venerdì 12 aprile 2013

Le ombre della Silicon Valley br/ Senzatetto e speculazioni immobiliari

23 commenti:

  1. In tutto il mondo per tanti giovani, la Silicon Valley è un miraggio nel deserto della crisi. Lì, a sud di San Fracisco, si trovano le sedi delle più importanti big companies del tech. Facebook, Google, LinkedIn. Lì, Steve Jobs ha costruito il suo impero partendo praticamente dal nulla. E lì, si trovano alcune delle più importanti università del pianeta, come Berkeley e Stanford. Lì c’è il sole della California.

    Ma c’è una parte in ombra della Valley, di cui in queste ore si parla molto negli Stati Uniti, dopo un’inchiesta del giornalista Bill Moyers.

    RispondiElimina
  2. Smettiamola di continuare a vedere gli Stati Uniti per ciò che non sono.
    Li abbiamo in casa da 70 anni. Continuano a professarsi come i salvatori del mondo quando in realtà nel mondo non hanno portato altro che il loro stupido e colonialista modo di pensare. Il sogno americano è l’utopia di un popolo che non ha storia, è il fantasma di una libertà che si fa strada soltanto con le armi da fuoco e l’idea di perfezionismo umano. Tornatevene a casa, per favore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GESU' non giudicò MALE i ROMANI ma i GIU'DEI, cioè COLORO che sanno solo aspettare l'intervento DIVINO.
      Con chi ce l'HAI?
      Gli EUROpei che hanno distrutto gli INDI-GENI con la pelleROSSA?

      Quali sono i TUOI GENI?
      SARA'...CENI?
      Non sei EMIgrante ... con EMIcrania?

      Comincia a smettere di USARE una LORO creatura.

      Elimina
    2. Un migrante senza emicrania.

      Elimina
    3. Il migrante ha sempre un certo MAL ORE.

      Elimina
  3. Questo è il sistema americano a cui ci vogliono portare i vari Monti, Berlusconi, Draghi, Fornero e i burocrati di Bruxelles. Un sistema dove i giovani devono indebitarsi fino al collo per studiare all’università, dove i deboli vengono abbandonati a se stessi e non riescono più a riprendersi se sono sfortunati, se hanno perso il lavoro. L’economia USA non va bene perché il mercato del lavoro è “flessibile” ma perché la FED stampa denaro a tutto spiano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa quando non si percepiva la CRISI. Quando erano pochi i disperati e i SUiCIDA. AdESSO è BENE o MALE che i Depressi si sentono in compagnia?
      Tu ne fai una questione di NUMERI?
      Per te UN SOLO UOMO che muore per DISinteresse o DISimportanza non è una tragedia?
      Cosa E' per te l'INDIferenza.
      Solo ORA ti senti INDI-FERITO?
      Pensavi di potertela scampare la TUA sopravvivenza in questo mondo?

      O TUTTI FELICI o NESSUNO!

      Il SIGNORE ha asCOLTAto!
      Il SIGNORE ha PROvVEDUTO!

      Elimina
    2. SOLO nel SUO REGNO ... dove LUI E' FELICE.

      Elimina
  4. Il pensiero di Debord sviluppa essenzialmente i concetti di alienazione e reificazione, già centrali nelle riflessioni di Karl Marx, ma reinterpretati alla luce delle trasformazioni della società europea nel secondo dopoguerra. Lo sviluppo dell'economia nell'età contemporanea, con l'emergere dei nuovi fenomeni sociali del consumismo e della centralità dei mass media, avrebbe segnato infatti una nuova fase nella storia dell'oppressione della società capitalista. La prima fase del dominio dell'economia sulla vita sociale aveva determinato nella definizione di ogni realizzazione umana un’evidente degradazione dell’essere umano. La fase presente dell’occupazione totale della vita sociale da parte dei risultati accumulati dall’economia conduce a uno slittamento generalizzato dell’avere e nell’apparire, da cui ogni avere effettivo deve trarre il suo prestigio immediato e la sua funzione ultima.
    Ciò che aliena l'uomo, ciò che lo allontana dal libero sviluppo delle sue facoltà naturali non è più, come accadeva ai tempi di Marx, l'oppressione diretta del padrone ed il feticismo delle merci, bensì è lo spettacolo, che Debord identifica come un rapporto sociale fra individui mediato dalle immagini.
    Una forma di assoggettamento psicologico totale, in cui ogni singolo individuo è isolato dagli altri ed assiste nella più totale passività alla disgregazione del proprio io.
    Lo spettacolo, di cui i mass media sono solo una delle molte espressioni, è parte fondante della società contemporanea, ed è responsabile della perdita da parte del singolo di ogni tipo di individualità, personalità, creatività umana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella DIFFICOLTA' si riconoscono i FIGLI di DIO dai semplici ANIMALI.

      Elimina
    2. La difficoltà è una prova.

      Elimina
    3. la PROVA è + di una difficoltà.

      Elimina
    4. Cristo non è venuto sulla terra per salvare i i figli di Dio che erano già salvi. Cristo è venuto per salvare i peccatori come Zaccheo.

      In quel tempo, Gesù, entrato in Gerico, attraversava la città. Ed ecco un uomo di nome Zaccheo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere quale fosse Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, poiché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per poterlo vedere, salì su un sicomoro, poiché doveva passare di là. Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua».
      In fretta scese e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «E’ andato ad alloggiare da un peccatore!». Ma Zaccheo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà dei miei beni ai poveri; e se ho frodato qualcuno, restituisco quattro volte tanto». Gesù gli rispose: «Oggi la salvezza è entrata in questa casa, perché anch’egli è figlio di Abramo; il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto».
      (dal Vangelo di Luca 19,1-10)

      Elimina
    5. Luca che racconta la storia della conversione di Matteo.

      Elimina
  5. Mi dispiace non aver continuato la discussione dell'altro post (quello tuo, non questi del corriere XD), ma sono stato fuori casa e solo ora ho il pc.
    Beh, però da oggi per un po' dovrei essere leggermente più presente XD

    Moz-

    RispondiElimina
  6. Un problema sociale si discute. Non è importante se lo scriva Gus o provenga da un giornalista.
    Del resto tra i commenti trovi un mio post che sviluppa i concetti di alienazione e reificazione, già centrali nelle riflessioni di Karl Marx, ma reinterpretati da Guy Debord alla luce delle trasformazioni della società europea nel secondo dopoguerra.
    Le persone che diventano cose non possono non interessarti.
    Ciao Miki.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I tuoi subALTERNI ti volevano BENE? Hai AMMINISTRATO BENE gli straordinari con la distribuzione del LAVORO. Quanto hai percepito GIUSTAMENTE? Hai mai provato il MOBBING o il lavoro PESANTE e FORZATO?

      Elimina
    2. L'IMMAGINE mi ricorda ANGELOANONIMO

      Elimina
    3. Il mobbing è sempre in agguato.

      Elimina
    4. AGGUATO?
      E' proprio la TRAPPOLA!
      Non sai che si può intraprendere una causa per il risarcimento SOLO a DANNO avvenuto?
      Pensa un po' QUALE giustizia seguiamo. E magari fosse la perdita di un occhio o di un dente, ma è la perdita dell'ANIMA stessa. SOLO il VERO CRISTIANO può uscirne ind'N.

      Elimina
    5. Quando un uomo muore tutti dicono che era una brava persona.
      Hai capito che anche l'anima viene frantumata. Noi dobbiamo pre-occuparci soprattutto dei deboli e non dei veri cristiani.

      Elimina
    6. ApPUNTO. A trovarli. Li sento TUTTI FORTI nelle loro ConVINTIoni.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità