giovedì 6 dicembre 2012

Zygmunt Bauman e la deriva dell'amore







 Lei e Janina avete mai attraversato una crisi?
"Come potrebbe essere diversamente? Ma fin dall'inizio abbiamo deciso che lo stare insieme, anche se difficile, è incomparabilmente meglio della sua alternativa. Una volta presa questa decisione, si guarda anche alla più terribile crisi coniugale come a una sfida da affrontare. L'esatto contrario della dichiarazione meno rischiosa: "Viviamo insieme e vediamo come va...". In questo caso, anche un'incomprensione prende la dimensione di una catastrofe seguita dalla tentazione di porre termine alla storia, abbandonare l'oggetto difettoso, cercare soddisfazione da un'altra parte ".









23 commenti:

  1. Emmanuel Lévinas ha parlato della "tentazione della tentazione". È lo stato dell'"essere tentati" ciò che in realtà desideriamo, non l'oggetto che la tentazione promette di consegnarci. Desideriamo quello stato, perché è un'apertura nella routine. Nel momento in cui siamo tentati ci sembra di essere liberi: stiamo già guardando oltre la routine, ma non abbiamo ancora ceduto alla tentazione, non abbiamo ancora raggiunto il punto di non ritorno. Un attimo più tardi, se cediamo, la libertà svanisce e viene sostituita da una nuova routine. La tentazione è un'imboscata nella quale tendiamo a cadere gioiosamente e volontariamente".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sto chiedendo se la TENTAZIONE nell'Eden fu provocata dall'essere stati di-visi?
      Eva volle movimentare la de-pressione nell'ANIMA del SUO UOMO?

      Elimina
  2. I "legami umani" in un mondo che consuma tutto sono un intralcio?
    "Sono stati sostituiti dalle "connessioni". Mentre i legami richiedono impegno, "connettere" e "disconnettere" è un gioco da bambini. Su Facebook si possono avere centinaia di amici muovendo un dito. Farsi degli amici offline è più complicato. Ciò che si guadagna in quantità si perde in qualità. Ciò che si guadagna in facilità (scambiata per libertà) si perde in sicurezza".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beato colui che ha come AMICO il DIO SOLO.

      Elimina
  3. Lei e Janina avete mai attraversato una crisi?
    "Come potrebbe essere diversamente? Ma fin dall'inizio abbiamo deciso che lo stare insieme, anche se difficile, è incomparabilmente meglio della sua alternativa. Una volta presa questa decisione, si guarda anche alla più terribile crisi coniugale come a una sfida da affrontare. L'esatto contrario della dichiarazione meno rischiosa: "Viviamo insieme e vediamo come va...". In questo caso, anche un'incomprensione prende la dimensione di una catastrofe seguita dalla tentazione di porre termine alla storia, abbandonare l'oggetto difettoso, cercare soddisfazione da un'altra parte ".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se va ... si finisce pure per ROM PER LO ... stesso.
      Se la LIBERTA' è parte-cip-azione,
      l'AMORE E' RI-PARA-aZIONE.

      Elimina
  4. Il vostro è stato un amore a prima vista?
    "Sì, le feci una proposta di matrimonio e, nove giorni dopo il nostro primo incontro, lei accettò. Ma c'è voluto molto di più per far durare il nostro amore, e farlo crescere, per 62 anni".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non importa se si inizia TUTTO come una scatola chiusa.
      L'importante è RIEMPIR le ... scatole.

      Elimina
  5. Anche nel trapporto a "due" oggi c'è fretta di "concludere" senza pensare che l'altro è un' altra cosa. E' un "tu" diverso da me con le sue esigenze, il suo bisogno di libertà (quella vera) e non si può pretendere che (lui o lei) risponda al mio bisogno come se ci fossi solo io. E poi magari dire che non mi vuole abbastanza bene.
    E' come se nella vita che si vive c'è un desiderio o una difficoltà e poi magari dire"Perchè Dio mi manda questo?"
    Devo capire che è per il mio bene, perchè Lui ci sarà sempre ad indicarmi la strada della verità e della gioia. E' troppo difficile spiegare quello che sento...è più saggio salutarti e attendere la tua risposta. Ciao Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La risposta è semplice: hai capito tutto.
      Tu sei speciale e nemmeno Angelo con le su maiuscole-miniscole oserà criticarti.
      Io voglio bene ad Angelo

      Elimina
    2. E GUS mi ha ANTI-cipato.

      E' nell'altro la CHIAVE.
      ... anche la PORTA!

      Bisogna solo mettersi d'accordo.

      Io critico chi mi dà modo di criticare.
      La semplicità con la VERITA' fanno l'eccelsa UMILTA' ... che nessuno potrà preVALERE.

      Per questo la MADRE SANTISSIMA è IMMACOLATA.

      Elimina
  6. Caro Gus,forse come spesso mi succede sono fuori argomento,ma questo è il mio commento:
    Non mi consta, viviamo in un epoca del "Bentegodi" Oggi senza sacrifici non si ottiene nulla e spesso anche sacrificandoci.
    I tempi teorizzati del tutto e subito sono tramontati come gli anni ottanta.
    Zygmunt Bauman,che confesso di non conoscere,forse vive in un altro pianeta o in una altra dimensione e non ha una cognizione precisa del nostro presente dove la disaccupazione giovanile e non e le varie crisi economiche minano alla base il nostro giornaliero.
    E ora un capitolo sull'amore.L'amore eterno mi spavente come la parola per sempre o il mai,io sono da sempre innamorato,il mio primo delicato amore è stato per la mia maestra alle scuole elementari,giovane come una sorella maggiore ,bionda e bellisima.Poi tanti amori,senza i quali non saprei vivere,sono da sempre innamorato,ma non sempre della stessa donna,ma innamorato sempre e comunque veramente.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zygmunt Bauman ha spiegato bene quello che ti accade e anche perché a lui non piace.
      Grazie per aver risposto al mio post. Io ti apprezzo perché non ti tiri mai indietro.

      Elimina
  7. Il RITIRARSI è direttamente proprozionale alla PAURA di AVVICINARSI.

    RispondiElimina
  8. Angelo, ti piace Zygmunt Bauman.
    Hai lettola Società liquida?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggerlo nel senso di capirlo? .. COMPRENDERLO.
      Cos'è un campo di spandimento?

      Elimina
    2. Se leggi e non comprendi è come se non avessi letto.

      Elimina
    3. Il MIO problema è che se leggo, anche se vedo e sento, ... COMPRENDO TROPPO ... OLTRE. Come nel caso di un'opera FINITA è di libera interpretazione, patrimonio di TUTTI.
      Come spiegarti?
      L'autore non è più padrone nemmeno di suoi pensieri che ha scritto o realizzato. Come se un abbinamento da spunti più grandi di quello dell'autore stesso.
      Noi credenti lo chiamiamo SPIRITO sacro o SANTO, a seconda del fine.
      Ma anche l'autore stesso potrebbe esclamare: "Eì cosa buona o anche E' COSA MOLTO BUONA", ma c'è chi pensa a male e spesso ci AZZECCA. Ora non fare come chi è prevenuta o faziosa nel giudicare io modo di espressione, ciopè l'esterno.
      APPROFONDISCI. Sarebbe BELLO discuterne con l'AUTORE stesso, ma va bene anche chi ha altre interpretazioni.
      L'UNIVERSO E' ancora in COMPIMENTO! E non solo MATERIALMENTE, ma soprattutto SPIRITUALMENTE.
      Tu vuoi essere considerato COSA o PERSONA?
      Sei libera o non libera di OPPORTI?
      Ma non preoccuparti che SARA' sempre un SuCESSO!

      Un GIORNO FINIRA' è giudicheremo INSIEME al PADRE.

      Elimina
  9. “In un ambiente fluido, dove non si sa se attendere un’inondazione o una siccità, sarebbe meglio esser pronti a entrambe le eventualità” (Intervista sull’identità. Zygmunt Bauman).
    Ciao Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto. Bisogna essere pronti.
      Ciao Ge.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità