mercoledì 21 novembre 2012

Un feudo all'aria condizionata


La nostra società può essere definita come un feudo all’aria condizionata. Il nostro cervello accoglie il “nuovo”, il tecnologico come miglioria. Ma, finché si parlava di lavatrice questa tecnologia aveva la funzione di sollevare la fatica soprattutto femminile, e potrei citare mille altri esempi innovativi volti al “buono”. Ma la tecnologia è andata ben oltre, una volta scoperto che certi mezzi, specialmente legati alla comunicazione, sono tecniche di controllo sociale,  quindi logiche di potere.
La tecnologia offre possibilità e limitazioni. Ma il suo uso, quando prevale, si sostituisce alle nostre funzioni “non tecnologiche”. Come dire che senza numero  memorizzato sul cellulare noi non siamo in grado di imparare a memoria il numero – o meglio, sappiamo ancora farlo ma siamo disabituati dal farlo, e così il leggere pagina per pagina un libro. Perché farlo se internet ti dà la sintesi immediata? Il problema è che internet dà potere. Di conoscenza spicciola, di relazioni spicciole, di velocità idiota. Ma pur sempre una forma di potere. Da schiavi,  ma pur sempre una forma di “protagonismo”.
Il danno di queste relazioni orizzontali e virtuali è quello di dimenticare le emozioni, le percezioni tattili, olfattive, sensoriali, emotive liquefacendole sull’altare dello schermo.
E creando una potenza immaginaria ed illusoria tutta volta alla distrazione e alle interruzioni cognitive.  E così siamo in-formati ma non formati, digeriamo pillole di fatterelli ma non sappiamo più contestualizzarli in una analisi più generale. Sappiamo tutto sul particolare ma nulla del generale.   



 


 





38 commenti:

  1. L'uomo tutto teso alla ricerca del nuovo, della crescita, del progresso, alla fine non si accorge di aver creato la tecnologia, un mostriciattolo senza etica. Metaforicamente diventa schiavo della tecnologia perché si è spinto troppo in avanti e non può tornare indietro facendo crollare il sistema economico.
    Con le sue continue e sorprendenti vittorie, la tecnica ha determinato mutamenti strutturali dei modi di vivere e di pensare con conseguenze, a mio avviso, irreversibili. Si è imposta a livelli tali da destrutturare persone, modificandone fortemente il comportamento.
    La logica dei "viventi non umani" ha ridotto il linguaggio a un insieme di simboli astratti, di formule e di segni di valore puramente strumentali e privi di qualunque spessore spirituale. Gli strumenti tecnologici, l’uso indiscriminato e irresponsabile che se ne fa, si sono imposti ovunque e hanno sconvolto la nostra mente, provocando danni di grande rilievo.
    Come ha scritto Cifford Stoll: E’ facile parlare di velocità dei computer, di memorie Ram e di novità tecnologiche. Più difficile è gestire la frustrazione che queste cose generano, i loro costi (diretti e indiretti) e i loro effetti collaterali. Che cosa si perde quando si adotta una nuova tecnologia? Chi viene emarginato? Quali preziosi aspetti della realtà rischiano di venire calpestati?.
    Altro che Star Trek e fantascienza, qui è l’apocalisse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora cominciate a riconoscere la BESTIA con corna SIMILI a quelle di un CAPRETTO?

      [Vidi poi salire dalla terra un'altra bestia, che aveva due corna, simili a quelle di un agnello, che però parlava come un drago.(Ap 13,11)

      Non di POLO?

      Elimina
  2. La tecnologia ha ucciso l'immagine di Dio, ciò che lo rende visibile al mondo. La relazione che si stabilisce con le nuove tecnologie è una relazione di uso, egoistica, che è funzionale a chi se ne serve. La relazione che porta frutto, che dà gioia, pace, vita in abbondanza è quella di amare facendoci carico di ogni persona messa sulla nostra strada.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sei ANTICO.
      Anche prendere mano all'aratro trainato da BUOI è tecnologia.
      Anche la ZAPPA.
      O vuoi usare solo le mani?
      Gesù ha parlato di INNESTI? ... o solo di potature?

      CARO AuGUSto ... non cadere nella retorica.

      Cerca di non VEDERE TUTTO MALE.

      Il PROBLEMA E' che NOI siamo riusciti a far VEDERE i molti più CIECHI, far senitre molti più sordi e far parlare molti più muti di quel VERO UOMO chiamato Gesù, ma SOLO LUI può guarirci l'ANIMA con il SUO SPIRITO.

      Uno senza gambe può arrivare a correre molto di più di uno con le gambe, usando le MOLLE ad arco del letto della NONNA, ma chi ci ridarà la sapienza DEI ... nonni?

      Mia nonna rispondeva al BUONA SERA delle SIGNORINE TV e si pettinava prima di rispondere al TELEFONO.

      Facevano BENE o MALE ... o NOI dobbiamo imparare a DISTINGUERE MEGLIO?

      Elimina
  3. Sembrano persone non in grado di affrontare gli insuccessi e i cambiamenti in peggio , indipendentemente dalla responsabilità di chi vi ha contribuito .
    Colpa di un'educazione iperprotettiva ? Eppure nel passsato gli insuccessi in senso lato erano molto più frequenti : vita in condizioni difficili, alienazione prodotta dalle guerre, perdita o frequente cambiamento del lavoro, perdita della salute, indigenza, morte precoce di figli e di persone care . Non so se i suicidi fossero più frequenti o meno nel passato rispetto al presente : è difficile ritenere possibili paragoni fra epoche diverse . Ma la depressione sembra crescere con il benessere .
    Mi colpisce anche il fatto che i suicidi ( anche in Italia ) siano in maggioranza maschi. Forse sono caricati di aspettative maggiori ?
    In Italia le statistiche di suicidi vedono in testa , percentualmente : maschi , detenuti, oppure militari .
    La regione col più alto numero percentuale di suicidi : Friuli Venzia Giulia.
    La regione col numero più basso di suicidi : Campania.
    In generale, nelle regioni del Nord ci sono molti più suicidi che nelle regioni del Sud.
    Influenza del clima ? maggiore pressione sociale verso il successo ? Minore sostegno del tessuto intrafamiliare ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questione di SOLI-lati-T'UDINE?

      VICINANZA del vicino?

      MENOfreghismo?

      E' bello CENARE con te e con CHI, come un prete che vede meno gente in CHIESA, si chiede: "SIGNORE perdonami E' colpa MIA".

      Non è facile far comprendere ai FIGLI l'essere CRISTIANI e chiedersi se è giusto INTERVENIRE a fin di male o di bene?

      E' giusto uccidere un neonato ..."storpio" ... in COSA? ... a causa di CHI?

      OGGI si ricorda la PRESENTAZIONE di MARIA al Tempio, riportato nel PROTO-VAngelo del Fratello di Gesù, figliastro di Maria.
      Perchè la CHIESA non è coerente in quello che "ACCETTA" e quello che L'ASCIA?

      La VERONICA richiamata nella VIA CRUCIS non riportata anch'essa (o ella) nel VANGELI CANONICI.

      Religione VUOL DIRE APPROFONDIMENTO e non CREDERE per SENTITO DIRE.

      Hai notizie della PERSONA pro-MESSA da Gesù che ci avrebbe SVELATO tutto sul MONDO e su di LUI?

      Elimina
  4. Credo che sia una questione alla fine economico-culturale.
    con l'evoluzione economica sia ha più tempo per pensare, per perdersi nel pensiero inutile.
    E gli esperti sono ormai tutti concordi che l'eccessivo allontanamento dalla vita presente e concreta per rifugiarsi in un mondo di pensiero sia la principale causa della depressione e quindi del suicidio.
    L'uomo finalmente libero dalle urgenza della soppravvivenza può abbanndonarsi sui rimpianti del passato e le angosce del futuro. Ho letto da qualche parte che l'uomo delle caverne, concentrato al 100% sulla sopravvivenza quotidiana, seguiva libero le sue pulsioni primordiali, senza freni inibitori, né scrupoli morali.
    Pare che non ci si suicidasse molto a quei tempi.
    Poi con i primi progressi materiali, l'uomo potè concedersi il lusso di erigersi un totem, cioè il super-io, con tutto il suo corredo di angherie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si suicida se si riesce a VEDERE un FUTURO.

      Elimina
  5. Ho pensato a Hermann Hesse (uno scrittore che mi piace molto e che stimo anche come persona), che vide il suicidio di Hans, il fratello più giovane e che lui stesso considerò più volte, scegliendo però liberamente e consapevolmente di vivere. Ma lui riuscì anche a scegliere la carriera artistica, contro l'opposizione famigliare, superando dolorosi conflitti; Hans no: forse perché aveva minore talento o chissà. Così la famiglia, troppo comprensiva lo indusse ad una attività commerciale dove si sentiva un fallito.
    Nel Lupo della steppa, Hermann scrive che "il suicida ha questo di caratteristico: egli sente il suo io ... come un germe della natura particolarmente pericoloso, ambiguo e minacciato, si reputa sempre molto esposto e in pericolo, come se stesse su una punta di roccia sottilissima dove basta una piccola spinta esterna o una minima debolezza interna per farlo precipitare nel vuoto" (Negli Oscar Mondadori del 1979 è alla pagina XI della "Dissertazione" che lo sconosciuto mette tra le mani dell'io narrante, le pagine della quale contengono una descrizione dei suicidi certamente meno tecnica di quella fornita dalla psicologia e dalla sociologia, ma acutissima per la sensibilità artistica e personale di Hermann ).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GRANDE CONFLITTO il combattimento interiore.

      BRUTTO VELENO il FRUTTO della CONOSCENZA ... senza il FRUTTO della VERA VITA.

      Elimina
  6. Un tempo per sopravvivere dovevi essere in grado di accendere un fuoco.
    Ora devi saper controllare le infrastrutture tecnologiche.
    Se io mi mettessi a pedinarti tutti i giorni o a parlare con tutti i tuoi amici non scoprirei mai la quantità di informazioni che posso ricavare entrando nel tuo computer.
    Non è fantascienza, è già realtà. Uno stato che conosce ogni dettaglio delle vite dei suoi cittadini, coadiuvato da grandi aziende multinazionali che lo aiutano a controllare, monitorare a censurare la loro attività online.
    La tecnologia non è un Ente. E' di più. E' un Potere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per questo non vendete la vostra identità e le vostre passioni affinchè "LORO" possano MANIPOLARVI con più facilità.

      Non rispondete a domande sui vostri GUSti o tendenze.

      SIATE VERI senza dirlo.
      E cercate di essere IMPREVEDIBILI.
      Chiedete aiuto a CHI vi dirà COSA dire DAVANTI a chi vi giudica.

      Elimina
  7. Odio l'aria condizionata anche in piena estate e amo la lettura solamente sulle pagine di carta dove la fantasia può dilagare.La tecnologia aiuta molto ma non deve condizionare.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è chi apre le finestre in estate perchè non sopporta l'aria condizionata, mentre io le apro in pieno inverno perchè non la sopporto in inverno.
      Sempre ARIA CONDIZIONATA E'.
      Vuoi tornare agli ARBORI della civiltà e per riuscire a STIMOLARTI con qualche PAPIRO, PERGAMENA o TOTEM?

      Lo sai che E' merito dei CERTOSINI Domenicani che puoi leggere SCRITTI ANTICHI su carta.
      Gli originali in supporti ABBAstanza deteriorabili sono andati tutti distrutti.
      Come vedi i CREDENTI non hanno solo ricopiato quello che gli interessava, ma TUTTO interessa a CHI rispetta l'UOMO e le SUE idee e VERITA'.

      Elimina
    2. Bravissimo Fulvio.
      Dobbiamo difenderci di chi vuole impossessarsi del nostro cervello.

      Elimina
    3. Però non distraetevi troppo nel difendere il cervello o il CUORE. C'è CHI E' professionista nel FOTTERVI l'ANIMA.

      Elimina
  8. In questo mondo virtuale, molti utenti ottengono il “tutto e subito”, alle informazioni, alle...relazioni, alla gratificazione di un bisogno o desiderio, diventa un qualcosa di irrinunciabile, che va a sostituirsi a tutte le altre forme di piacere reale, che, forse, a paragone risultano più difficili da raggiungere.
    La rete possiede infatti la caratteristica di generare in maniera specifica un punto di vista "spaziale e temporale". sono molte le porte (e finestre) che sono state aperte con internet...
    ... nel corso del tempo sono andate a influenzare e condizionare dell’essere umano.
    "Notte Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può essere considerata una DIPENDENZA?
      Una BESTIAlata diPENDENZA!

      666
      VIVIVI
      W W W

      Eppure è riVELATO bene nel capitolo 13 dell'Apocalisse.

      Elimina
    2. Una grande risposta.
      Questa è la vera Sara.

      Elimina
  9. E fuori tema ...Un gol straordinarioooo! :)
    Entrerà nella leggenda...per chi tifi stasera?
    la juve dovrà guadagnarsi onestamente gli ottavi, come giusto che sia!
    ..Gus....grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo. Io tifo per le squadre delle mie amiche.

      Elimina
    2. Non seguite CAMPI dove nemmeno i tifosi speravano ma gli scommettitori SICURAMENTE.
      Scovate chi ha scommesso il TRE a ZERO e attenti a non bastonare tra i due CHI è veramente TIFOSO fino all'inverosimile.
      Siate come SALOMONE davanti alle DUE madri che si contendevano l'UNICO FIGLIO ... rimasto.

      Elimina
  10. Dovrei essere d'accordo con chi vorrebbe in PRIMIS conoscere a PIENO il compito del VOMERO o del VENTILABRO, della MACINA o dell'ARATRO, ma il mio compito e ricordarti che:
    ... se questi giorni non fossero abbreviati, nessuna carne si salverebbe; ma a motivo degli eletti questi giorni sono abbreviati.

    Non noti la velocità del COLLASSA...MENTO?

    C'è anche la SCIENZA e la TECNOLOGIA che arriva ad estirpare il MALE nella CARNE ma nello SPIRITO?

    Io ho visto i ciechi che vedevano uomini come alberi che camminano, muti che riuscivano a farsi capire da altri loro simili, storpi che con i loro lettucci a mo' di stampelle saltellavano come gazzelle. Li HO VISTI INSULTARE COLUI che sulla CROCE aveva SALVATO il SUO SPIRITO.

    Non è TUTTO ORO quello che LUCCICA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il malvaggio luccica di più. Ne ha bisogno per ingannare.
      Il buono si limita a splendere,

      Elimina
    2. Vale anche nel modo che si cerca anche di TRASMETTERE il CRISTO o lo SPIRITO SANTO.

      L'ANONIMATO vuol dire NON ANIMATO?
      O vuol farci capire che E' VITA che vuole ESPLODERE in quella ETERNA?
      Ma spesso lo si usa per fare MALE perchè non comprende la VERITA'.

      Il depresso non riesce a far del male per sentirsi in compagnia e preferisce farsi male.

      Ma questo è un campo minato dove si può incontrare CHI ha interesse a TENTARTI per darti la MAZZATA finale.
      Ma se sarete VIVI fino alla FINE arriverà CHI si inchinerà a darvi la SUA ACQUA.

      Elimina
  11. Ci fu un PENSATORE che sostenne: "NON SO IL MOTIVO DELLA MIA NASCITA E IL SENSO DELLA VITA MA DI CERTO LA TROVERO' DANDO SENSO ALLA MAI MORTE".

    Se pronti a morire DECIDESSIMO di farlo per salvare un nostro AMICO, non sarebbe MEGLIO, non faremmo BENE?

    Che senso ha suicidarsi per aver perso la dignità se poi abbiamo la possibilità di salvare un nostro figlio?

    La depressione è l'arma di CHI vuol distruggere l'ANIMA e per questo SOLO la VERA FEDE può guarire o si possono solo prendere pastiglie per DORMIRE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dormire e poi meditare.

      Elimina
    2. Agli inizi ... iniziando a non PIANGERE appena alzati.
      Abbiamo bisogno ancora del TEMPO.

      Elimina
  12. Mi aiuti Gus? Ho sbagliato a scrivere il mio link: dimentico sempre il 50. anitali50.blogspot.com. e' uscito un blog "giapponese" Io non ne so nulla: lo giuro! ho provato a modificarlo ma ancora non compare, se poi comparirà.
    Non ho capito come ho fatto a inserire la mail visibile! :(
    Poi, nella colonna del mio blog sono spariti i commenti recenti. ho riprovato a rinserirli ma non funzionaa! E' un problema del mio blog?
    non riesco a collegarmi tramite mail con fb, ricevo ma non riesco a rispondere, ma questo ha poca importanza!
    ciao!

    RispondiElimina
  13. e ora è sparita la mia immagine?
    no, non è serata. stasera sono in "fiamme"! :((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi entrare nel Profilo utente e mettere a posto i tuoi dati.
      Ciao.

      Elimina
  14. http://support.google.com/blogger/bin/answer.py?hl=it&answer=42061&topic=12473&ctx=topic

    RispondiElimina
  15. Non riesco a seguirvi.Buona giornata Gus.

    RispondiElimina
  16. Non amo la tecnologia. Non ho ancora imparato a mandare i messaggi dal telefonino. So usare la Rubrica, ma preferisco mandare a memoria i numeri di telefono...mi piacciono i libri, il loro odore, poter sottolineare ciò che mi pare interessante...inutile sono di vecchio stampo! Però ho il "Blog" e questo mi diverte e mi aiuta a far "lavorare il cervello"...ciao Gus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'odore dei libri. E' inconfondibile.

      Elimina