:

  1. Nemmeno io credo nel libero arbitrio applicabile al dio cattolico.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miki, ora siete in due. Tu e Lutero.

      Elimina
    2. Credo che in realtà siamo in tanti, per fortuna^^

      Moz-

      Elimina
    3. Dio ha creato gli esseri umani a sua immagine (Genesi 1:26). A differenza degli animali, che agiscono soprattutto per istinto, noi somigliamo a lui perché abbiamo la possibilità di manifestare qualità come amore e giustizia. E come lui, abbiamo il libero arbitrio.

      Elimina
  2. Aspettavo da tempo un tuo post su Lutero. Giussani rispettò il genio religioso di Lutero, nonostante i disastri di cui fu causa la sua posizione nei riguardi della Chiesa. Leggo:
    Lutero al capezzale di un malato:"Codesto dev'essere l'Angelo della vita che diventa l'Angelo della morte, Egli ci tenta con la menzogna e con l'omicidio. Dovete vincere questa tentazione e non dovete averne paura, ma lasciare che vi sia cara." Più avanti:"Perchè lottare contro i peccati? Anche se tu avessi i peccati di tutti gli empi, la fede in Cristo, tuttavia, li vincerebbe tutti. Ahimè! ci manca solo la fede!". Ho smesso di leggere. Non capisco. Buonagiornata caro amico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ultima papessa luterana è stata arrestata per ubriachezza molesta.
      Lutero è un imbroglione genialoide. Sfruttando quello che l'ingenuo S.Agostino ha scritto ha fondato una religione.

      Elimina
  3. "Con un uomo perfetto non staremmo qui a parlare di religione". Parole sante. ;)

    RispondiElimina
  4. Quello che affermano i protestanti è inaccettabile.
    La predestinazione nel suo aspetto più vasto si riferisce al fatto che il Dio trino abbia preordinato tutto ciò che deve accadere.
    Dall'eternità Dio ha sovranamente determinato tutto ciò che accade nella storia.
    L'aspetto o uso più stretto del termine, è che Dio abbia scelto dall'eternità un numero determinato di persone destinandole ad essere in eterna comunione con Lui, accordando loro la grazia, mentre ha determinato che il resto dell'umanità vada per la sua strada, cioè segua la via del peccato fino alle sue estreme e giuste conseguenze (la punizione eterna).
    Nel frattempo lui gioca a scacchi.
    Perché dovremmo pregarlo se ha già deciso tutto?

    RispondiElimina
  5. Il tuo ragionamento mi piace moltissimo.
    Per quel che so Dio ci ha dato la facoltà di scegliere, o il bene o il male.
    In funzione a questa scelta ci salviamo o ci condanniamo.
    Se non fosse così allora non doveva neanche esistere "la scelta".
    Questo so per il resto rimando a chi conosce meglio i fatti da te descritti.
    Aggiungo che la Fede ci aiuta a non errare, non siamo perfetti e credere e soprattutto attuare ciò che Lui insegna è come avere uno scudo indistruttibile.
    Ciao Gus, bravissimo come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che dici mi sembra una verità inconfutabile.
      Grazie.
      Ciao Pia.

      Elimina
  6. C'è anche una fondamentale differenza nella dottrina luterana che è il non ritenere, che nell’Eucarestia vi sia la transustanziazione ma la consustanziazione, e prendere in considerazione solo due Sacramenti: Battesimo e Eucarestia perché gli unici menzionati nella Sacra Scrittura.
    Sempre molto interessanti i tuoi post, inoltre favoriscono ricerca e riflessioni.
    Buona notte August.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti Lutero stravolge la dottrina della Chiesa usando la menzogna.
      La vita di Cristo è la morale perché le regole della Chiesa sono l'applicazione degli insegnamenti di Cristo.
      Per capire l'amore come Cristo lo intende dovremmo essere anche noi Cristo.
      Per esempio i Sacramenti non li ha inventati la Chiesa ma sono istituiti da Cristo.


      Battesimo.
      Confermazione.
      Eucarestia.
      Penitenza.
      Unzione degli infermi.
      L'Ordine.
      Il Matrimonio.


      I sacramenti toccano tutte le tappe della vita del cristiano.


      Il Battesimo è il fondamento di tutta la vita cristiana perché apre l'accesso agli altri sacramenti.
      Nei Vangeli è scritto che Gesù stesso che era immune dal peccato originale volle farsi battezzare dal Battista.


      La prima origine del sacramento della Confermazione risale agli Apostoli che attraverso l'imposizione delle mani comunicavano il dono dello Spirito a completare la grazia del Battesimo.


      L'Eucaristia fu istituita nell'ultima cena da Cristo:


      Matteo:


      Ora, mentre essi mangiavano, Gesù prese il pane e, pronunziata la benedizione, lo spezzò e lo diede ai discepoli dicendo: "Prendete e mangiate; questo è il mio corpo".
      Poi prese il calice e, dopo aver reso grazie, lo diede loro, dicendo: "Bevetene tutti,
      perché questo è il mio sangue dell'alleanza, versato per molti, in remissione dei peccati.
      Io vi dico che da ora non berrò più di questo frutto della vite fino al giorno in cui lo berrò nuovo con voi nel regno del Padre mio".


      Il sacramento della Penitenza:


      E detto questo, soffiò su loro e disse: Ricevete lo Spirito Santo. A chi rimetterete i peccati, saranno rimessi; a chi li riterrete, saranno ritenuti" (Gv 20:22-23).


      L'Unzione degli infermi:


      Gesù chiede ai malati di credere. Si serve di segni per guarire: saliva e imposizione delle mani, fango e abluzione.




      Il sacramento dell'Ordine è quello grazie al quale la missione affidata da Cristo ai suoi Apostoli continua ad essere esercitata nella Chiesa. E' dunque il sacramento del ministero apostolico.


      Il Matrimonio:


      Alle soglie della sua vita pubblica, Gesù compie il suo primo segno, su richiesta di sua Madre, durante una festa nuziale, le nozze di Cana.
      Vi riconosce la conferma della bontà del matrimonio e l'annuncio che ormai esso sarà un segno efficace della presenza di Cristo.


      Grazie Dani.
      Ciao e buona giornata.

      Elimina
  7. ..sul "fate questo in memoria di me" se ne può parlare, ma non credo sia fondamentale più delle parole di Pia.. bellissimo quel concetto dello "scudo indistruttibile", che troppo spesso lasciamo a casa nell'armadio, per andare a prendere una comunione meccanica...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è mai meccanico ricevere la Comunione, è una grazia che il tuo gesto magari superficiale la trasforma in cibo per l'anima.
      Prendete, e mangiatene tutti: questo è il mio Corpo....
      Nella Sacra scrittura il"far memoria" non è semplicemente richiamare alla memoria un evento, una
      persona con un atto interiore, intellettuale o psicologico, ma significa ricompiere un atto, richiamarlo con il racconto della sua storia, sapendo che nel momento in cui lo si attualizza esso ha la stessa efficacia che aveva in origine.
      «Fate questo in memoria di me», riattualizziamo quella stessa cena: scompare il tempo e noi siamo resi commensali di Gesù nel cenacolo.
      Cia Franco, buongiorno a tutti.♥
      Dani

      Elimina
  8. Sono d'accordo con tutto quanto scritto ma a volte le cose che ci accadono ci cambiano, eppure non era una nostra scelta. Allora mi chiedo: quanto potere decisionale abbiamo realmente noi? Mi piace molto questo argomento. Grazie!
    Saluti a te Gus e a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I fatti della vita ci cambiano perché la nostra fede non è salda e vacilla. Bisogna affidarsi completamente al Signore con la certezza che quello che avviene è per il nostro bene, il bene finale che è la salvezza.
      Grazie.
      Ciao.

      Elimina
  9. Hai ragione..la nostra fede a volte vacilla..ma c'è sempre il ritorno a casa...buonanotte :)

    RispondiElimina