domenica 13 ottobre 2013

La riconciliazione riparatrice

 
 
 

 
 
 
 
La realtà virtuale apre nuove strade alla creatività
e all’educazione, rimettendo anche in discussione
le forme tradizionali di comunicazione, con serie
implicazioni antropologiche.
La città moderna è relativista: tutto è legittimo, e
possiamo cadere nella tentazione di credere che, per
non discriminare, per includere tutti, a volte
dobbiamo relativizzare la Verità.
Ma questo non è giusto.
Dobbiamo smettere di nascondere
il dolore delle nostre perdite e assumerci la
responsabilità dei nostri crimini, della nostra apatia
e delle nostre bugie, perché soltanto attraverso
una riconciliazione riparatrice saremo resuscitati
e, in questo modo, non avremo più paura di noi stessi.
Anche la Chiesa è consapevole della responsabilità
che tutti portiamo verso questo mondo, verso
l’intero creato, che dobbiamo amare e custodire.
Noi possiamo fare molto per il bene di chi è più
povero, di chi è debole e di chi soffre, per favorire
la giustizia, per costruire la pace.


54 commenti:

  1. Il problema è che non è sempre semplice fare pace con se stessi e specchiarsi.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti è difficilissimo.
      Ciao Miki.

      Elimina
    2. E’ vero ormai il virtuale apre nuove strade nuova tipologia di relazioni, si arriva a conoscere il mondo intero, ma credo che ciò che tu hai scritto qua ed è molto bello:

      “Anche la Chiesa è consapevole della responsabilità
      che tutti portiamo verso questo mondo, verso
      l’intero creato, che dobbiamo amare e custodire.
      Noi possiamo fare molto per il bene di chi è più
      povero, di chi è debole e di chi soffre, per favorire
      la giustizia, per costruire la pace”

      Questo auspicio il virtuale non riuscirà ad assolverlo, credo, solo dove vi è la realtà, cioè l’uomo con il suo cuore, le sue emozioni, i suoi sentimenti.

      Ciao August,buonanotte.
      Dani

      Elimina
    3. Ciao Dani.
      Ecco come si comporta un figlio del virtuale:



      Pare che il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, abbia deciso di acquistare tutte le case nei pressi della propria villa, per impedire l'arrivo di nuovi vicini nel suo quartiere e proteggere così la propria privacy.

      A riportare la notizia è il Corriere della Sera e sono ben quattro le abitazioni in questione: tutte adiacenti alla villa di Zuckerberg, che si trova a Palo Alto, in California. Le case pare dovessero essere vendute ad un costruttore, che aveva tutta l'intenzione di pubblicizzarle, successivamente, proprio per la vicinanza con la casa del fondatore di uno dei social network più diffusi al mondo.

      Il Corriere della Sera fa sapere che il nome del 29enne, in realtà, non compare nei contratti di acquisto delle quattro ville, ma che la notizia sarebbe stata resa nota da una fonte anonima tramite il San Jose Mercury News.

      Una delle quattro abitazioni ha un valore di 4,8 milioni di dollari, mentre le restanti tre superano, complessivamente, i 30 milioni di dollari. La cifra di acquisto pare sia altissima, anche per un quartiere di lusso come quello in cui il miliardario vive da tempo con la moglie Priscilla Chan.

      Nonostante non vi siano conferme al riguardo, sembra che Zuckerberg abbia comunque affittato le ville alle famiglie che vi abitavano precedentemente e che già conosceva, impedendo così che potessero essere vendute a sconosciuti e tutelando la propria privacy. Il colmo se si pensa che Facebook – sua creatura – è, invece, la tomba della privacy per circa un miliardo e duecentomila persone in tutto il mondo.


      Elimina
    4. E' tutto un programma....na' meraviglia!!!
      Poveri noi!
      Buona giornata August.
      Dani

      Elimina
  2. Risposte
    1. :)
      ...penso alle risposte di Angelo a quel tipo là...che aveva chiesto se la verità sia assoluta o relativa...e Angelo rispose che per capire quella assoluta bisogna capire quella relativa.
      Relatività ed assoluto non sono in contraddizione ma lo sono relativismo ed assolutismo.

      Elimina

    2. L'assolutismo nega la diversità.
      Il relativismo nega la verità.
      Ambidue sono nemici della verità.

      Elimina
    3. La Verità è Cristo, quindi un valore assoluto, immutabile nel tempo.
      La verità relativa è quella che la società sceglie in base agli umori dell'uomo.
      ogni campo del sapere sembra intaccato e affetto da un’epidemia che lascia poche speranze per il nuovo millennio. Si tratta del relativismo, struttura portante del cosiddetto "pensiero debole", che la "modernità" ha inflitto alla nostra civiltà diffondendolo a dimensione planetaria sotto morfologie solo apparentemente cangianti, come indifferentismo, nichilismo, pirronismo, soggettivismo, individualismo, ecc., in campo ontologico, gnoseologico, culturale, etico, terminologico.

      Elimina
    4. Ora invece mi viene in mente quello che ha risposto il Papa, al medesimo personaggio: absoluto significa distaccato, non in relazione, mentre Cristo non è assoluto ma in relazione con noi...relativo deriva da relazione...dipende anche dalla tua relazione e con chi: scegliere in base ai propri umori non è in relazione a Cristo, ma ai propri umori, mentre relazionarsi con Cristo, non toglie la diversità, ma ti mantiene in relazione alla vertà.
      Fra l'altro non credo neanche che l'uomo moderno scelga in base ai propri umori, ma gli umori stessi dell'uomo moderno sono spesso indotti da chi lo domina.

      Elimina
    5. Comunque capisco ciò che vuoi dire, Gus...certo il relativismo, il soggettivismo, l'indifferentismo etc...che vanno tanto di moda oggi, sono contro la verità, che però rimane verità se è in relazione a Cristo, e mai astratta...Cristo è una persona e non un insieme di concetti.

      Elimina
    6. Tutto questo RIENTRA nella VERITA' ASSOLUTA.
      Il COSTRUTTORE sa come OPERARE per EREGGERE il TEMPIO in quei TRE tempi CIRCOLARI, detti GIORNI, che non SONO i NOSTRI.
      Poi se avvengono degli IMPREVISTI, di solito nella SPESA vengono STANZIATI, ma l'OPERA, con e senza IPREVISTI ... VERRA' REALIZZATA!
      I vostri granelli di imperfezioni possono dare problemi ad una minima parte dell'opera ma potreste far parte di semplice IN TONACo, che si può riMEDIARE.
      Le COLONNE PORTANTI e le ANIMA di FERRO del C'E'MENTO ArMATO SONO FATTE di MATERIALE MIGLIORE, come la PIETRA ANGOLARE che viene scartata inizialMENTE SOLO perchè non è il SUO TURNO.

      Bisogna ESSERE ARCHItetti o almeno OPERAI nella COSTRUZIONE della SAPIENZA per vedere il PRO-GETTO dell'OPERA DIVINA.
      Sbagliando di IMPARA ma non parliamo di ABBAgli.

      Elimina
    7. Di certo non dobbiamo cedere alla tentazione di credere che non esista il peccato, ma dobbiamo specchiarci in Cristo, ed avere il coraggio di ammettere i nostri errori, riconciliarci con Lui e proseguire cercando di non peccare più.

      Elimina
    8. Per me ESISTE anche il DIA-VOLO, basta conosce la RELAZIONE che abbiamo con LUI.
      Ci SONO GENITORI che mettono il DITO tra lo SPOSO e la SPOSA.
      Ci sono i CONCILII, i DOGMA e tutte le proVOCAZIONI ecCLESIAstiche che non SONO FUORI dalla VERITA' ASSOLUTA.
      SOLO CRISTO cancella il PECCATO spiegandoti che ERA necessario!
      Ma come posso SPIEGARLO ai BAMBINI se non sono ancora in GRADO di gestirlo?
      COME potreste GOVERNARE VULCANI e TERRE-MOTI se non capite il SENSO del BIG-BANG?
      Allora anche la CREAZIONE è stata una P.E.C.cata (forma femminile di p.e.c.CATO).
      Volete che scrivi quella dispreggiativa?

      Elimina
    9. Il VERO PECCATO e ritornare INDIETRO!

      Elimina
    10. Ok.
      Grazie per le vostre risposte.
      Ciao Gus.

      Elimina
  3. Una volta UNO mi chiese con CHI ce l'avessi, non comprendendo la MIA SOFFERENZA nelle mie esPOSIZIONI.
    Risposi NON LO SO.
    Forse adESSO SO che CE L'HO SOLO CON ME.
    Dopotutto E' GELOSISSIMO e se VOLEsse andrebbe da CHI LUI vorrebbe.
    CHI SONO IO da imporrGLI SUA CONdiVISIONE?
    Cercherò di intervenire MENO e limitarmi a ringraziare per qualcosa che MI DAI.
    A chi è riVOLTO questo POSTo?
    Con CHI CiE LO hai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intervieni di più e non preoccuparti.
      Le mie riflessioni sono dirette all'uomo che si nasconde.

      Elimina
    2. Ma il MIO ANGELO di nascondeva. Si è disTRATTO ed io l'ho ... SCORTO (da scorgere o scorticare). Ora so come OPERA in NOI.

      Elimina
    3. Non è vero che l'Angelo si distrae.

      Elimina
    4. Lo ha FATtO apPOSTa?
      Si è COmMOSSO?

      Elimina
    5. Hai ragione!
      DisTRAE.
      Si sdoppia! Esce FUORI di NOI e noi lo vediamo e lo sentiamo DISTINTAMENTE da NOI.
      O devo dire da ME?

      Elimina
  4. E' vero, basta nascondere il dolore e la perdita per paura di essere giudicati, scherniti, feriti.
    Potrebbe sembrare la via più comoda ed indolore, ma in realtà facciamo solo del male a noi stessi... non bisogna avere paura della Verità.

    Buona domenica Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è troppa paura del giudizio degli altri. Paura immotivata perché gli altri non sanno niente di noi.

      Elimina
    2. Magari giudicassero BENE, ma di solito difendono senza motivo con FAZIOSITA'. Ma cos'è la faziosità se poi non sanno nemmeno loro perché difendono qualcosa o qualcuno che nemmeno ricambia.
      Ma perché non si interrogano di più sulla LORO coscienza o consapevolezza?
      In psicologia ci sono quattro livelli dell'ESSERE:
      L'essere reale: quello come ci vedono gli altri;
      l'essere: privato: quello che conosciamo noi;
      l'essere nascosto: quello con cui lottiamo;
      e
      l'essere occulto: quello che ci domina.

      Elimina
    3. Lo fanno per esaltare il loro io. Devono essere ignorati.

      Elimina
    4. Quello del custODE e del RE-cluso?
      Per me SONO SOLO da COmMISERAre.
      E' semplice autoDIFESA ... NATURALE.
      Schiavi della MORTE, ma soprattutto del PECCATO ... CON SAPEV-OLEZZA.

      Elimina
  5. "Dobbiamo assumerci la responsabilità delle nostre bugie" Incomincio da questa frase. Io non dico bugie! Piuttosto taccio!
    Che cosa rimane di un io che non è vero, cioè, che non corrisponde alla vita che abbiamo scelto di vivere, di essere?
    Resta ciò che è capitato. Ciascuno deve ricordare ciò che ha di più caro, a cosa aderisce. Cosa prevale nella sua vita e quindi essere coerente. Non è un valore moralistico: è questione di stima e di valori. Ciao Gus! Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le bugie sono debolezze dell'uomo che pensa di realizzare il suo ideale, invece sta sognando.
      Ciao Lucia.

      Elimina
  6. Se PROPRIO conVINTO che TU puoi fare molto per il bene di chi è più povero, di chi è debole e di chi soffre, per favorire la giustizia, per costruire la pace?
    ... di chi?
    ... di cosa?
    ... per quale giustizia?
    ... quale PACE?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono le parole pronunciate da Papa Francesco durante il Discorso del 20 marzo 2013.
      Condivido il suo pensiero.

      Elimina
    2. Il Papa alle altre religioni: "Possiamo fare molto per costruire la pace"
      L'appello del Papa ai rappresentanti delle altre religioni: "Noi possiamo fare molto per il bene di chi è più povero, di chi soffre e per costruire la pace". Il Papa ha ribadito al volontà di proseguire con il dialogo ecumenico.

      http://www.tg1.rai.it/dl/tg1/2010/articoli/ContentItem-81e42f29-c860-4966-90f9-4cb555473950.html

      Elimina
    3. C'è molto da PRECISARE. Lasciamo perdere.

      Elimina
    4. Accetto le parole del Papa e non ho niente da precisare.

      Elimina
    5. PUNTO! Finito qua! So come la pensi.
      Non ci resta che aspettare i FATTI.
      Io non aspettavo questo Papa per ritornare ad avere fede.
      Io in famiglia non dico scusa, grazie ... PERMESSO?
      Ma siamo impazziti?
      Ho visto famiglie TROPPO educate che hanno fatto una brutta FINE.
      Nella mia FAMIGLIA basta uno sguardo, una espressione ... una percezione per CAPIRE come si gioisce o si soffre insieme.
      Questo Papa si contraddice TROPPO per riuscire a far presa. Poi su CHI?
      Per COSA?
      Per la CRISI della Chiesa o della FEDE?

      Elimina
    6. Angelo, io apprezzo le virtù tue e della tua famiglia, ma non rappresentano lo specchio della società. I miei ragionamenti riguardano sempre i comportamenti di una collettività.

      Elimina
    7. La MIA è nella SOCIETA'.
      Forse la TUA?
      Di CHI?
      Del TUO vicino PROSSIMO?
      Cerca di essere più selettivo ... venendoti a TROVARE e vagliando quello che SCRIVI.
      Cosa dice in proPOsito il P.P.P.?
      Se dobbiamo fare di tutta un ERBA un FASCIO allora smettiamo di FUMARE quasiasi ERBA, pure se non è di casa mia.

      Elimina
    8. Secondo te la tua e la mia famiglia sono campioni rappresentativi di una città come Roma?

      Elimina
    9. Secondo ME NO!
      Ma per l'AN GELO SI!
      Lampe d'usa rappresenta MALE o BENE l'Italia? E l'Europa? E il MONDOINTERO?
      Punti di VISTA?
      La LACRIMA del MIO SIGNORE e MIO DIO ... allora non è di dispiacere, ma di COMMOZIONE.
      GRAZIE! GUS per questa PAGHEtta proveniente dal CIELO.

      Basterebbe una SOLA anima per SALVARE MILANO, anche STRAniera.
      Potremmo essere salvati per OPERA di CHI viene come il poverello d'Assisi o anche Gesù SI RESE?
      LORO ci salveranno?
      LORO SONO le SCHIERE di ANGELI che VENGONO con il FIGLIO dell'UOMO?
      Mi hai aperto il CIELO ed IO RESTO meravigliato.

      Elimina
  7. Si è vero abbiamo nuove strade, ma non sappiamo ancora percorrerle come si deve. Forse basterebbe farlo come si fa nella vita, con discrezione, rispetto educazione...ma sul web sembra spesso solo utopia...spero non sia così. Buonanotte Gus *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voglio proprio VEDERE se la strada porta verso un precipizio e si invita a convertire la "MARCIA" ... con discrezione, rispetto ... educazione.
      Io non mi faccio fottere da un gatto e una volpe, anche se i burattini sanno parlare per mezzo di chi MUOVE i fili.

      Elimina
    2. Sono tue idee rispettabilissime.

      Elimina
    3. E per quale MOTIVO con SCIENZaOSO?

