venerdì 10 ottobre 2014

Il nostro rapporto con il Destino

 
 
 
 
 
 

Questo scollamento della coscienza è una situazione di comodo, la metti a tacere e fai il cavolo che vuoi.
 Queste cose sono frutto della nostra immaginazione. Il cristiano sa che il suo Destino è il ritorno al

Padre.
Dio è un padre amorevole che desidera per l’uomo il massimo bene e la massima felicità, tanto da renderlo suo figlio e da regalargli la vita eterna.
La volontà di Dio è il massimo bene dell’uomo. Dio, però, non ci impone né il suo volere, né la sua presenza. Dio ci ama così tanto da lasciarci completamente liberi di scegliere se vivere con lui o per conto nostro. Ci fa conoscere la sua volontà per darci la possibilità di sceglierla.
Altro è solo il risultato della contorsione dell'uomo che cerca di svincolarsi dal suo essere creatura.


14 commenti:

  1. Oddio, è una brutta sensazione quella che descrivi.
    Ma so che se si guarda bene, il collante si trova sempre... tutto ha un senso^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miki, il problema è generale. Non divido mai il mondo tra credenti e non.

      Elimina
  2. "E' come se l'uomo fosse continuamente fuori di sé"
    A mio parere l'uomo E' fuori di sè.
    Se fosse in sè, non si sentirebbero o leggerebbero certe notizie che a me lasciano annicchilita come quel che hanno fatto al ragazzo di 14 anni...Secondo te erano in sè?

    RispondiElimina
  3. ...non riesce a unificare,( manca l'espressione " con il suo sputo")

    a incollare una dopo l'altra le cose che fa.
    Saluti
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manca il filo conduttore.
      Ciao Marilena.

      Elimina
  4. Con anche il Filo Conduttore ben chiaro, si accumulano cose senza senso dove il nichilismo si veste da campione.. puoi non crederci, ma il tuo post mi ha salvato da una fesseria che la debolezza aveva già in programma per domani.. grazie di esserci e di stimolare sempre la riflessione

    RispondiElimina
  5. Sono qui.Ho letto. Saprei rispondere ma preferisco trascriverti le risposte che alcuni ragazzi hanno dato alla domanda "Chi è per te Cristo?" E' una domanda posta da un giornale polacco di orientamento socio-culturale.(1975)
    Un operaio:"Era uno dei nostri" poi via via brevemente:"Lui permea la mia vita", "So che mi ama", "Lo vedo in ogni uomo", "Mi ha insegnato ad amare", "La presenza", "Il senso e la meta"
    Come dicevo, è un vecchio settimanale cattolico. Ovvie le risposte. Io posso essere stanca ma so che passando da una realtà ad un'altra, divento matura per la Perla evangelica, ciascuno ritrova in essa, se stesso, non quello di ieri o di oggi, ma quel se stesso che ancora non si è destato.
    "Signore che debbo fare per ottenere la vita eterna?" Ecco la via della maturazione al Regno di Dio, nascosto e dimenticato dentro di me.
    So che non ho risposto al tuo post, ma avevo bisogno di parlarti così. Buonanotte Gus,
    buona notte a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, nel volto di un uomo si avverte la presenza di Cristo.
      Abbraccio.

      Elimina
  6. Questo scollamento della coscienza è una situazione di comodo, la metti a tacere e fai il cavolo che vuoi.
    Il cristiano non crede nel destino. Queste cose sono frutto della nostra immaginazione. Il cristiano crede in Cristo.Dio è un padre amorevole che desidera per l’uomo il massimo bene e la massima felicità, tanto da renderlo suo figlio e da regalargli la vita eterna.
    La volontà di Dio è il massimo bene dell’uomo. Dio, però, non ci impone né il suo volere, né la sua presenza. Dio ci ama così tanto da lasciarci completamente liberi di scegliere se vivere con lui o per conto nostro. Ci fa conoscere la sua volontà per darci la possibilità di sceglierla.
    Altro è solo il risultato della contorsione dell'uomo che cerca di svincolarsi dal suo essere creatura.

    Ciao August, buon pomeriggio!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Teologicamente il Destino è il ritorno al Padre.
      Al banchetto del Signore molti saranno i chiamati ma pochi gli eletti.
      Ciao Dani.

      Elimina
  7. La vita è rapporto con il Destino. Tutto è rapporto con Dio. Lontani da Dio la nostra vita è vuota La luce di un nuovo mattino ci porta a ricordare che tutta la nostra giornata è di un Altro, accettarlo e offrire tutto, questa è la libertà. La libertà è questo: l'adesione all'Essere, cioè il riconoscimento che Dio è tutto in tutto. (Ada Negri:"Tutto fu bene, anche il mio male") Buonanotte Gus! e Buonagiornata per domani: io vado a Milano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon viaggio Lucia. Il Destino è come un treno che corre sulla rotaia. Il rischio è che ad un certo punto vede una bella collina piena di fiori e vuole andarci. Esce dalla rotaia e deraglia.
      Ciao.

      Elimina