sabato 4 maggio 2013

La convivenza fra Aristotele e Maimonide

 
 
 
 
George Steiner non mi è simpatico; ma devo riconoscerne l’acutezza di pensiero e una certa continua sua tensione intellettuale che finisce per fondersi con la tensione morale.
Quando ebbe a sostenere che, con l’eccidio nazista, l’Europa si era suicidata, c’è poco da essere antipatico, devi sbattere la testa su quel pensiero e su quello che comporta. Già! Aver distrutto il mondo di Kafka, Kraus, Celan, Mahler, ecc., non fu forse la distruzione dello spirito dell’Europa ,cioè di un’identità, senza la quale ci resta un’Europa geografica e commerciale? E lo spirito dell’Europa non era forse un tentativo di sincretismo fra Atene, la città dell’Uomo, e Gerusalemme, la città di Dio? Lo spirito europeo non è forse il tentativo di negoziare il logos con l’imperativo della Rivelazione divina proclamata dai Libri? Dalla Torà non meno che dal Vangelo, dalla Bibbia, dal Corano? L’Europa non è forse la ricerca della convivenza fra Aristotele e Maimonide?
Il compromesso fra le due città, non c’è stato sempre, oscillando fra le due città, a volte tendendo verso Atene, a volte tendendo verso Gerusalemme senza che mai una delle due prendesse il sopravvento o riuscisse a distruggere per sempre l’altra.
Un adattamento del genere non è facile, per niente facile: per ottenerne uno soddisfacente, le grandi idee umane devono tornare ad essere patrimonio dello spirito europeo, le grandi idee umane devo essere la cultura viva e critica che identifica ogni europeo. Una volta Thomas Mann, conversando di un conoscente comune con un amico, gli chiese perché mai ritenesse che il terzo non fosse europeo. La risposta fu:
"Perché non capisce niente delle grandi idee umane".
Noi europei capiamo le grandi idee umane? Abbiamo ancora la cultura viva delle grandi idee umane? Abbiamo ancora la capacità di concordare le due città?
Temo di no, avendo abdicato al pragmatismo americano che, certo, non è noto per una particolare sensibilità verso la "memoria".
 MARL


 



 
 


 








11 commenti:

  1. Sì, sono d'accordo... abbiamo perso gran parte di quel pensare classico.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La barbarie ha lasciato il segno.
      Ciao Miki.

      Elimina
    2. TUTTO SERVE .. come le tAntEzioni.
      Grazie ai BARBARI conosciamo l'integrAZIONE.

      Elimina
  2. Il solito errore di non COMPRENDERE CHI vorrebbe POSARSI su di noi COME una COLOMBA.
    Stesso errore si confondere l'ANIMA con la SARX o lo Spirito SACRO che si impossessa della POLVERE ... CON lo SPIRITO SANTO che ABITA l'ANIMA.

    RispondiElimina
  3. Stasera non sono molto in forma, fatico a commentare il tuo post, però ti lascio il mio saluto di una serena notte e una buona domenica nel signore!
    Ciao,
    Dani

    RispondiElimina

la paranoia è un disturbo della personalità