domenica 16 febbraio 2014

Nei tuoi occhi vedo la luna



L’ansia e il bisogno di appartenenza alla società si placano con la chiacchiera e con il pettegolezzo.
E non importa se l’argomento è macabro, in fondo il nostro cervello ha strumenti e abilità incredibili, ma è disegnato per sopravvivere e quindi è molto più attento alle negatività mente il piacere e l’allegria non sono la massima priorità. E’ lo sforzo più grande: quello di allenare il cervello a pensare positivo e questo è quanto può sembrare impossibile proprio nei momenti in cui la collettività è sommersa dai problemi, anzi può sembrare irriverente agli occhi di chi ci osserva. La chiacchiera sul testamento biologico non è un antidepressivo, bensì un argomento sul quale il livello di attenzione si impenna, proprio perché siamo più attenti alle negatività e agli argomenti della sopravvivenza (in questo caso ci si concentra sui propri affetti e su cosa dovrebbero affrontare se ai problemi quotidiani si aggiungesse quello di una nostra malattia invalidante). E’ una porta aperta che fa leva sul nostro istinto di sopravvivenza.




16 commenti:

  1. Non so se sei romantico o meno :p

    Moz-

    RispondiElimina
  2. L’ansia e il bisogno di appartenenza alla società si placano con la chiacchiera e con il pettegolezzo.
    E non importa se l’argomento è macabro, in fondo il nostro cervello ha strumenti e abilità incredibili, ma è disegnato per sopravvivere e quindi è molto più attento alle negatività mente il piacere e l’allegria non sono la massima priorità. E’ lo sforzo più grande: quello di allenare il cervello a pensare positivo e questo è quanto può sembrare impossibile proprio nei momenti in cui la collettività è sommersa dai problemi, anzi può sembrare irriverente agli occhi di chi ci osserva. La chiacchiera sul testamento biologico non è un antidepressivo, bensì un argomento sul quale il livello di attenzione si impenna, proprio perché siamo più attenti alle negatività e agli argomenti della sopravvivenza (in questo caso ci si concentra sui propri affetti e su cosa dovrebbero affrontare se ai problemi quotidiani si aggiungesse quello di una nostra malattia invalidante). E’ una porta aperta che fa leva sul nostro istinto di sopravvivenza.
    Io sono romantica, però allo scambio dei sondini naso-gastrici non ci avevo mai pensato e sebbene io sia ricca di immaginazione fatico a pensarci …. quanta amarezza nelle tue conclusioni!! Ciao Gus. Buona serata. Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marilena, l'amarezza è causata dall'uomo che non si affida a Dio con la pretesa di decidere il suo futuro.
      Ciao

      Elimina
  3. Sai che non ho capito molto questo post? Follia: è il nome giusto.
    Bisogna rendere persona la storia.
    Giussani diceva che bisogna ridare all'uomo se stesso.
    Oggi il Papa ha parlato di fare meno chiacchiere, Tutto giusto.
    Tu non romantico? Io ti trovo "diretto" nei commenti ma tante volte e sì, sei romantico! Anche se dici parolacce! Ciao uomo, trascorri una serena notte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decidere il proprio futuro umano è da imbecilli.
      Avvenga di me quello che Dio vuole.
      Ciao Donna.

      Elimina
  4. Se dicessi a mia moglie: "quando sarai moribonda ci sarò io accanto a te", un "mavaffanculo!" immagino di portarlo a casa.. eh eh..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai una moglie superstiziosa.

      Elimina
    2. Scaramantica si però.. eh eh..

      Elimina
    3. Essere superstiziosi è da ignoranti, ma non esserlo porta male.
      (E.De Filippo).

      Elimina
  5. Seppur in un linguaggio molto crudo, hai centrato il problema.
    E’ molto trend considerare il testamento biologico Di tanto in tanto alcuni casi di morte per termine o rifiuto del trattamento medico pongono all'attenzione della politica e dell'opinione pubblica la necessità di legiferare in maniera chiara sull'argomento.Il pensiero che va per la maggiore è considerare non vita,
    una vita che non è produttiva, perché legata a patologie gravi, incapace quindi di condurre una vita cosidetta (normale).Allora via libera all’eutanasia.
    I sentimenti veri, quali l’amicizia, la solidarietà, la pazienza, la condivisione sono stati molto spesso soppiantati dalla “chiacchiera”qualsiasi chiacchiera ognuno si sente in dovere di sproloquiare.
    Forse sono andata fuori tema, perdonami.
    Grazie .
    Buon nuovo giorno!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dani, sei molto intelligente e comprendi benissimo cosa volevo dire in questo post.
      Ciao.

      Elimina
  6. Tornando seri, è vero che il lato cattivo di questa legge deresponsabilizza chi resta prima ancora di favorire chi va via. In realtà ogni sfumatura andrebbe valutata nei minimi dettagli. Perché ogni caso è una vita diversa.

    RispondiElimina
  7. Quali sarebbero le sfumature?

    RispondiElimina
  8. C'è la sfumatura larva che sopravvive a morfina. Ma non è la sola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sopravvive fino a un certo punto. Poi la dose di morfina è letale.
      C'è una sensibilità che ti porta a capire quando è giunto il momento di sospendere ogni terapia.

      Elimina