martedì 2 aprile 2013

L’ideologia è l’esatto contrario della fede religiosa.

 


L’ideologia introduce una visuale totale del mondo, in cui si pensa che con la ragione si possa spiegare tutto. Pensando di cambiare tutto con la potenza della ragione, la cosiddetta "visione totale" costringe la realtà e dio a inchinarsi alla "ragione" dell’uomo.
Sono le tesi di Horkheimer e Adorno sviluppate nella Dialettica dell’illuminismo.
L’ideologia è l’esatto contrario della fede religiosa.
Se manca la grazia, ad un solo scopo è presente la ragione della legge, a rendere colpevoli e ad uccidere.
Perciò l'uomo di oggi è inquieto sotto ogni punto di vista, eccetto quando non pensa, perseguitato dalla violenza e dall'ombra della paura. Secondo Horkheimer e Adorno, l'illuminismo proclamò l'autodeterminazione razionale dell’uomo, ma finì con l'imporre al mondo una razionalità scientifica in grado di vanificare, se non di impedire, la stessa libertà che rivendicava al soggetto.
Questa ragione scientifica, basata sull'oggettivazione della realtà, si proponeva di dominare tutto il mondo della natura, allo scopo di un suo sfruttamento strumentale.
Con lo sviluppo della tecnologia, anche l'uomo, la vita umana stessa, sono diventati oggetto di analisi a scopo di dominio e manipolazione.
Di fatto, il progetto illuminista si è risolto nel suo opposto.
Tra la ragione come facoltà della scienza e la ragione come facoltà della libertà si è così sviluppato un conflitto, con la vittoria della razionalità tecnocratica.



 
 
 





 


21 commenti:

  1. La Critica della ragion pratica risponde all'interrogativo sulle possibilità della conoscenza e ne stabilisce l'ambito. Ma l'uomo non solo conosce, ma anche agisce, ed è in ordine al suo comportamento che si rende necessaria un'altra sfera di indagine filosofica che stabilisca delle norme di comportamento: questa è la Critica della ragion pratica (CRP). Ne deriva che il sapere filosofico kantiano si articola attorno a due punti fondamentali: il fatto della scienza e quello della morale. Le dottrine etiche tradizionali stabilivano il fondamento delle norme etiche sulla conoscenza, sulla volontà di Dio, sul sentimento, ecc.; in Kant, invece, la norma morale è frutto della decisione immediata dell'uomo. La morale, infatti, nonostante derivi dalla conoscenza, nasce dalla condizione dell'uomo in quanto uomo, che produce le norme di comportamento al di fuori della causalità deterministica del mondo sensibile. Non si tratta quindi di ragione empirica, condizionata dai fenomeni, ma di ragione incondizionata, che nella assoluta libertà stabilisce le norme di comportamento. L'uomo è concepito come soggetto morale che agisce con libera volontà. La ragione pratica riesce inoltre a dare consistenza a quelle idee trascendentali che la ragione teoretica riconosceva solo come apparenze problematiche.
    La ragione è qui detta "pratica" perché non riguarda più la conoscenza in quanto tale, ma l'azione o, almeno, la conoscenza per l'azione, cioè i principi a priori della vita morale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MALO sappiAMO!

      Invece di spiegare l'iDEOlogia della ragiONE, perché non ti sforzi di trasmettere la TUA GRAZIA?

      O non sai come RICEVERLA?

      Cosa ti dice il MAESTRO, l'amico, il fratello ... il PADRE?

      Dimmi almeno cosa ti dice il NEMICO.

      Elimina
  2. Il nemico mi dice che tutto quello che non è scientificamente provato è una menzogna.
    Anche la formazione dell'Universo è quindi una menzogna. Ci sono ipotesi ma non prove rigorosamente scientifiche.

    RispondiElimina
  3. Le "culture" profondamente religiose, (ma anche atei), vedono proprio in questa esclusione di Dio della ragione un attacco alle loro convinzioni: una ragione di fronte a Dio è sorda e non "vede" inutile insistere!
    Gus, ma qual'è la differenza tra religione e fede? E tra ragione e fede? Non dovrebbe esserci...eppure c'è!
    L'anima e il cuore, non sentono ragioni alla fede, che contrasta con Dio, ma esiste anche un pericolo uguale e contrario: una ragione senza... apertura religiosa.
    Potrebbe bastare un' apertura religiosa per avere fede? NO!
    Tuttavia non è detto che un ateo non abbia fede! La fede non è solo credere in Dio, razionalmente o meno! Quante volte vediamo un ateo comportarsi meglio di un cristiano??( Ragionevolmente parlando)!
    Un cuore puro non cederà mai, in nessun modo, a quelle correnti di pensiero che vorrebbero riportare l'illuminismo, rifiutando le convinzioni di oggi!
    Pensiamo piuttosto ad un "allargamento" (cuore) del nostro concetto di ragione-religione-fede e dell'uso di essa. Perché? Perchè con tutta la gioia, serenità, consolazione incondizionata che ci dona la fede, in certi momenti, vediamo anche le minacce che emergono dalla ragione e non dovremmo mai chiederci come possiamo dominarle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora devo pranzare. Poi ti rispondo.
      Ciao.

      Elimina
    2. La fede è credere in qualcosa che tu non hai visto ma che è stata trasmessa da chi ha visto. Una testimonianza che tu reputi credibile.
      La religione è una costruzione di qualcuno che l'uomo non ha conosciuto ma pensa che sia un'Entità superiore.
      Di fronte alla fede e alla religione la ragione pensa di risolvere il problema della credibilità in due modi.
      (a)E' vero quello che puoi toccare,(b) è vero quello che non puoi dimostrare ma è più grande di te.
      Se passi una giornata ad osservare una formica, l'onesto ammette che la complessità dell'insetto, l'intelligenza istintiva dell'insetto e un qualcosa di inafferrabile. Il disonesto tira fuori teorie non dimostrate e non dimostrabili che l'insetto è frutto di un processo biologico naturale e perfetto.
      L'ateo che fa cose buone è un uomo che crede senza saperlo.
      Ciao Sara.

      Elimina
  4. E il cristiano praticante che NON sempre fa cose buone?
    Cos'è??
    E i blog cristiani a scopo di lucro?
    Senza andare troppo lontano, abbiamo visto giorni fa "esempi" (da non seguire) di persone che si reputano cristiani, credenti e praticanti!
    Il problema attuale lo stanno creando i presunti cristiani con il loro comportamento...in questo gli atei hanno ragione.
    Buona giornata, Gus! :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è una sfida tra credenti e non credenti per stabilire chi è più buono.
      Quello che disturba è la negazione del trascendente che caratterizza la filosofia moderna a cominciare da Immanuel Kant.

      Elimina
    2. Al massimo è una sfida tra preTENDENTI.
      Ma come al SOLITO è lo SPOSO che sceglie quella da ... pulire (stavo scrivendo da ... scopare).

      Come vanno le PULIZIE di primaVERA?
      Visto che MOZ attribuisce la PASQUA ai suMERI e ai Babilonesi?
      Ma questi da quale inverno SCAPPAVANO?

      Per i CRISTIANI E' PASQUA in TUTTE le MESSE.

      Elimina
    3. No, Gus, ti sbagli ancora! contano i fatti non le chiacchiere!! Non mi indispone un ateo... se si comporta bene!

      Elimina
    4. Angelo, lo so io cosa ti... prude! :)
      Oggi non sono andata al lavoro proprio per scopare a casa mia! La mia tata non c'era!
      Ci ho pensato bene sai? Il dottore non vuole che stia da sola...:) e ancora una volta ho scelto io! :)))

      Elimina
    5. Io rispetto un non credente ed esprimo un giudizio di valore in base alla sua umanità.
      Ciao.

      Elimina
    6. In base a ciò che leggi, vorrai dire! A molti riesce bene...scrivere! solo scrivere, però!
      E spiacevole dire.. sono passate di qui delle persone e si sono fatte riconoscere subito... ancora una volta! Persone di grande fede ovviamente.
      Miki, ad esempio... non è così ipocrita. :)
      Buona serata. :)

      Elimina
  5. E basta copia-incolla. Perderai credibilità anche tu!
    La storia della formichina la sappiamo da tempo!
    Io, ad esempio, non sopporto oche e galline, trovi che anche loro siano intelligenti??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La formica è la prima cose che mi viene in mente. Non osservo le oche e le galline e per questo non le nomino.
      Ciao Sara.

      Elimina
  6. Io credo che l'uomo per natura tende ad essere insofferente, e pertanto a chiedersi delle cose.
    Ma chiedendosele, si informa, e informandosi, sa.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra giusto che l'uomo si ponga delle domande.
      Ciao Miki.

      Elimina
    2. Chiedete e vi sarà detto.

      Elimina
  7. Ah.. un fatto curioso: ho scoperto che chi naviga con Macintosh, possiede anche iPad...sappiati regolare! :) ma lo sai già!
    Ha fatto il nido nel mio blog...chissà perchè poi...ne sai nulla tu?

    RispondiElimina

la paranoia è un disturbo della personalità