mercoledì 22 ottobre 2014

I fattori costitutivi di un fenomeno





Il cambiamento di mentalità è il fattore più imponente e più significativo della vita che passa. Quando mia madre mi trascinava per le chiese ad ascoltare la musica polifonica, io andavo malvolentieri perché la musica polifonica mi sembrava un grande guazzabuglio di parole, di note. Un giorno ho sentito iniziare il Caligaverunt di Da Victoria e appena ha attaccato la seconda voce non ho più percepito la confusione, ho capito cos'era la musica polifonica. E quanto più entravano anche le altre voci, la terza e la quarta voce, tanto più diventava bello. Non era il pasticcio di prima. Questo vuol dire cambiamento di mentalità. Il cambiamento di mentalità vuol dire comprendere la natura di un fenomeno, i fattori costitutivi di un fenomeno, e percepire chiaramente la funzionalità di tutti questi fattori a uno scopo ultimo.





20 commenti:


  1. L'immagine.

    E' pura poesia quella nascosta negli scatti del giovane fotografo russo Egor Shapovalov. Una poesia che parla di solitudine, di introspezione.

    RispondiElimina
  2. E' vero: dobbiamo trovare la chiave per compredere i fenomeni. A volte questa chiave è il tempo, o l'attitudine diversa nel rapportarci col fenomeno stesso.

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Cito Antoine de Saint-Exupery:"Se vuoi costruire una nave, non preoccuparti tanto di raccogliere materiale e distribuire i compiti, ma insegna la nostalgia del mare vasto e infinito". e poi questa frase dei Promessi Sposi: "Chi dava a voi tanta giocondità è per tutto e non turba mai la gioia dei suoi figli se non per prepararne una più grande e più bella". Di quest'ultima mi era stato assegnato un tema: non sapevo cosa scrivere....
    Con gli anni ho capito la bellezza la bontà dell'esistenza. Dio ci chiama ad essere fermento positivo......crescere, maturare, cercare e porci domande......
    La domanda di oggi è "Ho capito bene?" Se non fosse così posso sempre crescere in conoscenza! Ciao Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai capito e non serviva nemmeno questo mio post.
      Ciao Lucia.

      Elimina
  4. E' proprio così come scrivi, Gus, e l'esperienza del tuo ascolto del "Caligaverunt.." - se non erro ne avevi già parlato - è bellissima. Si tratta di ricondurre tutto ad UNITA' e a un' ARMONIA che è fondere in ordine mirabile parti diverse. La singola voce con la sua particolarità trova collocazione e accordo con le altre per costruire insieme qualcosa di ancora più bello.
    E basta guardare anche alla più piccola fuga di Bach per averne la prova.
    Ma sto divagando troppo....
    Grazie e ciao!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu non divaghi ma insegni.
      Ciao Annamaria.

      Elimina
  5. E' come improvvisamente trovare la chiave giusta per quella serratura. Il passe -partou ti apre tutte le porte, una sorta di soluzione a tutti i problemi ma non sai veramente quale è la dentellatura esatta e avere la chiave di comprensione giusta .
    Ciao August, buon pomeriggio!

    Ps. Siamo in attesa del nostro compleanno :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scorpioni tremendi scorpioni.
      Duri e dolci.
      Ciao Dani.

      Elimina
  6. Anche ieri sera, i fattori costituivi di un fenomeno, c'hanno messo appena mezz'ora per chiarire il concetto ad una stralunata Roma. Spero che stasera il fenomeno si ripeta, anche se potrebbe causarti perdita di tempo, pazienza e speranza... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eupalla ha deciso che a capire i fattori costitutivi del fenomeno sconfitta saranno quelli di Atene.

      Elimina
    2. Sono destinato alla quaterna in due giorni.

      -Ieri ha perso Masha Sharapova che quando gioca urla e quindi mi sta antipatica.

      -In serata la Roma è stata asfaltata ed è cosa buona e giusta

      -oggi ha vinto Ana Ivanocic tornata grande dopo aver superato una terribile nevrosi.

      -La vittoria della Juve è la quadratura del cerchio.

      Elimina
    3. Acciderbolina. Non ti son tornate le quadrature... ma è per questo che la vita è bella... guai a pensar di sapere tutto.. ;)

      Elimina
    4. E' salvo il significato ultimo delle cose: la qualificazione.
      Le quattro squadre vincono in casa e perdono fuori casa. La Juve ha limitato i danni subendo un solo gol, sia a Atene che Madrid. Restano tre partite. Vinciamo le due in casa e pareggiamo a Malmoe. Si arriva primi in carrozza.

      Elimina
  7. Mi hai ricordato quando facevo anch'io parte di un coro polifonico..grande esperienza!
    Penso che io non sia mai stata così felice come allora..essere uno e fare parte del tutto e diventare insieme una cosa sola. Grazie, Gus. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora sono più contento di aver scritto questo post.
      Ciao Michelina.

      Elimina
  8. Ciao Gus,
    quanto amo la musica...
    quando ho iniziato a cantare nel piccolo coro della mia provincia, credevo che se alzavo la voce e mi facevo sentire bene era meglio, poi ho compreso quanto sbagliavo, ora la mia voce meno la sento più mi piace.
    Questo per dire che sì, è tutto giusto, si cambia e se lo facciamo miglioriamo anche tutto ciò che ci circonda, perché abbiamo imparato qualcosa di nuovo e bello.
    Bacissimiiii...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono tante le cose che sbagliammo che ogni mattina dovremmo svegliarci con il desiderio di un altro passo in avanti sulla via del cambiamento.
      Ti ringrazio per l'affettuosità
      Ciao Pia.

      Elimina
  9. Forse è per questo che io non capisco la musica moderna giovanile, un frastuono di suoni... su questa non accetto il cambiamento e me ne sto sulla mia dolce musica celtica. Ciao Gus a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La musica moderna non si pone il problema di farsi capire, ma di piacere.
      Ciao Annamaria

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità