venerdì 23 novembre 2012

Il cristianesimo che vive delle elemosine

La vita di oggi è il carpe diem:
 estrarre il maggior piacere possibile
 da una realtà la cui materialità
 è praticamente concepita come esauriente.
 Con una contraddizione, però,
che si documenta drammaticamente
 nella solitudine e nel lamento.
 In tale contesto umano e culturale
 il cristianesimo rischia di sopravvivere
 solo come schema. Come nelle case di certi
 paesi d'Oriente c'è un angolo per
gli antenati ormai privo di significato operativo,
analogamente da noi sopravvive una struttura
  organizzata di devozione religiosa che,
 tollerata come risposta a chi sente
una esigenza religiosa, non può
che esprimersi in modo sostanzialmente
 ininfluente nella vita degli uomini.
Tanto che, come ha scritto Feuerbach,
i testimoni del cristianesimo moderno
ci appaiono testimoni di una mancanza,
perché tale cristianesimo sembra vivere
delle elemosine di secoli ormai trascorsi.





20 commenti:

  1. Ma è pur sempre vero che di ciò che si ama si può sempre parlare.
    Pur ripetendosi si dicono ugualmente cose nuove, perché il cuore vero è sempre nuovo.
    Andrea Emo è un grande pensatore ignorato. Qualcuno, mi sembra un quotidiano ad alta diffusione nazionale ha riesumato la sua figura.
    Secondo Emo la Chiesa è stata per molti secoli la protagonista della storia, poi ha assunto la parte non meno gloriosa di antagonista della storia.
    Oggi è soltanto la cortigiana della storia.
    Io non voglio vivere la Chiesa come cortigiana della storia.
    Se Dio è entrato nel mondo non è per essere cortigiano, ma redentore, salvatore, punto affettivo totale, verità dell'uomo.
    Questa passione mi tormenta.
    Nella contingenza di una decisione si può, evidentemente, sbagliare, ma lo scopo per cui agiamo è solo questo: che la Chiesa non sia cortigiana, ma protagonista della storia.
    Questa immanenza della Chiesa alla storia incomincia da me, da te, dove sono,dove sei

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dovresti parlare COSI'.
      Mi sembri come CHI è sicuro di aver PERSO la SPOSA e per SEMPRE.
      Perchè tratti MALE la MIA?
      La CHIESA E' MADRE come MARIA ma anche SPOSA come MARIA.

      Tu giudichi MALE MARIA come MADRE di un figlio da uno sconosciuto e come SPOSA di chi lo avrebbe VOLUTO ma COMPRESE COME LUI VIENE da SEMPRE COME E' SEMPRE VENUTO e verrà ... fino a quando?

      Chiedilo alle SPOSE e agli SPOSI di CLAUS...ura.

      Ed io non devo RImPROVARTI?

      Sono pronto a dare la VITA per questo.
      Tu puoi solo GIUDICARMI se l'ho fatto a fin fi bene o di male.

      Elimina
    2. Parlo così per amore.

      Elimina
  2. Senza la consapevolezza del proprio peccato, l'uomo non potrà mai fare esperienza di Gesù, anche l'ultimo messaggio della Madonna a Medjugorje lo ricorda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa ai TUOI che giudichi i PROFETI di questo TEMPO.
      Anche gli APOSTOLI, i discepoli e altri curiosi che lo seguivano ERANO peccatori.

      C'è CHI SA SPIGOLARE nel CAMPO dopo la GRANDE RACCOLTA.
      Tu non sai cogliere le pro-vocazioni nella PARAbole del grande PRO-VOCATORE.

      "Possono forse digiunare gli invitati a nozze quando lo sposo è con loro? Finché hanno lo sposo con loro, non possono digiunare. Ma verranno i giorni in cui sarà loro tolto lo sposo e allora digiuneranno. Nessuno cuce una toppa di panno grezzo su un vestito vecchio; altrimenti il rattoppo nuovo squarcia il vecchio e si forma uno strappo peggiore. E nessuno versa vino nuovo in otri vecchi, altrimenti il vino spaccherà gli otri e si perdono vino e otri, ma vino nuovo in otri nuovi".

      Elimina
    2. Gli uomini della Chiesa si stanno macchiando di peccati infami. Il Papa lo sa, infatti disse, appena eletto, che la prima cosa da fare era evitare che mani sporche toccassero l'ostia consacrata. Non l'ha fatto.
      Altro che libri di teologia sulla vita di Gesù bambino.

      Elimina
    3. TU NON SAI COSA DICI perchè non CONOSCI il DIO di questo mondo.
      SEI TROPPO PURITANO e spero non da VOMITO.
      E non voglio entrare nella privacy.

      Elimina
  3. E quando furono saziati, disse ai discepoli: "Raccogliete i pezzi avanzati, perché nulla vada perduto". Li raccolsero e riempirono dodici canestri con i pezzi dei cinque pani d'orzo, avanzati a coloro che avevano mangiato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pani e pesci scarseggiano. Manca, non avanza.

      Elimina
    2. Pensa al tuo FRIGO e conto in banca.
      Mia piccola chiesa ABBAnDONATA.

      Elimina
  4. Chi sente la vera fede riesce a cogliere i significati più profondi dell'esistenza umana e sopratutto il suo fine ultimo. La fede coinvolge la libertà, l'amore, sofferenza e la morte, anche nella speranza di una vita oltre quest'ultima. Tutto questo si chiama "ricerca del senso della vita"...vera essenza.
    La nostra coscienza è diretta sempre alla ricerca del senso.
    Ogni cristiano prende posizioni diverse riguardo al credo in rapporto al senso. ogni uomo crede in modo propRio e in relazione a ciò che vive. Questo modo di credere non è certamente vera fede, anche se può presentare molte... similitudini. Il cristiano è un uomo libero e intelligente, che mette tutto se stesso nelle mani di Dio, senza riserve.
    Il problema serio esite nelle tue ultime frasi che condivido: tutto o quasi oggi, sta diventando "cultura" di ciò che crediamo sia meglio solo per noi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cristiano oscilla tra uno sciocco dogmatismo e un'inutile accettazione formale delle Verità.

      Elimina
    2. La VUOI SMETTERE di FARE il COLORATISSIMO?
      SII VERO, cioè ANOnimo!
      FA QUELLO che dici invece di dire quello che FANNO.

      Non ti libererà la FEDE, al massimo la CARITA', ma per ESSERE "GRATA" per DIO deve avere la VERITA' che comprende il BENE e il MALE.

      Non ti contraddire se VUOI mettere all'INDICE la CHIESA e i CRISTIANI.

      Stai cadendo della GRANDE TENTATRICE mantenuta dallo SPIRITO SANTO, con tutti i SUOI FIGLI.

      Elimina
  5. A mani giunte e ginocchio piegato io mi riconosco bisognosa della misericordia del Signore. Ogni giorno. E ogni giorno ricomincio una strada nuova che spesso è simile a quella del giorno prima. Bisogna scendere dal piedistallo su cui siamo saliti e incominciare a mendicare Cristo. Ciao Gus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In giro c'è rassegnazione.
      Ciao Lucia.

      Elimina
  6. scusa Gus perchè non riesco a inserire i "commenti recenti" nella colonna del mio blog? Qundo inserisco il gadget mi dice così:
    Siamo spiacenti, questo gadget sembra non funzionare.
    Questo gadget contiene errori e non può essere utilizzato fino a quando non verranno risolti.
    Io non ho fatto nulla! andava bene, poi sono spariti da soli i commenti!
    Buona serata! :)

    RispondiElimina
  7. http://imaniaci.blogspot.it/2010/01/commenti-recenti-widget-blogger.html


    Scegli il primo metodo. Segui bene le istruzioni.


    Ciao.

    RispondiElimina
  8. Spesso ho pensato che tutto ciò che di bello abbiamo, chiese e dipinti di valore incalcolabile sono doni fatti alla chiesa da persone ricche e da quelle che donavano il loro talento.. Ora tutto questo è svanito..siamo diventati avari o siamo senza amore per la nostra chiesa..? Forse ambedue. Buona serata Gus :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. DONI?
      Non sapevano cosa dare per SALVARSI l'ANIMA.
      perciò la CHIESA non può vendere quello che non e suo e darlo ai poveri.
      FATELO PRIMA.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità