martedì 6 maggio 2014

Leggere è pericoloso, specie per le donnebr /Censura e roghi, dal ’700 a internet

Leggere è pericoloso, specie per le donnebr /Censura e roghi, dal ’700 a internet


 
 
 
«La donna capace di leggere non solo è in grado di conquistarsi uno spazio di libertà personale. Crea anche una propria immagine del mondo che non deve necessariamente coincidere con quella legata alla sua estrazione sociale e neppure con quella dell’uomo».
 


48 commenti:

  1. Quelli che bruciano i libri hanno sempre qualche problema con le donne, perché sanno che i lettori più pericolosi sono le lettrici. Una mostra parigina di qualche anno fa si presentava con questo titolo: Les femmes qui lisent sont dangereuses, «Le donne che leggono sono pericolose». Nella logica dei piromani e dei censori, infatti, i libri imbottiscono di strane idee le teste di chi li legge. E se poi chi li legge è più esposto alle seduzioni della lettura, come appunto si insinua siano le donne, quelle strane idee possono diventare una polveriera ed esplodere.

    RispondiElimina
  2. E così, tra i libri «filosofici», quelli di teoria politica stavano insieme alla pornografia pura o mimetizzata, detta anche letteratura «libertina». Non dobbiamo stupirci, sostiene Darnton, se «Mirabeau, l’uomo che incarna lo spirito dell’89, è al contempo l’autore delle più volgari opere pornografiche e dei più audaci trattati politici del decennio che precede la Rivoluzione». Del resto, lo stesso Voltaire amava dire, con accostamento che parve (e forse pare tuttora, da un fronte opposto) sconveniente, che «le idee sono le mie puttane».


    Ma quando quei libri «filosofici» dal fortissimo richiamo erotico cominciarono ad attirare un’ampia clientela femminile, tutto venne messo a soqquadro. I lettori maschi furono per lo più tentati dalla Rivoluzione, che si portava dietro anche una ventata trasgressiva di libertinismo. Le lettrici, invece, furono per lo più tentate dalla ribellione verso il ruolo loro assegnato dalla tradizione e dalla morale corrente.

    RispondiElimina
  3. No, secondo me è che se una donna è impegnata a leggere i romanzetti rosa, si dimentica del sugo sul fuoco e lo fa bruciare... tutto qui :p

    Ahahaha, scherzo!^^

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Dimostrato il MOTIVO che portò le DONNE a riconoscere il RISORTO, avendo CONOSCIUTO l'UNICO VERO UOMO ... attraverso le SCRITTURE.

    Se poi MOLTI sostengono che la RELIGIONE CATTOLICA è una filosofia da FEMMINUCCE ... peggio per LORO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però c'è un rischio, come al solito, quando si entra i certi meccanismi.

      Elimina
  5. A scuola, per mia esperienza personale, le bambine/ragazze leggono molto più dei maschi. Ora i maschi non temono più questo, almeno da noi. Ciao.
    paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente le donne leggono di più.
      Ciao Paola.

      Elimina
  6. Io leggo, molto. E brucio il sugo, l'arrosto....
    Paolo mi dice: "anche oggi c'è il marchio di fabbrica!"
    Indubbiamente mi ama!
    Trovo che la lettura aiuta la memoria, arricchisce il nostro vocabolario e la conversazione diventa così più ricca di argomenti. Attenzione a non esagerare si rischia di diventare saccenti! Grazie Gus ! Moz hai azzeccato! Ciao a tutti! Per questa sera a partire da ora devo fare due torte: un plum Kake e una ciambella! Arrivederci a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me la ciambella. Il buco a Miki.
      Ciao Lucia.

      Elimina
    2. Qui si intravede il RISCHIO. Non è DANNO CULIinARIO ma qualcosa di simile. Non per NULLA fu a DONNA a cascarci SENTENDO il GRANDE ... affascinatore.

      Elimina
    3. Certo. Perché non fu Adamo a mangiare il frutto dell'albero del bene e del male?

      Elimina
    4. CHIeDITI inVECE perCHE' il serPENTE non si riVOLSE diRETTAmente al MASCHIO.
      Solo la femMINA potEVA riUSCIRCI.
      SOLO LA DONNA PUO' SALVARE il MONDO, visto che è iniziato tutto con la CADUTA di una femMINA.
      C'è molto da spiegare, anche tra la differenza TRA il PANE e il VINO.
      Quando si portano i DONI all'ALTARE, il CALICE viene portato da un MASCHIO e le ostie da una FEMMINA.

      Elimina
    5. Il serpente sa che il maschio è diffidente, mentre la donna è curiosa.

      Elimina
    6. Non mi ASPattAVO queSTA risPOSTa:
      E' questo il RIS CH'IO.
      Meglio essere DIffiDENTE o CURIaOSO?

      Elimina
    7. DeTESTO: gli ASTUTI?

      Elimina
    8. Fatti furbo amministratore mio.

      Elimina
    9. LO SONO FIN TROPPO da far paura. Arrivo anche ad imbrogliarmi da solo e poi a LIBERARMI. Bisogna essere VERAMENTE SCALTRI come DEI peccatori davANTI ad un DIO fin troppo CRUDELE (cioè GIUSTO e inTRAsiGENTE).
      PrePARATI una VIA di fuga se non hai SANTI in paradiso che possono inTErCEDERE in TE.

      Sai cosa vuol dire ... in Lc 10,18?

      Elimina
    10. Puoi scrivermi il brano del Vangelo di Luca?

      Elimina
    11. Egli disse: "Io vedevo satana cadere dal cielo come la folgore ...

      Elimina
    12. Ma ha iniziato il serpente, non la donna...poi la donna e poi ad amo...

      Elimina
    13. A far cosa?
      Per me è stato carino e DOLCE il serpente a indicarci l'INIZIO della VIA.
      LO DETTA gROSSA?

      Elimina
    14. L'inizio della via ossia la caduta?
      Che carino e dolce ad insegnarci a cadere...
      ...più che altro è carino e dolce chi ci insegna a rialzarci.
      Se poi è lo stesso che fa ambedue le cose è un po' contorto però.

      Elimina
    15. Noi sappiamo solo che Dio è amore. Tutto il resto fa parte del Mistero del disegno di Dio sull'uomo. Le cadute, le ricadute , le discese ardite e le risalite.
      Ciao Frapp.

      Elimina
    16. conTorto come un SERpente ... sull'AST..UtTO!
      Mi vien da ridere a PENsare a CHI poi lo diSEGNA pure come un RETTIle.
      MA CHI di TUTTO farà un SOLO FASCIO?
      Il FETO agli INIZI è un vermiciattolo ... di COLUI CHE HA COMBATTUTO CON GLI UOMINI E DIO ED HA VINTO (in una PAROLA SOLA: iS-Ra-eL
      riCORDO MIO PADRE quando mi intiMORIVA siMULAndo che mi avrebbe fatto cadere.
      riCORDO quando IO siMUL'AVO l'inCIampo per SENTIRE LUI che mi sTRING-Eva la MANO.
      isTINTO?

      Ancora con questo MISTER...ero?

      riALZARSI è FACILE se hai gli A.T.TRIBUTI per FARLO, ma imPARARE a CADERE senza FARSI male ... è UNA PAROLA!

      Elimina
    17. Ciò per cui veramente val la pena vivere è qualcosa che connette quello che un uomo sta facendo al Tutto.
      Senza questo nesso con la totalità ogni cosa vale la pena per cinque minuti, oppure, che è lo stesso per cinque anni.
      Per poter vivere il valore bisogna avere una percezione acuta e viva del Tutto.
      Ma il senso del Tutto è Mistero: noi lo chiamiamo Dio, ma l'essenza della parola Dio è assoluto Mistero.
      Di fronte al Mistero l'uomo resta come confuso, ricorre all'immaginazione, cerca cioè di interpretare
      il suo rapporto col Tutto, e interpretandolo inevitabilmente lo riduce, e rimpicciolisce perciò il valore.

      Elimina
    18. Mio DIO, MIO tutto.
      Dio nessuno l'ha mai visto: proprio il Figlio unigenito, che è nel seno del Padre, lui lo ha rivelato.
      Nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare.

      Forse E' TEMPO di S...velarLO deFINITIvaMENTE!

      Elimina
  7. L'ho sentito ieri a Ballarò Battista e mi ha dato un po' fastidio quel suo affermare che vanno di moda i selfie con i libri che bruciano. Vanno di moda de che? Certo per vendere un libro ogni balla è lecita...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franco, la tecnologia arriverà al punto che togliendo la meditazione e la capacità di osservare, non ci saranno più poeti e romanzieri.

      Elimina
  8. Ola Gus! Il sole è alto nel cielo grigio-azzurro. Un vento leggero muove le foglie sugli alberi.Ho già ringraziato il Signore della mia vita. Ora al lavoro! Buona giornata a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.
      La tua sarà sicuramente una buona giornata perché il buono è dentro di ter.
      Ciao.

      Elimina
  9. Ciao August a proposito di donne che leggono...ho trovato questo post che mi è piaciuto molto te lo propongo se avrai voglia di andare a leggere..
    http://biblioterapiaitaliana.blogspot.it/2013/02/esci-con-una-ragazza-che-legge.html

    Buona giornata!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo farò Dani.
      Bella giornata per te.

      Elimina
    2. Ho letto la ragazza filippina che legge. Scrive anche molto bene.
      Ciao Dani.

      Elimina
  10. Ciao August,scusa se comunico a te da qui. Ti espongo il problema.
    E' da ieri che aprendo il mio blog, l'avviso del mio antivirus Avast mi dice che è stata bloccata una minaccia, e sparisce la mia pagina del blog, e rimanda ad un altro indirizzo a me sconosciuto.
    Che devo fare? prova ad entrare nel mio blog, Ric mi ha avvisato stamane .
    Ora sto cercando di rimuovere i gadget.
    Grazie e scusami
    Dani

    RispondiElimina
  11. Elimina tutti i gadget HTML/Java script e anche gli altri che non sono quelli suggeriti da Blogger.
    Ciao Dani.

    RispondiElimina
  12. August:Trovato! in un gadget ho trovato un www che riportava a quella pagina.
    Infatti ora funziona.Hanno modificato un codice.
    Ora con calma poiché ho salvato prima di rimuovere, rimetterò i mobili a posto!
    Grazie.
    Buon pranzo!
    Dani

    RispondiElimina
  13. Dani, l'indirizzo sconosciuto è forse "adelebox.it"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, proprio quello! ^__^

      Elimina
    2. Ora dalla bacheca www.blogger.com/home vai al menù a discesa delle opzioni Blogger.
      Clicca e vai su impostazioni e poi altro.
      Qui trovi la struttura dei feed. Due aggiungi. Se non ci sono sul secondo clicca su rimuovi.
      Ora ti do un'immagine. Se non riesci a leggerla copiala su word preceduta dai tag [img] e chiusa con [/img]
      Ciao.




      http://s1.postimg.org/64h0bnne7/Cattura34.png

      Elimina
    3. Due aggiungi intendi sul reidirizzamento feed post?

      Elimina
    4. letta e la mia situazione è tale quale

      Elimina
  14. Sono contento, Dani.
    Evita i gadget non istituzionali.
    Ciao.

    RispondiElimina

la paranoia è un disturbo della personalità