      Sembri una PIETRA che non vuole parlare eppur si lancia dove vuole ...

      IO SONO il risPETTO ABILISSIMO.
      Ma tu mi hai fotTUTTO A.C.COGLIEnDOMI ... COSI' COME SONO.

      Elimina
  8. Ciao Saray.
    Il rispetto verso gli altri è fondamentale sia nel reale che nel virtuale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il CHE RUBINO ti rispetta ma MAI dal SUO ALBERO.

      Elimina
    2. Il rispetto nasce dalla coscienza e non dagli alberi.

      Elimina
    3. Non so cosa sia la coscienza. MELA puoi spiegare?
      E' SIMILE per TUTTI?
      Ti sei accorto che hai bestemmiato verso l'Albero al CENTRO del PARADISO terrestre?
      Ma l'Albero della Vita è un INNESTO di quello della coNOscienza del Bene e del Male? ... visto che entrambi SONO al CENTRO della SAPIENZA di DIO, SUO SERVO!

      Puoi fare quello che VUOI ... ORA MAI SEI SALVO per OPERA dello SPIRITO SANTO in TE.

      Elimina
    4. ANGELO HA SCRITTO di TE da S.....:

      E TU non hai capito le PROVOCAZIONI dei FIGLI DEI SUici?
      Sai quelli che son pure mafiosi e delinquenti, pur ROMPICOGLIONI, ma nel momento del bisogno ti fanno mangiare e bere.
      GUS mi ha accolto a prescindere dalle mie blasfemie, stava facendo lo stesso anche con te e Gioia, ma qualcosa IO ho fatto CAPIRE tramite VOI che facevate di tutto per allontanarmi dai suoi POSTi.
      Vi ho USATE per VAGLIARE LUI.
      Come potrò dimenticare la SUA OSPITALITA'?
      Anche TU mi hai ospitato ma POSSO dire che è stata SINCERA?

      Medita SARA come di OTTIENE la SALVEZZA con scaltrezza di ANIMO e non di furbizia.

      Ora MAI l'ho detto!

      GUS è salvo, voi un po' MENO.

      Poi sta a LUI entrare con l'altro piede, braccio e occhio.
      Io non faccio questi miracoli.
      Rivolgetevi a Satana ma dovete DIRE che IO vi ho MAN...DATI!

      Elimina
  9. Sono tornata perché oggi proprio non so che post ...postare. Masticando gomma americana che sa di caramella, ti leggo e penso che: il rispetto per le persone, per tutto ciò che ci circonda, parte dall'educazione che abbiamo ricevuto. I miei bambini non sapevano dire "dammi da bere" ma aggiungevano sempre: per piacere mamma. Per loro la frase giusta era così composta. Penso poi che, avere fede ci aiuti ad essere più dolci, meno sgarbati! Ariciao Gus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io rimPROVERO CHI voglio BENE ad aggiungere perMESSO, sCUSA ... GRAZIE.
      Ti chiederanno GRAZIE, SCUSA, PERMESSO quando non ritorneranno?
      E TU a LORO?
      La vostra EDUCAZIONE mi rattrista.
      Quando frustavano il MIO SIGNORE ... dicevano proprio queste PAROLE, che il Papa provocatoriamente dice distintamente ma MAI in quale CIRCO-STANZA.

      Elimina
  10. P.S. anche masticare la gomma, per me, è un gesto di poco rispetto. Io lo faccio quando sono sola e nessuno mi vede, neanche Paolo. Mi serve, penso, per concentrarmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io FACCIO COSE SPORCHE di nascosto ... potrebbe sostenere il DIAVOLO.
      Conosco coniugi che portano il caffè nel cesso dal SUO AMORE.
      Ma la TUA MANO conosce quello che FA la TUA BOCCA?
      L'OSTIA la MASTICHI o la SCIOGLI?
      E la CARNE?
      Vi danno fastiDIO queste MIE proVOCAZIONI VERE?
      Dov'è il FALSO, cioè la VARITA' che per brillare non vuole MOLTA LUCE?

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità