lunedì 28 ottobre 2013

Per seguire seriamente Cristo

 
 



 

«Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo" (Luc. 14:26.)
Chi non porta la propria croce e non viene dietro di me, non può essere mio discepolo.
Chi di voi, volendo costruire una torre, non si siede prima a calcolarne la spesa, se ha i mezzi per portarla a compimento? Per evitare che, se getta le fondamenta e non può finire il lavoro, tutti coloro che vedono cominciano a deriderlo, dicendo: Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro.
Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? Se no, mentre l'altro è ancora lontano, gli manda un'ambasceria per la pace.
Così chiunque di voi non rinunzia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo». (Lc 14, 25-33)
A tutti poi diceva: Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua. Chi vorrà salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per me, la salverà (Lc 9,23-24). "Noi abbiamo lasciato tutte le nostre cose e ti abbiamo seguito". E Gesù gli rispose: "In verità ti dico, non c'è nessuno che abbia lasciato casa o moglie o fratelli o genitori o figli per il regno di Dio, che non riceva molto di più nel tempo presente e la vita eterna nel tempo che verrà" (Lc 18,28-30).
Non c’è amore più grande di chi dà la vita per i propri amici(Gv 15,13).


47 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazie per il contributo d'incoraggiamento.
      Ciao Miki.

      Elimina
    2. Questo è un brano”forte “del Vangelo.
      Rinnegare se stessi credo sia la cosa più difficile da compiere, perchè siamo stati creati a immagine e somiglianza di Dio, e cosa siamo diventati?
      Cristo ci chiede di rinnegare cosa siamo diventati, usando male la nostra libertà, le nostre tendenze cattive (il peccato).
      Rinnegare se stessi è dunque un’operazione non per la morte , ma per la vita, per la gioia, per la bellezza.

      Rinnegarsi è imparare la lingua di Dio per poter comunicare con lui, ma ed è anche imparare la lingua che ci permette di comunicare tra di noi. Non si è capaci di dire dei "sì" all'altro, a partire dal proprio coniuge, se non si è capaci di dire dei "no" a se stessi.

      Un filosofo fece un esempio riguardo a comunicare con Dio:
      “ Due giovani si amano. Però appartengono a due popoli diversi e parlano due lingue completamente diverse. Se il loro amore vuole sopravvivere e crescere, è necessario che uno dei due impari la lingua dell'altro. Altrimenti non potranno comunicare e il loro amore non durerà”.

      Grazie August, buona giornata!
      Dani

      Elimina
    3. Bisogna vincere gli egoismi ed essere generosi con gli altri. Questo è il comportamento che ti fa parlare con il Signore.
      Ciao Dani.

      Elimina
  2. E allora perchè dice di mandare un'amBASCEria per la Pace, se il nemico è più forte?
    Mi sembra un CONTRO SENSO rispetto al resto delle parole FORTI senza ripensamenti.

    Ti sei reso EUNUCO per il regno?

    Non preoccuparti se ti chiederà cos'è il coso in mezzo alle gambe. Rispondigli: "E' la coda".

    FALLO ridere che ti perdona TUTTO!

    Ha sofferto troppo insieme a me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il prete deve diventare un eunuco. Questo passo del Vangelo blocca il matrimonio. E' il cavallo di battaglia della Chiesa cattolica. Io sono d'accordo.

      Elimina
    2. Il NOSTRO SIGNORE è l'EUNUCO di SEMPRE che ti dice come si può spostare la CROCE della SALVEZZA attraverso anche un FIGLIO CAINO e non ABELE. La VERITA' E' UNA è passa anche attraverso prostituzioni, stupri, omicidi e GUERRE.
      Ma chi ha il coraggio di attraversarle per VIVERLE e VINNCERLE TUTTE?
      Se si legge ATTENTAMENTE le SCRITTURE si nota che Gesù non spinge a sposarsi con la CARNE ma UNIRSI nello STESSO SPIRITO primordiale. Prima di AdAMO EdEVA.
      Quell'uomo fu giudicato male anche per questo. UCCISO per questo! Per aver SALVATO la VITA del SUO AMICO LAZZARO che non AMAVA nella CARNE ma nello STESSO SPIRITO: la PARTE MIGLIORE appresa da MARIA (fratello/sorella di Marta).
      Di Lazzaro parla solo Giovanni.
      Quell'uomo fu anche molestato sessualmente dalle guardie, oltre a venir tirata la sua barba (Lc 22,63-65).
      Queste cose le può raccontare SOLO chi era ... PRESENTE.

      Elimina
    3. La parte umana del Figlio di Dio ha fatto resuscitare Lazzaro, ma potrebbe riferirsi anche alla sua resurrezione che è anche la nostra.

      Elimina
    4. VABBE', POSSO LASCIARLA PASSARE.

      Elimina
  3. .. altro che fico seccato fuori stagione... ;) vedo molto poco in me di tanti insegnamenti, e perdo pure un sacco di tempo a guardare cosa fanno gli altri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non guardare, ma segui, Però evita di andare con lo zoppo.
      Segui uno che ti sta davanti e corre spedito.
      Cerca di imitarlo.
      E' necessario capire ciò che dice, i passi che fa. I pensieri, le parole e i giudizi.
      Bisogna prestare molta attenzione.
      Potresti imbatterti in un parolaio.
      Comprendere le cose che uno dice esige semplicità, pretende avere il cuore da bambino.
      Un qualcosa che si ha davanti, qualcosa di cui cerchiamo di afferrare le parole ed infine imparare come chi precede riesce a far vivere le parole.
      Lo zoppo ha una sola scelta.
      Correre verso l'animalità.
      Identificarsi nella regola dell'istinto.
      La regola di fare quello che gli piace e pare.

      Elimina
    2. GUS non cadere nel giudizio AFFRETTATO sullo ZOPPO.
      Lo ZOPPO potrebbe aiutarti a non cadere nel suo stesso sbaglio. Fidati di chi vuole che almeno TU entri con tutte le DUE GAMBE e BRACCIA. Chissà con LUI in BRACCIO.
      O parli di chi è NATO ... zoppo?
      Allora bisognerebbe chiederlo al PADRE, ... al NONNO ... compreso la PARTE femminile.

      Elimina
    3. Lo zoppo vuol portarti all'errore. Non ha intenzioni didascaliche.

      Elimina
    4. Ma hai esperienze di ZOPPI per VERSI?
      Tu confondi il "zoppicare" con il "balbettare" o "tartaTAGLIARE".
      Chi parla in parabole è uno zoppo?
      Nello studiare la Sindone si sono accorti che l'uomo avvolto ha una gamba più corta dell'altra di due centimetri e pensano che zoppicasse.
      Io dico che non si nota nel camminare ma solo quando compra pantaloni e li fa fare il risvolto prendendo la misura solo ad una gamba sola.

      Elimina
    5. Hai ragione.. ho seminato due chicchi di vento e sto raccogliendo ridicola tempesta... meglio lasciar perdere... ;)

      Elimina
    6. Il lemma zoppo è metaforico, Angelo.

      Elimina
    7. Franco, chi si abbassa sarà innalzato.
      Ciao.

      Elimina
    8. Metaforico o no ... bisogna leggere BENE le scritture per capire che il Vangelo non sono racconti ma un MESSAGGIO di SALVEZZA di un CORPO del quale il CRISTO è il CAPO e noi le membra.
      Non siamo NOI a seminare e nemmeno a raccogliere.
      Noi dobbiamo SOLO non aver PAURA di quello che ci accade e perseverare sempre nella buona FEDE, sbagliando o no.
      Noi non sapremo mai se abbiamo fatto TUTTO il possibili. Per questo dobbiamo FARE ma sempre chiedendo aiuto al Padre.
      E' sempre il PADRE che ci INNALZA al CIELO per farci ridere ... asciugandoci le lacrime.
      Noi siamo le tre staie di farina che corrispondono circa al peso di un essere umano. Il seme è lo spermatozoo che diventa COME un albero che ACCOGLIE i "volatili" del CIELO.
      Ecco ho fatto il POSTo QUI. Una specie di NIDO nel TUO POSTo.
      Se vuol venire anche LAMPUR ... ci stringiamo, ma attenti a non CADERE dall'albero PRIMORDIALE.

      Elimina
    9. Mi sembra un ottimo post.

      Elimina
    10. Per i nostri UCCELLI abbiamo trovato il NIDO.
      Ma per le NOSTRE VOLPI?

      Elimina
    11. Lassù sul nido del cuculo.

      Elimina
  4. Chi vorrà salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per me, la salverà? Gus, non è che, magari freudianamente, ti è scappato un punto interrogativo di troppo? ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CERTE doMANDE sono POSTe come conFERME o proVOCAZIONI.

      Un GANCIO con A PUNTINO non è mai di troppo.

      Elimina
    2. Non era mia intenzione provocare.

      Elimina
    3. Non tutti sono coscienti quando LUI OPERA in NOI.
      Io ad esempio mi sono infortunato al piede che voleva andare con i piaceri del mondo.
      Ma adESSO non zoppico più.
      Temo per la MANO e l'occhio.

      Elimina
  5. Colpa della tastiera. Freud riposi in pace.
    Ciao Franco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono, invece, due puntini (:) di troppo.

      Elimina

  6. "La Nativité"
    Georges de LA TOUR

    pittore francese, esponente del barocco, fortemente influenzato dal Caravaggio.




    DETAILS SUR L’OEUVRE

    Huile sur toile
    Format 76 cm x 91 cm
    Musée des Beaux-Arts et d’Archéologie à Rennes

    RispondiElimina
  7. Risposte
    1. Frapp, in effetti si parla di Cristo. Noi non possiamo imitarlo, ma dobbiamo sapere qual è la via della Salvezza.
      Ciao.

      Elimina
  8. Però, non si sono VISTI e nè SENTITI ... TEOlogi e NE' MENO catechiste sull'argomento.
    Queste PAROLE non si leggono ai bambini?
    Ma nemmeno agli ADULTerI?
    Ma CHI vi spiegherà le COSE come realmente SONO ancora in questo mondo da SALVARE?
    E' stata arrestata anche una madre di una quattordicenne che si prostituiva, anche a 300 euro a BOTTA e non per far sognare i vecchietti che pensano ancora al tempo passato della SEMINA.

    RispondiElimina
  9. Rari nantes in gurgite vasto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. VASTO?
      Perso?
      Rifiuto?

      Elimina
    2. Vasto, in provincia di Chieti.

      Elimina
    3. Sai fare i FALSI nodi?

      Elimina
    4. http://www.youtube.com/watch?v=6r_8KvLZYIs

      Elimina
    5. Spassoso, ma molti di noi con una parola diversa coprono peccati gravi.

      Elimina
  10. La FORZA delle BRAME supera quello del messaggio, molto difficile da seguire, come tutto il resto che porta la PIETRA a rispondere che nessuno può salvarsi.
    Chi può smettere di amare la propria moglie per AMARLA come Gesù AMAVA Maria e Marta di Betania?
    E un uomo può AMARE un altro uomo?
    Poi c'è il termine VERBALE: O DIO.
    Qui c'E' la sapienza dell'AZIONE VERBALE in contrasto con i FATTI.
    E tutti noi siamo testimoni di chi è educato con le parole, ma poi ai FATTI?
    Una cosa è agitare le acque e l'altra cercare di calmare la TEMPESTA anche con AUTOREVOLEZZA, usando la STESSA MISURA di GIU'dizio. VALE anche per un DIO altrimenti non comprenderete mai la scelta della discendenza di Giacobbe a popolo eletto.
    Poi, cosa vuol dire rinnegare se stessi? E' scritto RInNEGARE! NEGARE nuovamente! Perseveranti nel non riconoscere anche la discendenza divina a vantaggio di chi non riesce ad uscire dalle tentazione della carne o della creazione.
    Molti sono SUCCUBI delle proprie CREAZIONI, compreso un POST fatto come DIO COMANDA, ma a che PRO' e/o per cosa? Per sentirsi GRATFICATI?
    SOLO la VERITA' ci può liberare da questa scelta di percorso tra cose già create e che noi possiamo SOLO assemblare.
    Tutto dovrebbe essere gratuito e se una mia opera viene presa da chi ne fa altri USI ... si prenderà le stesse MIE conseguenze, in BENE se lo ha fatto un buona FEDE e in MALE se lo ha fatto per altri FINI.
    NEGARE se stessi e ribadirlo più VOLTE è una OPERAZIONE di autodistruzione, come quella del TEMPIO che non potrebbe mai venir ricostruito in tre giorni, come la cancellazione di tanti POSTi. Ma qualcuno non può venir distrutto per il BENE che ha ricevuto avendo conosciuto quella PRESENZA in un POSTo, in un individuo, anonimo o NON.
    Se il Mondo verrà salvato con la BELLEZZA, vi assicuro che nessuno potra salvarlo come lo ha salvato quel GIGLIO seccato sul PALO a CROCE.
    Sapete fare meglio della NATURA? O di chi l'ha creata per farvi capire altra BELLEZZA che non ha bisogno di OCCHI o altri SENSI, se non con l'ANIMA riCOLMA dello SPIRITO del SIGNORE.
    RinNEGARSI è lasciare il POSTo a LUI che deve AUMENTARE in te.
    Nessuno può riconoscere il Figlio dell'UOMO che ACCOGLIE la VERA LUCE, pur essendo figlio di donna. SOLO CHI GLI apPARTEtiENE ... FINO alla FINE.
    Chi si ABBAserà tra il CREATORE e la creatura?
    E' questione di COMPRENSIONE o di VERITA'?
    Non è VERO che siamo MISERI?
    Chi potrà aiutarci a COMPRENDERE anche SATANA se lo ritenete inferiore a VOI?
    E chi potrà IMMOBILIZZARLO con le PAROLE VERE della CARITA' PATERNA CELESTE?
    Chi si salva potrà rendere SANTI tutti quelli che LUI ha AMATO come è stayto AMATO da LORO e dall'UNICO DIO che TUTTO FA per il NOSTRO BENE e non non lo riconosciamo anche in CHI sembra IN FASTI DIRCI, ma vuole solo DIRE cose FASTOSE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "RinNEGARSI è lasciare il POSTo a LUI che deve AUMENTARE in te".



