lunedì 29 settembre 2014

La tentazione della tentazione










Emmanuel Lévinas ha parlato della "tentazione della tentazione". È lo stato dell’essere tentato" ciò che in realtà desideriamo, non l'oggetto che la tentazione promette di consegnarci. Desideriamo quello stato, perché è un'apertura nella routine. Nel momento in cui siamo tentati ci sembra di essere liberi: stiamo già guardando oltre la routine, ma non abbiamo ancora ceduto alla tentazione, non abbiamo ancora raggiunto il punto di non ritorno. Un attimo più tardi, se cediamo, la libertà svanisce e viene sostituita da una nuova routine. La tentazione è un'imboscata nella quale tendiamo a cadere gioiosamente e volontariamente".
I "legami umani" in un mondo che consuma tutto sono un intralcio?
"Sono stati sostituiti dalle "connessioni". Mentre i legami richiedono impegno, "connettere" e "disconnettere" è un gioco da bambini. Su Facebook si possono avere centinaia di amici muovendo un dito. Farsi degli amici offline è più complicato. Ciò che si guadagna in quantità si perde in qualità. Ciò che si guadagna in facilità (scambiata per libertà) si perde in sicurezza".



18 commenti:

  1. Ricardo Fernandez Ortega, pittore surrealista, è nato nel 1971 a Durango, in Messico. I suoi dipinti surreali richiamano un altro tempo, il suo stile ricorda i grandi maestri classici, tuttavia, la sua pittura è moderna.

    RispondiElimina
  2. Emmanuel Lévinas è nato a Kaunas (Lituania) nel 1905 da una famiglia ebrea e ha vissuto la rivoluzione russa in Ucraina. Nel 1923 si trasferisce in Francia a Strasburgo, dove inizia gli studi universitari, seguendo i corsi di Blondel e di Halbwachs. Nel 1928-1929 si reca a Friburgo, dove assiste alle ultime lezioni di Husserl e conosce Heidegger di cui rimase affascinato.

    RispondiElimina
  3. I legami umani non sono d'intralcio se li vivi come dono, sono essenziali per la vita. Non potrei pensare di abitare questa terra senza avere legami. Sicuramente sono scambio di emozioni,di sentimenti, di gioia e di sofferenza, non si può pensare di vivere un legame come "parassita". Se hai un legame non sei solo, ma vi è una corrente d'amore che unisce.
    Io non porterei mai ad esempio facebook, la parolina"amici" è solo un passepartout, per condividere notizie, immagini, video, puro curiosario!
    Il legame, richiede anche sacrificio e impegno, non curiosità.
    Ciao August, molto bello questo post.
    Buona serata!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un legame duraturo richiede l'amore, cosa che non si trova a FB.
      Grazie per l'apprezzamento che hai avuto per il post.
      Ciao Dani.

      Elimina
  4. I legami non dovrebbero essere intralci.
    Le tentazioni... è bello cedervi, talvolta^^

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Ti faccio rispondere da Bauman



    Bauman: "Le emozioni passano
    i sentimenti vanno coltivati"

    Non conosciamo più la gioia delle cose durevoli, frutto di lavoro. Il grande sociologo spiega come i legami siano stati sostituiti dalle "connessioni". E aggiunge: "Ogni relazione rimane unica: non si può imparare a voler bene". Disconnettersi è solo un gioco. Farsi amici offline richiede impegno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, allora sono un tipo impegnato^^

      Moz-

      Elimina
    2. Sì, il tuo impegno è evidente.

      Elimina
  6. "Nel momento in cui siamo tentati ci sembra di essere liberi: stiamo già guardando oltre la routine, ma non abbiamo ancora ceduto alla tentazione, non abbiamo ancora raggiunto il punto di non ritorno. Un attimo più tardi, se cediamo, la libertà svanisce e viene sostituita da una nuova routine. La tentazione è un'imboscata nella quale tendiamo a cadere gioiosamente e volontariamente". Parole sante e analisi che non fa una piega. mettere a fuoco il concetto e stamparlo nella mente e nel cuore può rivelarsi salvifico. Ogni volta che "cediamo" perdiamo serenità e subentra solo rimorso. Vale la pena? Grazie Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per Adamo ed Eva la tentazione vera non è la mela ma il trasgredire a Dio e diventare liberi. Il fatto è che mangiando la mela, anche se non è l'oggetto della trasgressione, si cede alla tentazione fino al punto di non ritorno.

      Elimina
  7. Mah se vogliamo essere sinceri fino in fondo al paragrafo: "Su Facebook si possono avere centinaia di amici muovendo un dito" io aggiungerei sul WEB o sono "umorale"?
    Abbraccio e una buona giornata
    PS stasera vengo a leggere e a commentare meglio. Ora sono fuori e con il tablet... :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti aspetto Anna Maria.
      Abbraccio e buona giornata.

      Elimina
  8. Tra le prime tentazioni che ricordo è quella in cui si vorrebbe marinare la scuola per stare con lui.Oppure, un altro esempio, perchè la tentazione : «non è un fulmine a ciel sereno», ma per sua natura tende a durare, è «come il pugilatore che ha aperto la ferita sulla “croda” dell’occhio e tende a dar pugni là dove il sangue sprizza».
    Ci sono degli incontri, e non parlo assolutamente di fb, e tanto vale aggiungere anche il blog, in cui una persona che non conosci,ma che ti ispira tenerezza, in modo tale che spesso, quando ti viene in mente, pensi a Cristo, domandi Cristo: diventando una preghiera. Questa è una piacevole tentazione. Buonagiornata Gus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il piacere oscuro del trasgredire.
      Bella giornata Lucia.

      Elimina
  9. Eccomi!
    I miei ricordi dei tempi di scuola mi portano a dire che Leninas non era quello che diceva che l'uomo è condannato ad una solitudine angosciosa da cui avrebbe potuto uscirne solo con l'incontro con l'Altro?
    Però non ricordo se l'Altro era Dio o l'uomo, inteso come essenza umana.
    La memoria si sta affievolendo. Ahimè per me.
    Comunque è necessario dire che i suoi pensieri rispecchiano il mondo attuale.
    Gli uomini affidandosi all'etere dimostrano la loro solitudine e la loro incapacità a rapportarsi con un proprio simile.
    Spesso anche il suo rifugiarsi in famiglia è un fallimento su tutta la linea.
    Comunque io rimango ottimista.
    PS perchè non commenti sul mio blog? Se è per via dell'email...puoi metterne anche una fasulla, il sistema l'accetta ugualmente. Comunque massima libertà, siamo sempre "amici" lo stesso
    Abbraccio a te

    RispondiElimina
    Risposte
    1. “il nostro rapporto col mondo, prima ancora di essere un rapporto con le cose, è un rapporto con l'Altro”. Egli afferma che siamo sempre debitori all’altro perché l’Altro ci dà la nostra identità".
      Penso si riferisca all'uomo.
      Non vengo nel tuo blog. Ne hai tanti. Dimmi dove vuoi essere incontrata.
      Ciao.

      Elimina
    2. Io spero che si riferisca a Dio...
      I blog a cui tengo maggiormente sono qui:
      http://annamaria1272014.wordpress.com/
      http://annamariaclik.wordpress.com/
      Ma se non te la senti di venirmi a trovare non importa...
      Ciao buon pomeriggio

      Elimina
  10. Lévinas stesso afferma: " Io non sono cristiano". Esprime entusiasmo per la santità e l'amore per il prossimo, ma rigetta la parte politica, le guerre, le crociate. In pratica è la struttura del cristianesimo, cioè la Chiesa , che non apprezza.

    RispondiElimina