sabato 6 aprile 2013

Bitcoin, come funziona la moneta elettronica?

26 commenti:

  1. Bitcoin è una valuta elettronica creata nel 2009 da un anonimo conosciuto con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto. Il nome Bitcoin si riferisce anche al software open source progettato per implementare il protocollo e la rete peer-to-peer che ne risulta. A differenza della maggior parte delle valute tradizionali, Bitcoin non fa uso di un ente centrale. Bitcoin utilizza un database distribuito tra i nodi della rete che tengono traccia delle transazioni e sfruttano la crittografia per implementare le caratteristiche più importanti come il fatto di permettere di spendere bitcoin solo al legittimo proprietario, e di poterlo fare una volta sola.

    RispondiElimina
  2. Bitcoin supera i 100 dollari grazie a Cipro ma occhio ai rischi.
    Il valore di Bitcoin ha superato i 100 dollari e non fa che aumentare ultimamente, ma potrebbe essere una bolla. Da gennaio a oggi infatti la moneta virtuale è passata da 15 dollari al valore attuale, e ha colto di sorpresa tanto gli specialisti quanto gli osservatori occasionali, e sollevato qualche sospetto.

    Sono in molti ormai a considerare Bitcoin un nuovo bene rifugio, alla pari dell'oro e altre materie prime; è doveroso allora porsi qualche domanda. Secondo i clienti di Nick Colas (dirigente di una società che sviluppa software specifici per il mondo della finanza) l'ascesa di Bitcoin è "troppo veloce e troppo grande", quindi deve trattarsi di una bolla.

    RispondiElimina
  3. La libertà, come esperienza della soddisfazione e della corrispondenza,
    inizia come percezione della realtà non incussa, cioè non determinata
    da altri. In noi nasce l'esigenza di un paragone tra un'energia che
    abbiamo in noi e ciò che ci viene incontro.
    Lo sviluppo compiuto di tale paragone si chiama
    g i u d i z i o.
    Ciò che nella percezione determinata dal cuore è soltanto un inizio
    viene adeguatamente svolto e stabilmente articolato nel giudizio.
    Il giudizio è frutto di un lavoro, non di immediatezza e casualità.
    Il lavoro che porta al giudizio implica soprattutto una continuità
    del paragone tra quello in cui l'uomo si imbatte e il cuore.
    Questo paragone, da una dimensione di percezione immediata,
    deve articolarsi in giudizio e diventare stablile in una dimensione di coscienza
    .

    RispondiElimina
  4. mi ci vedo molto in questo ultimo commento...ovviamente è un' altro copia-incolla. se non si sentono certe sensazioni non si possono esprimere...
    della moneta me ne pùò fregar di meno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Micia, ovviamente è un post trasformato in commento.
      Ciao.

      Elimina
  5. Un MIO COPIA e INCOLLA, per PARI SONO:
    Matteo 6,24 o Luca 16,13
    Preferisco il PADRE che E' nei CIELI.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molti preferiscono Mammona, purtroppo.

      Elimina
  6. Micia, lo sai che la baraccona è un qualcosa di misterioso?

    RispondiElimina
  7. Tu non sei più Gus!
    le "baraccone" sono peggio delle prostitute!

    RispondiElimina
  8. i ...vuoti di coscienza, permettono alla delinquenza di espandersi sempre di più, la forza del male sta sopratutto fuori, in quei comportamenti ambigui che pur senza arrivare a una diretta complicità, permettono, anche nel virtuale di espandersì...

    RispondiElimina
  9. Ti ho chiesto quante baraccone sono in Blogger.
    Non frequento prostitute.

    RispondiElimina
  10. Certo, dai solo la mancia, tu!... alle derelitte!

    RispondiElimina
  11. Dai uno sguardo al mio blog. Scrivono solo 3/4 persone. Succede perché non do spazio all'ambiguo.

    RispondiElimina
  12. Uhm...hai altri blog, micio!
    Questo è fatto solo per me! :)
    con tutto ciò che ti ho fatto guadagnare non puoi perdermi! :)
    Mi sa che con le altre sei in ...credito! Beh, non vedrai un euro...le conosco di fama, purtroppo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I guadagni che mi hai fatto fare li daremo ai poveri.
      'notte Micia.

      Elimina
  13. Sapevo che saresti fiondato (all'istante) nel mio blog appena ho annunciato il titolo mio ultimo post! :))) Ci avrei giurato! :)
    E al post precedente? perchè non hai commentato?... dopo averlo letto?

    RispondiElimina
  14. Micia, giuri troppo facilmente. Il lato B può aspettare.
    Oggi è il giorno del Signore. Cerca di onorarlo. Torna in Chiesa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. OGGI è la PASQUA di NOI peccatori.
      Sarà che non sappi i doppi SENSI?
      Cambiare DISCO vuol dire salire su un altro PIANo ETA.

      Elimina
    2. E' la Pasqua di quelli che per credere vogliono toccare.

      Elimina
    3. Per CHI vuol almeno VEDERE!
      Domenica prossima è per i TOCCATORI.

      Elimina
  15. Cerco di onorare Dio tutti i giorni, ogni momento! Mi ha "donato" una croce troppo pesante, cerco di sopportarla, anche se a volte è difficile!
    E quando sbaglio chiedo scusa!
    Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona domenica, Sara.
      Ciao.

      Elimina
    2. La CROCE diventa SEMPRE più PESANTE se non SI perDONA. Come Gesù INVEI' contro le donne che piangevano per LUI ... CADDE.
      Diventa sempre più LEGGERA se si INIZIA a perDONARE.
      AdDIRITTURA ScomPARE se SI perDONA TUTTI.

      OGGI è la NOSTRA PASQUA in ALBIS.
      Buona MISEricordiYA.

      Elimina
    3. Belle parole, Angelo.

      Elimina
    4. SolTANTO PAROLE ... PAROLE fra noi.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità