venerdì 9 novembre 2012

Il nostro borghesismo si vede a occhio nudo

Il nostro borghesismo si vede a occhio nudo. Il borghesismo è infatti la non radicalità con cui percepiamo il rapporto con Cristo. Se lo percepissimo con radicalità il nostro rapporto con Cristo giudicherebbe tutto. Quello che siamo, quello che facciamo, la vita comunitaria, la notizia del giornale, l'ambiente del lavoro. E lo giudicherebbe come l'aratro che ferisce la terra perché il seme vi penetri e dia frutto: il giudizio di Dio è il rinnovamento generato dallo Spirito.
E' necessario che cominciamo a prendere sul serio la fede come reagente sulla vita concreta, in modo tale che siamo condotti a vedere l'identità tra la fede e l'umano più vero.
Così, ad esempio, il rapporto uomo-donna vissuto nella radicalità del rapporto con Cristo viene a galla con la sua esigenza di verità e unità, di fedeltà e di permanenza nel tempo.
Così l'atteggiamento di fronte alla vita secondo la radicalità della fede diventa rispettoso della persona e della dignità del suo destino.



 

24 commenti:

  1. Caro Gus.
    Concordo sul avere fede, in noi stessi e nel prossimo,anche se spesso mal riposta ci aiuta nelle scelte e nei nostri comportamenti.
    Di una fede verso l' ultraterreno sempre troppo ammantato di Mistero e di Speranza non sento il bisogno.
    Buon week and,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice per la tua serenità.
      Ciao Fulvio.

      Elimina
    2. Dio si è fatto UOMO per svelarci il NOSTRO MISTERO ... simile a FIGLI rimasti ORFANI, MOMENTANEA-MENTE, ma che certamente HANNO un PADRE e UNA MADRE che incontrREMO.
      La BARCA della CHIESA non è un veliero ma HA i REMI per poter andare contro corrente.

      Elimina
  2. Una fede radicata vissuta, vede nell'altro un qualcuno da amare, rispettare,ridare dignità. L'ingiustizia sociale,la violenza e lo sfruttamento dell'uomo raggiunge livelli impensabili.
    Questo fatto deve provocare ogni cristiano. Per i cristiani di oggi si tratta di una grande sfida.
    Ciao August!Buongiorno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo innescando un processo imitativo della società di oggi la fede può perdere la radicalità.
      Buona giornata, Gioia.
      Ciao.

      Elimina
    2. A meno CHE ... VOL, come un seme che PERO' mantiene le radici dentro di se.

      Elimina
    3. Sì, Gioia, il nostro impegno deve esere continuo e pieno di speranza.

      Elimina
  3. Le tue parole sono uno sprone per quanti di noi a volte sperimentano il conformismo e la tepidezza. E' facile andare a Messa, fare questo e fare quello in Parrocchia, ma il vivere radicalmente la Fede comporta di mettere Dio e i suoi Comandamenti al primo posto. Grazie. Ciao Gus.
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Paola, e senza tentennamenti.

      Elimina
  4. La fede in Cristo Gesù ci aiuta a trasformare tutto ciò che facciamo. La nostra vita come il nostro sguardo saranno più veri. Le esperienze che viviamo ogni giorno e nel giudizio che diamo a quello che ci accade è messo a nudo nella sua verità dalle circostanze che Dio ci dà da vivere. Ciao Gus. Serena domenica nel Signore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il buono che si fa se non è offerto a Dio vale pochissimo.
      Buona domenica, Lucia.

      Elimina
    2. Cosa vuol dire ... OFFRIRLO a DIO?

      Elimina
  5. Prima vivevo per-dio!
    AdESSO VIVO SolTanto per DIO (non più d'io).

    Non SONO più SOLO, non ho bisogno di animali o compagne ... senza aver CONOSCIUTO CHI E' PRIMA di tutte le ... COSE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un pensiero molto bello.

      Elimina
    2. Pensiero e basta.

      Elimina
    3. Allora in tuo non si è ancora materializzato.

      Elimina
    4. Per ora è solo una speranza.

      Elimina
  6. Tu sei uno che ha ricevuto la grazia del cambiamento.
    Mi sembra evidente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In meglio o in peggio?
      Con i PRO e i CONTRO.
      In questo CAMPO il CAMBIAMENTO non vuol dire ancora SALVEZZA ma RESPONSABILITA'.

      Elimina
    2. Il peggio non è un cambiamento ma lo scivolare verso il basso.

      Elimina
    3. Anche quello è un cambiamento. Non mi piace la parola cambiamento.

      Elimina