giovedì 5 settembre 2013

Chissà, forse un giorno s’incontreranno

 
 





Non c’è conflitto tra scienza e religione, a meno che la non si voglia crearlo.
La scienza si basa su delle ipotesi che debbono essere costantemente verificate e ridotte a concetti intelligibili in un contesto discreto, cioè digitale.
La religione non accetta ipotesi ma solo fede.
Il conflitto avviene, appunto, quando la scienza (cioè le ipotesi) vuol confrontarsi con la fede (cioè le certezze) e viceversa.
Svolgono funzioni diverse in qualsiasi contesto sociale: la prima costruisce dei rapporti tra i fenomeni, la seconda si occupa delle contraddizioni della psiche.
Galimberti, come anche Odifreddi, hanno, in ogni caso, una visione limitativa della scienza che solo in tempi moderni è esclusivamente digitale mentre, in passato era soprattutto analogica e sembra che sia attualmente in atto il processo inverso. D’altra parte anche la religione è sempre di più relativista che fideista. Chissà, forse un giorno s’incontreranno.


16 commenti:

  1. In sintesi, filosoficamente, l’analogico è legato a qualcosa di concreto, il digitale a qualcosa di astratto: uno riproduce, l’altro simbolizza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sei prePARATO digitalemnte sul DNA?
      Per te l'essere maschi e femmine è analogico o digitale?
      Non fare CONFUSIONE come chi pensa di sapere la differenza che poi è SOLO visiva (ma nemmeno PURE).

      Elimina
    2. Non ancora approfondisco digitale/analogico su maschi e femmine.

      Elimina
  2. Albert Einstein

    Religione e scienza
    Significato della vita
    Qual è il senso della nostra esistenza, qual è il significato dell'esistenza di tutti gli esseri viventi in generale? Il saper rispondere a una siffatta domanda significa avere sentimenti religiosi. Voi direte: ma ha dunque un senso porre questa domanda. Io vi rispondo: chiunque crede che la sua propria vita e quella dei suoi simili sia priva di significato è non soltanto infelice, ma appena capace di vivere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una CAPACITA' data tutta nelle mani dell'artefice.
      ZERO PARTECIPAZIONE.
      Pure i vegetali lo supereranno e ANCHE i MINERALI che reagiscono tra LORO e NOI.

      Elimina
    2. Per me ZiCHIchi ha più FEDE di MANcUSO.

      Non è ESATTA la definizione di differenza tra scienza e fede che hai esposto.
      Forse il contrario. Ma non per dare certezza più a quello scoperto ma SENSO.

      Elimina
    3. Non rispondo quando si parla di Mancuso.

      Elimina
  3. Non si può rimanere indifferenti e non porsi la domanda sul significato della vita, della realtà, di tutto ciò che accade. Saremmo dei vegetali. Ciao Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il terribile è la risposta che fanno quando si pongono la domanda.
      Einstein afferma che non è possibile credere che ci sia un'altra vita. Eterna.
      Ciao Lucia.

      Elimina
  4. Sì, è probabile che si incontreranno, ma a quel punto o si avrà una religione unitaria (come una vera e propria antica religione naturale) oppure ci sarà l'assenza di religione (anche se, data la natura dell'uomo, non credo sarà mai possibile...)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me non può esserci incontro. Un giorno la scienza dovrà arrendersi all'evidenza dei fatti.
      Ciao Miki.

      Elimina
  5. Sì, sull'evidenza dei fatti!
    Sono d'accordissimo con te August!
    Dani

    RispondiElimina
  6. L'Universo non può essersi creato da solo in base ad eventi casuali.
    Nessuna prova, solo teorie ina loro.

    Ciao Dani.

    RispondiElimina
  7. Senza fede secondo me non sarebbe concepibile neanche la scienza.
    Non tanto la fede in un Dio, ma nel possibile.
    Nel fatto che sia possibile all'uomo decifrare le leggi della natura e che la natura abbia delle leggi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma questa è la fede che hanno anche le piante.
      Parlaci della FEDE in CHI riuscirà a salvarti?
      E da COSA o CHI?
      Ma quando mi STUPIRAI?
      Altro che PECCATO e non peccato.

      Elimina
  8. Senza la fede tutto è insensato.
    Ciao Frapp.

    RispondiElimina

la paranoia è un disturbo della personalità