lunedì 31 dicembre 2012

La metafora della prepotenza

Ad rivum eundem lupus et agnus venerant, siti compulsi.

Superior stabat lupus, longeque inferior agnus.

Tunc fauce improba
latro incitatus iurgii causam intulit:

"Cur - inquit - turbulentam fecisti mihi
aquam bibenti?"

Laniger contra timens :

"Qui possum - quaeso - facere quod quereris, lupe? A te decurrit ad meos haustus liquor."
Repulsus ille veritatis viribus:

"Ante hos sex menses male - ait - dixisti mihi".

Respondit agnus:

"Equidem natus non eram!"
"Pater, hercle, tuus - ille inquit - male dixit mihi!"
Atque ita correptum lacerat iniusta
nece.

Haec propter illos scripta est homines fabula qui fictis causis innocentes opprimunt.




37 commenti:

  1. i forti e i potenti dovrebbero sempre proteggere i deboli, e gli innocenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pesce grande mangia il piccolo.
      Ciao Esmeril.

      Elimina
    2. E' un pretesto!
      Noi perchè mangiamo CHI è più GRANDE di NOI?

      Elimina
    3. Non tutti.
      E poi la favola di Fedro riguarada proprio noi uomini.

      Elimina
    4. ApPUNTO!
      Lo VEDI che non mi SENTI?

      Elimina
  2. Mi dispiace ma su questa VERITA' non rispondo. Una volta mi rimproverò e ora ho compreso. Discutene tu con il PADRE che DONA il FIGLIO come un bimbo in mano a pedofili.

    RispondiElimina
  3. "Per quanto mi riguarda, non sono nato!"
    "Padre, io dico, il vostro proprio - ha detto - mi ha detto male!"
    E così strappò ingiusto omicidio.
    A chi questa è la storia di uomini che opprimono gli innocenti con pretesti falsi...

    meglio non nascere a volte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non siamo noi che decidiamo di non nascere.

      Elimina
    2. meglio morire!
      Ciao!

      Elimina
  4. Dio mio che foto :S
    Oo

    I più forti hanno il dovere di proteggere... la vedo così.
    La prepotenza però ha un suo fascino :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fascino del Male.

      Elimina
    2. Storie di infanzia bruciata
      nella striscia di Gaza.
      E' una foto, solo una foto, Moz.

      Elimina
    3. no, non è solo una foto: è un cazzotto vero e proprio.
      Fa riflettere.

      Ciao Gus, un abbraccio, augurandoti un sereno 2013 :)

      Moz-

      Elimina
  5. LUPUS ET AGNUS


    Un lupo e un agnello, spinti dalla sete, vanno allo stesso ruscello.

    Il lupo sta più in alto e, un po' più lontano, in basso, l'agnello.

    Allora il malvagio, incitato dalla gola insaziabile, cerca una causa di litigio.

    "Perché - dice - mi hai fatto diventare torbida l'acqua che sto bevendo?

    E l'agnello, tremando:

    "Coma posso - dice - fare quello che lamenti, lupo? L'acqua scorre da te alle mie sorsate!"

    Quello, respinto dalla forza della verità:

    "Sei mesi fa - aggiunge - hai parlato male di me!"

    Risponde l'agnello:

    "Ma veramente... non ero ancora nato!"

    "Per Ercole! Tuo padre - dice - ha parlato male di me!"

    E così, lo afferra e lo uccide dandogli una morte ingiusta.

    Questa favola è scritta per quegli uomini che opprimono gli innocenti con falsi pretesti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il commento eliminato è più SU.

      Non esistono FALSITA' PURE! C'è sempre una VERITA' nascosta in TUTTO QUESTO.
      Ma noi UOMINI possiamo ribellarci come ci insegno CHI smascherò il Dio di questo MONDO ... attaccandolo nel suo ambiente: il deserto.

      Elimina
    2. Non dobbiamo ribellarci, ma comprendere.
      Ama il tuo prossimo come te stesso.
      E se vogliamo andare nel più difficile: "Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi".
      Perché uno può detestarsi e diventa facile il secondo Comandamento, ma amare come Lui ha amato noi non permette scappatoie.

      Elimina
    3. Come al solito, COME gli altri, pensate che siete giunti già a quel LIVELLO. Mica si rivolge a tutta l'UMANITA'.
      Mi arrendo!
      Non è facile portarVICI ... senza di LUI.

      Elimina
    4. Il prete della mia parrocchia in una predica tempo fa parlava del giovane ricco.
      Dissse che il giovane ricco se ne andò triste, ma non è che il giovane ricco non si è salvato, ma non è diventato un Suo discepolo in questa vita.
      Non ha vissuto il Regno già in questo mondo.
      Se già le persone, pur detestandosi, non facessero agli altri ciò che non vogliono sia fatto loro sarebbe già meglio?

      Elimina
    5. Riguardo al Lupo ed all'Agnello, Angelo, vuoi forse dire che una parte di verità c'era in ciò che disse il Lupo?
      E che noi dobbiamo smascherare il Lupo?

      Elimina
    6. Singerfrapp, il giovane ricco ha rifiutato di condividere le sue ricchezze, quindi non ama il prossimo suo come se stesso. Ama di più questa terra che il Regno dei Cieli. Il suo è un no.
      Sulla salvezza è inutile pronunciarsi. Non siamo noi che decidiamo chi si salva e chi no.

      Elimina
    7. Cavolino.
      Pane al pane, vino al vino.

      Elimina
    8. ApPUNTO!
      Pensate al vostro di PANE e di VINO che non condividete ... e no sto parlando MATERIALMENTE.

      E così ho risposto sulla VERITA' del LUPO che può diventare PASTORE e mangiarsi un po' di CARNE e SANGUE della PECORA ... GUADAGNANDOSELA!

      Gesù è il POVERO in Giovanni e il CRISTO è sempre stato RICCO e l'anello e il vestito è sempre in ATTESA nella REGIA.

      CIAK ... giriAMO?

      Elimina
    9. Va beh, comunque si fa presto a dire che in quello che dice il lupo c'è una parte di verità, ma quando poi capita a te (me) fa veramente incavolare questa cosa, soprattutto se il lupo in questione è uno/a che consideri amico/a.
      Ma quale sarebbe la verità del lupo?
      A volte le persone sono complessate e sfogano i propri complessi sugli altri.
      Lupi a parte.
      Quindi sono lupi o sono malati?
      Boh.

      Elimina
    10. La verità del lupo sarebbe che noi non condividiamo abbastanza il nostro pane e vino interiori?
      Ed allora ce li strappa?

      Elimina
    11. Ma ci strappa la carne o lo spirito?
      O tutti e due?

      Elimina
    12. La carne rappresente la vita, lo spirito è la libertà interiore. La fede salva lo Spirito.

      Elimina
    13. Ecco un esempio di Vangelo senza il collegamento.
      LETTO senza conoscere il contesto ... non dice tanto la distinzione che fa GUS, ma conoscendo il MOMENTO, che avviene per gli animali, come per gli umani e anche per un Dio ... si coglie la CHIAVE.

      BRAVISSIMO GUS!
      Tu sei VICINO a VEDERE lo SPIRITO che SALVA tutti gli ALTRI Spiriti che lo hanno riconosciuto.

      Anche un Lupo può morire come un agnello per salvare il SUO AMORE.

      Elimina
  6. Le parole di Gesù sono più grandi della nostra ragione.
    Sono passata per fare gli auguri a tutti: soprattutto un buon cammino di fede!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lucia. Il cammino di fede è una grazia che va coltivata ogni giorno.
      Ciao.

      Elimina
  7. Che tristezza quella foto..Speriamo che l'anno nuovo porti la pace di Gesù Cristo nei nostri cuori..se non abbiamo questa pace, e dico pace vera, non armistizio, come talvolta usiamo fare, che possiamo sperare nel mondo? Buon Anno Gus *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preghiamo per la pace?
      Ma facciamoli INAMORARE così si decidono a fare matrimoni misti ... basati sull'amore e su figli meticcio.
      Il pasticcio è BUONO se fatto con ingredienti genuini.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità