sabato 31 maggio 2014

Un viso più “vero”br /le donne (star) contro il bisturi

Un viso più “vero”br /le donne (star) contro il bisturi





Da una parte il volto splendido, ma ingessato e terreo di Nicole Kidman, 47 anni a giugno, quasi bloccata nella sua bravura da un eccesso di chirurgie preventive. Dall’altra, a contrasto, la faccia più segnata di alcune sue coetanee come lei star internazionali e come lei colte dall’obiettivo nella luce impietosa delle passerelle: Kate Blanchett, 45 anni, splendente nelle sue rughe guizzanti, Monica Bellucci, un volto che non nasconde i segni della vita e della sofferenza, e dichiara al Corriere: «Non voglio essere una donna di 30 o 20 anni, ho rispetto per me e per la femminilità. A settembre compirò 50 anni, sarà l’unico compleanno che celebrerò». Infine Juliette Binoche, che i 50 li ha appena celebrati, e che non solo esibisce qualche superba zampa di gallina, ma consegna, sempre al Corriere un piccolo manifesto sulle età della donna: «Ogni età ha i suoi doni. Bisogna accoglierli con curiosità. Più si invecchia, più bisogna osare».

26 commenti:

  1. Un viso più “vero”
    le donne (star) contro il bisturi

    di Maria Luisa Agnese

    RispondiElimina
  2. Vicende che ha raccontato sui giornali cui collabora (The Guardian, The Times) e in due libri, An Apple a Day e The Ministry of Thin. Si potrebbe obiettare: ma che male c’è, se così fan tutte? In fin dei conti le nostre sorelle sono sempre state ossessionate nei secoli dall’aspetto esteriore, e pronte a soffrire un po’ in suo nome, le signore vittoriane rinunciavano a una costola per entrare nei corpetti del tempo, supplizio che si sussurra abbia inflitto ancor oggi Nicole Kidman al suo costato per renderlo ancor più slanciato, sebbene fosse già etereo per Dna. Proviamo però a ribaltare la faccenda e a chiederci se non siamo tutti impazziti a farci tagliare ossa, scotennare il viso, iniettare veleno (botulino), e non per piacer nostro ma solo per apparire (forse) più presentabili e accontentare chi ci vuole così. Un conto è sbiancarsi il volto con la cipria o tingere il capello, un altro imbarcarsi verso strade perigliose e senza ritorno. L’ossessione della ricerca del codice perfetto ha ormai deragliato, è andata fuori controllo. Per allontanarla non ci resta che osare di essere come si vuole, per libera scelta e non per lavaggio – planetario – del cervello: in fin dei conti Monica, Cate, Juliette e le altre insegnano.

    Twitter @maragnese

    RispondiElimina
  3. Solo io sarò sempre giovane, anche a 90 anni.

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Solo un folle si augura di arrivare a 90 anni.

    RispondiElimina
  5. Non leggo ma alMASSIMO sfoglio i giorniALI rosa o di gossip se non TROVO altro da leggere nelle mie tasche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attori e attrici non capiscono quando è il momento di appendere le scarpe al chiodo. Vorrebbero essere attraenti in eterno. E' una follia.

      Elimina
    2. Il PROblema lo devi risolVERE dall'ALTRA pARTE.
      Se venissero ignorate dal lato ESTerno ... riceverebbero inDIRETTAmente molto più BENE.

      Elimina
    3. Cosa vuol dire APPENDERE LE SCARPE AL CHIODO?
      Stai parlando di ATTRICI o calciatori?
      ORA il TRUCCO fa miracoli e servono anche PARTI di donne VECCHIE e BRUTTE.

      Elimina
    4. Appunto. Non si rassegnano a perdere la bellezza esteriore e si fanno tagliare le costole e usano il botulino che è un veleno.
      Ricordi la storia di Laura Antonelli. Alla fine, dopo i tocchi e i ritocchi, era diventata un mostro.

      Elimina
    5. Non tutte riescono ad incontrare il VERO SPOSO come la COLACIONE. Ma il problema si è allargato anche in campo maschile.

      Elimina
  6. Mentre leggevo pensavo ai recentissimi ottantanni di Sophia Loren ... e a quanti estetisti/chirurghi/maghetti visagisti ha dovuto arricchire... ahah..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me queste donne fanno impressione.

      Elimina
    2. DEVONO IMPRESSIONARE la PELLI...cola.

      Elimina
    3. ALTRImenti non imPRESSIONErebbero la PELLI...cola.

      Elimina
    4. E la pellicola impressiona noi.

      Elimina
    5. Nei FILM wESTER non usa dire: "Ti farò la PELLE"?
      Bisognerebbe riuscire a TRARRE lo SPIRITO. Quello che si riesce anche a percePIRLO nei CARTONI animati e la RECLAME.

      ANDREA non avrebbe mai a.C.cettato un introito del genere:
      https://www.youtube.com/watch?v=-L-cGOlV4E0

      Elimina
  7. è difficile rimanere se stessi in un impero di celluloide. E non mi riferisco solo all'ambiente cinematografico. La celluloide è permeata nei cervelli, specie delle ragazzine, tutte omologate in chiave velina. Difficile quindi avere un equilibrio se si imposta la propria vita su canoni esteriori piuttosto che interiori. inoltre so, da amiche che ne usufruiscono, che davvero i “ritocchi” sono alla portata di qualsiasi tasca. 250 euro e da 50 passi a 40 anni. «Nel mondo realmente rovesciato, il vero è un momento del falso». Debord

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero. La società dell'apparenza pretende i ritocchi.
      Ciao Brunella.

      Elimina
  8. Se non sbaglio c'è stato- e forse c'è ancora- un movimento di protesta di attrici di Holliwood contro il botulino e contro l'obbligo a sottoporcisi per poter lavorare... come può un'attrice, che lavora con l'espressività del viso, rimanere ingessata in quelle assurde smorfie?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.donnainsalute.it/bellezza-e-medicina-estetica/-/blogs/solo-il-bello-dei-ritocchi-

      Hollywood esige dalle star visi levigati e corpi scolpiti anche a età avanzata.


      Ciao Tosca.

      Elimina
  9. E’ tutto molto vero. Anche io ho criticato varie volte il non voler accettare l’avanzare degli anni e questo scellerato ricorrere al chirurgo o anche solo al botulino. Ho anche io sempre sostenuto la frase “ogni frutto ha la sua stagione”, però ….

    Però a volte è difficile accettare quelle rughe che vedi avanzare, a volte una fotografia ti rimanda un’immagine in cui fatichi a riconoscerti. Io ho il terrore del chirurgo (una volta sono pure scappata dalla sala antistante la chirurgia con tutte le mie vesti sterili….) e dell’ospedale in genere e pure delle siringhe, quindi mi risulta anche più facile dire che non ricorrerò mai al ritocchino, perché entra in campo per prima la paura (o vigliaccheria).
    Farsi ostinatamente ingessare NO, ricorrere a certi mezzi quando ancora non hai 50 anni NO, ma forse riesco a comprendere le attrici che poi qualcosa (o meglio qualcosina) fanno, in fondo il loro mestiere si basa anche sull’apparire. E’ vero che un talento artistico riesce a farsi apprezzare nel tempo anche con le rughe, ma per chi è stata abituata ad essere molto bella, è difficile rassegnarsi ai cedimenti della pelle.
    Sì, sono contraria, ma riesco anche a trovare qualche scusante e a perdonare certe piccole debolezze (ho detto piccole …. non un’ostinata Lollo o Loren o altre ancora che esagerano).
    Non a caso le beauty farm e i reparti estetici e le terme continuano ad avere successo: è un modo comunque per rincorrere la remise en forme, l’illusione di uscirne se non con 10 anni di meno, almeno con uno in meno. E più o meno cediamo tutti a questa debolezza … E se lo facciamo noi, sconosciuti attori di questa società, posso comprendere chi è attore di cinema. E ci impiastricciamo pure di creme cosiddette miracolose o facciamo l’ultima dieta non perché salutisti, ma per entrare in una taglia in meno come esige la moda… in fondo siamo tutti schiavi di questa società che si basa sull’apparire. Difficilissimo andare contro corrente, una vera battaglia !!!
    Ciao Gus :), buona giornata. Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcosa si può fare ma senza esagerare. Ci sono tanti cosmetici che possono aiutare.
      :)
      Ciao Marilena.

      Elimina
  10. A noi donne piace essere presentabili, carine, nonostante le rughe che "alla mia età"(ora parlo di me) arrivano ad ogni espressione. Sono un sigillo del nostro vivere, è così in ogni essere naturale, l'invecchiamento spaventa perchè si avvicina il termine di ciclo vitale.
    Ma per coloro che ci amano non è motivo di scandalo, e non lo deve essere neanche per noi . Accettarsi in ogni forma di cambiamento, è saggezza, umiltà e SORRISO alla vita che scorre.
    Forse chi si "rinnova" in continuazione non ha altro a cui dedicarsi. Questo lo trovo molto arido, sterile, il processo d'invecchiamento è inarrestabile, è il cuore che ha necessità di rinnovarsi in continuazione, dando un senso alla nostra trascorsa vita, e a quella che ci rimane da vivere.
    Ciao August, buon pomeriggio!
    Dani



    RispondiElimina
  11. Bisogna imparare ad invecchiare! Sia l'autunno che l'inverno sono stagioni della vita che hanno la loro bellezza. Bisogna imparare ad invecchiare con un cuore giovane! Sorridiamo e amiamo di più....le rughe? Dio è un perfetto visagiste ai Suoi occhi siamo tutte bellissime.....anch'io? Mah, speriamo! Buonanotte Gus.

    RispondiElimina

la paranoia è un disturbo della personalità