mercoledì 9 gennaio 2013

Dalla beatitudine a un cambiamento sociale











La povertà beata non è una strana ideologia solo perché
Cristo ha mescolato il suo amore alla nostra
infelicissima povertà, nell'unità sostanziale della sua
persona.
Dal punto di vista strettamente cristiano, per quanto
complessi possano essere i problemi posti dal dramma
sociale della povertà e dell'oppressione che affligge
interi popoli, non è lecito barare.
La beatitudine annunciata è esattamente questa:
che ai poveri, per tutta la loro povertà, e per tutte le
forme di povertà comunque espresse,  proporzionalmente
a quanto questa povertà è lacerazione dell'essere, è offerta
la beatitudine.
Che tutto ciò debba fondare una moralità e un impegno
e debba quindi diventare anche un progetto,  cambiamento,
intervento sociale è ormai entrato nella coscienza della
Chiesa, nonostante alcune sacche di resistenza.







77 commenti:

  1. Oh beh, io voglio essere ricco :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricco va bene, ma devi condividere.
      Quando lo sarai fammi una donazione.

      -:)

      Elimina
  2. Le donazioni sono... da poveri! :p
    Ti va bene se ti invito a cene, party, vacanze... tutto pagato?^^
    E' più cool!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti confermi un malandrino :)

      Elimina
    2. La differenza tra ladro e malandrino è la stessa di una cena tra PARENTI del LADRO o una CENA con il BUNGA BUNGA.

      Elimina
    3. Ahaha, ok dai, allora penso che userò spesso il nomignolo malandrino, d'oggi in poi!
      Ah, ma non sei passato più dal mio blog, come mai? ^^

      @Angelo: basta che se magna, mi sta bene tutto :p

      Moz-

      Elimina
    4. Mi divertirò anche io rendendo MAGNO tutto in superficie.

      Elimina
  3. Ci sono i ricchi di bene materiale e i RICCHI di BUONA VOLONTA' di tempo.
    Basta condividere!

    Un po' di bene materiale tra le mani di chi ha BUONA VOLONTA' ... FA' il MIRACOLO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono i ricchi che passano nella cruna dell'ago.

      Elimina
    2. Devono dimagrire o allargare l'ago?
      Quel BASTA ha due significati cone ... FINE.
      E anche FINE ha due significati come ... META.

      Devo accentuare o no?

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. HAI sentito il riMORSO della BESTIA?
      Per te SATANA vive il SENSO di colpa?
      Per CHI. Perchè ricomincia con un altro FIGLIO di DIO?

      Elimina
  4. Disse poi a colui che l'aveva invitato: "Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici, né i tuoi fratelli, né i tuoi parenti, né i ricchi vicini, perché anch'essi non ti invitino a loro volta e tu abbia il contraccambio. Al contrario, quando dài un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non basta l'ospitalità, serve l'accoglienza del banchetto.

      Elimina
    2. Quando avrai la FEDE capirai di quale banchetto PARLO.
      Scusa la MIA "scabrosità". In altri PASSI della BUONA NOVELLA si capisce la differenza tra ESSERE OSPITE o PARENTE!
      Ma non dimenticare che IO SONO un semplice PRO-VOCATORE.

      Elimina
  5. Non sono d'accordo,perche solo per poveri l'eterna ricompensa?
    Io sono nato benestante e tuttora lo sono e allora il regno eterno mi è precluso?
    Fortunatamente non sono credente,la mia era solo una curiosità o una provocazione.Io mio paradiso lo stò godendo in questa vita,che credo sia bellissima e unica.

    Felice serata,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, in fondo sono d'accordo con te!! ;)

      Però a chi ha di più, penso sia giusto che si richieda di più... non solo economicamente :)

      Moz-

      Elimina
    2. Fulvio, quando riceverai la grazia della dede capirai quello che leggi.

      Elimina
    3. Non sappiamo ancora, in vece, se "lagrazia" gliela DiEDE. CIELO dirà "lagrazia" detta "bocadirosa"?
      I Ricchi entrano nel Regno dei Cieli e lo percepiscono insieme ai poveri quando si accorgono del povero LAZZARO (Luca 16,19-31).

      Elimina
  6. beati gli ultimi se i primi saranno onesti! :)
    Poi arrivo anche qui: ora ho da fare!

    RispondiElimina
  7. forse il micio si riferiva ai "poveri di spirito" Ne ho conosciuti.. un pò anche nel virtuale! :(
    c'è poco da fare, nonostante tutto l'impegno consapevole e non! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'attualizzazione di Luca (beati voi poveri) pretende di identificare i destinatari di questa parola di Gesù nei cristiani. L'attualizzazione di Matteo (beati i poveri in spirito) dice la stessa cosa, chiarificando che la povertà dell'uomo deve discendere fino al cuore diventando disponibilità a fidarsi.
      Ciao Sara.

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace quando la tua sofferenza è insopportabile.
      Il cristianesimo si basa sul concetto delle beatitudini.
      La ricompensa per i sofferenti avverrà nel Regno dei cieli.
      Ciao.

      Elimina
    2. ho letto questa frase:..."Le affinità elettive si riscontrano nei peggiori difetti. Protagonismo, egoismo, disprezzo verso gli altri, rancore."
      Scusa il "fuori tema" ma non l'ho capita!

      Elimina
    3. Gus, non l'ho capita!

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  9. Spero che il Signore aiuti i poveri e i sofferenti a causa della fame e della malattia, in qualche modo a noi sconosciuto. Poi certo la ricompensa ci sarà in cielo. Buona serata Gus *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. BEATI i POVERI e a CHI ORA PIANGE...
      ... AI POVERI è predicata la buona novella, e beato colui che non si scandalizza di me:

      Matteo 19,21 e Marco 10,21-22;
      Matteo 26,6-13 e Marco 14,3-9.


      Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l'unzione, e mi ha mandato per annunziare ai poveri un lieto messaggio

      NON DIMENTICATE QUESTO: "I poveri infatti li avete sempre con voi, ma non sempre avete me".

      CERCATELO!

      "Quello che devi fare fallo al più presto". Nessuno dei commensali capì perché gli aveva detto questo; alcuni infatti pensavano che, tenendo lui la cassa, gli avesse detto: "Compra quello che ci occorre per la festa", OPPURE CHE DOVESSE DARE QUALCHE COSA AI OVERI. Preso il boccone, egli subito uscì. Ed era notte.

      Elimina
    2. Sì, Saray. Ci sarà una grande ricompensa.

      Elimina
    3. In VERITA' se non la percepisci SUBITO in minima parte adESSO ... non la vivrai in eterno.

      Elimina
    4. Si Angelo è proprio così.

      Elimina
    5. Si Angelo è proprio così.

      Elimina
    6. DOPPIA come SPESSA!
      E'TERNA!

      Elimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dio ti vuole. E' il Padre di tutti noi.
      Ciao.

      Elimina
  11. "E' proprio del cattivo spirito rimordere, rattristare, creare impedimenti, turbando con false ragioni affinché non si vada avanti". Fin dall'inizio delle regole, siamo messi in guardia da un inganno tremendo: tutti i pensieri che vengono in mente, e che possono essere anche credibili o persuasivi, non devono essere accettati come veri se producono gli effetti che sono propri dello spirito del Male: senso di colpa, tristezza, impedimenti, turbamenti. (Sant'Ignazio da Loyola)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma senza senso di colpa come si fa a capire se si è sbagilato o fatto giusto?

      Elimina
    2. Lo chiedi a me o al Santo?
      E se il Santo continua a dirti che non è COLPA TUA? Di cosa non riesci a perDONARTI?
      Cosa devi Xdonare?
      La CARNE o lo SPIRITO?

      Elimina
    3. Angelo, sant'Ignazio conosce le tentazioni?

      Elimina
    4. Singerfrapp, bisogna accettare la propria debolezza. Il senso di colpa è scoraggiante.

      Elimina
    5. Perchè lo chiedi a me?
      Ognuno conosce le PROPRIE e le VINCE!
      Non domenticare cosa vuol dire Isra-EL (Genesi 32,24-34)

      Elimina
    6. Sei Singer che cuce o Frappè che frulla, mischia?

      Anche SATANA ci spinge a rimanere nella nostra debolezza. Quale?
      Quella DELLA carne e quello NELLO Spirito?
      NON TEMERE ... se hai CHI ti difende SEMPRE!
      Satana non ti difende MAI.
      Sai cosa vuol dire COM-PASSIONE?
      Se Gesù non moriva per NOI e NOI non avessimo quel SENS di COLPA non conosceremo mai il VERO TIMORE di far soffrire il PADRE, a prescindere se ci vede o non ci vede. Ci sono peccati che non si lavano con il bidè ... perchè rimane l'ATTO..re?
      Anche IPOCRITA ha due valenze a seconda se vive la scena di un film o della realtà.

      Elimina
  12. Non lo so.
    Credo lo spirito.
    Ma non lo so proprio.
    Sarebbe bello se tutti i pensieri "negativi" fossero solo pensieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se credi che è lo SPIRITO allora è da condannare anche il PENSIERO. Non lo dico io ma il Vngelo. Ma c'è sempre l'AVVOCAT'S del Diavolo che arriva a perdonare un peccato materiale con una condivisione di SPIRITO (tipo soffrire per l'altro che ha fatto quello che avresti dovuto fare tu).

      Elimina
  13. Io forse non so neanche distinguere la carne dallo spirito.
    Certe persone chiamano spirito la carne.
    Confondono i desideri carnali con i desideri del loro cuore e con i desideri dello spirito...che chissà quali sono...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco.
      Tutti SONO visitati continuamente fino a quando riconoscono lo SPIRITO e anche l'ora e il giorno.
      C' chi crede per fede (pensiero carnale o del cuore) e CHI LO ha incontrato.
      Non posso farci nulla.
      PREGA! CHIEDI! SUPPLICA!
      Io posso solo PROVOCARTI a distinguere COSA chiedere.
      Ad esempio un sintonizzatore, un amplificatore ... un WWW.
      O cerchi un AMICO?
      Quale sesso ti fai o sei fatta?
      Togliti la TUTA.

      Elimina
    2. Preferisco un amico a un www.

      Elimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, tutta una tirata.
      Grazie.
      Ciao.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Sono caparbio.
      'notte Sara.

      Elimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu lo segui Fulvio?

      Io lo vedo nell'elenco letture:

      Senza titolo

      Coloratissimoailblogdifulvio - 6 ore fa




      *La montagna mi aspetta.* **

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il tuo browser è I.E.9 '

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  18. grazie per il supporto tecnico.

    RispondiElimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. Ecco cosa vedo dell'archivio da fuvio e il nuovo post non c'è

    Archivio blog
    ▼ 2013 (3)
    ▼ gennaio (3)
    Le donne e l'arte. Come è cambiata la donna nei s...
    I SOLITI IDIOTI. Purtroppo il mondo dei calciofil...
    2013 Pensiero mio: La ricchezza non da la felicità...
    Grazie gus, chissà quanti altri sono così, poi chiedi fiducia?

    RispondiElimina
  21. ecco la differenza. io ho appena postato e risulta anche l'ultimo post! non mi chiedi ora se sto male, se sono i troppi medicinali o forse se ne prendo pochi???
    passa parola tanto ormai!

    Archivio blog
    ▼ 2013 (8)
    ▼ gennaio (8)
    UN SOGNO INQUIETANTE...
    E TU ..COME ME...
    PROVA..
    FEDE INCONDIZIONATA!
    ANCORA MENZOGNE!!
    MA ...PERCHE' ?
    SEMPLICEMENTE...MAURO!
    RACCONTIAMOCELA ANCORA UN PO'....

    RispondiElimina
  22. X SARA.
    Fulvio non è mai cambiato,è rimasto lo stesso di sempre con qualche pregio e diversi difetti, ma sempre sincero.

    X GUS.
    Scusa per l'intromissione,ma si scriveva di me.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perbacco, Fulvio, sei un mio lettore fisso.
      Puoi entrare e uscire quando vuoi.
      Ciao.

      Elimina
    2. CONFERMO! FULVIO E' sempre un AMICO in questo. La SUA iniquità e contraddizione è VERA e per questo RISPETTABILISSIMA. Quando COMPRENDERA' non avrà problemi a lasciare TUTTO e a SEGUIRLA.

      Per Bacco ... vuol dire X VINO?

      Allora, CHI NON BEVE CON ME LEBBRA lo COLGA!
      Tanto c'è CHI sa SANARLA e per SEMPRE!

      Elimina
  23. In VERITA' c'è un GUS e un AUGUSTO, come un Coloratissimo e un FULVIO. Anche un ANGELO e un ANGELOANONIMO.

    Ma ci sono anche altri in NOI, spero non più di SETTE. Ma SETTE non suol dire solo un NUMERO MATEMATICO ma un MODO di ESSERE.

    C'è chi CHIEDE AIUTO perchè confonde il SOGNO con la REALTA' e l'INCUBO con la VERITA'. Nel VIRTUALE è tutto CON-FUSO.

    Chiedete e vi sarà DATO.
    BUSSATE e Vi SARA APERTO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già.
      Ho altri due nomi: Vittorio e Romano.

      Elimina
    2. Sono aggettivi maschili?
      MARIO è il maschile di MARIA?

      Elimina
  24. Se facciamo a chi ha più nomi allora io sono competitivo.
    Fulvio Frencesco Teodoro.
    (Fulvio,non si sa perche,Theodor mio padre,Francesco mio nonno materno)
    Ciao a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne hai quattro: Fulvio, Teodoro, Francesco e Frencesco ;)

      Elimina
    2. E quale dovrai santiFICAre?

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità