sabato 23 marzo 2013

«Glass, apri la porta dei garage» - Corriere.it

20 commenti:


  1. Il merito maggiore che va riconosciuto a Galilei nella storia del pensiero scientifico è quello di aver attribuito alla matematica il ruolo di linguaggio specifico della filosofia della natura.


    La fisica sperimentale è tale non semplicemente perché procede per mezzo di esperimenti, ma perché fornisce quegli strumenti concettuali che sono a fondamento delle dimostrazioni certe; e può farlo nella misura in cui secondo Galilei è la stessa natura ad essere strutturata secondo un ordine matematico-geometrico.


    L'esigenza primaria del metodo galileiano è quella di non porre distinzioni tra l'approccio scientifico alle questioni naturali e la riflessione filosofica sulla natura: le due vie con cui si conosce la realtà non possono mai contraddirsi, sebbene procedano secondo modalità diverse. La Bibbia, infatti, essendo dettatura dello Spirito Santo necessita di essere continuamente interpretata e chiarita, mentre la natura, essendo osservantissima esecutrice degli ordini di Dio non esige ulteriori spiegazioni, poiché il suo corso è inesorabile e immutabile


    Galilei non era uno stinco di santo. Non legge la Bibbia, non va a Messa, se non di rado. Si considerava un cattolico, anche se si sarebbe messo nella classe dei peccatori, perché non aveva una vita morale irreprensibile.


    Non parla mai di Cristo e il suo è più un Dio della natura.



    Assodiamo che il compito della fisica era etimologicamente, per lui, la conoscenza della natura.


    Ma certo non in modo aristotelico, a Galileo poco interessava la conoscenza dell’essenza dei fenomeni, quanto la determinazione delle leggi che regolavano il corso dei fenomeni stessi.




    In questo Galileo è stato rivoluzionario.


    Nei discorsi sui massimi sistemi ad un certo punto, lui fa pronunciare a Salviati queste parole che cito testualmente: " Non mi pare tempo opportuno di investigare al presente della causa dell'accelerazione del moto naturale, intorno alle quali da vari filosofi varie sentenze sono state approfondite".


    Il rapporto causale diviene fisico con Galilei la concezione diviene scientifica e non più metafisica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perciò impara ad usare le DEFINIZIONI giuste per l'apPROPRIAto conTESTO.

      Ispirazione divina = SACRO (non SANTO)

      Devi saper leggere BENE nel distinguere le VARIE definizioni ATTRIBUITI agli DEI (ELOHIM).

      Lo SPIRITO SANTO ti SPIEGA TUTTO anche i fatti sVELATI in PARABOLE RIvelate.

      Elimina
  2. L'abitus mentis della filosofia è il non credere a ciò che si vede: l'esempio che si riporta è il bastone immerso nell'acqua che ai nostri occhi appare piegato. Occorre farlo riemergere per accorgersi che è diritto.
    Viceversa la fede deve credere a ciò che non si vede. Senza questa fiducia a priori, non sarebbe fede.

    Sono due ambiti legittimi, autonomi nei loro confini. Come due parallele che non s'incontrano e potrebbero confrontarsi, anche condividere alcuni punti non oltrepassando le rispettive competenze.

    Ultimamente in numerosi saggi spesso proposti dalle gerarchie ecclesiali è palese la pretesa di compatibilità, ma sottintendendo la supremazia della Verità rivelata, anche con implicazioni scientifiche, come il creazionismo, Il Disegno Intelligente, ecc.

    Nelle università prende piede il pensiero postmetafisico, salvo qualche residuo del vecchio accademismo antirelativista.
    Il senso comune scambia ancora la filosofia per ancella della teologia o comunque in un ambito di neospiritualità. Con conseguenze anche sul dibattito etico, sulle nuove etiche e bioetica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bastone sembra piegato se non stai nella posizione DIRITTA per vederlo dritto.
      Anche i coLORI sono diVERSI a seconda dell'ANGeOLazione di riFLESSO come i SUOni e ...

      Elimina
  3. Saranno in commercio probabilmente entro la fine di questo 2013. Eppure, i Google Glass, gli occhiali ultratecnologici progettati da Google, continuano a far parlare di sé. Sul Web sono già nati i primi gruppi che si oppongono al dispositivo, colpevole di poter essere una sorta di Grande Fratello che viola la privacy. Dall’altra parte, però, sono già diventati l'oggetto del desiderio dei consumatori più esigenti. Quali sono le potenzialità? Come li utilizzeremo? Quale l’effetto quando li indossiamo? Oltre a permettere di scattare foto e registrare video, navigare e gestire l'email, anche leggere i giornali, gli i occhiali per la realtà aumentata potenzialmente potrebbero essere utilizzati in qualsiasi contesto. Persino per controllare gli oggetti in casa: accendere o spegnere la tv, chiudere o aprire il frigorifero o la porta del garage. È tutta una questione di brevetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono quelli che indossa l'IMPEDITO a CONFESSARE per il SUO LEGITTIMO potere i terra?

      Elimina
  4. Basterà un comando vocale: «Glass, apri la porta del garage!» E, come per magia, la porta si aprirà. Il colosso di Mountain View ha infatti depositato un brevetto presso l'autorità americana, la United States Patent and Trademark Office (Uspto), che descrive una tecnologia con la quale, indossando i Glass si potrà controllare un oggetto (reale) attraverso il display (virtuale). In pratica: gli occhialini potrebbero essere in grado di riconoscere gli oggetti così come saranno in grado di riconoscere le persone. Come? Attraverso segnali di identificazione visiva; le tecnologie Rfid; Nfc; Bluetooth; wi-fi; i codici Qr o anche gli infrarossi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà curiOSO VEDERE cosa sucCEDE quando si romperANNO

      Elimina
    2. Ahahah!
      Infatti...
      ...interessante e inquietante...più inquietante che interessante...sempre di più verso il post-umano...o il trans-umano...

      Elimina
    3. Contro o a FAVORE ... NATURA?

      Elimina
  5. Che cazzo sono, gli occhiali di James Bond? :)

    P.s. preferivo le tue manfrine cattoliche agli articoli del Corriere XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le manfrine sono nei commenti.
      Ciao Miki.

      Elimina
    2. Beato colui che ha il TERSO OCCHIO.
      caSSo, mi è venuta la R moscia.

      Elimina
  6. Il computer è per me qualcosa che mi stupisce tutte le volte che lo uso...
    Sono passata per augurarti buona domenica delle Palme! Ciao Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lucia.
      Una buona domenica delle Palme per tutti.
      Ciao.

      Elimina
    2. Ma non vi chiedete COME MAI la tecnologia ha fatto PASSI da GIGANTI ULTIMA-MENTE?
      SUgGERImenti ALIeni?

      Elimina
  7. Io me lo ero chiesta un po' di anni fa...
    ...ha avuto una crescita esponenziale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo vorresti un ALIeno per la TUA CRESCITA?

      Elimina
    2. Io non credo agli alieni.

      Elimina
    3. Ma sai cosa vuol dire ALIENO?

      Eppure Pilato COMPRESE e lo fece giudicare da chi lo riconobbe chiedendo al GOVERNATORE terreno di liberare il Figlio del Padre Celeste a vantaggio del umano terreno.
      GNOSTICISMO?
      Per me TU sei ancora EREtica del CIELO.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità