martedì 13 agosto 2013

Solo dall'amore nasce la gioia

 
 
 




"La gioia è causata dall’amore" (s. Tommaso d’Aquino). Gioia e amore camminano insieme. Chi non ama non può essere gioioso. La gioia è assente dove sono presenti l’egoismo e l’odio. La disperazione nasce dall’assenza dell’amore.
La gioia cristiana è una ridondanza dell’amore di Dio: non è una virtù distinta dall’amore, ma è un effetto dell’amore. Questa precisazione non è inutile, ma indispensabile e fondamentale perché ci svela il motivo del fatto che molti cercano la gioia e non la trovano. Essi la cercano invano perché pensano che essa sia reperibile per se stessa. La gioia non ha consistenza in se stessa: ha la sua sorgente nell’amore, è un raggio dell’amore. E la sorgente dell’amore è Dio: "Dio è amore"


10 commenti:

  1. La Danza (La danse) è un dipinto di Henri Matisse. Esistono due versioni del dipinto, una conservata al Museum of Modern Art di New York che è del 1909 e l'altra al Museo dell'Ermitage di San Pietroburgo che è del 1910.

    RispondiElimina
  2. In questo dipinto sono presenti cinque persone che si tengono per mano e procedono a girotondo. Viene particolarmente evidenziata la sagoma delle figure e lo stacco cromatico. I colori sono solo tre, tutti saturi e nettamente delineati: il rosso dei corpi, il blu del cielo e il verde della terra. Cinque corpi rosso-arancio si stagliano su un fondo verde e blu, formando un cerchio di figure nude che è impegnato in un girotondo vorticoso. L’artista non descrive un fatto, attraverso la composizione e il colore esprime il prorompere inarrestabile della vita, il suo continuo rinnovarsi, il suo eterno movimento. Questo però per Matisse non significa moto caotico: sono linee ordinate in relazione alla superficie dipinta: le figure si adattano alla composizione, ogni elemento dei corpi si dispone in una posizione relazionata a quella degli altri, l’uno concatenandosi al vicino e questo al successivo, secondo un rapporto calcolato che coinvolge l’intero quadro. La composizione è l’arte di sistemare in modo decorativo i vari elementi di cui la pittura dispone per esprimere i propri sentimenti. L'espressione consiste nell'intera composizione del quadro: il posto occupato dai corpi, i vuoti attorno ad essi, le proporzioni. Matisse sogna un’arte equilibrata, pura, tranquilla. Il blu, il rosso e il verde sono i colori dominanti; sono loro che permettono di percepire immediatamente la composizione distinguendone nettamente ogni elemento, creano una spazialità, non certo imitativa del reale, ma ideale. Il cerchio (ovale) non si chiude proprio perché esso rappresenta la vita, l'andamento stesso della danza. Matisse lo spiegò con queste parole: «il mio obiettivo è rappresentare un'arte equilibrata e pura, un'arte che non inquieti né turbi. Desidero che l'uomo stanco, oberato e sfinito ritrovi davanti ai miei quadri la pace e la tranquillità».


    Wikipedia

    RispondiElimina
  3. "Questa cara gioia sopra la quale ogni virtù si fonda. Questa gioia onde ti venne?" Mi viene nel momento in cui sento che Cristo è parte di me. Ho fatto un incontro. E il mio cuore trabocca! (come quel calice...del Salmo". Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bello sentire che Cristo è con noi.
      Ciao Lucia.

      Elimina
  4. Un dipinto d'effetto, carico di significato. Non lo conoscevo, sai? Grazie per questo post che ci ricorda tra l'altro una verità assoluta e cioè che Dio è Amore.
    Ciao, buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dio è amore. Sono parole del Vangelo di Giovanni.
      Ciao Maris.

      Elimina
  5. "Vi è una relazione intima tra gioia e speranza. Mentre l'ottimismo ci fa vivere come se presto un giorno le cose dovessero andare meglio per noi, la speranza ci libera dalla necessità di prevedere il futuro e ci consente di vivere nel presente, con la profonda fiducia che Dio non ci lascerà mai soli, ma adempirà i desideri più profondi del nostro cuore". (Henri Nouwen)

    Ti ho riportato questa citazione dell' autore di libri di spiritualità a me preferito.
    Ciao August,Buongiorno!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, perché la Speranza del futuro deve poggiare su qualcosa che già abbiamo nel presente, ed è la gioia di un'appartenenza.
      Ciao Gioia.

      Elimina
  6. A parte la cosa su Dio, Tommasino ha detto una cosa così giusta che è persino scontata... come può esserci gioia in un cuore gonfio di negatività?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La negatività è vedere negli altri solo la parte cattiva, mentre deve verificarsi il contrario.
      Ciao Miki.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità