venerdì 7 dicembre 2012

Delle città invisibili : Italo Calvino

delle "Città Invisibili" Italo Calvino scrive:
"L’inferno dei viventi è quello che è già qui,
 l’inferno che abitiamo tutti i giorni,
che formiamo stando insieme.
Due modi ci sono per non soffrirne.
  Il primo riesce facile a molti: accettare
 l’inferno e diventarne parte fino al punto
di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed
esige attenzione e apprendimento continui:
 cercare e saper riconoscere chi e che cosa,
in mezzo all’inferno, non è inferno,
e farlo durare, e dargli spazio.
Vale la pena leggere Calvino perché proprio lui,
 che ha una capacità di scrittura e che spesso
sembra quasi compiacersi della propria intelligenza,
fa capire che scrivere non è un atto che basta
 a se stesso, ma ha bisogno del rapporto con l'altro.
La letteratura ci commuove perché ci richiama
 il bisogno della verità, ma non ci fornisce la verità,
perché essa è fuori, dove la vita accade.



41 commenti:

  1. La possibilità di poter vedere oltre il visibile, ed esserne consapevoli, questo ho letto in Calvino.

    RispondiElimina
  2. gus, mangerei pane e calvino se questo mi bastasse a sopravvivere, baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si conobbero. Lui conobbe lei e se stesso, perché in verità non sapeva chi era. E lei conobbe lui e se stessa, perché pur essendosi saputa sempre, mai s'era potuta riconoscere così".
      Ciao Ady.

      Elimina
    2. :) l'ho inciso sotto pelle.
      Buonecose Gus

      Elimina
  3. que bonito

    miblogbyamo.blogspot.com

    RispondiElimina
  4. Risposte

    1. « Anche le città credono d'essere opera della mente o del caso, ma né l'una né l'altro bastano a tener su le loro mura.
      D'una città non godi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda. »



      (Marco Polo)



      Salman Rushdie

      Nel romanzo "Furia" Salman Rushdie definisce New York una città di mezze verità ed echi che in qualche modo domina la terra. Si può odiare questo dominio oppure si può cerebrarlo, o ancora rassegnarvisi, ma resta un fatto: New York è il plesso culturale della realtà americana, in tutto il suo eclettismo, la sua emotività, la decadenza, l'intelligenza e il potere. Le mezze verità non sono sufficienti perché l'uomo occidentale, malgrado il suo sapere corre il rischio di arrendersi davanti alla questione della verità. New York è la città ideale per chiedere:" Voi cosa state cercando?" e chiedersi: "Io cosa sto cercando?". La curiosità di una domanda allarga la ragione perché dilata l'orizzonte del conoscibile. Il cuore intuisce già che l'orizzonte è più ampio di quanto il mondo oggi affermi. La nostra capacità di indagare le cose con la ragione è ispirata dal presentimento del cuore che esiste qualcosa di più grande. Si chiama esigenza di infinito o brama di verità



      Ciao Gianna.

      Elimina
  5. Ritornerò quando mi provocherai sul PARA-DIviSO.

    Me lo SVELI nel SECONDO ... rischioso ... di che?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Paradiso è nominato nei Vangeli ( Vangeli Luca 23,43 )
      ma non è descritto.
      Però Gesù ha detto: " Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha vita eterna; e io lo risusciterò nell'ultimo giorno".

      Elimina
    2. Eppure è descritto appena PRIMA ... il Luca 23,40-42.

      Elimina
  6. Io sono io, in qualsiasi città del mondo mi trovi, io devo essere io. Potranno chiudermi la bocca e esisterò nella misura in cui potrò parlare della Verità, allora qualcosa continuerà! Ogni volta che vengo in questo blog, tu hai il potere di sorprendermi, come mi accade con quell'amica che oggi ha compiuto gli anni, con mia sorella a cui sono legata profondamente; con quest'aria di neve che oggi mi ha sferzato il viso, con l'umanità intera se mi fa capire che è Cristo che mi fa accadere tutte queste cose, per me, per il mio dolore o per la mia gioia. Vivere nella Verità.
    Buona notte Gus e buona Festa dell'Immacolata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dostoevskij, scrivendo ad una principessa russa, diceva: "Se da una parte ci fosse la verità e dall'altra ci fosse Cristo, io sceglierei Cristo".
      Onoriamo la solennità dell'Immacolata Concezione.
      Ciao Lucia.

      Elimina
    2. Solo perchè non conosci la VERITA'.
      Ma poi come lo RICONOSCERAI da quelli FALSI?

      Elimina
  7. Oggi è l'onomastico di mia madre!
    ciao Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si chiama Sabina?
      Ciao Carla.

      Elimina
    2. si chiama Concettina,
      ed è nata il giorno dell'immacolata concezione.

      Elimina
    3. Bene. Di nuovo auguri.
      Ciao Carla.

      Elimina
  8. Buona festa dell'Immacolata Gus.
    Calvino mi piace, nel libro che citi lui riesce sempre ad offrire spunti di riflessione sulle problematiche delle città.
    Buonanotte :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Calvino guarda quello che gli altri non possono vedere.
      Ciao Saray.

      Elimina
  9. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e che cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.

    Me lo descrivi?
    Almeno un ESEMPIO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una visione ottimista di speranza di Calvino. Significa non appiattirci nel male ma cercare con attenzione il bene. Per noi il buono è Cristo, per gli altri sarà un'Entità diversa.

      Elimina
    2. Ma se E' Gesù stesso dice che non è BUONO, ma solo DIO. Poi questo DIO è il Padre?
      La VERITA' comprende anche il MALE e Gesù diche che no viene a portare la PACE ma una ... SPADA.
      Chiedi al CRISOT che VIENE cos'E' la VERITA'.

      Non parli mai di UNA PERSONA: lo SPIRITO SANTO.

      Non sai che CRISTO ci ha promesso LEI?

      Elimina
    3. Dove è il Padre, dove è il Figlio, c'è anche lo Spirito Santo.
      Senza Padre e senza Figlio non esiste lo Spirito Santo.

      Elimina
    4. VUOI TORNARE ai tempi quando l'UOMO LO conosceva SOLO in FORMA UNITARIA?
      Cosa viene a DIVIDE GESU'?
      Il CRISTIANO deve SAPERLI distinguere se GLI APPARTIENE.

      Elimina
    5. La PRIMA, la SECONA o la TERZA?

      Elimina
    6. E' vera la Santissima Trinità.

      Elimina
  10. Chi osa pubblicare la parola di Dio deve essere sincero, mostrare il proprio volto! Chi si nasconde è in peccato!
    Il dire, i fatti, emergono sempre poi! Perchè essere ambigui?
    buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io so come pomportarmi. Sono un uomo di pace.
      Non darmi consigli perché non mi piacciono i tuoi metodi e per l'ennesima volta ti prego di non scrivere in questo blog.

      Elimina
    2. GUS APPARTIENE ad un DIO che non ci ABBA'nDONA MAI, anche quando ci fermiamo e indietreggiamo, ... quando PECCHIAMO. LUI ci conosce COME un PADRE che non abbaNdona mai i SUOI FIGLI, continuando a LAVORARE e a far GIRARE il SOLE e le stelle, compreso la TERRA.

      SEI tu, SARA, che assomigli a quella FIGURA che scredita i FIGLI di DIO davanti al PADRE che poi, per FORTUNA, si accerta PERSONALMENTE. Hia capito MIA MATRIGNA della peggiore specie?

      Elimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono in collera con te. Scrivere in questo blog ti fa male. Abbiamo una visione diversa della vita.
      Se altri compleanni serviranno a cambiarti, spero che vengano.
      In ogni caso sia fatta la volontà del Signore.
      Ciao.

      Elimina
  12. Amo Calvino di lui ho letto tutto il leggibile e sono convinto che l'inferno sia di questa terra e mi piace moltissimo.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fulvio.
      Sulla terra c'è il regno dei vivi e quello dei morti.

      Elimina
  13. È natale da fine Ottobre, le lucette si accendono sempre prima, mentre le persone sono sempre più intermittenti.
    Io vorrei un Dicembre di luci spente, ma con le persone accese.

    Charles Bukowski

    ciao gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Natale comincia con l'Avvento. E' un'occasione per comprendere e far germogliare nei nostri cuori una Speranza nuova dopo il fallimento delle occasioni che ci ha proposto la vita di questo mondo.
      Ciao Brunella.

      Elimina
    2. Questi ultimi due commenti li trovo favolosi, Gus, davvero!
      Buona giornata a te.

      Elimina
  14. Grazie.
    Ciao Annamaria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te e a Brunella...Li ho fatti miei sul blog per non dimenticarli.
      Ciao ciao

      Elimina