giovedì 28 novembre 2013

Il bastone immerso nell'acqua






La filosofia - affermano Deleuze e Guattari - è creazione di concetti che il filosofo non possiederà mai, ma di cui sarà l'amico. Non ci si interroga dunque sulla filosofia per assegnarle un ruolo o delle competenze, ma per mostrare come ogni domanda sulla filosofia sia una domanda posta alla filosofia, e come quest'ultima sia una ricerca in continuo divenire negli atti stessi che la instaurano.

28 commenti:

  1. La filosofia - affermano Deleuze e Guattari - è creazione di concetti che il filosofo non possiederà mai, ma di cui sarà l'amico. Non ci si interroga dunque sulla filosofia per assegnarle un ruolo o delle competenze, ma per mostrare come ogni domanda sulla filosofia sia una domanda posta alla filosofia, e come quest'ultima sia una ricerca in continuo divenire negli atti stessi che la instaurano.

    RispondiElimina
  2. E' chiaro che non potranno mai essere compatibili.
    Altrimenti si dovrebbe trovare compatibilità con qualsiasi mito creazionista, di varie religioni e filosofie.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessun mito. Il cattolicesimo è una cosa seria.

      GuZ

      Elimina
  3. Volevo scrivere un post stasera proprio su queste riflessioni...mi hai preceduto. Scriverò anche il mio pensiero.
    Ciao, Gus.

    RispondiElimina
  4. Chi ha fede può e deve rinunciare a priori anche a qualsiasi dibattito. E' già oltre. Per scelta. E non deve dimostrare nulla. La particella di Luce che ne illumina la Via non è fisica, ne' chimica, ne' filosofica. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione LAMPUR, la Fede, non la si può spieghare, la si vive e la si dimostra testimoniandola, non a parole, ma con la vita.
      Dani

      Elimina
    2. La fede si spiega solo con una testimonianza. Soprattutto la nostra.
      Ciao Dani.

      Elimina
    3. Franco, la Fede è ragionevole. Cristo indica la strada di una vita piena di Luce. E' giusto, non c'è niente da dimostrare.

      Elimina
  5. Ancora questi esempi strambalati nel 2013, invece di trovare il contatto nella MATERIA e ENERGIA OSCURA dell'UNIVERSO?
    Se l'acqua è trasparente il bastone non sembra piegato e se è torbida e mossa non si vede nemmeno l'altra parte. Solo se riflette il bastone in superficie allora bisogna stare attenti a calcolarne l'angolatura della visuale. E poi questo mastone, spero sorretto da una mano ... ha all'altra estremo un'altra mano? ... pur con pollice e MANO intera opponibile?

    SEI VECCHIO per questi discorsi!

    Miu sembri NICO-DEMO.

    La FILOSOFIA non è così tanto VISIBILE come la SCIENZA. Eppur anche la SCIENZA SUpPONE.

    Quante volte devo dirvi ch ela FEDE è un CREDO ... ad esempio di poter eseguire un'altro passo COME il preCEDENTE ... a meno che non c'è un ANGELO che ti avverte ATTENTO che CADI ed io, più scaltro, so come AFFERRERMI a LUI (se lo vedo, lo tocco ... oltre SENTIRLO).

    Ca' niscun' ie FESS'.

    Ma andate a ripetizione da GIACOBBE!

    Gesù si FACEVA in DUE per farvi capire cose TANGENTI e non per sentito DIRE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La filosofia non risolve i problemi dell'uomo, Cristo sa farlo.

      Elimina
    2. All'ORA nemMENO la SCIENZA ... altrimenti ... scambieremo il SALVATORE del'l'ANIMA in un TERRApeutico, in un amministratore delle cose terrene.

      ESSERE RE dell'UNIVERSO non vuol dire stare sempre a controllare le ORBITE CELESTI.
      ORAmai va tutto da ... SE.

      E TU ... che sostieni che Cristo risolve i problemi?
      Di quale GENE-RE?

      Elimina
  6. Molti di noi hanno dichiarato di avere pochi dubbi, nella convinzione che non c' è altro modo di un pensare concreto se non guardando con i propri occhi e ragionando, come si può, con la propria coscienza.
    In verità posso confermare che il mio sentimento della realtà è stato un inganno, e non sarebbe stato sufficiente, da solo, a dare luce in situazioni davvero drammatiche, ne su ciò che vedevo, ne delle mie emozioni-sensazioni, ma raggiungendo una folle profondità... e ancora di più di quella sufficiente per riuscire ad accettare tutto ciò che mi tormentava. In certi momenti ho solo compreso che esistono dei punti di luce che ci evidenziano, più o meno intensi ma divisi da una grandezza immensa, diversa, eppure e comunque ho sperimentato il male, quel male sempre ingiusto per difetto dove esistono dei limiti nella realtà e dove, tuttavia, non esiste un limite al significato che esprime una condizione che ci trascina oltre o al di fuori dall' esperienza umana che e molto al di là di questo mondo.
    Anche questa è testimonianza di fede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La realtà è un'elaborazione mentale soggettiva, quindi esiste una mia realtà che si confronta con la realtà degli altri.
      La tua realtà, a volte, sconfina nel trascendente che quando incontra un'Entità precisa diventa fede.

      Elimina
    2. Esattamente, nel trascendente!

      Credo che Gio sia ateo, Personalmente ciò che ha scritto è un' altra testimonianza di fede che, forse, nemmeno riconosce.
      La grande sofferenza, spesso, incontra la Vera Entità....forse non tanto precisa direbbe Gio.

      Se vuoi e quando vuoi, mi piacerebbe un tuo commento nel mio post " salviamo il pudore"
      Buona Notte.

      Allora per certi versi sono grato, come il Dio che si lascia morire in croce, delle sofferenze, che impediscono che dall'ebbrezza giunga fino all'intossicazione, che anziche' promesse buffe, sincere, assurde ed irrealizzabili formuli uno spirito non piu' trasparente ma manipolatore menzogne attentamente architettate, suadenti, crudeli.
      Mi riferisco all'adulterazioni dello spirito con lo stesso turbamento che provo quando, nello studio di un medico, o nudo davanti ad uno specchio, osservo, valuto, calcolo i tradimenti del corpo, le sue degenerazioni.

      Elimina
    3. Silana, non so chi sia Gio.
      Ciao.

      Elimina
    4. Gio, e' un caro e dolcissimo. amico virtuale.

      Elimina
    5. Sembrerà strano ma TRA-SCENDENDO si finisce nel MALE, per non DIRE ... all'INFERNO.

      Quell'UOMO si è lasciato uccidere COME un agnello, ma non per essere mangiato da VERMI più o meno GRANDI solo sulla FACCIA della TERRA.

      La VERITA' ASSOLUTA ed è quella che VINCE un'altra VERITA' ASSOLVIbile perchè SOLUbile.

      Elimina
    6. IO non invito quasi MAI nel MIO POSTo CHI non è comPARTECIPE ad averlo PROvocato.

      La Silana ha interesse ad aumentare le sue visite?
      Basterebbe entrare cone ANOnimo o la ricompensa SONO i BLOGGER?

      Quando vuoi, TI piacerebbe un MIO commento nel SUO post "salviamo il pudore" ... di CHE?

      Elimina
    7. Io si, angelo. Invito i pochi ma buoni. Non ho mai avuto alcun interesse o tornaconto virtuale, nemmeno aumentare le visite, anche perché ne ricevo più di 150 al giorno, bastano e avanzano. La ricompensa?? Davvero, e credimi, non mi interessa. Ho chiesto solo il commento di Gus,
      Di CHE cosa?

      Elimina
  7. Chi testimonierà per noi sulla fede che cerchiamo di diffondere? Nessuno. Forse qualche amico/a che conosce veramente il nostro cuore e i nostri pensieri. Chi conosce le parole che sussurro la sera consacrandomi a Maria SS. o a un Altro? L'amore è silenzioso. Forse che ai nostri cari parliamo delle speranze o delle sofferenze segrete del cuore?
    Da anni, da parecchi anni, c'era ancora Valeria, a tavola, prima di iniziare il pranzo ho chiesto se potevamo ringraziare il Signore per il cibo che ci donava. Da quel dì, sempre,prima di mangiare, diciamo "la preghiera" Se ne incarica Paolo. Poche parole: "Signore ti ringraziamo per il cibo che ci doni e ti preghiamo di proteggerci sempre ovunque noi siamo." Paolo è una persona semplice. Come la sua preghiera. Sempre la stessa. Io ogni tanto vorrei cambiarla, specialmente se ci sono ospiti. Ma non voglio essere noiosa.
    Vedi Gus, anche i più vicini a volte non ci conoscono. C'è solo un Altro che mi conosce e che sa quando Gli tendo le mani. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei una testimonianza. E' indiscutibile.
      Ciao Lucia.

      Elimina
  8. Non ho ai apprezzato il detto "Filosofia ancella della teologia".
    Credo - nonostante le tue interessanti riflessioni - che la Fede sia davvero lontana anni LUCE dalla Filosofia.... questa è FATTA dagli uomini, anche se ha come presupposto di credere nell'inVISIBILEn è pur sempre un modo di giungere alla Verità per messo della mente e del pensiero, sia pure metafisico; la FEDE invece è un atto di totale ABBANDONO...


    ciao Augusto, è sempre un piacere leggerti.

    PS mi accordo di avere scritto un commento alla "ANGELO", me ne scuso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angelo è inimitabile. In effetti la teologia è una branca della filosofia, un aspetto particolare del nostro essere.
      Ciao Rossella.

      Elimina
    2. IO NON MI ABBAnDONO MAI ad un DIO che non CONOSCO. IO CONOSCO MIO PADRE e MIA MADRE e adESSO non mi ABBAnDONEREI a LORO perché sono LORO che si ABBA'nDONANO a ME.
      Non sopporto i TEOlogi che arrivano a litigare tra loro su COSE che poi non sanno rispondermi. Esempio in che senso Gesù Cristo è FIGLIO di DAVIDE? ... mica per discendenza come gli evangelisti stessi cercano di depistare se Gesù Cristo STESSO fa capire che era già PRIMA di Davide.

      PreFERISCO più i PASTORI e i VESCOVI VESTITI di BIANCO che non abitano nelle STANZE PAPALI.

      Consiglio la LETTURA della ESORTAZIONE APOSTOLICA EVANGELJI GAUDIUM.

      E' GRATzS!

      Elimina
    3. Fai bene. Meglio conoscere il Padre che è nei Cieli.

      Elimina
    4. Conosco anche la MADRE e OGNI VERO CRISTIANO dovrebbe CONOSCERE i LORO SANTISSIMI NOMI.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità