venerdì 4 gennaio 2013

Già e non ancora





Il piacere fine a se stesso è un egoismo.
L'errore della Chiesa è stato quello di impaurire l'uomo che pecca, mentre doveva interessarsi a suscitare lo stupore di un Amore gratuito che ci viene da Dio.


18 commenti:

  1. SOLO i SANTI comprendono che il Figlio, COME SPIRITO, VIENE PRIMA della femmina carnale e ancor prima del maschio. E perchè non prima di chi striscia sul ventre?
    Gli altri possono solo aggrapparsi alla FEDE, alla SPERANZA e alla CARITA' ... COME MISTERI, quali anticipi di percezione. Ma SOLO UNO PUO' SVELARE e RIVELARE affinchè SOLO UNA può condividere lo SPOSO: La SUA SPOSA.

    Il VERO SPOSO non manderà mai la SUA SPOSA davanti ad UN GIUDICE.

    Molte ANIME sono già PERSE a prescindere se SONO in involucri maschili o femminili.

    CERCATE l'UOMO, il VERO e UNICO che VI farà conoscere la DONNA, la VERA e UNICA.
    Anche loro SONO anche TRINI.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so. Aggrappiamoci anche alla Misericordia di Dio.

      Elimina
  2. Risposte
    1. E' un commento della lettera di san Paolo ai Romani.
      Un po' di gossip. I maligni dicono che lo scrivere di san Paolo tante lettere era dovuto al fatto che era afflitto da balbuzie.
      Grazie Ady.

      Elimina
    2. Lo era anchè MOSE'. Se è per questo difetto c'è ben altro. Gli hanno dato dell'EPILETTICO.

      Elimina
    3. Infatti Aronne parlava al posto di Mosè perchè si dice che Mosè fosse balbuziente.
      Invece San Paolo diceva di essere afflittto da una misteriosa spina.

      Elimina
    4. La SUA SPINA consiste nell'essere stato rapito fino al giardino stesso di Dio, detto TERZO CIELO. Ma nello stesso tempo la mistica acquisita in quel contesto non lo allontanò dalla realtà, al contrario gli dette forza di vivere ogni giorno per Cristo. L'unione con Dio non ci allontana dal mondo, ma ci dà la forza di rimanere realmente nel modo, di fare quanto si deve fare nel mondo.
      Ma gli fu impedito da QUESTA SPINA che egli portava nella sua carne che per ben tre volte supplicò il Signore di esserne liberato. Alla fine, in una contemplazione nella quale udì parole indicibili che non è lecito ad alcuno pronunciare, il Signore si manifestò e gli disse: «Ti basta la mia grazia; la forza infatti si manifesta pienamente nella debolezza».
      CON IL LINGUAGGIO E I MODI DI CHI RACCONTA CIO' CHE NON SI PUO' RACCOTARE», san Paolo afferma che l'evento è stato talmente sconvolgente che egli non ricorda neppure i contenuti della rivelazione ricevuta, ma ha ben presenti la data e le circostanze in cui il Signore lo ha afferrato in modo così totale, lo ha attirato a sé, come aveva fatto sulla strada di Damasco al momento della sua conversione.

      Elimina
    5. Sinceramente voglio pensare che esiste un Dio vittorioso sulla sofferenza e sulla morte,un Dio comunque sereno che ci ama e sempre vicino a noi per alleviare le sofferenze! Qualcuno lo immagina crocifisso e lo rappresenta dentro di se, in modo drammatico, e mette in evidenza le Sue, le proprie sofferenze con eccessivo vittimismo!
      Paradossalmente si è sviluppata una pietà concentrata in primis sulle sofferenze di Cristo e... sull’imitazione, da parte del cristiano.
      Non voglio pensare che, per i grandi, recidivi,inguaribili, peccatori, cristiani peccatori, la sofferenza non è solo ben accolta, ma voluta come unica via di salvezza, considerando i “meriti” di una giustificazione.. inversa per sfuggire all'inferno.
      Queste "atipiche" sofferenze, forse, purificate dai suoi eccessi, continuano in modo diverso, a consolare le coscienze di chi comunque continuerà a peccare, sviluppando la frustrazione, oppure il diffondersi di certe "mode" di oggi, come il masochismo (ecc, ecc).
      La cultura moderna del piacere in... quasi tutte le sue forme, oggi non è negli affetti..semplici, genuini di un tempo, ma diffusi come reazione contro una civiltà dominata da una morale cristiana che, per secoli, non ha solo condannato il piacere ma valorizzato la sofferenza.
      Altre scuole.. religiose come il buddismo ad esempio, sono dovute in gran parte alla loro pretesa di permettere all’uomo di uscire da questo mondo di sofferenza in cui il Cristianesimo pare, sotto certi aspetti, mantenerli.
      Il vero cristiano sa che non otterrà nulla, anzi l'esatto contrario, se si nasconderà nella sofferenza volutamente per alleviare le colpe, perchè è consapevole che Dio AMA e non vuole ne chiede alcuna sofferenza!!
      In verità credo che solo la VERA FEDE INCONDIZIONATA è senza dubbio il tentativo più riuscito per comprendere il senso della VERA SOFFERENZA e saperla affrontare a patto che sia riportata correttamente nella sola giusta direzione.
      Ps mio prossimo post!

      Elimina
    6. Il piacere fine a se stesso è un egoismo.
      L'errore della Chiesa è stato quello di impaurire l'uomo che pecca, mentre doveva interessarsi a suscitare lo stupore di un Amore gratuito che ci viene da Dio.

      Elimina
    7. Singer, era Paolo il balbuziente.

      Elimina
    8. Dove è scritto?
      Su Mosè lo dice lui stesso!
      Come se io potrei essere MUTO o anche tu ... perchè SCRIVIAMO.
      Non prendere FISCHI per FIASCHI.

      Elimina
    9. Nella seconda Lettera ai Corinti, Paolo dice di "non saper parlare" e qualcuno ha ipotizzato che fosse balbuziente.

      Elimina
    10. Ben diverso nell'aver difficoltà nella parola (proNUNCIA), come Mosè.
      Non saper parlare vuol dire non aver preparazione scolastica. NON SI SENTIVA UN ORATORE. Gli veniva meglio SCRIVERE, ma PARLAVA e si sforzava di farsi capire. ANZI, far capire il CRISTO che aveva deciso di vivere in lui.

      Ti confesso che mio padre, non avendo molta cultura scolastica, per esprimersi e spiegarsi USAVA spesso comporre PARABOLE.

      Allora anche Gesù era balbuziente o un semplice figlio del popolo?

      E i muti che incominciavano a parlare?
      E i sordi? ... da chi avevano ricevuto la CONOSCENZA?

      Elimina
  3. L'attesa aumenta il piacere, è scritto.
    Certo, la sofferenza e i gemiti nell'attesa son duri da sopportare...
    Però dai, in fondo il premio è allettante ;)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GODITI l'ATTESA.
      Meglio consumarsi che CONSUMARE.
      Nulla andrà perduto!
      Impara dal SEME.
      OSSERVA SEMPRE tutto e BENE, quello che la NATURA sa custodire prima di MANIFESTARSI.

      Elimina
  4. @Gus: ahaha! Chi non lo è? :)

    @Angelo: sono perfettamente d'accordo con te. Vedi, anche se siamo di scuole di pensiero differenti, è bello quando l'idea coincide :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SCUOLE di PENSIERO?

      Io, quando sento di venir compreso ... ho il dubbio di essere ritornato indietro.

      LADRO si ... ma MAI MALAndrino!

      Elimina