mercoledì 18 giugno 2014

Marissa e le critiche:br /«non difendo le donne?br /Io faccio la manager»

Marissa e le critiche:br /«non difendo le donne?br /Io faccio la manager»






Marta Serafini
Dal 2006 scrivo per il Corriere della Sera e per Sette. Ora sono a Corriere.it. In mezzo, la passione per tutto ciò che è in movimento (reale o virtuale che sia) e un anno nella redazione de Le Invasioni Barbariche. Con Add editore ho pubblicato Il primo cittadino. Su Twitter @martaserafini


Che Marissa non sia una donna tenera era già chiaro a tutti quando licenziò il suo braccio destro e amico, Henrique De Castro, portato da Google a Yahoo! per incrementare gli introiti pubblicitari. Ma ora la numero uno di Sunnyvale mostra al mondo i suoi due volti. E cioè quello di un amministratore delegato che deve fare cassa e quello di una donna che va dritta per la sua strada anche a costo di apparire «bossy».
Marissa Mayer, 39 anni, da due alla guida di Yahoo! è sbarcata ieri a Cannes. Occasione per una passeggiata sulla Croisette, sono stati i Cannes Lions, manifestazione che richiama creativi e pubblicitari da tutto il mondo. Bionda, occhi azzurri, abito blu, con giacca e borsa in tinta — il coordinato è una sua abitudine — pur essendo uno dei simboli del successo al femminile, non si preoccupa più di tanto del giudizio delle femministe. Per la sua prima intervista italiana, se ne sta seduta con la schiena dritta a capo di un lungo tavolo della sala conferenze del Majestic Barriere. Ogni dettaglio è curato, perfino la custodia dello smartphone ha lo stesso colore del vestito. Con fare da manager, taglia corto: «La vita delle donne nel tech, rispetto vent’anni fa, è migliorata, io stessa sono il secondo Ceo di Yahoo! donna». Non importa, dunque, se i dati parlano di una Silicon Valley che tiene fuori dalla porta le minoranze. Lei in questo momento ha altro cui pensare. Su tutto, pesa lo sbarco di Alibaba a Wall Street atteso per i prossimi giorni. Se infatti Sunnyvale è il secondo azionista di questo colosso cinese dell’e-commerce con il 23 per cento delle quote, l’accordo ipotizzato è che la Mayer ne venda il 40 per cento, entrando così in possesso di una cifra stimata in 10 miliardi di dollari. Un capitale, dunque, con il quale potrebbe davvero ridare il punto esclamativo a Yahoo!

13 commenti:

  1. maschie mancate. Politica del profitto come diktat. Le donne, ahimè, accorciano le distanze dal potere in due modi: o facendo i maschi/manager o mostrando culo e tette. Triste non aver costruito un modello basato sulla diversità.

    RispondiElimina
  2. Un ambiente stratificato da anni è difficile cambiarlo. Adeguarsi è una necessità.
    La diversità sarebbe un valore immenso.
    Ciao Brunella.

    RispondiElimina
  3. La vedo come Arancia.

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Molte donne hanno interpretato il femminismo come acquisizione del lato peggiore del maschio, rovinando così il fine primario del movimento ahimè!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In un certo senso non posso che darti ragione.

      Elimina
  5. La mia ignoranza in materia è colossale!Lascio un saluto e un augurio per una Buonanotte. Ciao Gus.

    RispondiElimina
  6. Non sono in politica e nemmeno una manager, ma non sono tanto d' accordo. In certi ambienti (li ho conosciuti anch'io) mi sono sempre fatta rispettare. E mi hanno sempre rispettato. Anche dai peggiori maschilisti.
    Soprattutto quando lavoravo nell'abbigliamento-moda in svizzera. Trattavano molto male gli italiani, le donne ancora di più! Davvero, con me, sono sempre stati abbastanza gentili,
    Che dire...sono nata femminO! :-) Già da ragazzina ho imparato a difendermi. Non scandalizzarti, Augusto, sono sempre convinta che, ogni tanto, qualche schiaffone non fa male!

    RispondiElimina
  7. Il problema non è farsi rispettare ma essere libera di esprimere senza fraintendimenti la propria natura di donna.

    RispondiElimina
  8. La divisione tra CAPRI (coi i corn') e le PECORE è in questo MODO di usare il CUORE.
    A Gesù gli tiravano la barba e lo colpivado da dietro chiedendogli CHI FOSSE ... così POCO MASCHIO nei rapporti con NOI ANIMAli.

    RispondiElimina
  9. Il primo commento SARA andato perso.
    Perchè troppo riVELATORE sulla VERITA' in UNA PERSONA.
    Provo a riscrivere SOLO ... pecora con le corna = CAPRA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui non si perde niente. Cosa volevi dire? Una rivelazione? Mi sarebbe piaciuto ascoltarla.

      Elimina
    2. Tralascio quello detto su cosa fecero a Gesù per il suo modo di AMARE come AMA una DONNA e non una femmina maschia.
      Il resto è su come verremo divisi tra CAPRI (maschi e femmine egoiste - con le CORNA) e le PECORE (VERE DONNE e VERI UOMINI).

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità