martedì 29 gennaio 2013

La necessità di una coscienza storica

Joyce scrisse: "La storia è un incubo dal quale sto cercando di svegliarmi".
Alcuni credono che un colpo di spugna sia preferibile per cancellare gli errori del passato e ricominciare daccapo, ma è utopistico, poiché la natura umana già di per sé tende sempre a commettere gli stessi errori, e solo una coscienza storica delle conseguenze di essi può, se non evitare, arginare il perpetuarsi di essi.
Certo c'è chi biecamente auspica una tabula rasa, perché c'è sempre chi, dagli errori, ne ha da guadagnare.
Forse è proprio la mancanza di memoria che rende la storia ciclica. Se guardassimo più spesso e criticamente al passato, forse eviteremmo di ripetere gli stessi errori. Invece attualmente sono in corso una trentina di guerre nel mondo, e allora vuol dire che dagli eventi passati non si è appreso nulla.
Continua a farsi strada una sorta di timore della memoria fondato sulla speranza che solo mettendo tra parentesi il passato, o sterilizzandolo del tutto, sia possibile rendere più agevole la strada del futuro.
E' un'operazione culturale che la società dei consumi ha largamente anticipato nei suoi comportamenti più ordinari, e che dà luogo a quel tipo di società liquida, priva di ogni spessore, costruita a misura più di merce che di persona.
La memoria è proprio lo spessore che rende scomoda la visione di una società di questo genere, tutta proiettata in una piatta dimensione orizzontale.




 
 


37 commenti:

  1. Questo POSTo è l'inizio per comprendere la PAROLA liturgica odierna.
    E' un comMENTO alla VERITA' che si sta RI-VELANDO.
    Quella, per capirci, TROPPO PESANTE per riuscire a portarne il peso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo schiavi del ieri, ma siamo padroni del nostro domani. Fa' molta attenzione al momento che passa, a quello che tu stai facendo adesso, perché dall'"adesso" dipende il tuo "domani".
      Carlos Torres Pastorino

      Elimina
    2. Quando si comincia ad AvVICINArsi A CONOscere la VERITA', che puo' fare del passato, presente e FUTURO un TEMPO NUOVO, un TEMPO E TERNO ... allora si comincia a prepararsi per non emettere LA' MENTO.

      La VERITA' ci LIBERA tramite il frutto del PECCATO che anche CHI lo HA offerto deve PARTECIPARE fino alla FINE.
      LIBERTA'

      Elimina
    3. La speranza parte sempre da un presente consolidato.
      II presente è il luogo, enigmatico e splendido allo stesso tempo, della libertà, l'energia che manipola il contenuto del passato, sprigionando una creatività responsabile (Giussani).

      Elimina
    4. E chi ti dice che è SOLIDO?
      Potrebbe essere morbido ... come la testa di un serpente. Ti senti più sicuro quando è in libertà o che lo tieni ben stratto sotto i piedi?

      Elimina
  2. La Storia forse è una delle cose più scomode che esistano, perché mette costantemente alla luce le cazzate realizzate dall'uomo.
    E proprio per questo serve conoscerla. E proprio per questo fa paura.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il lemma "cazzata" è un eufemismo.
      Si tratta di tragedie incredibili, oltre la follia.
      Guz

      Elimina
    2. Era per sintetizzare in generale, dalle cose piccole a quelle abnormi :p

      Moz-

      Elimina
    3. Va bene. E' la sintesi.

      Elimina
  3. Ciao Gus,è vero quello che dici riguardo la società dei consumi che tenta sempre,in ogni momento,di appiattirci.Anche questa è una "lotta", quella,cioè,di non farci distruggere la "fantasia" interna o umanità,da chi invece vorrebbe che ciò accadesse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il consumismo elimina nell'uomo il desiderio e lo riduce a una larva reattiva solo alle mode imposte dal Potere.
      Ciao Rosalba.

      Elimina
  4. Senza passato non esiste nè presente, nè futuro. Sarebbe comodo eliminare il passato, soprattutto quando non è nobile, ma la nostra vita risulterebbe zoppa. Buona notte Gus.
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola.
      Il passato è la memoria storica della nostra vita, nel bene e nel male.
      E' giusto quello che affermi.

      Elimina
    2. Allora Adamo ed Eva se lo sono COSTRUITI un FUTURO ... nel Bene e nel Male?
      L'importante l'aver MANGIATO INSIEME.
      Compreso l'ULTMA CENA.

      Elimina
  5. si è vero,è un dato di fatto,ma non parlavamo anche di "lotta" possibile ? abbiamo e dobbiamo sviluppare una "resistenza" interna e raccontarlo ai ragazzi e ai giovani perchè riflettano,non è tutto perso,ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I giovani sono demoralizzati. Troppi esempi negativi tolgono la voglia di lottare, anzi si arriva al punto che non si conosce più il nemico.
      Ciao.

      Elimina
    2. diamoci però un briciolo di speranza ! a volte,per strade misteriose e sconosciute alla nostra ragione(per fortuna),arrivano risposte,o cambia insperatamente qualcosa che poi apre un varco nuovo;...non è solo il consumismo ad ammazzare il desiderio degli uomini,ma anche una esagerata razionalità,ciao

      Elimina
    3. Senza affettività la ragione è monca.

      Elimina
  6. Il tuo post è purtroppo è purtroppo vero. Sembra che niente serva a far cambiare l'uomo.

    "Ciò che l'esperienza e la storia insegnano è questo: che uomini e governi non hanno mai imparato nulla dalla storia, né mai agito in base a principi da essa edotti".

    Georg Wilhelm Friedrich Hegel

    Buona serata *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'errore reiterato è la nostra condanna.
      Ciao Saray.

      Elimina
  7. Non ne usciremo mai da soli senza Dio. Notte Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza Dio non si va da nessuna parte.
      Ciao Saray.

      Elimina
  8. Il consumismo ci consuma, ma credo che nell'uomo ci sia comunque qualcosa di più che non si lascia consumare dal consumismo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lentamente il consumismo ti fa voltare la testa verso un'altra direzione e nemmeno te ne accorgi.
      Ciao.

      Elimina
  9. E' la verità: la storia non ci ha insegnato nulla.
    Continuiamo a commettere gli stessi errori, proprio perchè non ne abbiamo memoria - cerchiamo di fare TABULA RASA, appunto - e succede che quelle stesse situazioni che ci hanno condotto a compiere quegli errori, si ripresentano puntualmente, per darci la possibilità di emendare le cose che sono guaste... ma noi continuiamo a sbagliare.

    Hai ragione: l'errore reiterato è la nostra condanna, ma possiamo e dobbiamo uscire da questo circolo vizioso, proprio attraverso la memoria storica.
    Per non dimenticare ciò che l'uomo è (stato) capace di fare a suo fratello, in nome di DIO e del "BENE IDEOLOGICO".

    Ciao Gus!



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nelle scuole non insegnano la storia come materia di riflessione sulle barbarie compiute dall'uomo.
      Solo date, personaggi, guerre e chi vince ha sempre ragione.
      Ciao Rose.

      Elimina
    2. Ma come fate a non capire? PENSATE di riuscire da SOLI?
      la STORIA è la grande MERETRICEe si fa gioco di noi. Come puoi giudicare MALE la storia come viene raccontata dai VINCITORI?
      Al massimo devono stare attenti alla riVINCITA e sopraTUTTO alla BELLA.

      Fino a quando le strada e le CASE saranno piene di prostituzione ... non ci sarà FUTURO per i nost... VOSTI FIGLI.

      Elimina
    3. nost... sta per AL G.C.

      Elimina
    4. Angelo, io non penso di riuscire da sola... è vero che la storia la scrivono i vincitori, che quella ufficiale non racconta quel che realmente è successo.
      Ma NOI non possiamo rassegnarci o lasciarci andare al fatalismo; dobbiamo pur sempre provare a cambiare questo stato di cose... anche noi a questo mondo dobbiamo fare la NOSTRA parte: LIBERO ARBITRIO.

      Elimina
    5. Giusto. Non possiamo rimanere immobili cullandoci nell'accidia e nell'aiuto dall'Alto.
      Ciao Rose.

      Elimina
    6. Scusami, rispondendo ad Angelo ho dimenticato di salutarti...

      Ciao Gus! :-)

      Elimina
    7. Non è facile arivare ad un certo punto dove smetti di SCEGLIERE tra COSE terrene pre-stabilite. Libero arbitrio è LIBERTA' di scelta di cose GIA' preESISTENTI.
      L'UOMO Gesù ha fatto sempre la SUA PARTE, sia in TERRA che in CIELO, ma VOI comprendete SOLO quella TERRENA.

      L'OPERA celeste vi è CELATA, ad esempio quando E' LUI a GOVERNARE PILATO. Volete che VELA sPIEGHI?

      Voi pensate veramente di aver potere di poter aiutare il vostro PROSSIMO. Non mi dite che pensate di riuscire di salvare TUTTI ... se non risucite a salvarvi da VOI STESSI.

      Elimina
    8. Il PADRE e il FIGLIO non sono ACCI-DIO-SI. Lo hanno dimostrato, ma mi pare GUS che HAI bestemmiato VERSO lo SPIRITO sANTO.

      Tu non SAI come la TRINITA' SALVA ... pre-DISPONENDO inizialmente il MALE.

      Puoi studiare quanto VUOI le scritture e i Padri della Chiesa, ma ricordati che senza lo SPIRITO SANTO ... puoi solo BALBETTARE!

      Io posso SOLO coprirti con la MIA OMBRA perchè CHI ospito può SOLO ACCECARTI con la SUA LUCE.

      Elimina
    9. Sapete solo salutare chi comprendete e non COME DIO COMANDA chi VIENE nel SUO SANTISSIMO NOME.

      Elimina
  10. Sera! Come va? Ogni tanto passo con grande piacere a salutarti e a leggere i tuoi post sempre ultra interessanti! Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passa spesso mi fa molto piacere.
      L'olio è sicuramente una delizia.
      Ciao Shane.

      Elimina