      Sì, significa proprio questo.

      Elimina
    2. Il primo commento non MELA FATTO passare.
      Cerco di renderlo più ERMETICO, cripto:

      Cerca l'ETIMOLOGIA della PAROLA, del VERBO in Giovanni 1,19-23.

      Elimina
  11. Ah, questo post è interessantissimo e anche i commenti, ma non ce la faccio a leggerli tutti! Pazienza.
    Questo brano mi ha sempre creato delle difficoltà di comprensione. "La vita dell'uomo consiste nell'affetto che più lo sostiene e nel quale trova la sua più grande soddisfazione" (S.Tommaso) La mia soddisfazione, il mio rifugio, la mia consolazione è di aver conosciuto Cristo. Che mi ha fatto incontrare Paolo donandomi poi dei figli e una vita dove ogni giorno è nuovo, buono e bello! Quando sarà il momento in cui misericordioso, mi accoglierà, allora, forse non mi girerò a guardare chi lascio, ma solo allora. Va interpretato così ? Grazie Gus. Un abbraccio e una serena notte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le tue interpretazioni sono sempre illuminate. Non sono io la persona in grado di valutarle.
      'notte Lucia.

      Elimina
    2. Toccano il cuore ... come CHI sull'altare, comunicando con i SANTI e i MORTI, gridano di non perdere la FEDE ... altrimenti perderebbero TUTTO.
      Non dimentichiamoci mai che sia ANELLI della STESSA CATENA che lega i MORTI con i SANTI e non è vero che l'anello più debole è il più forte ... perché spezza la catena, come a molti piace scrivere senza capire il SENSO di certe CATENE dell'AMORE.
      Stare attenti a CHI nascondono messaggi di morte tra le belle parole.
      Se perdete la FEDE ... perderete TUTTO.
      I CRISTIANI non scherzano sui morti. I teschi dei loro preDECESSORI non sono da considerare ZUCCHE VUOTE.
      Noi crediamo nella MORTE di un DIO che confida in NOI.
      In un BAMBINO indifeso è stato POSIZIONATO lo scettro dell'UNICO AMORE del SEMPRE per SEMPRE e Maria lo riconobbe anche nel Giardiniere che si commosse nel vedere una DONNA che cerca il CORPO dell'AMORE incarnato.

      Elimina
  12. Buona festa d'Ognissanti August!

    Dani

    RispondiElimina

la paranoia è un disturbo della personalità