martedì 4 giugno 2013

E' la fede il centro affettivo del nostro io

La questione, alla fin fine, è sempre la fede: se prevale
questa Presenza come avvenimento nella vita l'innamorarsiè vivo.
Possiamo continuare a fare gli sbagli di prima, ma prevalgono
l'urgenza, la gratitudine e la gioia della presenza
della persona amata.
Sono contento perché Tu vivi, Cristo, perché Tu ci sei.
Non sono costretto a soffocare in qualsiasi cosa io faccia,
nell'attività o nel riposo, perché Tu ci sei.
E' la questione della fede, qualcosa che ha a che vedere con tutto,
non qualcosa che si ritaglia un pezzo di vita.
Per questo continuiamo il nostro cammino cercando di
seguire ciò che la Chiesa ci propone per vivere
di più, per vivere più intensamente in modo
da rispondere al quotidiano che taglia le gambe.
Altrimenti la fede avrà una data di scadenza e non per
una cattiveria nostra, ma perché non ci interesserà più.
Il nostro interesse si sposterà altrove.
 
 


21 commenti:

  1. Matisse Henri :olio su tela, cm 38 x 46 - Zurigo, Stiftung Sammlung

    RispondiElimina
  2. La Stiftung Sammlung E.G. Bührle di Zurigo (Zürich) è la fondazione che custodisce e presenta al pubblico la straordinaria collezione di Emil G. Bührle.

    La Stiftung Sammlung E.G. Bührle è aperta al pubblico dal 1960.
    Ha sede in una villa dell'800 in stile inglese, situata all'estremità Sud del quartiere di Seefeld.
    La collezione è composta da ca 200 opere, non esposte tutte in permanenza. Comprende sculture e oggetti di epoca medievale, dipinti olandesi del '600, dipinti italiani e francesi del '700. Ma il vero cuore della collezione è costituito soprattutto dai dipinti francesi dell'800 e primo '900, dove giganteggiano molti capolavori dell'impressionismo e postimpressionismo.
    Nell'ambito del neoclassicismo e romanticismo troviamo Ingres, Eugène Delacroix, Théodore Géricault. Della fase di mezzo dell'800, caratterizzata dall'opera dei Barbizon e dall'emergere del realismo, sono presenti J.B.C Corot, Honoré Daumier, Gustave Courbet, Pierre Puvis de Chavannes e Edouard Manet (8 tele, tra cui La Sultane, ca 1871, e Le rondini, 1873).
    L'impressionismo è presente al gran completo con Camille Pissarro, Claude Monet, Auguste Renoir, Alfred Sisley, Edgar Degas (con alcune sculturein bronzo), Henri Fantin-Latour. Particolarmente numerose le tele di Paul Cézanne (7, tra cui un autoritratto e il famoso Le garçon au gilet rouge, ca 1888-90), Vincent van Gogh (7 tele, tra cui Il seminatore, del 1888), Paul Gauguin (5 tele, tra cui L'Offrande del 1902). E ancora, opere di Henri Toulouse-Lautrec, Paul Signac, Pierre Bonnard, Edouard Vuillard, Odilon Redon.

    RispondiElimina
  3. Pensa tu, io non credo e mi va bene così! :)
    Buon giugno, Guz!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so che è difficile togliersi dal Centro e metterci un altro.
      Ciao Miki.
      :)

      Elimina
  4. Non comMENTO immaGINI perchè potrei diventare CIECO come TOBI e rimanere FELICE come SONO adESSO con il SIGNORE.

    Io, Tobi, in quella notte di Pentecoste, dopo aver seppellito il morto, mi lavai, entrai nel mio cortile e mi addormentai sotto il muro del cortile. Per il caldo che c’era tenevo la faccia scoperta, ignorando che sopra di me, nel muro, stavano dei passeri. Caddero sui miei occhi i loro escrementi ancora caldi, che mi produssero macchie bianche, e dovetti andare dai medici per la cura. Più essi però mi applicavano farmaci, più mi si oscuravano gli occhi, a causa delle macchie bianche, finché divenni cieco del tutto.
    Per quattro anni rimasi cieco e ne soffrirono tutti i miei fratelli. Achikàr, nei due anni che precedettero la sua partenza per l’Elimàide, provvide al mio sostentamento.
    In quel tempo mia moglie Anna lavorava a domicilio, tessendo la lana che rimandava poi ai padroni, ricevendone la paga. Ora nel settimo giorno del mese di Distro, quando tagliò il pezzo che aveva tessuto e lo mandò ai padroni, essi, oltre la mercede completa, le fecero dono di un capretto da mangiare.
    Quando il capretto entrò in casa mia, si mise a belare. Chiamai allora mia moglie e le dissi: «Da dove viene questo capretto? Non sarà stato rubato? Restituiscilo ai padroni, poiché non abbiamo nessun diritto di mangiare una cosa rubata». Ella mi disse: «Mi è stato dato in più del salario». Ma io non le credevo e le ripetevo di restituirlo ai padroni e per questo mi vergognavo di lei. Allora per tutta risposta mi disse: «Dove sono le tue elemosine? Dove sono le tue buone opere? Ecco, lo si vede bene da come sei ridotto!».

