lunedì 10 febbraio 2014

Il cristiano che vive stancamente

 
 
 

 
 
 
 
Ci si muove dunque davanti a una grave provocazione (aborto, divorzio), ma poi è come se si rimettesse "il muso tra le zampe" vicino alla polvere. Tutti sentiamo, dopo il sommovimento avvenuto, il pericolo incombente di ritornare o di restare in questa suspense tra gli impegni pubblici e una vita personale tutta affaticata dall'assenza di motivi che rendano umani gli affari quotidiani.
Questo post sembra strano e astratto, ma non è così. Il cristiano che vive stancamente è preda del potere che sferra attacchi terribili. In un momento di stasi, di vita con poca fede, senza entusiasmo, sono passati divorzio e aborto. L'aborto è spesso un assassinio e il divorzio mina alle basi la forza del matrimonio cristiano che è spacciato come qualcosa destinato ad affievolirsi e sparire.
Ma allora che presenza è, che vita è la nostra? E' una sopravvivenza, una reazione a un urto violento, proveniente da chi ha ancora un residuo di energia per riaffermare il suo potere.
 
 


33 commenti:

  1. Malgrado quello che accade noi la sera andiamo a dormire con la coscienza tranquilla, eppure come si fa a considerare normale, o meglio istituzionalizzato che un uomo sposato con figli vada a corteggiare una donna maritata?
    Ci riempiamo la bocca di Cristo ma sicuramente non è quello morto sulla Croce.

    RispondiElimina
  2. Gus caro, post serissimo e di diffcile commento...
    Viviamo con degli ideali, ributtiamo via i vari compromessi, siamo dei buoni cristiani,amiamo chi ci ama..tante le domande che bisognerebbe porci in assoluta sincerità..
    Ma manchiamo sempre nel guardarci dentro e non sappiamo cosa risponderci perchè abbiamo sempre delle scusanti...
    Quindi la conclusione, pessimistica senza ombra di dubbio!++++

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella, assistiamo impotenti e quasi impassibili al degrado morale e etico della nostra società. Ne dovremo rendere conto perché non diamo un buon esempio o non riusciamo a testimoniarlo adeguatamente.
      Ciao.

      Elimina
  3. Ecco perché non si dovrebbe essere cristiani: così non ti poni il problema etico, e se è purtroppo necessario, divorzi.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno riceve la Grazia e diventa cristiano.
      Può capitare anche a te.
      Poi, addio a Pompidou e Dominique Strauss-Kahn.

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Battesimo è un per-dono. Sta a noi accettarlo e custodirlo con amore.
      Non sta a noi stabilire chi verrà salvato e discettare sulla Misericordia.
      Veri/male e ipocriti/bene sono le facce di una stessa medaglia. Somigliare non significa Essere.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Arancia non è più ospite. Per errore è stata cancellata. In ogni caso su pubblicato compare Gus. Metto sullo stesso piano il male e il bene falso che contiene anche l'aggravante della menzogna.
      Non vedo la connessione con la moneta romana che appartiene all'uomo e non a Dio.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    5. Smettila con quell'arancio. Non ti accorgi che semini zizzania. Leggi nei miei commenti quello che non ho scritto.

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il post è mio e arancia non è più membro di questo blog. La menzogna è la tua.

      Elimina
    2. citata in causa? Posso esser utile? Non sapevo di non esser piu membro ma poco importa. Mai avuto necessità di sentirmi inserita o meno, membro o meno... se ho voglia di dir qualcosa mai avuto problemi nel sentirmi limitata a farlo, perchè l'unico modo di essere membro che conosco è il rispetto per tutti.

      Elimina
    3. Troppe speculazioni sul tuo nome.
      Non vedi la sfilza dei commenti eliminati?
      Dovrebbero vergognarsi.
      Ciao Brunella.

      Elimina
    4. ahahha...non piacerà il colore? l'aroma di cannella... noiosi, ripetitivi, avvitati intorno a loro stessi e perciò in conflitto con chi non “gira” come e con loro. non vale manco la pena di ribattere, gus.

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Aborto e divorzio possono essere armi pericolose, d'accordo, ma evidenziarne solo il lato negativo è come asserire che il fuoco è deleterio perché brucia.
    Non c'è solo bianco e nero nella vita. Anzi. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franco, la fedeltà coniugale è il cuore della famiglia.
      L'aborto, spesso è un assassinio.

      Elimina
  8. Condivido pienamente il tuo post.Il dovere di ogni cristiano è di schierarsi a difesa delle verità morali fondamentali come sacralità della vita umana e la dignità del sacramento del matrimonio.
    Oggi, 11 febbraio, memoria della Vergine di Lourdes e giornata del malato. Ricordiamo tutte le persone sofferenti, affidandole al cuore di Maria
    Ciao August, buongiorno!

    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finalmente una condivisione chiara sull'essere cristiano.
      Quello che accade sta diventando un incubo. E si sente parlare di genitore1 e genitore2, perché il concetto di padre e madre non fa comodo ai laici, la vita con le inseminazioni di spermatozoi di estranei, la coabitazione che sostituisce il matrimonio perché è un istituto obsoleto, l'eutanasia come scelta di vita e non soluzione di estreme sofferenze insopportabili. Mi fermo qui, ma le aberrazioni stanno invadendo ogni aspetto della vita umana.
      Ciao Daniela.

      Elimina
  9. Vivere stancamente....Il tuo post mi fa venire in mente Dante quando parla della selva oscura e dice: "Io non so ben ridir com' i' v'intrai / tant'era pien di sonno a quel punto / che la verace via abbandonai." Sono versi attualissimi! E' quel SONNO, per me, la causa di tutto ! Non una precisa volontà di negare certi valori, ma un lasciarsi andare per pigrizia, per acquiescenza, per conformismo, perchè si è ormai privi di vigilanza! Come quando si scivola su di un piccolo gradino, piccolo, che poi però si porta dietro anche gli altri, senza che ce ne rendiamo ben conto.
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sonno di chi ha dimenticato Cristo.
      Ciao Annamaria.

      Elimina
  10. I miei pensieri vanno all'unisono con il commento della Dani. Però vorrei precisare che anche nei tempi, che a volte, rimpiangiamo, succedevano di non ubbidire ai testamenti....ma lo si faceva in sordina, silenziosamente: oggi tutto è di tutti non ci accorgiamo di dare scandalo. Personaggi pubblici, di ogni livello, comunicano ai giornali le traversie peccaminose della loro vita e ne fanno esempio da seguire...E i nostri giovani...prendono atto e imitano! Dobbiamo agire con amore questa è la sfida quotidiana..."Mio Dio prendimi per mano e accompagnami nel passaggio di questa vita dove solo con te ci si sente in pace..."

    RispondiElimina
  11. Gus, ti ho salutato? mi pare di no. Scusami e ti auguro tutto il bene possibile. Qui c'è il sole!!

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angelo, molte volte sono stato sul punto di eliminare il blog. Capisco cosa si prova scrivendo nella rete. Tu sei mio amico come prima perché ho fiducia in te e gli errori li commettiamo tutti.
      Spero che questo commento sia solo dettato da un momento di sconforto.

      Elimina
    2. CON STATO che hai ... LETTO!
      Avere fiducia nel PROSSIMO o in CHI non ha FIDUCIA in SE STESSO?
      SONO MOLTO ESIGENTE e divento CATTIVO quando non RICEVO il PANE del CIELO da chi SO che potrebbe DAR...MELO.
      Preferisco gli AVVOCATI del DIAVOLO agli a.C.cUSATORI dei FIGLI del PADRE.
      Ti rimproVERO perché ti VOGLIO BENE e mi chiedo se voglio ancora BENE a CHI non rimPROVErò più.
      CAN...CELLA!

      Elimina
  13. C'è stanchezza e STANCHEZZA.
    Penso alla ragazzina che si è tolta la vita terrena mentre i MEDIA a.C.cUSANO il WWW.
    Questo non lo CAN...CELLO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ragazzine sono fragili e hanno bisogno di comprensione e rispetto.

      Elimina