giovedì 29 agosto 2013

Le storie strane di Gus

 
 
 

 
 
 
 

La proprietà dell'appartamento accanto al mio è di una signora molto laboriosa. Come una formica ha messo da parte parecchi soldi e con questi ha acquistato l'appartamento che è l'oggetto di questa chiacchierata.
Per due anni, nel mese di agosto, per la modica somma di 1.000 euro lo dava in affitto a mia figlia che vive a Brescia e in quel mese torna a Pescara per le ferie.
Quest'anno non è andata così.
La signora dell'appartamento, Marcella, mi ha detto che doveva attrezzare il nido d'amore per la figlia Serena, una bella ragazza bruna, che aveva deciso di sposarsi.
Giugno, luglio, agosto:il finimondo.
Bagno nuovo, termosifone autonomo in aggiunta a quello centralizzato, cucina galattica, poltrone di pelle, pavimenti di ceramica costosissimi, lampadari astrali, televisori al plasma, antenna satellitare, quadri d'autore e una camera da letto che forse non ha nemmeno Sharon Stone.
Questa mattina incontro Marcella. Palesemente moscia.
Ehilà, che ti succede?
"Augù, tu sai la storia dell'appartamento e quanto mi è costato. Ora è pronto.
Il fatto è che mia figlia, dopo quattro anni ha lasciato il fidanzato e non vuole più sposarsi".

31 commenti:

  1. Risposte
    1. Gianna, la ragazza sta per sposarsi. Forse ha trovato l'uomo della sua vita.
      Ciao.

      Elimina
  2. Forse prima del nido megagalattico gli interessati avrebbero dovuto coltivare l'orticello dei sentimenti veri, ma se fra moglie e marito non si mette il dito, fra fidanzati nemmeno l'unghia del mignolo!
    Buonanotte Gus
    Marilena

    RispondiElimina
  3. Ah ah ah!
    Che ridere, ciao Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frapp, fai bene a ridere.

      Elimina
    2. Ridevo più che altro per la questione dell'appartamento.
      Su quella del matrimonio... di certo è meglio pensarci prima che divorziare dopo se non si è convinti.

      Elimina
  4. Storia vecchia!
    Io conosco CHI si è sposata in CINTA in Chiesa e ora difende la figlia che ha una figlia di 10 anni, sostenendo che sposarsi COSTA TROPPO.
    Poi ho scoperto che non è sposata nemmeno in comune.

    Una VOLTA SAPEVANO COME SPOSARSI in fretta per arrivare anche a 60 anni di matrimonio INSIEME.

    Pazienza!
    L'importante E' farlo prima di MORIRE.

    Ci sono anche quelli che sostengono che ci si deve BATTEZZARE da adulti e con COSCIENZA.
    Di che?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le storie sono come i grandi vini. Migliorano invecchiando.

      Elimina
    2. Già, purtroppo ora sono le mamme stesse che se ne fregano se i figli si sposano o convivono, per stare "al passo con i tempi".
      O forse per menefreghismo, chissà.
      E non è il caso di questa signora però.

      Elimina
    3. Avendo dato tutto ai figli li si spegne alla speranza.

      Elimina
    4. Frapp, i genitori seguono modelli che la società impone. Chi non li osserva rischia l'emarginazione.
      Ciao.

      Elimina
    5. Mah, io se avessi un figlio o una figlia non gli direi che sposarsi e convivere è uguale.

      Elimina
    6. E o O?
      SposARSI E NON CON-VIVERE ... non è UGUALE.

      Elimina
  5. beh, purtroppo capita: oggi è più facile lasciarsi che tenersi... meglio prima che dopo, a matrimonio avvenuto!

    Tu cosa hai risposto alla signora?
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rose, mi veniva da ridere ma ho atteggiato il viso adeguandolo al suo. Le ho detto che qualcosa che avviene pur presentandosi negativa potrebbe essere una fortuna.
      Ciao.

      Elimina
  6. Ho cambiato il nome delle due protagoniste perché la storia è vera e i nomi erano reali.
    La stanza da letto non è di Sharon Stone, ma di Madonna.

    RispondiElimina
  7. Marilena, sono cose che accadono spesso. Meglio da fidanzati che da sposati.
    Ciao.

    RispondiElimina
  8. Meglio così, il matrimonio è la tomba dell'amore XD
    Scherzi a parte, non vedo il problema... sua figlia potrà andarci a vivere ugualmente, magari con un nuovo fidanzato o qualche amica!

    P.s. dato che siamo vicini, se passi di qui fammi un fischio che un caffé te lo offro, senza arsenico :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miki, se Serena vede te lascia il ragazzo che sta per sposarsi.

      :)

      Elimina
    2. Beh ma tanto non se lo sposa ugualmente, non hai detto che hanno rotto il fidanzamento?^^

      Moz-

      Elimina
    3. Miki, sta per sposarsi con uno nuovo.

      Elimina
  9. ...e vissero felici e contenti! Sono le favole di quando eravamo piccini, prima della nanna! Ieri Elena mi ha detto: Biancaneve viveva con sette nani, la Bella Addormentata, con un bacio, si sveglia e sposa il "tipo", Cenerentola, beh quella è una storia infelice....Morale: già da piccole ci avete insegnato a ribellarci!
    Grazie e aspetto altre bellissime storie! Buona giornata Gus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia.
      Spero che possa raccontare altre storie.

      Elimina
  10. Ma no, le favole sono favole, e quando si cresce si sa benissimo separare le favole dalla realtà. Le favole sono per dare un significato, una morale, un insegnamento, ma non sicuramente quello della ribellione.Forse i cartoni della tv, di oggi sì, ma non certamente le favole tradizionali.
    Chi di noi insegna la ribellione a dei figli?
    Purtroppo viene già da sè a volte, se si sentono oppressi, oppure si impone loro qualcosa che non condividono.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è una ribellione ma la ricerca di una propria identità.
      Il rischio educativo è un compito molto duro per tutti quelli che sono tenuti ad affrontarlo.
      Ciao Dani.

      Elimina
  11. ciao sono passata di qua e mi è piaciuto questo racconto, meno male che hanno interrotto il fidanzamento prima del sì, già che c'erano potevano farlo prima della ristrutturazione! Ma tua figlia quest'estate dove è andata a dormire? Ciao brunella patrone blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Durante la ristrutturazione le cose andavano bene. A volte basta uno sguardo per capire quello che non avevi compreso in tanti anni.
      Mia figlia ha trovato un altro appartamento.
      Brunella, oltra a Google plus hai un blog-Blogger?
      Ciao.

      Elimina
    2. Ciao io credevo di essermi cancellata da Google plus, (non è che sono tanto capace con il computer ma sto cercando di imparare), comunque ho un blog blogger che puoi trovare digitando brunella patrone blog, ciao grazie

      Elimina
    3. Ho trovato il tuo blog.
      C'è un errore nel feed.
      Impostazioni>altro e dove parla di re indirizzamento, elimina. Il risultato è che a quella voce trovi "Aggiungi". Così funziona il feed atom e il feed di sistema.
      Ciao Brunella.

      Elimina
  12. Beh, mettiamola così: se si sposa con un altro, allora i soldi della ristrutturazione non sono buttati; se non si sposa e rimane vuoto, vorrà dire che tua figlia godrà di un super-appartamento con super-camera VIP, la prossima estate. Qualcuno contento ci sarà alla fine di questa storia. Ciao. Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia figlia verrà in ogni caso da me e lei è quella che sarà sicuramente contenta.
      Ciao Marilena.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità