martedì 28 ottobre 2014

La semplicità si coniuga con una grande pulizia interiore.

 
 
 
 
 
 
La vita moderna, società di consumo e di spettacolo rende difficile lo spogliamento, il distacco, la modestia. La vera semplicità è proprio quella dello spirito
Un modello di semplicità è Santa Teresa di Lisieux. "E' come se fossimo una goccia di rugiada aspirata dal sole"! Lo scriveva alla sorella Celina parlando della morte.
Bisognerebbe tornare bambini...nel cuore.


15 commenti:

  1. Modigliani disdegna dipingere quadri dove il soggetto è la natura, preferisce il ritratto delle persone che ama: la moglie (una giovane allieva fuggita di casa per seguirlo, sua compagna fedele fino alla fine. Alla morte di lui si uccise incinta del loro secondo figlio).
    Un dipinto di Modì è un mondo completo, perfetto, armonico.

    RispondiElimina
  2. Perché il trucco è più facile.

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Avevo iniziato un commento e...puff sparito.
    ""Non c'è alcuna finezza migliore e più desiderabile della semplicità" (San Francesco di Sales" "Il lkinguaggio della verità è semplice" (Seneca")
    Amo la verità. ma non sono semplice. Quando scrivo e anche in altre occasioni sono ingarbugliata!
    Certo è difficile spiegare quello che sento con semplicità. Ad esempio amo il deserto, per la sua nudità, per la sua semplice bellezza. Però l'ho visto solo nel film, in cartolina
    e soprattutto avrei paura ad andarci. Non mi piacciono le chiese piene di statue, non farei che girarmi di qua e di là. Per i paramenti liturgici: nè oro, nè argento, nè merletti.
    L'altare nudo, in modo che io possa mettervi sopra i miei pensieri, le mie preghiere.
    Certo: la vita moderna, società di consumo e di spettacolo rende difficile lo spogliamento, il distacco, la modestia. La vera semplicità è proprio quella dello spirito
    Un modello di semplicità è Santa Teresa di Lisieux. "E' come se fossimo una goccia di rugiada aspirata dal sole"! Lo scriveva alla sorella Celina parlando della morte.
    Bisognerebbe tornare bambini...nel cuore. Come vuole Gesù. Buonagiornata Gus:

    Mi è capoitato un fatto strano: quando il mio primo commento ha fatto puff è apparsa una pagina, dove tu postavi le parole di "passerotto" di Gino Paoli. Orrende. Chissà perchè proprio passerotto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il blog vuol rispondere e si inserisce. Chi è passerotto?
      Ciao Lucia.

      Elimina
    2. Il mio passerotto è proprio Valeria! Se guardi il titolo del mio blog c'è un passerotto che sta volando via....va bhè è un pettirosso, ma non ho trovato di meglio! Se riesci tu.....

      Elimina
  4. D'accordo su tutto o quasi. L'epilogo spiazza: il vero artificio non lo coglie nessuno. Su quello presunto, invece, hai ragione. In molti ci facciamo un sacco di film

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'artificio è istituzionalizzato.

      Elimina
  5. Solo chi è umile ed ha il cuore puro riesce a cogliere la genuinità del messaggio, non è malizioso ed è "vero". Purtroppo a volte ci corazziamo, e non gustiamo la semplicità, ci complichiamo la vita inutilmente.
    Ciao August, buon pomeriggio!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto il nostro desiderio è l'umiltà e questo aiuta nei fatti della vita.
      Ciao Dani.

      Elimina
  6. La semplicità è la capacità di far emergere in splendida sintesi l'essenza delle cose, e di ciò che siamo nel profondo. Ben lontana dalla banalità, la semplicità è la difficile, progressiva conquista dell'essere noi stessi, quando i vari ruoli che rivestiamo non sono più maschere, e ciò che facciamo si armonizza pienamente con ciò che siamo dentro.
    Allora anche pochi tratti di pennello diventano meravigliosamente espressivi come in questo splendido Modigliani, e le parole veramente comunicative perchè corrispondono a una verità interiore.
    Ciao, Gus e grazie!

    RispondiElimina
  7. Hai ragione quando affermi che noi adulti condizioniamo i nostri fanciulli privandoli della loro purezza.

    RispondiElimina

la paranoia è un disturbo della personalità