    Perchè la moglie gli risponde così?
    Perche riceve quel regalo?
    Cosa non vede più un TIMORATO di DIO?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando si sposano e hanno a cuore di mantenere la casa belle, o di fare un pranzo appetitoso, affinché la casa sia un luogo in cui uno desideri tornare, perché lo fanno?
      Per l'impeto che quel che è successo loro riempia tutto. E allora ogni gesto è espressione di un amore, di una passione per la vita della propria famiglia: Che disgrazia quando questo si perde e tutto diventa " cose da fare". Ciò che era l'espressione di un amore diventa allora un lamento: "Ma devo ancora fare questo? Tu vai sempre via, e io qui a pulire!"
      Che i mariti non prendano spunto da questo per sentirsi giustificati, perché capita lo stesso agli uomini!

      Elimina
    2. Soprattutto agli uomini.

      Elimina
  5. Chi non crede pensa che la fede sia ingenuità. La fede per i credenti non è una convinzione, è un forza che ci prende e ci lega a Cristo.
    Ciao Gus e buona serata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una vita, Saray.
      Buona serata.
      Ciao.

      Elimina
  6. La fede nel Signore cambia completamente il senso della vita, perché Cristo vive in me.
    E il volto dell'altro,di tuo marito, tua moglie, i tuoi figli,del tuo prossimo, del sofferente, di chi non rimangono che poche ore di vita, sono l'immagine del Signore, se capisci questo, la vita cambia.
    Ciao August

    RispondiElimina
  7. Per questo diciamo che Cristo non occupa solo un segmento della tua vita, ma tutta la tua esistenza.
    'notte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che un "SEGmento" il CRISTO VUOLE TUTTA la "RETTA" ... VIA.
      Non a caso LUI stesso si riTIENE "VIA" oltre a VERITA' inFINITA!
      Dobbiamo TUTTI diMINUire fino a sCOMPARIRE dinanzi a coLUI che DEVE AUmentaRE.

      'AURORA.

      Elimina
  8. Difficile condensare in poche parole ... ma purtroppo la mia fede vacilla moltissimo quando vedo la sofferenza delle persone, quando vedo persone colpite da gravi menomazioni o malattie e magari sono persone che hanno avuto un percorso di vita all'insegna della generosità, disponibilità, insomma i "buoni". Per non parlare delle sofferenze ai bambini: quando ho visto i bimbi ricoverati nel reparto tumori ho chiesto a Dio: PERCHE'? Ma ancora non ho avuto risposta.
    Poi faccio pace con lui, ma davanti ad altre disgrazie mi ritorna la domanda e la mia fede ricomincia a vacillare e mi arrabbio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa a Gesù che è finito sulla croce senza colpa alcuna.
      Pensa alle beatitudini che ricompenseranno nel regno dei cieli le persone che hai nominato.
      Ciao.

      Elimina
    2. Ma perché una persona che si comporta bene deve soffrire e attendere la ricompensa nel regno dei cieli ? Perché non le viene concesso di vivere bene anche qui ? Gesù salvava l'umanità, ma una persona comune non salva nessuno e se si é comportata bene dovrebbe avere il diritto di spegnersi serenamente senza atroci sofferenze. E i bambini, perché infliggere loro sofferenze e non dare loro l'opportunità di condurre la propria vita? Perché devono essere sottoposti a mille torture mediche e non hanno il diritto di vivere ?
      Scusami. Sono opprimente. Ma sono alcuni dei miei mille perché che non vengono soddisfatti da una ricompensa a posteriori. Non ce la faccio a guardare le sofferenze consolandomi con il fatto che c'é un regno dei cieli.
      Mi fa troppa rabbia e allora sbando e mi si scalda il sangue.
      Scusa lo sfogo. Ciao

      Elimina
    3. Dio si è fatto Uomo e salendo sulla Croce ha perdonato i nostri peccati, salvandoci dalla morte eterna.
      La vita su questo mondo è per dire un sì o un no.
      Il sì equivale alla vita eterna.
      Tanto più l'uomo imiterà Cristo caricandosi sulle spalle la Croce tanto più sarà grande la ricompensa.
      Ciao.

      Elimina
    4. Hai RAGIONE da VENDERE ... ZAINO riempito di cose del mondo.
      Anche io mi lamentavo VERSO MIO PADRE nel vedere come trattava certi SUOI lavoratori a GIORNATA ... che oltre al LORO salario ... derubavano quello destinato ai poveri.
      Non è facile CAPIRE e ci vuole PUGNO FERMO per GOVERNARE l'UNIVERSO o anche le SUE galere.
      Che colpa ha un BAMBINO a nascere in carcere?
      Devo elencarti il tipo di CARCERE?
      Tu ti senti veramente LIBERO?
      Già il fatto che non hai avuto risposta da chi dici che non ti rispionde ... mi preoccupa.
      Ma ti confesso che anche IO mi ribello e non posso far altro che consolare CHI VIENE bastonato INSIEME a ME.
      Nel CROCIFISSO la SOLUZIONE.

      Elimina
    5. Nella vita terrena di ognuno di noi quello
      che si chiama sacrificio credo sia l'obbedienza alla propria coscienza.
      A volte la propria coscienza detta percorsi duri da seguire,
      ai quali certamente si ovvierebbe, potendo
      (e con potendo intendo dire se si fosse singoli, individui non
      legati ad altri). Ma laddove si comprende
      l'utilità del sacrificio, la propria responsabile risposta al richiamo,
      ecco che il sacrificio assume una pesantezza giustificata.
      Perché va oltre la fatica del gesto chiamato sacrificio.
      Il sacrificio diventa amore per Cristo.

      Elimina
    6. La VERITA' E' UNA e se noi dobbiamo caricarci la NOSTRA croce sulle NOSTRE spalle, a causa dei NOSTRI peccati ... cosa rimarrà a CHI si prende sulle SUE SPALLE la CROCE di averci fatto NASCERE?
      Ma come fate a non capire?
      Dio si comMUOVE qaundo sente una POVERA ANIMA che sa di essere PECCATRICE e non degna di accolgiere PARTE del SUO SPIRITO. Non è una BESTEMMIA dire che DIO si prende le CROCI di TUTTI NOI perchè è nostro PADRE e perciò l'autore delle nostre imperfezioni, da parte di Madre. La BESTEMMIA e non volerlo aiutaRE!
      Ma per voi è impensabile che una creatura possa aiutare il SUO CREATORE.
      FATTI VOSTRI se non volete ESSERE EREDI di un DIO ... FALEGNAME e pure STERILE a tal punto che CERCO' un FIGLIO in una ALLEANZA con una specie di ANIMA...li'.

      Non è maschilismo! Ma solo questioni di CREAZIONI preESISTENTI.
      PERDIO ... siamo tutte femMINE!
      A diventare VERI UOMINI e VERE DONNE ... non più maschi e femmine ... o misti e confusi nella POLVERE di questo mondo.

      Cercate la SOFFERENZA dello SPIRITO e sarete SANATI nello SPIRITO e non nell'INvoLUCRO che è a terMINE e non E TERNO.

      Elimina
    7. Non è un SACRIficio un ATTO di AMORE in AMORE. Al massimo un SANTIficio.
      Per amare una femmina VERAMENTE ... biSOGNA diVENTAre Padri?
      E per amare VERAMENTE un maschio ... biSOGNA ESSERE MADRI?
      Fummo creati maschio e femmina ma anche POTENZIalMENTE PADRI e MADRI. Il resto è POLVERE! Non sono ammessi AMBIGUITA' di AMORI in CIELO.

      Elimina
  9. HO LETTO SOLO adESSO:
    "Dio si è fatto Uomo e salendo sulla Croce ha perdonato i nostri peccati, salvandoci dalla morte eterna".

    PerFETTO!
    Solo entrando nella dimensione di una creatura ... il CREATORE può comprendere le imperfezioni della materia che forma la creatura ma non nel PROGETTO di AMORE che lo ha spinto a CREARE l'AMORE da cose che devono ancora ESSERE a compimento.
    Ci ha chiamati a PARTECIPARE a quel GIORNO in cui portò a compimento TUTTE le COSE, ma non CHI aveva in SE fin dagli INIZI.

    RispondiElimina