lunedì 12 maggio 2014

L'umile Amore





 





Fratelli, non temete il peccato degli uomini, amate l'uomo anche nel suo peccato, perchè questa immagine dell'amore di Dio è anche il culmine dell'amore sopra la terra.
Amate tutta la creazione divina, nel suo insieme e in ogni granello di sabbia. Amate ogni fogliuzza, ogni raggio di sole!
Amate gli animali, le piante, amate ogni cosa!
Se amerete tutte le cose, coglierete in esse il mistero di Dio.(Fèdor M. Dostoevskij)
Se lo percepite una prima volta, comincerete a conoscerlo senza posa, ogni giorno di più, sempre più profondamente.
Amate particolarmente i bambini, perché anch'essi sono senza peccato, come gli Angeli, e vivono per la nostra tenerezza, per la purificazione dei nostri cuori.
Il Signore manifesta una evidente simpatia e predilezione per i bambini, ne apprezza la purezza e la semplicità di cuore, li addita per questo ad esempio e modello per tutti coloro che vogliono entrare nel suo regno. Quando vengono presentati a lui perché li accarezzasse egli volentieri adempie quel compito paterno e materno verso di loro. Per questo Gesù spiega ai discepoli i motivi della sua gioia nell'accoglierli e benedirli. Gli apostoli pensando che i bambini infastidissero Gesù, invece, li allontanavano bruscamente e "Gesù, al vedere questo, s'indignò e disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me e non glielo impedite, perché a chi è come loro appartiene il regno di Dio. In verità vi dico: Chi non accoglie il regno di Dio come un bambino, non entrerà in esso». E prendendoli fra le braccia e ponendo le mani sopra di loro li benediceva". È bella questa scena che ci rivela la squisita sensibilità di Cristo e la sua tenerezza. Dobbiamo dedurre, che, come dice un motto popolare, noi ci roviniamo sul crescere; perdiamo quelle belle doti proprie dell'infanzia nello Spirito e, illusi di una migliore razionalità, complichiamo un po' tutto, anche le verità di Dio. Nonostante questo ci è ancora consentito di recuperare, almeno in parte, quello stato di purezza infantile, che è la salvezza della nostra vita spirituale.
Ricordate l'umiltà di San Francesco e di come amava tutte le Creature? Egli chiedeva persino perdono agli uccelli.....
Chi mai di noi pensa di domandar perdono agli uccelli? Potrebbe sembrare follia, ma ogni animale intorno a noi, ogni fiore, ogni albero sono parte della Creazione che il Signore ci ha donato, pregandoci di continuare la Sua opera!
Ricordiamo che noi viviamo pellegrini sulla terra e se Gesù non fosse quel viandante che si affianca a noi nel cammino per spiegarci la strada, ci perderemmo, smarriremmo il senso del bello, del vero, del giusto.
Pensiamo: quando il cielo è spento dalle nuvole la superficie del lago è piatta e metallica; quando brilla il sole, essa si trasforma in uno specchio in cui si riflettono le tinte del cielo e della terra.
Così è la nostra vita se ci allontaniamo da Cristo.
 Lui è il nostro sole che illumina tutto donandoci l'Amore che  fa vibrare  il nostro cuore colorando  ogni cosa come la gioia, il dolore e la passione  .




12 commenti:

  1. Il bambino che cerchiamo è dentro di noi. Non dobbiamo scacciarlo ma ascoltarlo.
    Basta seguire il Signore, pregare e amare il prossimo.
    Sì, è difficile abbandonare i propri egoismi e imparare a donarsi, muoversi verso l'altro, capire le sue esigenze e soddisfarle. E' necessario un cambiamento radicale nel proprio modo di vivere.

    RispondiElimina
  2. Ciao Gus. Ho scritto in fretta avevo appuntamento con il dentista per sistemare due piccole carie. Sono tornata ora con le labbra a canotto!!! Così le sento io, ma è tutto normale. Hai visto come sono stata obbediente? Ciao e, forse, ci leggiamo dopo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei una grande donna. Prima di andare dal carnefice hai la forza di scrivere un post accurato e illuminante, come piace a me.
      Ciao.

      Elimina
  3. Amare Dio, ammirare il creato, e ogni creatura, ti fa guardare la vita con occhi nuovi, anche la sofferenza più grande ti pare più accettabile, perchè non sei solo.
    A volte m'incanto ad osservare quanto bene può fare una carezza, una stretta di mano, un gesto di comprensione,ciò cambia immediatamente lo sguardo delle persone, questo è profusione d'amore, che possiamo attingere alla sorgente. Dio.

    Buona giornata amici, un abbraccio!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri uscendo dal supermercato con una borsa piena, vedendomi in difficoltà, si è avvicinato il signore che sta sempre lì ad aspettare qualche soldino, ritirando i carrelli. Ha preso la mia borsa,per aiutarmi, ma io l'ho fermato:"tesoro mio, non ho neanche una monetina per poi ringraziarti!" " Io aiuto, lo stesso" e chiacchierando sulla sua vita siamo arrivati a casa. Oggi vado a portargli la monetina. Era Gesù?
      Baci Dani.

      Elimina
    2. E' sempre GESU' ... anche quando ci ruba le COSE.
      Vi faccio una domanda:
      E' lodevole più chi non ruba per non essere giudicato male o per non rischiare una punizione
      OcCHI...
      dopo aver RUBATO restituisce il RUBATO e anche il RESTO?

      Elimina
  4. Lo dico sempre, occhio alla fogliuzza ed al granello.
    Facciamo tesoro di questa immensa vita che ci è stata donata con un amore che non possiamo neanche immaginare... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fogliuzza ed il granello sono parametri di misura della nostra fede? He lo so che è poca, ma pregando il Signore di aumentarla e con l'aiuto di amici come voi.....i miracoli avvengono! Ciao Franco! Buona giornata!

      Elimina
    2. Il GRANELLO su una FOGLIA arriva più LONTANO.
      Anche gli ALBERI si MUOVONO e fanno alleanza con LE ANI-MELE che in cambio delle loro foglie e DEI LORO FRUTTI ... lasciano BUON CONCIME CALDO per il LORO SOstenta-mento.
      Per questo E' GIUSTO MANGIARE TUTTO quello che ci è dato dal SIGNORE anche se un DIO ce lo vieta per NON so quale MOTIVO.

      Elimina