venerdì 30 novembre 2012

Ogni cosa mi è stata data dal Padre mio

La mente ed il cuore dell'uomo non sono mai adeguati
ai passi che Dio fa verso di lui. La stessa soprannaturale
bontà che fa assumere al mistero di Dio, forma di servo
e figura d'uomo (san Paolo) in Cristo e nella Chiesa,
proporziona anche lo spirito e la sensibilità
dell'uomo a queste meraviglie, altrimenti esse
rimarrebbero come luce per un cieco o parole
per un sordo, come per i nostri orecchi gli
ultrasuoni, che sono come il silenzio.
Anche l'incontro con la Chiesa, che è la
comunità cristiana dell'ambiente in cui si trova è
grazia, è un dono di Dio.
Ed occorre la grazia anche per intendere il richiamo
di coloro che ne fanno parte e di chi guida
e per impegnarsi a verificare questo richiamo e
per aderire ed essere fedeli alla loro proposta.




12 commenti:

  1. Occorre la volontà del cuore a lasciarsi plasmare da Dio, dentro di noi scende la pace e affina il nostro spirito.

    Ciao August, buongiorno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dio diventa Uomo per essere simile a noi affinché la Sua Parola sia comprensibile.
      Ciao.

      Elimina
  2. Fratello, se con la tua bocca proclamerai: «Gesù è il Signore!», e con il tuo cuore crederai che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvo. Con il cuore infatti si crede per ottenere la giustizia, e con la bocca si fa la professione di fede per avere la salvezza.
    Dice infatti la Scrittura: «Chiunque crede in lui non sarà deluso». Poiché non c’è distinzione fra Giudeo e Greco, dato che lui stesso è il Signore di tutti, ricco verso tutti quelli che lo invocano. Infatti: «Chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato».
    Ora, come invocheranno colui nel quale non hanno creduto? Come crederanno in colui del quale non hanno sentito parlare? Come ne sentiranno parlare senza qualcuno che lo annunci? E come lo annunceranno, se non sono stati inviati? Come sta scritto: «Quanto sono belli i piedi di coloro che recano un lieto annuncio di bene!».
    Ma non tutti hanno obbedito al Vangelo. Lo dice Isaìa: «Signore, chi ha creduto dopo averci ascoltato?». Dunque, la fede viene dall’ascolto e l’ascolto riguarda la parola di Cristo. Ora io dico: forse non hanno udito? Tutt’altro:
    «Per tutta la terra è corsa la loro voce,
    e fino agli estremi confini del mondo le loro parole».

    RispondiElimina
  3. La grazia è che la Parola viene filtrata e l'ascolto diventa comprensibile all'uomo.
    Per esempio un bambino può capire la teoria della relatività? No, di certo. Dio ha la tenerezza di farsi bambino per starci vicino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La GRAZIA E' il BAMBINO stesso.
      COLUI che ti fa vivere in PRATICA tutte le TEORIE.
      Di tante RElatività ne fa UNA.

      Elimina
    2. Padre, Figlio e Spirito Santo, loro sono la Grazia.

      Elimina
  4. Da diversi giorni sono lontana dal computer se non per postare qualcosa di veloce. Ho la mente confusa da notizie che all'apparenza sono liete ma che mi riportano ad un passato non troppo sereno. E vedo sia Ada che Enrico soffrire.Cosa nascerà da questa sofferenza che mi distrae anche dalla preghiera? E' un'incapacità di stare nel reale, per questo sono insicura e ho paura davanti a certi momenti della vita. Ho letto ciò che scrivi: sei un appoggio solido anche se virtuale! Buona serata Gus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Signore, accresci la nostra fede.
      Questo è il problema della nostra paura.
      Ciao Lucia.

      Elimina
  5. Si, è un dono di Dio, e io vorrei ricordarlo sempre.
    Io non ho fatto niente per meritarmelo questo "dono" ...ecco la gratuità dell'amore di Dio per tutti.
    Un caro saluto ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai tempo per rimediare.
      Scherzo. Sei una bella persona.

      Elimina
  6. Piacere di conoscerti.

    Gesù è comprensibilissimo.

    A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianna.
      E' vero per chi ha ricevuto una grazia.

      Elimina