lunedì 20 gennaio 2014

L'assenza matura sempre lentamente




L'assenza è la mancanza di comunicazione. Un distacco definitivo.
Non è casuale. Ha un significato che a volte è difficile da comprendere perché la lontananza non scoppia all'improvviso, ma matura lentamente giorno dopo giorno fino all’esplosione manifesta.
L'assenza è un'assoluta neutralità, indifferenza, quiete apparente, stasi, uniformità opalescente e grigiore appena tiepido.
L'assenza ha sempre un senso. Ha cangianti valenze.
Mi piace la valenza cangiante dell'assenza. Il camaleonte si acquatta tra le foglie e, nascondendosi, diventa foglia ed è ancora più presente perché si immedesima nella natura che lo circonda immobile e per non farsi catturare resta fermo in attesa di riprendere a camminare e diventare un altro,

un colore nuovo.



20 commenti:

  1. Non c'è niente di più terribile che una presenza possa trasformarsi in una gelida assenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MANO'!
      Certamente per TE!
      Fatti aiutare da Clèopa (Lc 24, 13-35) o da Maria di Magdala (che si sposta DEFINITIVAMENTE in un'UNICA PERSONA).
      CHISSA' chi avrà VINTO VERA-MENTE tra CA'iFA' e quel GIU'SU'.
      A cosa serve aver vinto in una battaglia del PASSATO se poi adESSO non c'è più?
      Tolgo il disturbo!
      Non si più per me una persona che MI SOpPORTA.
      SONO io che non sento più A.T.TRAZIONE e non HO più stimoli per ... CORTEggiARTI ... SE-DURti ... proVOCARTI.
      Sbaglio CONTInuaMENTE INDIvidui, ma MAI PERSONE!
      Mio BELLO senz'ANIMA!

      Elimina
    2. Angelo, io parlo sempre in generale, cioè a tutti.
      I corteggiatori lo capiscono e vengono a ritrovare la mia anima.

      Elimina
    3. Io non parlo MAI in GENERALE, ma per il FINE.
      C'è sempre un corteggiatore un po' strano che si arrende SUBITO tra i preTENDENTI.
      Brutta COSA essere SUO ambasciatore.

      Elimina
    4. Io non parlo MAI in GENERALE, ma per il FINE.
      C'è sempre un corteggiatore un po' strano che si arrende SUBITO tra i preTENDENTI.
      Brutta COSA essere SUO ambasciatore.

      Elimina
    5. Viene in incognito?
      Parlare in generale significa esprimere un concetto senza pensare quali persone vi rientrano.

      Elimina
    6. A questo PUNTO ... anche IO ... verso le SOLE PAROLE e non per le PERSONE che SONO SEMPRE ... TRE.

      Elimina
    7. La Parola è più adeguata del mio in generale.

      Elimina
  2. L'assenza nella maggiorparte dei casi presuppone un futuro ritorno.
    Come si rientra in scena? E' l'assenza stessa a definire questo...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quasi tutte le assenze si allontano fino a un punto di non ritorno.
      GuZ-

      Elimina
  3. Lo credo anch'io questo, ti capisco!
    Un saluto affettuoso, buon pomeriggio!
    Dani

    RispondiElimina
  4. Oh sì, Delerm! Lo conosco, è bellissimo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra quasi che scriva pensando a te.
      Ciao Annamaria.

      Elimina
  5. Certe assenze sono percepibili più di certe presenze finte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La presenza finta un po' alla volta viene scoperta.

      Elimina
  6. Assenza: parli di grigiore appena tiepido. Assenza: vuoto, nulla. Terribile!
    Preferisco la Presenza, la Luce che mi dona amore. Ci sono dei momenti in cui con Paolo vicino stiamo in un profondo silenzio. Io immersa nei miei pensieri, lui assorto nei suoi libri. E' assenza di comunicazione? No, è presenza di armonia. Ci sono stati dei periodi, specie quando lui viaggiava, in cui la sua presenza-assenza, colma della sua stanchezza, mi rendeva triste e cercavo sorrisi e dialoghi negli amici. Ma nel profondo non cambiava nulla. Grazie sempre. Ciao Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il massimo della presenza è stare ore insieme senza parlarsi con le parole ma con il silenzio dell'amore condiviso.
      Con tuo marito e con l'Altro.

      Elimina
  7. L'assenza a volte è più solida e tangibile di una presenza troppo..... presente.

    ciao Gus, voglio assolutamente leggere questo libro di Delerm.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si legge come bevendo un sorso di birra.
      Ciao Rossella.

      Elimina