martedì 28 maggio 2013

il mio professore di lettere, Lanfrodi

 il mio professore di lettere,
lanfrodi capone,
che uomo,
comunista,
sempre in stivali da gringo,
pantaloni di velluto verdi a zampa d'elefante,
giubbino di jeans stinto,
capelli, basettoni, occhiali e mustacci,
sempre il manifesto sotto il braccio.
entrava e diceva,
"le teste di cazzo non mi rompano i coglioni",
ovviamente si mettevano a giocare a carte.
pochi seguivano.
lo diceva all'inizio dell'anno,
io non boccio,
sei politico a tutti,
ma non rompete i coglioni a chi vuole ascoltare.
ovviamente allora si fumava in classe.
ovviamente lo amavano tutti.
ovviamente era deluso della piega del mondo,
aveva capito tutto.
morì d'infarto durante una partita a poker.
è ancora una leggenda in provincia di Pescara.
 
 
 


11 commenti:

  1. Ero convinto di aver commentato... C'erano altri commenti oltre il mio, peraltro...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente stavi antipatico a Google+

      :)

      Elimina
    2. No, su Google + me l'ha inserito... e ce n'erano altri 4!
      Hai cambiato tu il modo di inserimento XD

      Moz-

      Elimina
    3. No!
      Io ho lasciato il pantano di Google+ che per rappresaglia si è ripreso tutte le risposte.
      Non è un social, ma un oscuro personaggio vendicativo.
      Comunque ricordo bene il tuo commento. Sì al professore folle, no al sei politico.

      Elimina
    4. Esatto :)

      Allora ti era arrivato^^

      Moz-

      Elimina
  2. Ma è questa la cosa chiamata "libertà"? Mi piacerebbe sapere. Ho capito che l'adoravi:le parolacce le sapeva dire e con l'italiano come conciliava? Ciao Omar.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tempi lontani, Lucia. Ero un "ragazzaccio" senza tanto amore per la scuola.
      Ciao.

      Elimina
  3. che bel ritratto Gus: lo immagino a metà tra Vecchioni e Guccini!

    ti abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse era il doppio di Vecchioni e Guccini, ma non sapeva cantare.
      E' impossibile evitare l'infarto quando hai un poker di 10 e un altro un poker di Q.
      La puntata era alta. La retribuzione di 12 mesi di scuola.
      Non è un caso che il post ti sia piaciuto.
      L'abbraccio è un incontro.

      Elimina
  4. Certo che con questo professore non valeva la pena di studiare molto.
    Chissà se qualcuno ascoltava, quel tanto per
    arrivare al 6 politico ;)
    Buona serata Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io giocavo a carte e non disturbavo. Per questo il mio voto era un otto di simpatia.
      Ciao Saray.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità