lunedì 23 dicembre 2013

Il Sacrificio ha un perché







Nella vita terrena di ognuno di noi quello che si chiama sacrificio credo sia l'obbedienza alla propria coscienza.
A volte la propria coscienza detta percorsi duri da seguire, ai quali certamente si ovvierebbe, potendo (e con potendo intendo dire se si fosse singoli, individui non legati ad altri). Ma laddove si comprende l'utilità del sacrificio, la propria responsabile risposta al richiamo, ecco che il sacrificio assume una pesantezza giustificata.
Perché va oltre la fatica del gesto chiamato sacrificio. Il sacrificio diventa amore per Cristo.




40 commenti:

  1. bello questo post sull'amore per Cristo in un periodo in cui stiamo perdendo ogni ideale, anche e soprattutto quello della fede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti piaccia quello che ho scritto.
      E' nostro dovere riappropriarci del senso della realtà.

      Ciao Manuela

      Elimina
  2. EVVIVA la CRIPTA ERMETICA!
    Manco un ESEMPIO?

    Vabbè TELO SCRIVO IO e TELI apro i sigilli.

    OGNI VITA è studiata a TAVOLINO. Ci si traccia i confini FINO a quanto la CREATURA può SPAZIare e il CREATORE IN TErVENIRE.
    Poi ci si a.C.corda TUTTO e ognuno per la SUA STRADA ... dimenticando il TUTTO.
    La coSCIENZA è quel filo che ci lega a quel PATTO, cha ci sembrava POSSIBILE da Realizzare e portate a COMPImento, ma poi dimentichiamo anche questo.

    Se non sono stato chiaro faccio un altro esempio STRANO ma che fa capire che bisogna capire l'INIZIO per comprendere la FINE.
    Un collega meravigliato per la mia assiduità lavorativa e in tutto quello che facevo, anche apparentemente esagerato in ordine e perfezione, mi chiese se ne valeva la pena. Gli risposi che preferivo perdere dieci minuti in più per evitare ore da recuperare nel caso che l'imperfezione, a suo tempo, fosse uscita a galla, ma se si poteva recuperare con gli stessi dieci minuti ... accettavo rimandarli al momento opportuno. Sempreché avessi altor da fare.

    Poi vedendo l'incomprensione dell'amico che mi tentava a PERDERE il tempo in altre cose ... aggiunsi:
    "prima di nascere, il BUON DIO mi chiese dove preFERIVO provare piacere e o chesi TEMPO per risonderGLI. Mi informai sui tempi terreni e scelsi di GODERE durante il SONNO o mentre eseguivo qualsiasi LAVORO.
    Mi fu conCESSO UNO SOLO di questi due tempi.
    Per questo sono riuscito a dividere la VERA REALTA' dalla semplice provocazione.
    Fattevi FURBI, scaltri ... GIUSTI ... per VOI e gli altri.
    Se solo i governanti dessero almeno l'indispensabile al popolo... eviterebbero di perdere la TESTA per pensare di essere POTENTI più di CHI non ha NULLA da perdere in questo MONDO.

    Mi sa che ho sbagliato POSTo per fare il MIO POATo.

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. Il dolore resta lo stesso e non avendo un senso porta alla disperazione.

      GuZ-

      Elimina
  4. Sempre da legegre e meditare i tuoi post, Gus.
    Io intanto ti lascio i miei auguri per un Santo e sereno Natale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maristella. Un Natale pieno di serenità e d'amore per tutti.

      Elimina
  5. Forse non è l'obbedienza, ma solo semplice coscienza. Non potrebbe essere diversamente e tutto viene spontaneo...:)
    Buona notte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'obbedienza di un cristiano deve contenere l'obbedienza.
      Ciao.

      Elimina
    2. OGGI sei ISPIRATA ... non ancora spirata?
      La VERA OBBEDIENZA nasce dalla CONOSCENZA!
      E' come l'aver TIMORE di DIO dandogli un disPIACERE.
      Non servono leggi per chi le VIVE fino a dare la VITA per non TRAsgreDIRLE.

      Elimina
    3. Angelo, se ti riferivi a me io ho un blog. Non aspettarti gli auguri. Non sono disposta a baraccare per qualche soldo in più. Gus ha avuto coraggio a riaprire le porte del suo blog a me. Ora dimostrarmi il TUO di coraggio.

      Elimina
    4. IO ci SONO quando gli altri non ci sono.
      Il MIO CORAGGIO è ben altro e non virtuale ... calcisticamente parlando.
      MINACCIOSA!
      Lo sai che IO SONO come tu sei.
      Scegli TU il MO'mento per PIANGERE insieme.
      Ora a.C.conTEnTENTATI di chi ti apre alla stessa maniera che io a.C.colgo.

      Elimina
    5. Angelo,non vieni a farmi gli auguri nel MIO blog?
      Buonanotte!

      Elimina
  6. II sacrificio è l’atto determinate che ti fa comprendere la vera esistenza, si tratta di seguire un cammino antico. Un cuore, un senso comune della conoscenza condivisa ancora presente che, ripropone, ogni volta, quel sacrificio, ossia l' atto decisivo di divisione e sofferenza quando la realtà ebbe inizio.
    La grazia avviene quando si prende coscienza, si riconosce e si alimenta un legame di dimensioni diverse dell’essere qui, ora, nell'attimo in cui il tempo e la lontananza non esistono più...e si diventa unico dei molti. E' stata una sensazione estrema che ho provato. Non so se sono riuscita a spiegarmi bene!
    Dio ha racchiuso il ciclo della creazione e ha ricomposto l’inizio dei nostri tempi.
    Notte, Augusto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Grazia è il dono della Fede da parte di Dio.

      Elimina
    2. Non ho mai sentito PARLARE in questo MODO.
      Quale MIaNACCIA è MAI questa?
      E' un COPIA e INCOLLA di qualcuno che ha VISSUTO questo ... SCRITTO?

      Darei la MIA GRAZIA per CHI è così FERVENTE in qualcosa che E' POCA COSA chiamarla FEDE.
      Questa E' CERTEZZA e la FEDE e la CARITA' del CIELO è disPENSATA ABBA'ndANTE mente per tutti le ANIME che VIVONO questa CERTEZZA, come un BAMBINO che non pensa mai a morire, perché non conosce ancora la MORTE.

      Ma so anche che SATANA si riVESTE di ANGELO di LUCE ed IO non VIVO una LUCE, nemmeno UNA PAROLA. IO VIVO per SENTIRE PARLARE LUI che mi dice di CONTINUARE. Di AVANZare.
      Fare DEI resti LA SUA CHIESA.

      Elimina
  7. Cristo che è amore, dona se stesso continuamente. La nostra dipendenza da Colui che ci crea si attua nel dono di noi stessi, nel sacrificio, nel "darsi tutto" .
    Donare a Cristo quel bene, quell'Amore che ci renderà vuoti di noi, ma pieni di Lui.
    Ed è proprio come dici più su se hai legami sulla terra, non puoi "darti tutto" ma puoi sognare di farlo.
    Ti ho già fatto gli auguri per un sereno Natale in cui puoi incontrare il tuo "vero" Natale!
    Giorni festosi che fanno sorridere gli occhi mentre il pensiero corre a ciò che è "dolce ricordo" Un abbraccio e una preghiera di condivisione. Lucia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lucia.
      Preghiera, condivisione e abbraccio.
      Ciao.

      Elimina
    2. Manca ancora un po' di SALE.

      Elimina
  8. Eddai con Modigliani, non mi piace per nulla. Non so fino a che punto apprezzare l'arte e soggettivo. Sembrano così banali le sue figure! Non capisco, meglio Caravaggio e tanti altri.
    Comunque quell' immagine mi somiglia, tra qualche anno mi sa che diventerò anch'io così: bella cicciottona :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caravaggio fotografa soggetti e oggetti, Modigliani dipinge la realtà come lui la vede tra sofferenza e speranza.
      Ciao Silvana.

      Elimina
    2. Volevo farti sorridere. :)
      Auguri, domani si rinasce ancora.
      Tanta felicità, augusto,.
      Ciao.

      Elimina
    3. Sì, arriva l'Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo.
      Auguri a te per una vita serena.
      Ciao Silvana.

      Elimina
    4. KI TI TI RE RA' il collo ... alla MO' di gli ANO?
      Quando la GALLINA è vecchia si rischia di ritrovarsi con grinze e doppio mento se ritorna al suo POSTo.

      Elimina
  9. Il sacrificio diventa amore per Cristo.
    "Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero" Mt.11,28-30
    Grazie August!
    Ti auguro un Santo Natale sereno e di pace.
    Un abbraccio grande.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il Sacrificio è l'Amore di Cristo che si manifesta.
      Un abbraccio grande come il tuo.
      Ciao.

      Elimina
    2. Non conFONDIamo il PAN d'oro o il PAN etto...né! ... con il VERBO fattosi CARNE SALATA.
      E non misceliamo lo SPUMAnte o il liquORE con la VITA fattasi SANGUE SALATO.
      Quale sacrificio diventa amore per Cristo?
      ESEMPIO prego!

      Elimina
  10. Sì, condivido quello che hai scritto sull'obbedienza alla propria coscienza che ci porta spesso a percorsi duri da seguire. E un po' invidio chi ha fede e riesce dunque a trovare il conforto e superare con l'amore di Cristo la fatica del sacrificio.
    Sono passata per farti gli auguri di Buon Natale. Ti auguro serene feste. Ciao Gus :).
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La VERITA' rende LIBERI da ogni sacrificio.
      Come si può spiegarla?
      Esempio, cosa inTENDEVA il CRISTO quando DICEVA:
      "A voi è stato confidato il mistero del regno di Dio; a quelli di fuori invece tutto viene esposto in parabole, perché: guardino, ma non vedano, ascoltino, ma non intendano, PERCHE' NON SI CONVERTANO E VENGA LORO PERDONATO".

      O ISAIA:
      "Voi udrete, ma non comprenderete, guarderete, ma non vedrete.
      Perché il cuore di questo popolo si è indurito, son diventati duri di orecchi, e hanno chiuso gli occhi, per non vedere con gli occhi, non sentire con gli orecchi e non intendere con il cuore e convertirsi, e io li risani".

      Ma voi siete NOI o NOI siamo voi?
      IO chi SONO?
      E TU?

      Se IO SONO tu e tu SEI IO ... chi è più CRATIE'N di tutte e DUE?
      Quanti ne siete nella VOSTRA TENDA?

      Elimina
  11. Segui e non invidiare.
    Un abbraccio.
    Ciao Marilena.

    RispondiElimina
  12. Forse un mattino andando in un’aria di vetro,
    arida, rivolgendomi, vedrò compirsi il miracolo:
    il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro
    di me, con un terrore di ubriaco.

    Poi come s’uno schermo, s’accamperanno di gitto
    alberi case colli per l’inganno consueto.
    Ma sarà troppo tardi; ed io me n’andrò zitto
    tra gli uomini che non si voltano, col mio segreto.
    Forse un mattino andando in un’aria di vetro,
    arida, rivolgendomi, vedrò compirsi il miracolo:
    il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro
    di me, con un terrore di ubriaco.

    Poi come s’uno schermo, s’accamperanno di gitto
    alberi case colli per l’inganno consueto.
    Ma sarà troppo tardi; ed io me n’andrò zitto
    tra gli uomini che non si voltano, col mio segreto.
    Forse un mattino andando in un’aria di vetro,
    arida, rivolgendomi, vedrò compirsi il miracolo:
    il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro
    di me, con un terrore di ubriaco.

    Poi come s’uno schermo, s’accamperanno di gitto
    alberi case colli per l’inganno consueto.
    Ma sarà troppo tardi; ed io me n’andrò zitto
    tra gli uomini che non si voltano, col mio segreto.
    Forse un mattino andando in un’aria di vetro,
    arida, rivolgendomi, vedrò compirsi il miracolo:
    il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro
    di me, con un terrore di ubriaco.

    Poi come s’uno schermo, s’accamperanno di gitto
    alberi case colli per l’inganno consueto.
    Ma sarà troppo tardi; ed io me n’andrò zitto
    tra gli uomini che non si voltano, col mio segreto.

    Il poeta spesso vede come e quanto la realtà sia effimera. Ha in dono una consapevolezza che gli altri non hanno. Tuttavia è costretto a stare zitto, perché ?? solo condividendo si comprendono i... misteri della vita....e il vuoto dentro sparirà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Montale è il mio preferito.
      Condividere è difficilissimo.
      Buon Natale Silvana.

      Elimina
    2. Ti ho nel cuore. Auguri anche ai tuoi cari.
      Mi dispiace tanto che non riesco più a seguire le persone che mi vogliono bene. Sono stanchissima. Vado a riposare.
      Abbraccio.

      Elimina
  13. E' Nato! Sereno Santo Natale!

    RispondiElimina
  14. Ciao Augusto, un sereno e santo Natale.

    RispondiElimina
  15. Grazie.
    Buon Natale, Rossella.

    RispondiElimina
  16. Auguri in ritardo, a letto con l'influenza ho vissuto intimamente la Festa, ed è stato un bellissimo Regalo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Franco.
      Sono contento della tua intimità con Cristo.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità